Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Presto Ballet - Peace Among The Ruins
( 2376 letture )
Il pelato Kurdt Vanderhoof ne ha combinata un’altra delle sue. Chi di voi non avesse mai ascoltato i Metal Church provveda, perché nel combo statunitense il nostro chitarrista/songwriter fa da tempo un lavoro egregio sia in fase compositiva che esecutiva; ma adesso, accantonati per un po’ gli impegni con la band madre, il buon Kurdt si cimenta in un esperimento volto a risvegliare atmosfere più legate al miglior prog rock anni 70, con una strizzatina d’occhio ad arrangiamenti più mainstream ed orecchiabili. Ve la faccio breve, che è un po’ il compito di ogni buon recensore: questo disco vale, e vale parecchio. Progressive hard rock, riduttivo parlare di metal o di ‘solo’ rock; un lavoro moooolto legato alle sonorità seventies che tanto fanno impazzire molti di noi (me compreso!), veri hammond e mellotron, registrazioni totalmente analogiche, pur conservando un sound heavy di matrice americana, che sa a volte lambire lidi più AOR. Ma cosa c’è, in concreto, dentro questo debut album dei Presto Ballet? Otto tracce energiche, suonate in maniera a dir poco deliziosa, una pasta sonora che molto premia le tastiere più ‘Emersoniane’ da me ascoltate ultimamente. Strutture musicali complesse, ma quanto basta: qui lo sfoggio di tecnica sembra essere finalizzato alla sola riuscita del brano, ascoltare per credere l’omonima opener, dove le parti più prog sanno ben scivolare su una struttura articolata ma potente. Ottimo ad esempio lo sposalizio di chitarre acustiche e mellotron all’inizio di “Find the time”, song di rara presa, atmosferica ed evocativa, mi riporta alla mente certe sfumature vicine ad Alan Parson Project, Marillion, Genesis. Come assolutamente da ascoltare è “Speed of Time”, un vero tripudio di sound, feeling e tecnica (godetevi le ‘sviolinate’ di basso, semplicemente deliziose). Da segnalare, qualora ce ne fosse bisogno, la stupenda prestazione vocale di Scott Albright, un singer dal presente e soprattutto dal futuro luminoso: fresco, mai banale, ben integrato anche a livello di volumi e frequenze nel suono d’insieme.
Ma non c’è dubbio, mai come in questo caso il successo di un disco lo fa anche il fonico, la produzione ed il mastering, ed infatti qua nulla sembra lasciato al caso: le chitarre sono “grosse” ma mai invadenti, la batteria è pestata o pennellata a seconda di dove serva. Insomma, amanti di Ayreon, Spock’s Beard, Flower Kings e Shadow Gallery, ma anche (se non soprattutto) nostalgici dei solchi vinilici dove la parola ‘progressive’ è stata forgiata (e parlo degli Yes di “Close to the Edge”, i primi Rush, certi Deep Purple alla “Machine Head”, e poi ancora gli immensi Genesis, e magari gli stessi PFM, di cui Kurdt si dichiara un fan), cacciate i soldini senza battere ciglio! Vivamente consigliato anche a tutti gli altri, a tutti coloro che sanno distinguere tra la classe e la capienza, come diceva il mio compagno di banco al liceo paragonando le nostre fidanzate! Ah, che tempi….



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
26.39 su 33 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Mercoledì 3 Febbraio 2016, 17.05.23
2
Buono, ma dalle recensioni dell'epoca mi aspettavo molto di più. Ad ogni modo, i riferimenti sono evidenti e tutti nobili: dai Deep Purple in overdose di tecnicismo della title-track ai Black Sabbath del Vol. 4 di Find the time (nella coda finale) ai Tears for Fears (quelli di Sowing the seeds) di Seasons. Bella anche Sunshine in grado di portarci in territori psichedelici / orientali.75
Electric Warrior
Domenica 2 Ottobre 2011, 10.32.12
1
Mamma mia che signor disco! Complimenti a Kurdt Vanderhoof che già stimavo con i suoi monumentali Metal Church. Ok, se si cerca originalità bisogna sicuramente andare altrove, ma con i Presto Ballet si respira la magia del prog settantiano.
INFORMAZIONI
2005
Inside Out - Spv
Prog Rock
Tracklist
1. Peace among the ruins
2. The fringes
3. Seasons
4. Find the time
5. Speed of time
6. Sunshine
7. Slave
8. Bringin’ it on
Line Up
Scott Albright (Lead Vocals, Acoustic Guitar)

Kurdt Vanderhoof (Guitars, Mellotron, Chamberlin, Hammond Organ, Synths, Bass Pedals, Electric Pianos)

Brian Cokeley (Piano, Hammond Organ, Synths, Electric Pianos, Lead and Backing Vocals)

Jeff Wade (Drums and Percussion)

Brian Lake (Bass)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]