Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Protest The Hero
Palimpsest
Demo

Oneiric Celephaïs
The Obscure Sibyl
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

10/07/20
VISION DIVINE
Stream of Consciousness (ristampa)

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
VISION DIVINE
The Perfect Machine (ristampa)

10/07/20
LAETITIA IN HOLOCAUST
Heritage

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

CONCERTI

04/07/20
LYNYRD SKYNYRD (SOSPESO)
LUCCA SUMMER FESTIVAL - LUCCA

04/07/20
NOIROCKERCAMP IV (POSTICIPATO)
SANTA NINFA (TP)

05/07/20
ROCK THE CASTLE (day 6) - POSTICIPATO
CASTELLO DI VILLAFRANCA - VERONA

05/07/20
PEARL JAM + PIXIES (SOSPESO)
AUTODROMO INTERNAZIONALE ENZO E DINO FERRARI - IMOLA

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

Beck, Bogert & Appice - Beck, Bogert & Appice
( 3522 letture )
Beck, Bogert & Appice è l’omonimo album d’esordio (nonché unico) di uno dei cosiddetti “supergruppi” meno noti ma più talentuosi di tutti gli anni Settanta. Jeff Beck, il chitarrista, veniva dalle fruttuose esperienze con due grandi band, quali The Yardbirds e The Jeff Beck Group, mentre il bassista Tim Bogert ed il batterista Carmine Appice avevano entrambi militato sia nei Vanilla Fudge che nei Cactus, altro grande “supergruppo” statunitense.
L’anno successivo, ovvero nel 1974, il trio intraprese un tour che riscontrò un discreto successo e portò alla pubblicazione di un live album, registrato ad Osaka, in Giappone. Una volta rientrati in studio, tuttavia, i tre artisti si separarono a causa dell’improvvisa e poco spiegabile decisione di Beck di abbandonare il progetto.

Lasciamo perdere la breve e sfortunata vita della band e dedichiamoci ora alla musica vera e propria.
Il sound di Beck, Bogert & Appice è decisamente fresco per l’epoca, questo soprattutto per merito della compenetrazione sonora tra il blues classico e l’hard rock che in quegli anni cominciava a diffondersi. Inoltre, ascoltando con attenzione le dieci composizioni è possibile rintracciare qualche spruzzatina di southern rock, come ad esempio nell’opener Black Cat Moan. Le successive Lady ed in particolare la ballata Oh to Love You mettono invece in evidenza la vena “commerciale” del gruppo, configurandosi come dei brani più easy-listening, se non addirittura radiofonici. Interessantissima la cover di Superstition di Stevie Wonder, nell’esecuzione della quale i nostri ricordano molto da vicino le peculiarità musicali dei ben più famosi Led Zeppelin. Sweet Sweet Surrender, probabilmente la hit del disco, vira verso lidi leggermente più psichedelici -quelli dei Pink Floyd più commerciali, per intendersi- e conquista per la sua semplicità e la sua ispirazione. In Why Should I Care e Lose Myself with You le influenze hard rock hanno la meglio: per i canoni dell’epoca, i brani hanno un gran tiro e non si allontanano poi troppo dal sound dei Kiss (specie il primo), che nacquero proprio nel 1973. Livin’ Alone vanta, a sua volta, un elevato livello qualitativo e risulta quasi essere una sintesi fra Deep Purple e Dire Straits: il risultato è decisamente sorprendente, in particolare per il gran lavoro di Beck alla chitarra. I’m So Proud chiude il lotto con un’atmosfera intimistica e molto suggestiva, che stempera i bollenti spiriti rockettari dei brani precedenti e strizza nuovamente l’occhio alla radio.

In definitiva, Beck, Bogert & Appice è un disco molto gradevole, con alcuni spunti di altissima levatura. È un progetto molto particolare, vede il sovrapporsi di varie influenze e, come evidenziato, di svariate somiglianze ad altre band dell’epoca. Consiglio a tutti, specie ai più attempati, di dargli un ascolto in rete, anche perché è decisamente difficile riuscire a reperirlo ad un prezzo accettabile al giorno d’oggi.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
50.31 su 22 voti [ VOTA]
cowboy big 80
Martedì 14 Gennaio 2020, 0.46.53
9
... e non e' vero, per me s'intende, che smorza i bollenti spiriti rock, devi saper la dinamica del platter, Only you r'n'r
cowboy big 80
Martedì 14 Gennaio 2020, 0.10.42
8
la canzone migliore e' la 9, per il resto peccato che non avete in baka bacheca,come cazzo si chiama, i Cactus, altrimenti capiresti perche' la figa per i rockers non capisce un cazzo!
Andrea Salvador
Sabato 1 Settembre 2018, 15.05.27
7
Un ottimo album che avrebbe meritato un seguito. è vero che all'epoca suonava simile ad altre band ed era un po' commerciale. Tuttavia è un gran bell'album che definisce senz'altro alcune delle coordinate del futuro Heavy Metal. E neanche troppo velatamente.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 19.04.04
6
Tenuto conto chi ci suona doveva essere più bello. Il live che pubblicarono di lì a poco renderà giustizia al trio. Certo che vorrei sapere come un album del genere possa avere la media del 4,5 per i voti degli utenti. Mah... Per me è un 75
Subhuman
Mercoledì 6 Giugno 2012, 23.54.24
5
Formazione stellare e buonissimo disco, che preferisco (al contrario del mitico Fabio) all'esordio dei Cactus... O almeno così credo!
fabio II
Mercoledì 6 Giugno 2012, 15.04.09
4
buon lavoro, anche se preferisco l'integrità del debutto dei Cactus; integrità hard blues che poi troverà uno sviluppo totalmente hard rock con gli Axis di 'It's A Circus World', in cui suonava il fratello Vinny ( Appice of course )
BLS Furlan Chapter
Domenica 3 Giugno 2012, 11.07.24
3
Ho avuto la fortuna qualche anno fa di trovarlo su cd. Peccato che invece il successivo Live sia introvabile. Bell'album, forse i tre avrebbero potuto far qualcosa di ancor più grande insieme, ma non dimentichaimo che poi Jeff Beck creò due capolavori come "Blow by Blow" e "Wired"...
Lizard
Sabato 2 Giugno 2012, 15.47.14
2
Comprato in vinile ad una mostra del disco di qualche anno fa... Molto molto bello e valorizzato nota per nota da musicisti eccelsi. Da segnalare anche l'uso di armonie vocali sempre molto utilizzate da Appice. Gran disco e grandissimo progetto, peccato sia rimasto un unicum.
hm is the law
Sabato 2 Giugno 2012, 12.57.19
1
Bello bello bello
INFORMAZIONI
1973
Epic Records
Blues
Tracklist
1. Black Cat Moan
2. Lady
3. Oh to Love You
4. Superstition
5. Sweet Sweet Surrender
6. Why Should I Care
7. Lose Myself with You
8. Livin’ Alone
9. I’m So Proud
Line Up
Jeff Beck (Chitarra, Voce)
Tim Bogert (Basso, Voce)
Carmine Appice (Batteria, Voce)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]