Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Carcass
Torn Arteries
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/21
URIAH HEEP
Every Day Rocks (Box-Set)

24/09/21
SECOND REIGN
Gravity

24/09/21
MANDOKI SOULMATES
Utopia for Realists - Hungarian Pictures

24/09/21
DES ROCS
A Real Good Person in a Real Bad Place

24/09/21
JOHN DALLAS
Love & Glory

24/09/21
TREMONTI
Marching in Time

24/09/21
POP. 1280
Museum On The Horizon

24/09/21
SPIRIT BOMB
Tight

24/09/21
TENTATION
Le Berceau des Dieux

24/09/21
LLNN
Unmarker

CONCERTI

24/09/21
TRIBULATION + BØLZER + MOLASSESS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

24/09/21
LA MORTE VIENE DALLO SPAZIO
ZIGGY CLUB - TORINO

25/09/21
METALITALIA.COM FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/09/21
SAN LEO
ZIGGY CLUB - TORINO

28/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/09/21
EVANESCENCE + WITHIN TEMPTATION
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

29/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA - ROMA

29/09/21
AMENRA
LINK - BOLOGNA

02/10/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/10/21
POWERWOLF
ALCATRAZ - MILANO

Korpiklaani - Manala
( 5993 letture )
Li avevo dati per persi. Mi ero rassegnata al fatto che la qualità degli album dei Korpiklaani stesse gradualmente ed inesorabilmente declinando. Con Manala mi aspettavo un Ukon Wacka più noioso e meno convincente, così come Ukon Wacka era già stato a suo tempo un Karkelo più noioso e meno convincente.
E invece no. Mi sono dovuta ricredere. Una delle rare volte in cui sono contenta di aver sbagliato!

Certo, Manala non raggiunge i livelli dei primi (e fantastici) dischi della band di Lathi, ma ci dimostra come questi sei ubriaconi abbiano ancora qualcosa da dire. A mio parere Manala batte alla grande non solo Ukon Wacka, ma anche Karkelo che, a dirla tutta, escludendo le tre hit Vodka, Joudaan Viinaa e Bring Us Pints of Beer è piuttosto monotono.
Manala dal canto suo è invero piuttosto vario: i 12 brani che contiene ci mostrano ognuno un lato diverso dell'offerta della band di Lathi, cosa che, sebbene la durata complessiva sia in linea con le ultime produzioni, spezza la monotonia di fondo tipica appunto dei precedenti dischi.
Manca l'abituale "drinking song", ma piuttosto che sentire un'altra Tequila, episodio che giudico forzato e poco convincente, va decisamente meglio così (d'altro canto, di drinking song in repertorio per movimentare i live ormai i Korpiklaani ne hanno abbastanza, quindi tanto vale lasciare spazio ad altro). Le atmosfere festaiole e danzerecce comunque non mancano, con la rivisitazione della tradizionale Ievan Polkka (gli appassionati di anime tra voi la conosceranno già bene. Immagino che entro breve youtube sarà invaso da video di Jonne con un porro in mano...) e la tribale e in un certo qual modo Rammsteiniana Rauta (il mood danzereccio e l'entrata violenta delle chitarre mi ricordano un po' la proposta dei tedeschi).
In quest'album c'è anche parecchio spazio per la malinconia e l'introspezione: Dolorous è una strumentale dal sapore nostalgico e agrodolce, con un violino struggente che fa sognare, ed Husky Sledge è un solo del nuovo violinista Tuomas Rounakari, che ci mostra la maniera di suonare il violino degli sciamani: la tecnica consiste nel ripetere diverse volte le stesse poche note diminuendo la pressione dell'archetto sulle corde ed avvicinandolo al ponticello fino ad ottenere uno strano suono frusciante; nel frattempo si tiene il ritmo battendo i piedi, ai quali sono legati alcuni campanelli. Sembra che Tuomas sia in grado di raggiungere uno stato di trance, suonando in questo modo: il risultato è più antropologicamente interessante che bello da sentire, ma contribuisce comunque a rendere ricca e variegata l'offerta di Manala.
Anche altri pezzi, come ad esempio Uni e Metsälle, sono un po' più riflessivi del solito, ma senza scadere sulle lagne da ubriaco stanco. Hanno piuttosto quella malinconia e nostalgia di fondo tipici della musica tradizionale, un aspetto questo che ho molto apprezzato in quanto sa di ritorno alle radici folk, nonostante Manala sia anche un album in grado di spingere molto sulla parte metal: violino e fisarmonica, infatti, occupano un ruolo di primo piano meno frequentemente del solito e lasciano più spazio a chitarre, basso e batteria, che sono potenziati e messi in evidenza da un sound meno pulito e più cupo rispetto a quello degli album precedenti.
Il cd è accompagnato da un bonus disc che contiene l'intero album cantato in inglese, un'idea di cui francamente all'inizio non intravedevo l'utilità ma sulla quale mi sono dovuta ricredere. Il bonus disc è la copia quasi esatta del disco originale (contiene anche i pezzi strumentali e le tracce sono nello stesso ordine) e ciò permette di scegliere quale versione ascoltare in base alle nostre preferenze. Io, ad esempio, preferisco quella inglese: cosa strana, tra l'altro, perché di solito tendo a preferire i gruppi che cantano in lingua originale ma devo ammettere che non mi piace molto la musicalità del finlandese e preferisco di conseguenza lo Jonne anglofono: le parole sono più corte e la sua voce ne guadagna in incisività, mentre con le parole lunghe del finlandese il suo modo di cantare risulta un po' strascicato, un aspetto che stufa facilmente.
Per qualche strano motivo l'ultima canzone, Sumussa Hämärän Aamun, non è inclusa nel cd in inglese. Non capisco il perché della scelta ma poco male, dopotutto quest'ultima traccia non è certo tra le migliori del disco: si tratta di un brano lungo e duro, con un riff lento e pesante tipicamente doom metal, il che se da un lato costituisce un ulteriore "punto varietà" che Manala si porta a casa, dall'altro non convince appieno: l'aggiunta delle consuete melodie folk allegre nel ritornello crea un'atmosfera strana che non riesce ad essere triste, non riesce ad essere allegra, non risulta nemmeno epica... Insomma, non è né carne né pesce.

Manala si apre con Kunnia/Honor, canzone punkeggiante e orecchiabile che avrete già avuto modo di sentire. Brano carino, ma abbastanza scontato, sicuramente non tra i migliori del disco. Tuonelan Tuvilla/At the Huts of the Underworld è invece un brano aggressivo, molto riuscito, con chitarre thrasheggianti ben armonizzate con i suoni più melodici di violino e fisarmonica ed uno Jonne che dà una buona prova di sé, variando il suo modo di cantare da strofa e ritornello creando un buon contrasto. Rauta/The Steel la conoscete già: di primo acchito mi aveva lasciata perplessa perché molto scarna, ma guadagna parecchio con gli ascolti ed ha un ritmo travolgente, quindi scommetto che farà furore nei live. Ruumiinmultaa/Soil of the Corpse è un altro brano aggressivo ed allo stesso tempo incalzante, con un ritornello allegro ed un violino scatenato. Petoeläimen Kuola, canzone dall'attacco molto thrash, è piuttosto diversa dalla sua controparte Predator's Saliva: quest'ultima ha delle parti vocali inusuali, con una voce molto pulita che si alterna ad un growl che, ipotizzando di ascoltare questa canzone senza sapere di chi sia, non sarebbe altro che la naturale conseguenza del riff thrash estremo su cui si regge il brano. Ma trattandosi dei Korpiklaani, beh, ci sono rimasta di sasso! La versione in finlandese, cantata da Jonne nel suo solito modo, perde il confronto. La successiva Synkkä/Dark Side è una ballad e... Sì, forse è un po' una lagna da ubriaco stanco: la voce che Jonne utilizza per questa canzone è strascicata e sgraziata e le conferisce un tocco di autenticità, ma a parte questo il brano non è niente di che, ha una melodia abbastanza banale e non si lascia ascoltare troppo volentieri. Per fortuna la noia di questa canzone è compensata dalla successiva Ievan Polkka/Ieva's Polka, il pezzo tradizionale dal ritmo sfrenato che ho già citato. Dopo le strumentali Husky Sledge e Dolorous il disco continua con Uni/Dream, altro brano incalzante e ben riuscito, con un bel giro di basso ed un violino che ne costituisce la ciliegina sulla torta. Anche Metsälle/Off to the hunt dovrebbe esservi già nota: si tratta di una canzone dal sapore arcano, che inizia malinconica e lenta e si sviluppa su ritmi più sostenuti, per poi rallentare nuovamente sul finale. Sumussa Hämärän Aamun, come ho avuto modo di dire nel paragrafo precedente, non chiude l'album granché in bellezza, ma quando Manala finisce la voglia di premere di nuovo "play" c'è, cosa che con i Korpiklaani non mi capitava da un po'.

Un album, quindi, che mi ha lasciato soddisfatta e che resiste anche a numerosi ascolti. Mi auguro che sia l'inizio di una nuova risalita per la band di Lathi.
Di sicuro hanno dimostrato di avere ancora qualcosa da offrire.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
73.42 su 21 voti [ VOTA]
Theo
Sabato 24 Novembre 2012, 22.00.18
14
Ah, come dice Carolina... Meglio che questa volta non abbiano inserito la solita/e drinking song... I testi ne hanno giovato di gran lunga, molto più belli del solito anche questi, sta volta ben pensati... Non che non mi siano piaciute le loro leggendarie canzoni alcooliche, ma si sa... L'alcool alla lunga nuoce
Theo
Sabato 24 Novembre 2012, 21.58.37
13
Oh! Ho dimenticato di dire la mia XD Bene... Per me è davvero un ottimo passo in avanti rispetto agli ultimi due lavori, lo reputo anche meglio di Karkelo, che ho comunque apprezzato molto... Le tracce sono ben pensate e ben eseguite, Jonne al microfono è meglio e soprattutto c'è varietà rspetto ai vecchi lavori e nuove soluzioni... Ottime la traccia conclusiva "Sumussa Hämärän Aamun" e la iniziale "Kunnia", veramente bella quest'ultima. Devo fare una constatazione però: ho preferito il cd in lingua inglese sta volta, strano perchè ho sempre adorato il suomi nelle canzoni però sta volta ascolto più con piacere il CD2 ovvero la versione inglese intitolata "Underworld" (traduzione semplice di Manala...). Ad ogni modo per me ottima prova e grande ripresa dopo il non freschissimo e un po sottotono Ukon Wacka, che seppur con qualche discreta canzone non mi aveva fatto impazzire. Per me il miglior prodotto dai tempi di Korven Kuningas... O fosre anche meglio, voto 75.
Kirves
Domenica 7 Ottobre 2012, 14.43.53
12
Lo trovo sicuramente un gran passo avanti (o indietro temporalmente xD) rispetto ad Ukon Waka =) ... però io penso che siano comunque ben lungi da Karkelo o Spirit of the Forest... Prendetevi più tempo cazzo! ... Voto: 70
Metalfrank
Mercoledì 3 Ottobre 2012, 18.18.42
11
I korpiklaani sono una delle mie band preferite e quando hanno annunciato questo nuovo album credevo che sarebbe stato un'altra bella ciofeca come ukon wacka,invece mi son dovuto ricredere!Manala è un disco davvero niente male un 75 se lo merita tutto......speriamo che ora si prendano una lunga pausa e per il 2013 non annuncino un nuovo album!
supertofunaza
Domenica 2 Settembre 2012, 13.38.00
10
lo sto ascoltando in questi giorni....maria vergine che schiefezza d'album....molto al di sotto del precdente...li rivedrò dal vivo a novembre con l'heidenfest ma spero che non inseriscano nella setlist molte canzoni di questo scempio...
Lob
Giovedì 30 Agosto 2012, 11.57.49
9
dischetto e nulla più...voto 60
andrea - heidevolk fan club
Giovedì 23 Agosto 2012, 10.40.40
8
io direi che è meglio di karkelo!!!!!
Jezolk
Giovedì 9 Agosto 2012, 12.44.07
7
Ritorno in grande stile per il clan. 80 meritatissimo!
Michele
Martedì 7 Agosto 2012, 10.41.39
6
A me non è piaciuto...
fabriziomagno
Lunedì 6 Agosto 2012, 21.41.35
5
a me piaciucchia non poco...lontano dai fasti del passato, ma - per fortuna - lontano anche dall'ultima porcheria. Concordo con il voto di Carolina.
Theo (al mare)
Domenica 5 Agosto 2012, 14.17.34
4
Bene, sono molto curioso ora... Lo compro e mi faccio risentire a breve
tommy
Sabato 4 Agosto 2012, 19.53.03
3
minchia la fisarmonica...il mio strumento nel metal evvai aaaah....
il vichingo
Sabato 4 Agosto 2012, 11.03.19
2
Copertina davvero splendida. Il disco devo ancora sentirlo ma non mi aspetto nulla, per me il Clan della foresta è morto con Korven kunigas, l'ultimo lavoro della band che riesco ad ascoltare dall'inizio alla fine.
BILLOROCK Fci.
Sabato 4 Agosto 2012, 10.59.43
1
Buona band direi, non male !
INFORMAZIONI
2012
Nuclear blast
Folk
Tracklist
1. Kunnia
2. Tuonelan Tuvilla
3. Rauta
4. Ruumiinmultaa
5. Petoeläimen Kuola
6. Synkkä
7. Ievan Polkka
8. Husky Sledge
9. Dolorous
10. Uni
11. Metsälle
12. Sumussa Hämärän Aamun

Bonus disc

1. Honor
2. At the huts of the underworld
3. The steel
4. Soil of the corpse
5. Predator's saliva
6. Dark side
7. Ieva's polka
8. Husky sledge
9. Dolorous
10. Dream
11. Off to the hunt
Line Up
Jonne Järvelä (voce, chitarra, ghironda e percussioni)
Tuomas Rounakari (violino)
Juho Kauppinen (fisarmonica)
Jarkko Aaltonen (basso)
Cane Savijärvi (chitarra)
Matson Johansson (batteria)
 
RECENSIONI
71
73
74
73
50
75
71
79
82
85
85
ARTICOLI
03/02/2021
Intervista
KORPIKLAANI
Orgoglio finnico
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
07/11/2016
Live Report
KORPIKLAANI + MOONSORROW + SKALMOLD
Alcatraz, Milano, 02/11/16
22/02/2013
Live Report
KORPIKLAANI + METSATOLL
Temporock, Gualtieri (RE), 16/02/2013
12/09/2011
Intervista
KORPIKLAANI
Monosillabi di Folk
10/09/2010
Intervista
KORPIKLAANI
Il sud, il folk e il tasso alcolico!
09/11/2007
Live Report
KORPIKLAANI
La data di Milano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]