Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/08/19
NECRONAUTICAL
Apotheosis

30/08/19
WIZARD RIFLE
Wizard Rifle

30/08/19
VISIONS OF ATLANTIS
Wanderers

30/08/19
IN SEARCH OF SOLACE
Enslaved To Tragedy

30/08/19
CRIMSON MOON
Mors Vincit Omina

30/08/19
SONS OF APOLLO
ive With The Plovdiv Psychotic Symphony

30/08/19
SADOKIST
Necrodual Dimension Funeral Storms

30/08/19
SONS OF APOLLO
Live With The Psychotic Symphony

30/08/19
IMPERIUM DEKADENZ
When We Are Forgotten

30/08/19
ROCKETT LOVE
Greetings From Rocketland

CONCERTI

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

01/09/19
DRAKKAROCK (day 3)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

03/09/19
IRREVERENCE + COCAINE KAMIKAZE
ROCK'N'ROLL CLUB - MILANO

Saint Vitus - Lillie: F-65
( 4843 letture )
Ce lo aspettavamo, per questo l’attesa è diventata spasmodica.
I segnali erano tanti, vuoi per la proverbiale iperattività di Wino alle prese con mille progetti passati e presenti, vuoi soprattutto per la reunion dello scorso anno e la triste notizia della scomparsa di Armando Acosta: un nuovo full-length da parte dei leggendari Saint Vitus prima o poi doveva arrivare.
Lo abbiamo finalmente tra le mani questo Lillie: F-65, dopo ben 17 anni dall’ultimo prodotto in studio e 22 dall’ultima volta che Wino ha prestato la sua voce.

Lo so che volete sapere subito com’è questo nuovo album, e posso dirvelo in due parole: bellissimo e deludente.

Bellissimo.
E’ davvero una profonda emozione il riascoltare quel sound così oscuro e ovattato, così profondo e raggelante nella sua semplicità, proprio come lo si ricordava nei dischi dei tempi d’oro dei vari Hallow’s Victims, Born Too Late, Mournful Cries etc. Già questo aspetto, per i fan della band del Maryland e per gli amanti del doom in generale, è come un gradito e a lungo sospirato ritorno a casa dopo una lunga e difficile parentesi altrove: Chandler folleggia come al solito con i suoi assoli di una sgraziata perfezione, le lyrics e l’interpretazione di Wino sono come il buon whiskey che mantiene da secoli lo stesso buon metodo di produzione e il medesimo sapore intenso. Solamente la sezione ritmica - ovviamente – ha visto l’ingresso del bravissimo drummer Henry Vasquez (ex Sourvein, tra gli altri), il quale ha portato in dote un’ottima tecnica esecutiva – ma sempre nel rispetto del sound originale – non facendo rimpiangere lo scomparso Armando Acosta, batterista quest’ultimo che non ha mai brillato dal punto di vista prettamente musicale (ora possiamo dirlo, visto che l’effetto epitaffio che segue sempre la morte di persone celebri copre sistematicamente i difetti di quest'ultime).
Dunque l’atmosfera è quella giusta, e si parte con Let Them Fall: composizione giocata interamente sull’effetto di decadenza esercitato dal tema portante, ma questo è il brano meno avvincente del platter, nonostante che i nostri abbiano deciso di promuoverlo come singolo. Segue The Bleeding Ground, e qui ci torna alla mente tutta la magnificenza di Mournful Cries, e dunque avete già capito di che razza di pezzo stiamo parlando. Dopo una breve ma molto intensa parentesi strumentale, è il turno della già edita Blessed Night: quattro minuti di caracollante doom'n' roll come solamente i nostri sanno fare.
The Waste Of Time è a mio avviso il brano maggiormente significativo dell'intero lavoro, sia per l'attenta costruzione della linea melodica del ritornello, sia per la semplicità di riff così ortodossi ed efficaci. Una colata di nere nubi sulle nostre menti attonite, prima che il solito assolo ultra distorto di Dave Chandler ci faccia perdere definitivamente l'orientamento e la cognizione del nostro essere.

Deludente.
Fin qui ho tracciato gli aspetti positivi di questo attesissimo ritorno, ma ora passiamo alle note dolenti. Lillie: F-65 è un album deludente per due motivi strettamente connessi tra di loro: il primo limite riguarda la durata incredibilmente striminzita – 33 minuti scarsi – certamente in linea con gli ermetici primi album dei nostri, ma davvero poco per cui valeva la pena aspettare venti lunghi anni. In secondo luogo, questo lavoro è composto da un pezzo già edito pochi mesi fa (Blessed Night) e da due strumentali di cui una (Withdrawal), francamente davvero ridicola e che non fa altro che prolungare il finale della precedente Decadence, buon pezzo inspiegabilmente troncato a metà e riempito con un lunghissimo quanto inutile gioco di feedback di chitarra.
A voler essere maligni – e non sapete, da fan quale sono, con quanta amarezza mi ritrovo a dirlo – sembra che i Saint Vitus sapessero benissimo che qualsiasi nuova opera sotto il loro nome avrebbe riscosso comunque un enorme clamore tra gli appassionati del genere, e dunque i nostri hanno messo insieme in fretta in furia il minimo sindacale per tornare sul mercato.
Detto in parole povere, questo Lillie-F:65 sa di presa per i fondelli.

Peccato, perché quei (pochi) brani sono davvero strepitosi, e se i Vitus si fossero sforzati un po' di più avremmo oggi tra le mani il degno erede dei loro antichi fasti...



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
50.18 su 22 voti [ VOTA]
Father Picard
Martedì 24 Maggio 2016, 0.38.29
15
I Saint Vitus non sono del maryland... sono californiani di los angeles
Father Picard
Martedì 24 Maggio 2016, 0.38.28
14
I Saint Vitus non sono del maryland... sono californiani di los angeles
Steelminded
Domenica 13 Luglio 2014, 15.30.14
13
Perfettamente d'accordo con recensione e voto... Alcuni pezzi strepitosi, ma album troppo striminzito..., per le ragioni indicate in recensione. Comunque credo lo acquisterò, perchè comunque merita. Evviva!
iron
Martedì 24 Dicembre 2013, 0.15.39
12
mmm....80,ha buoni pezzi,ma purtroppo non tengono confronto ai vecchi album...non è male ma ha un non so che che non mi convince
foda
Domenica 13 Gennaio 2013, 15.41.59
11
23-03-2013 concerto a bologna dei mitici saint vitus!!!!! per la prima volta....GREAT DOOOOOM
Cardinal Carlo Maria Martini
Martedì 4 Settembre 2012, 15.41.29
10
Discreto ritorno, ma mi interessava il giusto. Punto decisamente a vedermeli dal vivo almeno una volta nella vita allorchè faranno tappa qui da noi. [nella rece: Dependance e non Decadence]
piggod
Giovedì 3 Maggio 2012, 20.29.11
9
E' proprio vero: "...sembra che i Saint Vitus sapessero benissimo che qualsiasi nuova opera sotto il loro nome avrebbe riscosso comunque un enorme clamore tra gli appassionati del genere, e dunque i nostri hanno messo insieme in fretta in furia il minimo sindacale per tornare sul mercato. Detto in parole povere, questo Lillie-F:65 sa di presa per i fondelli." Come non quotare.
Bloody Karma
Mercoledì 2 Maggio 2012, 20.59.07
8
sto indietro con gli ascolti...spero di ascoltarlo il prima possibile...
FadeToBlack
Lunedì 30 Aprile 2012, 15.57.27
7
Inutile dire bello o brutto.....tempus fugit x ognuno di noi.Quindi anche x quelle persone identificate dietro magari un grande e storico monicker.Importante è che si tratti sempre di un nuovo album,e questo vale x tutti i Grandi e Storici gruppi a seconda ovviamente dei gusti personali.
costantino
Lunedì 30 Aprile 2012, 12.00.10
6
lo ho aspettato , ascoltavo i saint vitus quando per trovare i loro dischi dovevi ordinarli perche' nn li trovavi ..... concordo con la recenzione , alcuni grandi pezzi ma vista dal vivo blessed night rende meglio ..... e venduto come ep nn sarebbe meglio ? full album ? sa' di presa per il culo ..... se trovo il vinile ci faccio un pensierino , il cd non lo compro resto un loro fan ... ma cosi' no.
brainfucker
Domenica 29 Aprile 2012, 12.38.09
5
la recensione non è molto invitante..ma se permettete me ne sbatto e lo compro ugualmente
Witchcraft
Sabato 28 Aprile 2012, 15.59.38
4
disamina di Daniele perfetta..voto idem..una mezza delusione purtroppo..
fdrulovic
Sabato 28 Aprile 2012, 15.07.04
3
A me è piaciuto parecchio. Alcune "cadute" ci sono. Ma è un gradito ritorno. un 75 per me va benone...). Forse poteva uscire come un EP e avrebbe messo d'accordo tutti.
freedom
Sabato 28 Aprile 2012, 14.02.45
2
Azzo non l'ho ancora ascoltato questo, ma mi pare di capire che non si tratti di un disco eccezionale...
Undercover
Sabato 28 Aprile 2012, 13.51.19
1
In tutta onestà gli do poco più della sufficienza perché sono loro, ma l'album è veramente scarso, da una band simile una prova di questo tipo è quasi inaccettabile. 65 ma che tristezza.
INFORMAZIONI
2012
Season Of Mist
Doom
Tracklist
1. Let Them Fall
2. The Bleeding Ground
3. Vertigo
4. Blessed Night
5. The Waste Of Time
6. Dependance
7. Withdrawal
Line Up
Scott”Wino” Weinrich (vocals)
Dave Chandler (guitar)
Mark Adams (bass)
Henry Vasquez (drums)
 
RECENSIONI
72
83
89
96
85
86
ARTICOLI
19/10/2017
Live Report
SAINT VITUS + MOS GENERATOR
Traffic, Roma, 11/10/2017
25/10/2014
Live Report
SAINT VITUS + ORANGE GOBLIN
Init Club, Roma, 19/10/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]