Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/19
EDGE OF FOREVER
Native Soul

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
GHOSTREAPER
Straight Out Of Hell

06/12/19
PRAYING MANTIS
Keep It Alive

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
HUMAN FORTRESS
Reign Of Gold

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

CONCERTI

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
ALIBI - PALERMO

06/12/19
ROCK BRIGADE + SCOLOPENDRA
L'OLANDESE VOLANTE - TODI (PG)

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

Candlemass - Psalms For The Dead
( 6012 letture )
E siamo arrivati al canto del cigno.

Una carriera quasi trentennale che ha contributo in maniera fondamentale all'evoluzione del doom metal, decine di full-length sempre di ottima qualità e grandissime personalità avvicendatesi nel corso degli anni dietro al microfono; la creatura di Leif Edling è giunta ora al capolinea per decisione del suo stesso creatore, consegnando alla storia questo Psalms For The Dead.
La recente notizia dell'allontanamento di Robert Lowe ha gettato una luce poco chiara sul presente della band, per via soprattutto delle motivazioni alquanto ambigue che hanno portato a questa scelta; ciò nonostante, Leif non è nuovo a scelte drastiche ed improvvise come questa, e dunque, se teniamo fede alle sue parole, la recente entrata in formazione di Mats Levén non porterà a degli ulteriori lavori in studio sotto questo ormai leggendario moniker.

Il nuovo corso intrapreso dai Candlemass con Robert Lowe alla voce sembra essere giunto al suo perfetto compimento: dopo i discreti King Of The Grey Islands e Death Magic Doom, il nuovo lavoro sembra essere modellato intorno alle capacità espressive di Robert, creando un unicum davvero emozionante e a tratti toccante.
Questo è uno dei più bei dischi che Candlemass abbiano mai scritto, inutile girarci troppo intorno; lontano e diverso dai capolavori degli anni ottanta, ma pur sempre un'opera di altissimo valore compositivo. Dimenticate quell'epic doom semplice e diretto che ci lasciava tutti senza fiato; in Psalms For The Dead il sound si fa molto più rotondo, e ammicca al power/heavy metal specialmente nelle melodie dei ritornelli, ma lungi il considerare questo come un ammorbidimento: le vibranti chitarre rimangono gravide di sinistri riffs ultra-doom, e un accorto lavoro di tastiere porta la tensione alle stelle. Questa leggera virata del sound, come dicevo poc'anzi, può essere ricondotta alla volontà di adattare le composizioni alle capacità interpretative di Robert Lowe, e rappresenta l'ultima tappa di una tendenza in realtà già intrapresa nel corso degli ultimi lavori, e, se ancora ci fosse bisogno di ribadirlo, il risultato finale è davvero eccezionale.

L'ultima opera in studio dei Candlemass si apre con Prophet, brano diretto e senza fronzoli, che con poche pennellate degli strumenti mette subito in chiaro la caratura e l'ispirazione che anima i nostri. The Sound Of Dying Demons rappresenta la perfetta fusione tra il corso storico e la tendenza più attuale del suond degli svedesi: ricca di armonizzazioni, impreziosita da un chorus strepitoso – assieme a un lavoro di tastiera praticamente perfetto – e dal solito incommensurabile lavoro chitarristico svolto della coppia delle meraviglie Johansson/Björkman.
Dopo il brano meno convincente dell'intero platter - quella Dancing In The Temple (Of The Mad Queen Bee) inspiegabilmente proposta come singolo - arriviamo a Waterwitch, e qui cala la notte: dopo un riff doom di una consistenza sconvolgente, il brano si concede delle sezioni maggiormente meditate, laddove il buon Robert mette definitivamente in chiaro che non è necessario possedere il talento operistico di Messiah Marcolin per poter rimanere scolpiti nella memoria degli appassionati della musica del destino. The Lights Of Thebe ci riporta direttamente ai fasti di Nightfall: una tipica composizione degli svedesi, ma arricchita da un bridge a dir poco fenomenale.
Psalms For The Dead, come da titolo, è il momento del raccoglimento spirituale, e la band sembra lavorare in punta di piedi per garantire al vocalist la maggior visibilità possibile. Il risultato, ancora una volta, è di primissimo ordine. Killing Of The Sun possiede un forte sentore di Black Sabbath - il che è sempre un piacere da ascoltare - per poi esplodere in un pirotecnico assolo di Lars Johansson, ma che sfortunatamente si chiude nel giro di una trentina di secondi.
Dopo la sofferta Siren Song arriviamo alla chiusura di questo Psalms For The Dead. L'atmosfera si tinge d'oscurità, e un'inquietante quanto efficace declamazione sull'implacabilità del tempo ci introduce a uno dei brani più rappresentativi di un'intera carriera. Black As Time è la fedele rappresentazione dell'angoscia esistenziale legata al trascorrere della nostra vita in attesa dell'arrivo di Atropo, l'implacabile. Il perfetto sigillo ad una carriera formalmente ineccepibile.

Il tempo scorre inesorabile, così come il running time di quest'opera. Terminato l'ascolto di questo Psalms For The Dead non posso certamente sentirmi del tutto felice, poiché a nessuno di noi piacciono gli addii. Rimane l'ultima testimonianza di una band che ha solcato le nostre menti e le nostre anime per molti lunghi anni.
Fate vostro questo lavoro: i Candlemass non potevano trovare una forma migliore per salutarci...



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
70.53 su 30 voti [ VOTA]
Salvatore
Venerdì 19 Maggio 2017, 16.51.04
21
GrAnde band con o senza messiah marcolin;non solo doom , ma anche epic,e classic metal (certo che da i tempi di nightfall e aincent Dreams, ne e' passata di cera nera!)ma rimangono sempre una delle mie band preferite! Mettono d'accordo i defender con i doomers e i nostalgici dei 70/80,insomma ,proprio tutti!..........voleMosè bene!
AndreA
Venerdì 8 Gennaio 2016, 16.08.06
20
Scusate: 2012. Ma non cambia il succo. Un Capolavoro.
AndreA
Venerdì 8 Gennaio 2016, 15.58.42
19
Ma che album ho appena finito di ascoltare???? Una meraviglia DOOM nel 2015!!! CAPOLAVORO
Macca
Venerdì 26 Aprile 2013, 19.31.30
18
Il disco che mi ha avvicinato ai Candlemass....e mi piace un botto!!!
Dr Landau
Venerdì 19 Ottobre 2012, 22.33.42
17
Stavolta posso dire che non è un capolavoro, ma siamo sempre abbondantemente sopra la media. 90 alla carriera!
fabio II
Lunedì 3 Settembre 2012, 11.08.38
16
Non sono così duro come Doom al post 14, ma sono concorde con l'osservazione fatta sul cantato di Lowe; la tessitura delle songs non permette di usare tutto lo spettro vocale. Uguale per gli autocitazionismi e la liturgia scontata di 'Black as time'. Comunque più che sufficiente...ma lontano dai capolavori della band
Chris Wild
Lunedì 2 Luglio 2012, 22.16.17
15
Gli ultimi 3 dei Candlemass sono dei dischi strepitosi, capolavori PUNTO!!! Robert Lowe, SUPERBO!!!
Doom
Domenica 1 Luglio 2012, 10.41.09
14
Delusione totale dal mio punto di vista gli scarti di Death M D ,togliendo la title track e poco altro non riesco a salvare molto da questo disco e lo dico da grande fan. La sacralità della voce di Lowe non è stata sfruttata e poi ci sono troppi autocitazionismi. Bocciato.
Dorian Gray
Giovedì 28 Giugno 2012, 15.35.05
13
Il disco piu bello dopo nightfall della loro pur stupenda discografia,secondo mè.Speriamo non si sciolgano,perchè hanno ancora molto da dire e sono ancora ispirati.
il vichingo
Mercoledì 27 Giugno 2012, 12.25.59
12
Sempre più convinto che si tratti di un capolavoro!
il vichingo
Martedì 26 Giugno 2012, 21.00.28
11
Lo sto ascoltando ed è un disco con i controcoglioni, senza dubbio.
CBRLD
Martedì 26 Giugno 2012, 20.06.18
10
Time is the Master Of DOOOOMMMM!!!!
Witchcult
Martedì 26 Giugno 2012, 19.09.08
9
Garanzia di qualità, degna chiusura di una carriera da fuoriclasse.
Flag Of Hate
Martedì 26 Giugno 2012, 13.49.07
8
Questo disco mi sta dando soddisfazioni enormi, un bellissimo connubio tra Doom e Hard Rock , che cosa si può volere di più, nel 2012 (annata da incorniciare a mio parere, tantissime ottime relase)? Se davvero questo sarà l'ultimo dei Candlemass, è una chiusura con il botto, onore a una band che non mi ha mai deluso.
piggod
Martedì 26 Giugno 2012, 13.23.45
7
@xXx: sono comunque i Candlemass, quindi stiamo parlando di un album doom. Resta il fatto che le influenze settantiane, hard rock e heavy si fanno sentire molto di più che nei precedenti. Tra l'altro nel booklet c'è un omaggio ai Rainbow. La copertina di Long live rock 'n' roll viene "ripresentata" con la line up di Psalms for the dead che sostituisce i membri dei Rainbow.
Le Marquis de Fremont
Martedì 26 Giugno 2012, 13.19.41
6
Mi erano piaciuti un po' meno nelle uitime uscite ma qui si riscattano alla grande. Un album intenso e sofferto e ben venga quel tocco di vecchi anni '70. Mi dispiace che sia il loro canto del cigno. Spero ci ripensino, ma non con operazioni commerciali. Complimenti anche alla recensione. Au revoir.
Doomster80
Martedì 26 Giugno 2012, 10.47.54
5
Gran bel disco, ero perplesso all'inizio,mi aspettavo qualcosa di diverso,al secondo ascolto mi sono convinto,onore ai Candlemass
xXx
Martedì 26 Giugno 2012, 7.42.02
4
quindi se ho capito bene è più hard rock '70 / heavy che doom??? Allora potrei dargli un ascolto se così fosse...
Witchcraft
Lunedì 25 Giugno 2012, 23.39.22
3
magnifico...
piggod
Lunedì 25 Giugno 2012, 23.09.21
2
Devo dire che all'inizio mi ha lasciato perplesso. Mi aspettavo un album molto lento ed epico come da manuale, invece mi sono ritrovato con un album che fa emergere tutto l'amore della band per gli anni '70, per l'hard rock e per l'heavy metal. Mi ci sono voluti un paio di ascolti per assorbirlo, ma ora mi sta dando grandi soddisfazioni. Certo che se questo è veramente il loro ultimo lavoro, hanno concluso la loro carriera discografica in maniera decisamente atipica, seppur brillante. Grazie di tutto Candlemass, è stato un piacere seguirvi in tutti questi anni. DOOM ON
Undercover
Lunedì 25 Giugno 2012, 22.46.59
1
Se n'era già parlato sotto le notizie, è quello che mi auguro sia davvero il canto del cigno, se la storia finisce così, sono contento e onore ai Candlemass che non ne hanno toppato uno.
INFORMAZIONI
2012
Napalm Records
Doom
Tracklist
1. Prophet
2. The Sound Of Dying Demons
3. Dancing In The Temple (Of The Mad Queen Bee)
4. Waterwitch
5. The Lights Of Thebe
6. Psalms For The Dead
7. The Killing Of The Sun
8. Siren Song
9. Black As Time
Line Up
Robert Lowe (vocals)
Mats “Mappe” Björkman (guitar)
Lars “Lasse” Johansson (guitar)
Leif Edling (bass)
Jan Lindh (drums)

Guest Musicians
Mats Levén (backing vocals)
Carl Westholm (Keyboards)
Per Wiberg (Hammond on track 8)
Mark Roberton (Narration on track 9)
 
RECENSIONI
65
60
84
73
74
70
75
79
84
80
79
88
86
97
ARTICOLI
07/10/2017
Live Report
CANDLEMASS
CrossRoads Live Club, Osteria Nuova (RM), 30/09/2017
21/05/07
Intervista
CANDLEMASS
Parla Leif Edling
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]