Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Beast in Black
From Hell with Love
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/03/19
ASYMMETRY OF EGO
Forsake Beyond the Dusk

29/03/19
YNGWIE MALMSTEEN
Blue Lightning

29/03/19
AETHER VOID
Curse of Life

29/03/19
ABDUCTION (UK)
All Pain as Penance

29/03/19
MOSH-PIT JUSTICE
Fighting the Poison

29/03/19
STRANA OFFICINA
Law of the Jungle

29/03/19
I PREVAIL
Trauma

29/03/19
PESTEROUS MIND
Haaluci.Nation

29/03/19
ELLENDE
Lebensnehmer

29/03/19
ARRIVAL OF AUTUMN
Harbinger

CONCERTI

25/03/19
GEORGE KOLLIAS
BELLOTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

26/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
UFO - BOLZANO

28/03/19
ARCTURUS + SHORES OF NULL + PARODOS
LARGO VENUE - ROMA

28/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

28/03/19
LAMBSTONE
TRAFFIC CLUB - ROMA

29/03/19
ARCTURUS + SHORES OF NULL + PARODOS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

29/03/19
ELDRITCH + DGM + SAILING TO NOWHERE
CYCLE CLUB - FIRENZE

29/03/19
STRANA OFFICINA
SANTOMATO - PISTOIA

29/03/19
LACHESIS
BAR 111 - PALAZZAGO (BG)

29/03/19
LAMBSTONE
VINTAGE LIVE CLUB - FABRICA DI ROMA

Rage My Bitch - Fell On Black Season
( 1240 letture )
È arrivato il momento di debuttare per i Rage My Bitch, gruppo finlandese appassionato al death metal melodico di ultima generazione ed ai nomi privi di coerenza grammaticale. Evidentemente fan dei Soilwork del periodo più maturo (o commerciale che dir si voglia) o di gruppi come Scar Symmetry, i nostri propongono una musica melodica che non disdegna nè l’elettronica nè le voci pulite, per le quali è addirittura adibito un secondo cantante.
La formula canzone tipica è un mid tempo infarcito di growl e bip elettronici, al quale si alternano ritornelli in pulito. Questi ultimi, pur non arrivando agli abissi di qualunquismo stile metalcore, spiccano per la totale mancanza di ispirazione ed incapacità a rimanere incisi in testa. In effetti è chiarissimo che siamo ad un disco di debutto, il lavoro svolto e molto accademico, privo di personalità propria, novità o elementi che lo possano far emergere dalla massa di prodotti analoghi. Imitare uno stile già affermato non è un peccato troppo grave, ma farlo senza personalità o idee è la strada più diretta che ci sia verso il tedio dell’ascoltatore. Una nota di demerito va al cantante della parti in pulito, che si esibisce in una performance monocorde, in cui una voce da mal di gola sembra incapace di cambiare tono (tanto che si ha continuamente l’impressione di star ascoltando la stessa canzone), e strascica le parole creando una cantilena lagnosa e fastidiosissima. Qualche pezzo buono c’è, o meglio, c’è qualche idea buona. Red Read Lovesong, è forte di un riff semplice ma che si apprezza fin dal primo ascolto, e tuttavia viene rovinata da un ricorso ad elettronica troppo invadente e dai ritornelli puliti di cui sopra. In Empire (In a Spoonful of Shit) , dopo un incipit ottimo, ci si perde in soluzioni banali, The Final Entry poteva essere una grandiosa ballad, ma è rovinata da lunghezza eccessiva e ripetitività. Insomma, un senso di incompiutezza regna sovrano dall’inizio alla fine dell’ascolto.

Non siamo davanti ad un album ne suonato male ne prodotto male, solo ripetitivo e privo di ispirazione, e che, in conclusione, ci dà davvero pochi motivi per essere ascoltato (tra questi il nome del cantante Toni Kukkola), e piacerà solo a fan sfegatati di Soilwork in pesante crisi di astinenza.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
30 su 14 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2012
Inverse Records
Melodic Death
Tracklist
1. The Mirror
2. Of Denial
3. Red Read Lovesong
4. Last Of My Kind
5. Empire (In a Spoonful of Shit)
6. The Final Entry
7. Goddamnt Deathmachine
8. Evolution of a New Born Sin
Line Up
Matti Lämsä (Guitars)
Immo Hietakallio (Guitars)
Toni Kukkola (Vocals)
Andy Peltola (Vocals)
Teppo Ristola (Drums)
Joni Kyynäräinen (Bass)
Tonmi Lillman (everything else)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]