Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

04/12/20
DEPRAVITY
Grand Malevolence

04/12/20
LEE RITENOUR
Dreamcatcher

04/12/20
UNRULY CHILD
Our Glass House

04/12/20
SCULPTOR
Untold Secrets

04/12/20
NEAL MORSE
Jesus Christ The Exorcist (Live At Morsefest 2018)

04/12/20
IRON SAVIOR
Skycrest

04/12/20
RAMMSTEIN
Herzeleid (XXV Anniversary Edition - Remastered)

04/12/20
SAINTED SINNERS
Unlocked & Reloaded

CONCERTI

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/12/20
DESTRUCTION + GUESTS (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

19/12/20
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

14/01/21
THE BLACK DAHLIA MURDER + RINGS OF SATURN + VISCERA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Bejelit - Emerge
( 2704 letture )
Attivi ormai da più di un decennio, i Bejelit hanno raggiunto un buon equilibrio espressivo e la capacità di esprimerlo attraverso un suono di alto livello, affidandosi anche a professionisti del settore in grado di portare il tutto ad un livello che, da questo punto di vista, non ha nulla da invidiare ai prodotti esteri del genere. Ecco: professionalità. E' questa la parola chiave per inquadrare un lavoro come Emerge, il quale, facendo seguito al precedente You Die And I, rappresenta uno step di affinamento dell'opera della power band di Arona. Dicevamo del suono, assolutamente netto e preciso, ben in grado di sposare potenza, energia e ricerca della raffinatezza; il tutto ottenuto tra l'Italia (Old Ones Studio) e la Finlandia, dove è stato effettuato mix e mastering di Emerge. Il secondo aspetto -che alcuni considerano di contorno, ma non io- riguarda i testi molto curati, che si giovano della collaborazione del poeta Nick "Xas" Giordano. Infine la line up vera e propria, che si giova dell'inserimento del chitarrista Marco Pastorino (Secret Sphere e The Ritual), che semina incisivi assoli per tutta la durata dell'album. Chiaramente ciò che conta però, sono le canzoni vere e proprie, ed è appunto queste che passiamo ora ad esaminare.

Si parte con The Darkest Hour, pezzo cupo e veloce, quasi al limite del thrash in alcuni passaggi, con discreti cambi di tempo, che mostra chiaramente la ricerca di una linea di continuità col precedente You Die And I. Più immediato e lineare C4, ed anche più "dentro" dal punto di vista delle tematiche, con un testo che sotto una patina fumettistica, parla in realtà di isolamento e dell'emersione da una situazione alienante; non il pezzo più interessante del lotto. Decisamente da esibizione live Don’t Know What You Need (poteva anche essere l'opener del disco), che col suo essere a metà strada tra power e tendenze più moderne, mostra chiaramente di essere firmata da Pastorino. Bello il chorus. Abbastanza prevedibile dal punto di vista musicale la title-track, che però si riscatta con un testo interessante, frutto esclusivo dell'apporto di Giordano. Discorso ancor più valido per We Got The Tragedy, dal testo ancora molto sentito, ma decisamente perdibile a livello musicale, rifacendosi a modelli scontatissimi senza nulla aggiungere e nulla togliere agli stessi. Le quotazioni di Emerge risalgono con To Forget And To Forgive, più metal e con i buoni soli di Niccolò Da Gradi. E siamo alla parte più interessante dell'album, rappresentata dal duo Dancerous/Triskelion. Per ciò che attiene alla prima presenta una marcata presenza di tastiere, ma soprattutto di fisarmonica e violino, con la presenza di Laura Brancorsini dei Furor Gallico. Interessante il testo, che parla della fine del mondo e di un singolare modo di affrontarla, molto poetico e positivo. Una citazione a parte merita Triskelion, che fin dal titolo si riferisce chiaramente alla Sicilia. La musica del pezzo è una fusione tra la taranta ed il metal, e risulta decisamente affascinante, almeno per me che sono proprio di quella regione. Il pezzo è passionale ed iracondo, con buoni cambi di tempo, e serve inoltre a dimostrare una tesi che sostengo da decenni, riguardante la vicinanza tra folk e metal. In linea generale questa è già ampiamente dimostrata dall'esplosione del folk metal di questi anni, ma è proprio sulla taranta in particolare che voglio spendere due parole, dato che secondo me sono quasi la stessa cosa. Provate a destrutturare i brani più significativi della nwobhm, in particolare quelli dei Maiden. Quello che otteniamo molto spesso, sono proprio delle belle tarante. Inoltre i popolani dediti a ballare la taranta nei tempi andati, venivano bollati dalla chiesa come posseduti dal demonio per i loro movimenti convulsi e per il loro agitare la testa; vi ricorda nulla? L'album va poi a terminare sulla falsariga della media qualitativa generale, con Deep Waters da segnalare almeno per durata e fino alla conclusiva semi-ballad Boogey Man, che cresce col progressivo inserimento della strumentazione elettrica.

Lavoro concreto, raffinato, con poche battute a vuoto, molto pensato, pianificato e realizzato con grande cura dei dettagli. Capolavoro? No, perchè il songwriting, oltre a presentare grande professionalità ed a garantire una qualità media sempre accettabile, manca di guizzi di livello superiore, di quel qualcosa in grado di rendere Emerge un lavoro memorabile, da ricordare a lungo. Affidabile la band, affidabile il disco, in attesa di vedere se i Bejelit saranno in grado di fare quegli step loro necessari per arrivare al top.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
61.63 su 33 voti [ VOTA]
Meiraina
Lunedì 19 Novembre 2012, 0.46.25
10
@Urek, ma chi se la tira? @Random@Miciobaubau assolutamente d'accordo!
MICIOBAUBAU
Mercoledì 14 Novembre 2012, 19.07.44
9
DAL VIVO SPACCANO...SE LI TIRANO?? UREK SICURO SI TRATTI DI LORO? SONO TRA I PIU SIMPATICI DEL PANORAMA. MAGARI TE LA TIRI TU
Random
Domenica 20 Maggio 2012, 20.43.19
8
@Urek...Bejelit visti ieri in concerto a Torino...conosciuti. cantante e chitarrista.e nn mi paiono assolutamente gente che se la tira! Il disco non è proprio del tutto perfetto..ma ci sono dei singoli con un gran potere di entrare in testa e di essere delle bombe commerciali! come lo stesso Emerge! Per me sono promossi!
IO
Martedì 3 Aprile 2012, 19.16.38
7
ottimo disco vario e ricco di dettagli!
enrico86
Lunedì 2 Aprile 2012, 23.03.35
6
sinceramente trovo questo disco una prova di maturità superata da parte dei nostri...come sottolineato nella recensione, devono fare un bel salto in avanti dal punto di vista tecnico. Con questo album i bejelit divventano una bella realtà power di questo paese. mio auguro che con le prossime uscite possano elevarsi a diventare una grande realtà tricolore, e non solo
Giacinto
Lunedì 2 Aprile 2012, 19.30.50
5
Noioso e scontato dischetto power e nulla più....superfluo
Nightblast
Lunedì 2 Aprile 2012, 13.16.40
4
@undercover:...in effeti era lecito apsettarsi un passo in avanti rispetto a You Die...Purtroppo il passo non è stato fatto e questo disco seppur buono rischia di cadere nel dimenticatoio in un batter d'occhio...
Undercover
Lunedì 2 Aprile 2012, 12.52.14
3
A me è piaciuto solo "You Die And I", non capisco questo alleggerimento del sound, concordo quando Nightblast dice peccato, è un peccato. Sto disco è passabile ma nulla più e da loro mi attendevo l'ennesimo scatto in avanti...
Nightblast
Lunedì 2 Aprile 2012, 12.22.02
2
You Die and I mi era piaciuto, specialmente Saints from Beyond...Questo l'ho ascoltato poco a dire il vero, ma c'è classe e si sente tutta...Peccato si siano ammorbiiditi...
Urek
Lunedì 2 Aprile 2012, 12.21.13
1
Bruttino. Di loro salvo solo il primo (e a mio avviso davvero fantastico in quanto a tiro e atmosfere), poi il nulla. E, dispiace dirlo, se la tirano anche un pò
INFORMAZIONI
2012
Bakerteam Records/Audioglobe
Power
Tracklist
1. The Darkest Hour
2. C4
3. Don’t Know What You Need
4. Emerge
5. We Got The Tragedy
6. To Forget & To Forgive
7. Dancerous
8. Triskelion
9. FairyGate
10. The Defending Dreams Battle
11. Deep Waters
12. DefCon/13
13. Boogey Man
Line Up
Fabio Privitera (Voce)
Sandro Capone (Chitarra)
Marco Pastorino (Chitarra)
Giorgio Novarino (Basso)
Giulio Capone (Batteria)
 
RECENSIONI
62
ARTICOLI
15/04/2012
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + KALEDON + BEJELIT
New Age, Roncade (TV), 14/04/2012
20/10/2002
Intervista
BEJELIT
Parlano Giulio, Giorgio e Sandro
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]