Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

OSI - Fire Make Thunder
( 4821 letture )
A tre anni di distanza da Blood tornano gli OSI, progetto nato come momentaneo supergruppo e poi diventato la stabile creatura di Kevin Moore (ex tastierista dei Dream Theater) e Jim Matheos (Gordian Knot e Fates Warning). Due nomi di grosso calibro, evidentemente, che sono finora sempre riusciti a non deludere le aspettative nonostante il fatto che il primo album, Office Of Strategic Influence, sia considerato il migliore della band.

Chi non conoscesse gli OSI e leggesse i nomi dei membri potrebbe giustamente immaginare un lavoro progressive metal (a maggior ragione considerato che nei primi due dischi alla batteria è presente un certo Mike Portnoy). Così non è, o meglio, è un dato parziale. Le sonorità degli OSI sono estremamente moderne, spesso difficili da inquadrare, derivanti a tratti dal progetto di Kevin Moore, i Chroma Key. La tendenza all’ambient è piuttosto evidente ma affatto definitiva. A dare una mano ai due “mostri” si ripresenta Gavin Harrison, già protagonista nel precedente Blood e dimostratosi eccelso batterista. Ecco quindi Fire Make Thunder.

Il dinamico duo si rivela ancora una volta in splendida forma, soprattutto dal punto di vista del songwriting. In realtà rispetto al passato la formula generale non viene cambiata bensì perfezionata. L’elettronica di Moore pervade l’album senza risultare invadente sebbene sia posta spesso in primo piano, mentre Matheos è capace sia di mantenere ritmi bassi sia di dare maggiore sfogo alla propria creatività, con un’effettistica sempre ricercata. Il risultato è un album senza bassi e pochi alti, ma dalla qualità media elevatissima.

Si parte con Cold Call: il lungo intro conclude già efficacemente l’opera di isolamento ed assorbimento dell’ascoltatore. Segue la chitarra particolarmente tagliente di Matheos e la voce a stento palpabile di Moore, capace di adeguarsi perfettamente ai brani: uno dei punti di forza dell’album. C’è spazio sia per pezzi molto orecchiabili, come Guards, che per pura misticità, vedesi Indian Curse. Interessanti anche i brani dal sapore più metal, Prayer Missiles e soprattutto Big Chief II, canzone in cui sia Moore che Matheos danno pieno sfogo delle proprie capacità talvolta trattenute. L’episodio migliore dell’album, se è possibile trovarne uno, è forse Invisible Man, ottimo compendio di tutte le qualità del progetto OSI.

Fire Make Thunder è un ottimo disco che miscela prog rock ed ambient come solo gli OSI sanno fare. Sconsigliato agli headbanger intransigenti. Consigliato agli amanti della calma, della solitudine, della fantasia e agli esploratori di nuove sonorità.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
57.76 su 21 voti [ VOTA]
Luka 2112
Domenica 15 Settembre 2019, 0.34.22
12
Album straordinario, completo creativo e accattivante, dal taglio moderno ,suonato e prodotto maledettamente bene, forse è il mio preferito fra i 4 che comunque sono tutti ottimi.
dimebag89
Lunedì 8 Giugno 2015, 21.14.06
11
ennesimo grande disco di qualità!
xutij
Martedì 11 Settembre 2012, 9.51.42
10
Ormai lo ascolto da mesi, stupendo ! Invisible Men è forse la mia canzone dell'anno, forse...
Frank
Mercoledì 2 Maggio 2012, 23.34.21
9
ottimo lavoro anche se secondo me da ascoltare a piccole dosi!
P2K!
Lunedì 2 Aprile 2012, 17.24.46
8
Buon disco, ma Blood continua ad essere il mio preferito. Comunque grazie di esistere Gavin...
P2K!
Lunedì 2 Aprile 2012, 17.24.46
7
Buon disco, ma Blood continua ad essere il mio preferito. Comunque grazie di esistere Gavin...
jappy
Lunedì 2 Aprile 2012, 13.33.06
6
piccolo inciso, gavin harroson non ha bisogno di suonare negli OSI per dimostrarsi un ottimo batterista. Lo dimostra già il suo immenso curriculum e le sue performance di classe nei porcupine tree
conte mascetti
Lunedì 2 Aprile 2012, 11.15.28
5
come al solito un grande lavoro di Matheos/Moore. Un gruppo che seguo sempre.
NagasH
Domenica 1 Aprile 2012, 19.21.17
4
Hai ragione Remedy, è stato un refuso e sicuramente sfuggito e trascritto in distrazione. Provvederemo a correggere. Grazie per la segnalazione
Remedy
Domenica 1 Aprile 2012, 17.31.20
3
cosa centra Matheos con i Porcupine Tree ?
Agesofrock
Domenica 1 Aprile 2012, 15.58.06
2
Molto bello, ottimamente suonato.
Brian
Domenica 1 Aprile 2012, 15.29.43
1
Sono d'accordo! E' un disco eccellente.
INFORMAZIONI
2012
Metal Blade Records
Inclassificabile
Tracklist
1. Cold Call
2. Guards
3. Indian Curse
4. Enemy Prayer
5. Wind Won't Howl
6. Big Chief II
7. For Nothing
8. Invisible Men
Line Up
Kevin Moore (Voce, Tastiere, Elettronica)
Jim Matheos (Chitarra, Basso)
Gavin Harrison (Batteria)
 
RECENSIONI
76
77
s.v.
ARTICOLI
21/06/2018
Live Report
CORROSION OF CONFORMITY
Santeria Social Club, Milano, 17/06/2018
29/11/2015
Live Report
CHILDREN OF BODOM + SYLOSIS + HELL`S GUARDIAN
Alcatraz, Milano (MI) , 24/11/2015
22/01/2015
Intervista
SYLOSIS
Cuori Passivi
08/07/2013
Live Report
NEUROSIS + UFOMMAMUT
Magnolia, Milano, 04/07/2013
21/07/2012
Live Report
WOLFMOTHER + BUD SPENCER BLUES EXPLOSION
10 Giorni Suonati!, Castello Sforzesco, Vigevano (PV), 10/07/2012
08/03/2012
Live Report
TEXTURES + SYLOSIS + DESTRAGE
Rock N' Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 02/03/2012
08/05/2011
Articolo
CHOOSING DEATH
L'improbabile storia del death metal - la recensione
25/04/2011
Live Report
MASTER + SOUTHWICKED + DESTROY THE OPPOSITION + GARAGEDAYS
Traffic Live Club, Roma, 20/04/2011
24/01/2003
Intervista
LOOSIN '0' FREQUENCIES
Parla Alessandro
14/01/2003
Articolo
LOOSIN 'O' FREQUENCIES
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]