Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/07/20
MERIDIAN DAWN
The Fever Syndrome

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

10/07/20
INTER ARMA
Garber Days Revisited

10/07/20
ROAD SYNDICATE
Smoke

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
BATTLE DAGORATH
Abyss Horizons

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Adimiron - Burning Souls
( 3957 letture )
Non c’è che dire, a volte i soldi aiutano anche il talento. “Burning Souls”, full lenght dei deathster italiani Adimiron, si candida come uno degli album death made in Italy più completi degli ultimi anni, vuoi per la grande qualità della produzione (ancora una volta ai New Sin), vuoi per la proposta musicale. Le canzoni, pur non sprizzando originalità da ogni poro (a differenza di ciò che è proclamato nella brochure, secondo la quale gli Adimiron sarebbero niente meno che una “Innovative Death/Thrash” metal band), sono dotate di strutture a dir poco accattivanti, e costruite in maniera così genuina e compatta (nonostante la durata media si attesti sui 6 minuti per brano) da risultare assolutamente appaganti per l’ascoltatore.
Tecnicamente parlando, ogni musicista dà il meglio di sé, curando discretamente l’arrangiamento, ma soprattutto suonando in maniera sicura in ogni frangente, dal fraseggio acustico al blast beat death. In altre parole, la band suona ciò che gli riesce meglio, creando così un sound avvolgente e ben bilanciato tra uno strumento e l’altro. L’unica eccezione è rappresentata dalle tastiere, a mio avviso esageratamente in secondo piano rispetto alle chitarre. E’ chiaro che l’idea di dare più spessore alle chitarre e meno alle keyboards risulta essere uno standard nel death (oltre al fatto che il tastierista Davide Fasulo non è un membro della band), ma a maggior ragione ritengo che avendo voluto fare un’eccezione alla regola, o in altre parole provando una soluzione più azzardata, il suono ne avrebbe guadagnato in qualsiasi caso in originalità, e forse anche in definizione.
Gli strumenti più curati da un punto di vista della varietà esecutiva risultano essere le chitarre, che si alternano piacevolmente tra puliti e distorti, e la batteria, sempre perfettamente al servizio della forma canzone, senza divagazioni inutili e al contempo risultando d’impatto quasi in ogni frangente.
Il punto debole della formazione a mio parere resta il cantante, come nelle precedenti produzioni della band, il quale forse potrebbe differenziare maggiormente i passaggi vocali, riducendo ad esempio lo screaming (di qualità discreta) e aumentando il growling. Considerate le melodie proposte in quasi tutti i brani, direi che anche un accenno di cleaning non sarebbe una cattiva idea.
Tirando le somme, gli Adimiron non si potranno di certo paragonare ai grandi Infernal Poetry o agli ottimi Coram Lethe, ma restano di fatto una delle grandi promesse italiane. La mia speranza è che continuino anche nei prossimi album a proporre death di alta qualità, con la stessa naturalezza di “Burning Souls” ma con ancora più audacia e voglia di mettersi in gioco… il pubblico straniero non potrà che apprezzare. E il sottoscritto pure.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
24.47 su 34 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2004
Karmageddon Media
Death
Tracklist
1. Delirium Tremehens
2. New Day Denied
3. Cold Anxiety
4. Forgotten Memories
5. Suffering Voices
6. Obsessive Insanity
7. Endless Worlds
8. Unexpected Life
Line Up
Alessandro Castelli: Guitars
Leonardo Gioia: All vocals
Davide Corlianò: Bass guitar
Davide Carotenuto: Drums
 
RECENSIONI
s.v.
ARTICOLI
01/12/2017
Live Report
ENSLAVED + ADIMIRON
Circolo Colony, Brescia, 30/11/2017
16/03/2016
Live Report
SADIST + ADIMIRON + FOG + DYING MUSES
Cycle Club, Calenzano (FI), 12/03/2016
15/12/2015
Live Report
SWALLOW THE SUN + WOLFHEART + ADIMIRON
Circolo Colony, Brescia (BS) - 10/12/2015
03/12/2013
Live Report
DEATH ANGEL + EXTREMA + DEW-SCENTED + ADIMIRON
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 30/11/2013
04/06/2012
Live Report
OBITUARY + ADIMIRON + CORPSEFUCKING ART ed altri
Blackout Rock Club, Roma, 02/06/2012
08/04/2012
Intervista
ADIMIRON
Facciamo musica, la facciamo con il cuore!
16/03/2012
Live Report
SUFFOCATION + CATTLE DECAPITATION + BLOOD RED THRONE + ADIMIRON + SEPHIRAH
Boulevard Rock Club, Misano Adriatico (RN), 10/03/2012
10/12/2010
Live Report
IMPALED NAZARENE + ADIMIRON + LUNARSEA + BLIND HORIZON
Init Club, Roma, 05/12/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]