Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iron Maiden
Senjutsu
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/09/21
INSOMNIUM
Argent Moon

17/09/21
KADABRA
Ultra

17/09/21
CARCASS
Torn Arteries

17/09/21
APOSTOLICA
Haeretica Ecclesia

17/09/21
SATURNIAN MIST
Shamatanic

17/09/21
INTERCORE
Dreams for Sale

17/09/21
ROBLEDO
Wanted Man

17/09/21
THE RAVEN AGE
Exile

17/09/21
CRIMINAL
Sacrificio

17/09/21
VEGA
Anarchy and Unity

CONCERTI

24/09/21
TRIBULATION + BØLZER + MOLASSESS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

24/09/21
LA MORTE VIENE DALLO SPAZIO
ZIGGY CLUB - TORINO

25/09/21
METALITALIA.COM FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/09/21
SAN LEO
ZIGGY CLUB - TORINO

28/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/09/21
EVANESCENCE + WITHIN TEMPTATION
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

29/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA - ROMA

29/09/21
AMENRA
LINK - BOLOGNA

02/10/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/10/21
POWERWOLF
ALCATRAZ - MILANO

Henderwyd - Henderwyd
( 2680 letture )
Nato nel 2008 con un altro nome (Morgomir) e autore di brani melodic death metal, il gruppo ha cambiato il moniker nell’attuale strada facendo, quando il folk metal è entrato di prepotenza nelle loro composizioni.

Questo EP d’esordio mostra una band ancora con le idee poco chiare sul genere da suonare e lo stile da avere: non che non vada bene mischiare generi e influenze, ma bisogna anche averne la capacità per non risultare oltremodo dispersivi e a tratti inconcludenti. Attenzione, la formazione proveniente da Luserna San Giovanni (TO) ha, nei sei brani del disco, più di uno spunto interessante, che bilanciano in maniera efficace gli aspetti negativi o comunque non del tutto positivi delle loro canzoni. Un’altalena qualitativa tra soluzioni scontate o non convincenti e intuizioni azzeccate e parti efficaci.
Particolarità del gruppo piemontese sono i testi, tutti tratti dai poemi del poeta gallese Taliesin (VI secolo).

Il lavoro autoprodotto inizia con Intro, classica presentazione atmosferica e dalla lunga durata; la musica vera inizia con Valley Of No Return, dove riff e melodie folk si incontrano con le voci scream e pulite. Durante l’ascolto del brano è possibile capire che gli Henderwyd non si limitano al classico folk metal, ma inglobano all’interno della proposta musicale svariate influenze che comunque ruotano sempre intorno al genere principale di riferimento: sfumature celtic metal e atmosfere quasi pagan arricchiscono il dischetto. Castle Ruins è un pezzo che inizia con il classico ritmo e riffing folk metal goliardico; la componente heavy metal nei giri di chitarra è sempre palese, caratteristica che si riscontra in tutti i brani dell’EP, ricordando, a volte, alcune cose degli Einherjer. L’arpeggio iniziale di Curse Of The Bard vede la presenza della voce pulita di Dennis Anzalone, decisamente non a proprio agio in questa dimensione, e il risultato, purtroppo, è fin troppo evidente: molte incertezze, note mal raggiunte e una sensazione di approssimativo che non fa bene alla canzone. Decisamente meglio con la voce harsh quando gli strumenti elettrici iniziano a farsi sentire. Le chitarre producono giri davvero piacevoli su un mid tempo scandito da Michele Tron; importante il lavoro del tastierista Simone Malan che “alleggerisce” spesso e volentieri le atmosfere con effetti e melodie semplici e d’impatto. La quinta canzone del disco mostra il lato più celtico degli Henderwyd, a partire dal motivetto iniziale per passare ai giri delle sei corde. Sesta traccia di Henderwyd è Rise Of A Storm, dove all’iniziale riff tipicamente heavy metal si aggiungono gli altri musicisti per lungo tempo, facendo pensare ad un brano strumentale, quando invece interviene - brusca e gradita - la voce di Anzalone. Brano molto interessante e inusuale, tra le migliori cose dell’intero cd. Ultima canzone presente nell’EP è Voice Of The River, altra traccia di media velocità che vede al suo interno mischiarsi diversi generi senza averne uno predominante.

La produzione è sufficiente considerando che si tratta di un’autoproduzione, ma sicuramente alcune cose potevano e dovevano essere curate con maggiore attenzione. La batteria non suona un granché bene, in particolare il rullante ha un fastidioso riverbero che lo allontana dal resto del drum kit e dalla registrazione in generale. Altra cosa sulla quale si poteva fare di più è la voce di Dennis Anzalone, in quanto le harsh vocals risultano troppo asciutte e poco profonde: un lavoro migliore basato su qualche semplice effetto avrebbe sicuramente giovato al risultato finale. Ultima cosa, il suono anonimo e il volume troppo basso della chitarra durante l’assolo di Curse Of The Bard: tirare su il volume è il minimo da chiedere a chi si occupa del missaggio finale.

Come precedentemente detto, il primo lavoro degli Henderwyd è un insieme di tanti (troppi?) generi, non sempre ben amalgamati tra di loro. Ma nonostante questo rimane evidente come la band sia in possesso di una buona base di partenza, sia a livello tecnico che di songwriting, e con il tempo non possa che migliorare.



VOTO RECENSORE
64
VOTO LETTORI
65.12 su 31 voti [ VOTA]
urukhai
Mercoledì 16 Ottobre 2013, 4.37.26
2
Piccola correzione: Ho letto che la voce pulita non è di Dennis Anzalone che si occupa solo del growl (tra l'altro ho saputo che non suona poù con loro peccato ) bensì sono cori. In ogni caso li avevo sentiti al fosch non sono male, han da migliorare, si giudicherà al prossimo lavoro!
-Cobray
Domenica 3 Giugno 2012, 11.35.11
1
Forza ragazzi!!!
INFORMAZIONI
2012
autoprodotto
Folk
Tracklist
1. Intro
2. Valley Of No Return
3. Castle Ruins
4. Curse Of The Bard
5. Land Of Eriu
6. Rise Of A Storm
7. Voice Of The River
Line Up
Dennis Anzalone: voce, chitarra, bouzouki
Erich Malan: chitarra
Daniele Cappellini: basso
Michele Tron: batteria, bodhran
Simone Malan: tastiera
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]