Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kylesa
Time Will Fuse It`s Worth (Reissue)
Demo

The Maledict
Remembrance
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

03/12/21
FALSE MEMORIES
Echoes of a Reflection

03/12/21
FAILURE
Wild Type Droid

03/12/21
AQUILUS
Bellum I

03/12/21
CORONATUS
Atmosphere

03/12/21
UNANIMATED
Victory in Blood

03/12/21
WOLFTOOTH
Blood & Iron

03/12/21
CORRODED SPIRAL
Ancient Nocturnal Summoning [EP]

03/12/21
SKID ROW
The Atlantic Years 1989-1996

03/12/21
RACHEL MOTHER GOOSE
Sinra Bansho

03/12/21
OF MICE & MEN
Echo

CONCERTI

03/12/21
NIGHTWISH + AMORPHIS + TURMION KATILOT (RINVIATO)
LORENZINI DISTRICT - MILANO

03/12/21
NANOWAR OF STEEL
GARAGE SOUND MUSIC CLUB - BARI

03/12/21
BATUSHKA + BELPHEGOR + GUESTS
REVOLVER CLUB - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

03/12/21
PINO SCOTTO + THE GLAMOUR
SHERATAN LIVE CLUB - CARPI (MO)

04/12/21
THY ART IS MURDER + MALEVOLENCE + KING 810 + ALPHA WOLF + ORBIT CULTURE
LARGO VENUE - ROMA

04/12/21
NANOWAR OF STEEL
MOOD SOCIAL CLUB - RENDE (CS)

05/12/21
ARCHGOAT + WHOREDOM RIFE + THEOTOXIN (POSTICIPATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/12/21
BEAST IN BLACK + MISTER MISERY + NESTRUCTION (CANCELLATO)
ALCATRAZ - MILANO

05/12/21
THY ART IS MURDER + MALEVOLENCE + KING 810 + ALPHA WOLF + ORBIT CULTURE
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

07/12/21
NANOWAR OF STEEL
VIPER THEATRE - FIRENZE

L`Alba di Morrigan - The Essence Remains
( 4827 letture )
È quando la forma canzone diventa lo scopo da perseguire al fine di rendere più accessibili e quindi servire, o meglio apparecchiare al mondo forme musicali altrimenti relegate a nicchie che essa stessa riceve una dignità ed un rispetto superiori a tutte le elucubrazioni e sperimentazioni cosiddette per intenditori. O almeno così dovrebbe essere. Il problema è che quando questo processo viene portato avanti da un nome noto allora il tutto acquista, oltre che un'imponente risonanza nei canali che contano, un'immeritata patina di vergognosa commercializzazione unita ad accuse di tradimento delle proprie origini (sempre che ciò significhi qualcosa). Se invece lo facesse, ad esempio, un gruppo torinese semisconosciuto (non fosse per un promettente demo dal titolo The Circle) attivo dal 2008 dal monicker dal retrogusto nostalgicamente spaghetti prog allora questo gruppo rischierebbe di passare nella maggior parte dei casi per grezzo imitatore di blasoni ben più cospicui o, nel migliore, per promettente gregario quando non fresco innovatore, ma a quel punto la scarsa disponibilità di mezzi per arrivare alla massa lo relegherebbe alle nicchie chiudendo il cerchio.
Per la serie: sei storia ma non finirai mai nei libri.

È il post rock il genere che i 3 ragazzi torinesi de L'Alba di Morrigan imbrigliano a proprio piacimento e con gran disinvoltura, destrutturato e ricomposto facendo un uso molto intelligente di collanti quali l'alternative ed un heavy rock dalle forti tinte malinconiche (gothic direbbe qualcuno). Il risultato non è un disco che insegue la melodia, il guizzo trascinante ed adrenalinico a tutti i costi ma che anzi fa della solidità dei propri mezzi e di un songwriting di livello superiore le migliori frecce al proprio arco. Quando le indiscutibili doti tecniche, i tutt'altro che banali arrangiamenti come pure la funambolica sezione ritmica non si notano se non ponendo a forza l'attenzione sul singolo strumento allora vuol dire che il songwriting ha raggiunto il suo scopo: il tutto è il centro focale a dispetto del particolare, che per bravura e preparazione in altre formazioni giocherebbe tranquillamente nel ruolo di primadonna. Dopotutto si dice “gruppo” mica per niente.
Le canzoni fanno il proprio dovere, sufficientemente varie e dinamiche sono pervase di quello spleen che tanto ha reso celebre (beh, più o meno) la scena alternativa romana degli ultimi anni: impossibile non riconoscere echi Novembrini nella graffiante Lilith; la sensibilità raffinata dei Klimt 1918 dei momenti spogli, solo un po' più cervellotica ma al pari scorrevole, è presenza costante tra i pits e le lands di questo debut.
Le parti vocali sono l'anello debole e seppure il cantato non spicchi (sotterrato da cotanta classe strumentale) pure l'impostazione molto dimessa e misurata di Ugo dietro il microfono è tutto sommato adeguata. Stiamo pur sempre parlando di post rock, in fondo.
Post rock la cui dirompenza esplode nelle due, splendide, composizioni strumentali: 24 Megatons ed Equilibrium levano qualsiasi dubbio riguardo alla provenienza musicale dei tre ragazzi; i fraseggi di basso e chitarra sopperiscono mirabilmente all'assenza di parti cantate mentre l'alternanza tra le sezioni pacate e le cosiddette esplosioni (nel cielo?) strumentali sono ormai espediente abusato ma di una efficacia incredibile.

Lontano dai circuiti più illustri dell'hype, il debutto de L'Alba di Morrigan è un lavoro vario e poliedrico che ben si inserisce in quel contesto di malinconico post rock tornato prepotentemente in voga, ma con un mordente che spazza via facili paragoni e manierismi. Un pugno di canzoni che per quanto mi riguarda sono già sorpresa dell'anno. Con la speranza che l'album non rimanga nei soliti circuiti per pochi eletti.
Lavoro di caratura superiore.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
66.94 su 37 voti [ VOTA]
Doomale
Venerdì 9 Marzo 2018, 11.10.35
6
Visti live qualche anno fa' e nonostante il festival non fosse proprio nelle loro corde hanno fatto una bella figura. Bravi, mi piacciono nei giusti momenti, spero facciano qualcosa di nuovo.
entropy
Lunedì 6 Marzo 2017, 13.42.31
5
album fantastico. ancora oggi l'ho ascolto spesso. Poetico tragico commovente
gianmarco
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 14.11.20
4
grandi , visti ieri in acustico a moncalieri
enzo
Giovedì 19 Aprile 2012, 13.44.13
3
una meraviglia di album
davidian
Martedì 17 Aprile 2012, 21.57.06
2
un disco coi fiocchi. tanto di cappello.
AdemaFilth
Lunedì 16 Aprile 2012, 21.24.33
1
Molto, molto bello.
INFORMAZIONI
2012
My Kingdom Music
Post Rock
Tracklist
1. Snowstorm
2. The Fairies’ Circle
3. Silence
4. Lilith
5. Holy Mountain Pt1 (The Alkemist’s Frode)
6. Holy Mountain Pt2 (The Rebirth)
7. 24 Megatons
8. Equilibrium
9. The Essence Remains
Line Up
Ugo Ballisai (Vocals, Guitar)
Alessio Caruso (Bass)
Luca Costanzo (Drums)
 
RECENSIONI
80
ARTICOLI
11/08/2021
Intervista
L`ALBA DI MORRIGAN
Un nuovo inizio!
09/03/2015
Live Report
DOOMRAISER + SHORES OF NULL + L`ALBA DI MORRIGAN
L'Angelo Azzurro, Genova - 03/03/2015
07/05/2014
Live Report
NEGURA BUNGET + L`ALBA DI MORRIGAN + DELIRIUM X TREMENS
Seven Live, Vigodarzere (Padova) - 01/05/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]