Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
GOLGATA
Tempel

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

04/12/20
HYRGAL
Fin de Règne

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Bruce Springsteen - Greetings from Asbury Park, N.J.
( 3642 letture )
Una cartolina dal New Jersey: potremmo descrivere con queste poche parole l'esordio di colui che verrà ribattezzato in un futuro non troppo lontano The Boss. Già l'artwork del disco suggerisce questa definizione ma sono soprattutto i testi e le vicende narrate che ce ne danno conferma, fotografie di un'America operaia e squattrinata assai lontana dalle luci sfavillanti di Hollywood, ritratti di personaggi sfortunati e disillusi.
La narrazione di queste vicende di periferia americana hanno fatto sì che fin da subito l'allora ventiquattrenne Bruce Springsteen venisse paragonato all'ingombrante figura di Bob Dylan, essendo i due accomunati dal ruolo di moderni cantastorie e -bisogna ammetterlo- il paragone reggeva alla grande: il ragazzo infatti, come già il suo illustre ed esperto collega, sa rendere alla perfezione sensazioni e atmosfere mostrandoci grazie alla musica e soprattutto ai testi un quadro vivido e particolareggiato dei soggetti di cui canta; nulla viene tralasciato, persino la più piccola sfumatura è utile ai fini della comprensione di quello che l'artista vuole farci conoscere e in questo Springsteen si rivela un vero maestro nell'uso delle parole.

Si va dai ritmi più allegri di Blinded by the Light a quelli più introspettivi di Growin' Up fino alle sonorità velate di malinconia di The Angel e di Mary Queen of Arkansas, sottolineate in quest'ultima da un'armonica che arriva a toccare le corde dell'anima. A proposito della famosa opener -coverizzata in seguito da Manfred Mann's Earth Band- possiamo contare nel testo la bellezza di 514 parole a conferma della puntigliosità descrittiva del musicista; del resto per Greetings from Asbury Park, N.J. il giovane Bruce aveva scritto prima le lyrics e solo successivamente si era occupato delle musiche. Dopo la travolgente Does This Bus Stop at 82nd Street? arriva quello che sicuramente può essere considerato uno degli apici dell'intero platter, la bellissima ballata Lost in the Flood che usufruisce dell'accompagnamento di un ispiratissimo pianoforte, incantevole nella sua semplicità. For You è l'ennesimo fiume di parole in piena che ubriaca l'ascoltatore, mentre Spirit in the Night resterà anche negli anni a venire una delle favorite del pubblico ai concerti del Boss. Chiude l'album It's Hard to Be a Saint in the City (di cui David Bowie registrerà una propria versione) nella quale affiora tutta la rude poetica del musicista che riesce perfettamente a trasmettere le immagini della dura vita di un ragazzo di periferia.

Album caratterizzato da sonorità acustiche che spesso sfociano nel rock, Greetings from Asbury Park, N.J. è un disco ancora piuttosto acerbo ma che rende perfettamente i sentimenti di ribellione e inquietudine che pervadono una parte di gioventù cresciuta in un contesto sociale fatto di povertà e speranza; un piccolo classico per gli amanti del genere folk rock.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
88.85 su 14 voti [ VOTA]
DEEP BLUE
Martedì 19 Maggio 2020, 13.02.25
12
Secondo me i primi due dischi non reggono minimamente il confronto con il terzo "Born to Run", uno dei capolavori della musica Rock
GRC
Martedì 10 Aprile 2018, 19.44.58
11
Disco bellissimo, ascoltandolo a volte penso: "se uscisse oggi un album d'esordio così ?". A mio modesto parere voto recensore troppo basso.
Bruce
Domenica 5 Agosto 2012, 0.56.47
10
Grandissimo album per un artista solo per veri cultori del rock vero e puro... Spirit in the night e Mary Queen of Arkansas le mie preferite di questo lavoro. Per Ayeron: Dancing in the dark non è sicuramente tra i suoi pezzi migliori..e poi che non ha mai fatto un pezzo sottotono?? Anche Born In The USA per me come pezzo è sottotono per dire, troppo commerciale e per le masse.( Inoltre sottolineo che i Pooh negli anni 70 hanno fatto album prog di spessore, vedi Parsifal che ci dovrebbe essere la rece su Metallized). Per Tommy: dipende da cos'hai sentito. Per Billorock: lascia stare, non fa per te
Slow
Sabato 4 Agosto 2012, 12.55.42
9
Non è il mio album preferito ma il Boss è IMMENSO.
MikePatton
Mercoledì 1 Agosto 2012, 18.38.29
8
Dal vivo fa paura
Le Marquis de Fremont
Martedì 31 Luglio 2012, 17.23.15
7
Beh, sono stati più i testi che descrivevano la inesportabile America dei perdenti che hanno fatto la fortuna del Boss rispetto ad altri rocker del tempo. Ha fatto un successo mondiale con Born in the USA a metà degli anni '80 e le sue performance dal vivo erano memorabili (io ne ho vista una di più di due ore e lo hanno fermato perchè era quasi l'una di notte...). Aveva inoltre una ottima E-Street Band che lo accompagnava. Non sono mai stato un suo fan ma una canzione come The River è un capolavoro. Au revoir, Monsieurs.
ayreon
Lunedì 30 Luglio 2012, 15.56.58
6
non mi è mai piaciuto,eppure i critici ad ogni suo disco lo acclamano ,pure su pezzi come "dancimg in the dark" (neanche i pooh hanno fatto simili banalità),musica scontatissima e sempre uguale a se stessa.Fatto un pezzo lento e uno ritmato,fatti tutti.
Daniele2112
Domenica 29 Luglio 2012, 1.46.45
5
L'inizio della leggenda
tommy
Domenica 29 Luglio 2012, 0.45.30
4
quanto mi sta sul...scontatissima la sua musica o almeno quel poco che ho sentito...
ok
Giovedì 26 Luglio 2012, 20.39.25
3
bruce the boss una leggenda
BILLOROCK Fci.
Giovedì 26 Luglio 2012, 16.40.12
2
Artista valido e gran icona rock n roll, ma personalmente (a parte 2 o 3 hits) non amo la sua musica o meglio il suo genere, ma ribadisco gran artista...
chupacapra
Giovedì 26 Luglio 2012, 0.48.32
1
75 è poco per uno dei paladini del rock!
INFORMAZIONI
1973
Columbia Records
Folk Rock
Tracklist
1. Blinded by the Light
2. Growin' Up
3. Mary Queen of Arkansas
4. Does This Bus Stop at 82nd Street?
5. Lost in the Flood
6. The Angel
7. For You
8. Spirit in the Night
9. It's Hard to Be a Saint in the City
Line Up
Bruce Springsteen (Voce, Chitarra, Armonica)
Clarence Clemons (Sassofono, Voce, Cori)
Garry Tallent (Basso, Cori)
David Sancious (Tastiere, Pianoforte, Organo)
Vini Lopez (Batteria, Cori)
Richard Davis (Basso)
Harold Wheeler (Pianoforte)
 
RECENSIONI
79
80
68
80
93
90
89
90
88
75
75
ARTICOLI
09/07/2016
Live Report
BRUCE SPRINGSTEEN AND THE E-STREET BAND
Stadio San Siro, Milano, 03/07/2016
16/07/2013
Live Report
BRUCE SPRINGSTEEN AND THE E-STREET BAND
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 11/07/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]