Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/01/21
EDENBRIDGE
The Chronicles of Eden Part 2 (Best Of)

15/01/21
BE THE WOLF
Torino

15/01/21
BHLEG
Odhin

15/01/21
DREAD SOVEREIGN
Alchemical Warfare

15/01/21
VOODOO CIRCLE
Locked & Loaded

15/01/21
FIREFORCE
Rage of War

15/01/21
ACCEPT
Too Mean To Die

15/01/21
COLDUN
Grand Sun Ritual

15/01/21
MINAS MORGUL
Heimkehr

15/01/21
MASS MADNESS
Innerbeast

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Hypocrisy - Virus
( 7966 letture )
Dopo un periodo di meritate vacanze è bello ricominciare il lavoro sul sito recensendo un disco come questo, oltre che per l'indiscutibile qualità della band e del disco, anche perché avevamo intervistato gli Hypocrisy a nostro tempo e, pur avendo ampiamente ascoltato il promo, non era stato possibile recensirlo (causa il forte anticipo sull'uscita ufficiale).

Gli Hypocrisy si ripresentano al loro pubblico e lo fanno come ogni fan più affezionato si aspetterebbe. Sfornano un disco in cui, fin dalla possente Warpath, è chiaramente impresso il marchio della storica band di Tagtgren ed in cui, tra le pur variegate soluzioni compositive proposte, è sempre possibile riconoscere il sound annichilente che caratterizza le opere death-metal "con quattro quarti di nobiltà".
Il peso della tradizione si fa decisamente sentire in questo Virus, ed è un'eredità a cui le death-band storiche del nostro continente hanno difficilmente accettato di rinunciare. Gli stessi Hypocrisy, dopo le "divagazioni" di Catch 22, si erano riavvicinati con The Arrival al sound che hanno contribuito a codificare nel corso di più di dieci anni di carriera, insieme alle altre leggende (molte delle quali oramai "estinte") del death old-school.
Per quanto riguarda Virus, sebbene non si possa certamente parlare del capolavoro della band scandinava, si tratta di un disco di sicuro livello, che avvicina in più di un passaggio i classici che lo hanno preceduto. Gli ingredienti tradizionali, come si diceva, sono presenti e generosamente dosati: il suond degli Abyss Studios ritorna a colpire come una reminescenza le orecchie dei fan di vecchia data, la composizione delle chitarre è di ottima qualità e di sicuro impatto, la voce di Peter è dura e aspra come sempre. Non si tratta, naturalmente, come si sarà ampiamente già capito, del disco che farà fare una "virata" epocale al death-metal, ma anche nel solco della tradizione è possibile apprezzare alcune novità proposte dalla band. A riguardo la presenza dell'ex-Immortal Horgh alla batteria è di quelle che si fanno notare, mentre il contributo alla composizione fornito da praticamente tutti i membri della band, dona profondità ed eterogeneità all'insieme dei brani.
Ascoltando il trittico iniziale (a parte Warpath, Scrutinized ed il mid-tempo Fearless) ci si ritrova davanti una piccola "cronistoria" della produzione della band svedese; la successiva Craving For Another Killing scuote l'ascoltatore con un attacco velocissimo, al limite del death-core, e precede il probabile singolo Let The Knife Do The Talking, un pezzo durissimo e pesantissimo, in cui le vocals raggiungono probabilmente il picco più alto nella release.
Qualcuno potrà ritenere che nelle successive tracce la band dia a volte l'impressione di "fare accademia", appoggiandosi a capacità che non potrebbero far difetto a chi ha contribuito così a lungo alla storia di un genere musicale, ma una critica del genere, condivisibile o meno che sia, sarebbe a mio avviso ingenerosa sia verso gli Hypocrisy che verso Virus, disco ben al di sopra della sufficienza. Chiude il lavoro la lenta e drammatica Living To Die, che pone la parola fine su un disco certamente tutt'altro che rivoluzionario (cosa che tra l'altro ci è sembrata ben lontana dalle intenzioni della band), ma certamente di ottimo livello, a cui, credo, un appassionato non negherà l'ascolto che merita.

Concludendo, se non amate il death metal, non sarà probabilmente Virus a spingervi ad ascoltarlo, ma se lo amate, certamente non sarà Virus a spingervi verso altri lidi.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
61.56 su 67 voti [ VOTA]
Riccardo
Domenica 30 Agosto 2020, 13.17.43
9
Io non so perchè la gente deve dare dei voti a cazzo. Se non vi piacciono gli Hypocrisy non leggete e passate oltre. Gran bel disco. 80 e fanculo i poser!
Augh
Domenica 9 Dicembre 2018, 11.54.46
8
56 di media? Vi devono cadere le falangi! ma il voto agli utenti levatelo
Doomale
Venerdì 2 Febbraio 2018, 15.47.20
7
Voto un pò stretto, secondo me è forse il migliore della seconda parte di carriera. Forse...comunque ad 8 può arrivarci.
zakyzar
Mercoledì 21 Dicembre 2016, 20.25.51
6
di molto ma veramente molto sopra la media e le teste dei piccoli gruppetti grandi hypocrisy ormai sono una delle pochissime certezze in campo death..voto 81
LazzaLazza
Domenica 6 Gennaio 2013, 14.06.37
5
voto lettori 50.40 ...come si fa? è un capolavoro questo cd !
antiborir
Martedì 26 Aprile 2011, 16.27.00
4
Grande album!voto 80
Flag Of Hate
Lunedì 7 Marzo 2011, 23.12.50
3
Molto buono, fantastica amalgama tra violenza, melodia, atmosfera e cattiveria. "A Thousand Lies" è spettacolare, così come la maggior parte dei brani lenti di Tagtgren e soci. 85/100
Defunct
Mercoledì 1 Febbraio 2006, 14.15.25
2
Meraviglioso!!! Potente,feroce,malato....!!!! Grandi Hypocrisy...questo è puro Death-Metal!!!!
Caleib
Martedì 3 Gennaio 2006, 22.33.55
1
Uhm...no no no!!! Non si può dare un voto di sufficenza a Virus! C'è velocità, c'è violenza, c'è melodia e c'è pure un batterista più feroce e "bravo". Cosa volete di più? Io gli darei 80-85.
INFORMAZIONI
2005
Nuclear Blast
Death
Tracklist
1. Intro
2. Warpath
3. Scrutinized
4. Fearless
5. Craving For Another Killing
6. Let The Knife Do The Talking
7. A Thousand Lies
8. Incised before I've Ceased
9. Blooddrenched
10. Compulsive Psychosis
11. Living To Die
Line Up
Peter Tagtgren: voce, chitarra
Andreas Holma: chitarra
Mikael Hedlund: basso
Horgh: batteria
Andreas Holma: chitarra
 
RECENSIONI
80
81
72
70
84
86
90
88
80
72
ARTICOLI
03/11/2006
Articolo
HYPOCRISY
La biografia
24/07/2005
Intervista
HYPOCRISY
Parla Peter Tagtgren
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]