Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

King`s X - Ogre Tones
( 4867 letture )
Disco difficile, questo Ogre Tones. Il trio texano, già attivo da più di un ventennio, arriva al primo full-length per la blasonata InsideOut, label che dovrebbe garantire un taglio “prog” alla nuova fatica dei King’s X; un’altra grande, grandissima garanzia è il produttore Michael Wagener, in passato già con Queen, Extreme, Alice Cooper tra gli altri. E invece? E invece siamo di fronte ad un platter a dir poco altalenante, fatto di sorprese sgradite e di ritorni al passato, pieno di ottima musica e di momenti vacui, annacquati, scialbi. L’opener Alone, primo singolo del nuovo lavoro, irrompe con voce filtrata, chitarre appesantite da low tunings ed un sound volutamente noisy… Piacerà ad alcuni, certo, non sarà la prima volta per i King’s X, ma il risultato suona un po’ troppo scontato e poco pompato. Difetto che, peraltro, sarà presente in maniera preoccupante per molte tracce dell’album, condite da chitarre a 7 corde, una preoccupante poca verve del mitico Jerry Gaskill dietro le pelli, ed una prova “da sufficienza” di gente come Doug Pinnick e Ty Tabor, che quando vogliono sanno esaltare il proprio strumento. A mio avviso, il primo capitolo decisamente piacevole lo si trova in traccia 6: Bebop è un brano accattivante, i cori ricominciano a ricamare come sanno, gli strumenti incalzano in puro 'stile King’s X’ e la perizia esecutiva dei tre si riaffaccia nuovamente, quasi che i primi brani fossero una sorta di ‘warm up’. Anche la successiva Honesty, dal gusto elettro-acustico, lascia un piacevole sapore in bocca, ma, almeno per chi vi scrive, non è il caso di sperare troppo. Open my Eyes, Freedom, Get Away scorrono via troppo velocemente, troppo banali per un disco come questo, assolutamente non prog se non per la (encomiabile) ricerca sonora e compositiva. Le lyrics girano un po’ a vuoto, non ispirate come in altri episodi (qualcuno ricorda Tapehead?). Un ultimo colpo di coda lo riceviamo alla track n° 12, Mudd, dove Doug e soci ricominciano a tessere con una naturalezza talmente disarmante da lasciarti l’amaro in bocca per la facilità con cui la si è persa prima. Chiude il platter Bam, miscuglio di ‘speeches’ e noises dal sapore vagamente annichilente.
Cosa dire? Sono sempre in prima linea quando c’è da difendere un buon disco, per quanto sconosciuto, come sono altrettanto pronto a dire il vero di un lavoro poco convincente, anche se appartiene ad una band dal grande blasone come i King’s X. La fonte creativa è un po’ prosciugata, al momento; poco male, non è la prima volta. Chi segue Ty Tabor e soci sa che spesso album inconsistenti si sono alternati a piccoli capolavori; sarà la poca costanza compositiva, forse, a costringere i nostri a tutti i cambi di label che hanno subito. Ma tant’è, Ogre Tones è più che una buona scusa per ripartire in tour, e sul palco i King’s X sanno ESATTAMENTE cosa e come fare.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
32.13 su 30 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Sabato 30 Gennaio 2016, 14.05.41
4
Discreto, ma non insufficiente. Su tutte le armonie vocali di Fly, il folk di If, la melodia di Get away e l'affascinante Sooner or later. 73
freedom
Venerdì 7 Febbraio 2014, 11.01.50
3
Voto paurosamente basso per questo buon album di questa fantastica e sottovalutata band. Non siamo ai livelli di cose tipo Dogman è vero, ma 55 è troppo poco. Voto 70. A quando le recensioni dei veri capolavori del gruppo?
Simone
Giovedì 6 Luglio 2006, 14.13.39
2
scusa mi spiace ma non hai capito nulla di questa storica band; già sbagli a chiamarli prog, perché NON C'ENTRANO ASSOLUTAMENTE NULLA con questo genere, e mai ci sono entrati!!! iL LORO GENERE NON PUò CHIAMARSI CHE GROOVE-HARD-ROCK. Il prog sono i gentle giant, genesis, EL&P, yes, e i KX non hanno proprio NULLA a che fare con queste rispettabili band. Non conosco i tuoi generi musicali, ma sicuramente se definiscii i pezzi del CD annaquati, vuol dire che non hai assolutamente gusto per le belle melodie, i cori, i riff non scontati che loro da 18 anni a questa parte esprimono - OT è un gran ritorno alle bellissime cose di Dogman, KX, Faith hope Love dopo un periodo di "imballo" E comunque grazie a recensioni superficiali fatte negli anni come la tua loro non sono mai riusciti ad avere il giusto spazio che avrebbero SEMPRE meritato. perché nel music-biz l'apparire è meglio dell'essere... Il discorso è che Ogre Tones è un lavoro che non è come lo descrivi tu: ci sono ottime p
Mario
Lunedì 26 Settembre 2005, 19.06.35
1
This album is great!!! Whats wrong with you?
INFORMAZIONI
2005
Inside Out
Prog Rock
Tracklist
1. Alone
2. Stay
3. Hurricane
4. Fly
5. If
6. Bebop
7. Honesty
8. Open My Eyes
9. Freedom
10. Get Away
11. Sooner Or Later
12. Mudd
13. Bam
Line Up
Doug Pinnick - Vocals & Bass
Ty Tabor – Guitar and vocals
Jerry Gaskill – Drums and vocals
 
RECENSIONI
55
90
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]