Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SAATE
The Conjouring

27/04/18
DISCOMFORT
Fear

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
GRA
Väsen

CONCERTI

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

27/04/18
ENSIFERUM + EX DEO - ANNULLATO!
HIROSHIMA MON AMOUR - TORINO

27/04/18
IRON SAVIOR + DRAKKAR + AIRBORN + BLACK PHANTOM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

27/04/18
WEEDEATER
KRAKEN - MILANO

27/04/18
AXEVYPER + GUESTS
EXENZIA - PRATO

Sidhe - She is a Witch
( 1975 letture )
Cos'è la femminilità? Forse è il corpo di una strega che danza per i boschi. Questo sembrano dirci i Sidhe, gruppo del Nord Italia il cui primo disco vero e proprio, questo She is a Witch, è pagano e mistico nell'essenza. Lo stile richiama molto da vicino quello di una band unica come gli Inkubus Sukkubus: un rock (ma quasi metal) stracolmo di suggestioni pagan e dai toni gothic, che si concentra sulla figura femminile, di corpo e spirito, punto focale della magia e del divino. D’altra parte, Goddess Song contiene un piacevolissimo omaggio alla band inglese (al loro brano più famoso e amato, Witches), con un'incalzante litania di nomi di dee tratte da ogni cultura, a simboleggiare come in realtà collassino tutte in un’unica, ipotetica, “donna universale”.

Tutti i testi (opera della coppia Rob-Tytanja) sono estremamente curati, mantenendo il tono costante fra inglese ed italiano in una litania insistente ed affascinante: l'impressione è quella di un sabba a metà fra realtà e sogno. I brani sono lunghi (tutti sopra i cinque minuti, due sopra i sette), il che da una parte contribuisce a questo senso di “flusso continuo”, dall’altra forse le molte ripetizioni -senza dubbio funzionali al contesto ed alle atmosfere- rischiano di stancare l’ascoltatore. In grande evidenza per tutto l'album è il lavoro di chitarra di Rob, molto diverso dal sound proposto con i Longobardeath e dalle sue precedenti esperienze, maggiormente votate all’estremo; qui invece alterna melodie aperte a riff doom vecchio stile (In the Twilight, ad esempio, ricorda molto da vicino i primi Candlemass). Al contrario, il basso risulta un po’ sacrificato, e questa è una delle poche critiche che si possono fare a She Is a Witch. L’altra riguarda, indirettamente, la prestazione di Tytanja: la voce è adattissima al genere, sia come timbro che come intenzione profusa nelle parole, ma una pronuncia inglese macchinosa si riflette talvolta negativamente sul piacere dell'ascolto. Anche per questo sono preferibili i brani (o i passaggi all'interno di brani) cantati in italiano: sono più “autentici” -perché il sabba potrebbe anche avvenire a pochi passi dalle nostre case- e più particolari, perché di band che cantano il misticismo in inglese ce ne sono già svariate. Perciò L’Incantesimo, Il Vangelo di Aradia e The Witchcraft Way (che ha il ritornello in italiano) spiccano senza dubbio per la loro efficacia comunicativa, senza nulla togliere agli altri brani, ognuno meritevole di svariati ascolti per apprezzare le melodie avvolgenti.

She is a Witch è un disco d’atmosfera, nel senso che la sua qualità migliore è quella di creare una serie di immagini attorno all’ascoltatore per trascinarlo nella visione intrigante dei Sidhe. Nonostante si senta la passione per determinati gruppi, il risultato è convincente e personale anche nei dettagli (ad esempio la confezione, seppur spartana, è piacevole e curata): sicuramente un ottimo punto di partenza per un gruppo che può inserirsi nell’ampio filone di musica pagana presente nel Nord Italia.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
67 su 4 voti [ VOTA]
Ahti
Sabato 14 Luglio 2012, 21.34.16
6
Gran disco, senza dubbio. Ottima atmosfera e discreto riffing.
Red Roger
Venerdì 13 Luglio 2012, 19.12.06
5
Sembravano interessanti finchè non ho letto che son adepti della Wicca....
mike
Giovedì 12 Luglio 2012, 18.35.45
4
mah, non mi hanno entusiasmato...
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 11 Luglio 2012, 13.54.09
3
Merci, Monsieur Metal3K. Vraiment agréable.
Metal3K
Mercoledì 11 Luglio 2012, 13.07.19
2
@Le Marquis: rispondo in vece di Valkyria per fare un po' di chiarezza. Dopo una breve ricerca, mi sono reso conto che si tratta di un caso di omonimia. Il gruppo qui recensito e' Sidhe dalla Lombardia. Quello a cui ti riferisci e' invece Shide dalla Puglia. In effetti e' facile fare confusione, i nomi sono molto simili.
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 11 Luglio 2012, 11.54.55
1
Si vous plait, ma questi non avevano fatto l'EP Imploded Mind nel 2002, poi Shadow's Dilemma nel 2004 e poi ancora l'EP Sometime Something Changes nel 2006? Non mi sembrava facessero "pagan", però posso sbagliarmi. Merci per la sua risposta.
INFORMAZIONI
2012
Autoprodotto
Pagan
Tracklist
1. The Wheel of the Year
2. Goddess Song
3. L'Incantesimo
4. She is a Witch
5. Il Vangelo di Aradia
6. In the Twilight
7. Witchcraft Way
8. Superstition
Line Up
Tytanja (Vocals)
Rob (Guitar)
Vins (Bass)
Mike (Drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]