Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/11/19
GREAT MASTER
Skull and Bones – Tales from Over the Seas

14/11/19
GREAT MASTER
Skull And Bones - Tales From Over The Sea

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
LIONHEART
Valley of Death

15/11/19
DIE KRUPPS
Vision 2020 Vision

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
NECROPANTHER
The Doomed City

CONCERTI

12/11/19
GAAHLS WYRD + GUESTS
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

12/11/19
DAVID ELLEFSON
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/11/19
MAYHEM + GAAHLS WYRD + GOST
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

13/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/11/19
DAVID ELLEFSON
SUPERNOVA - TUORO SUL TRASIMENO (PG)

14/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
TRAFFIC LIVE - ROMA

14/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
CENTRALE ROCK PUB - COMO

14/11/19
DAVID ELLEFSON
LET IT BEER - ROMA

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Deftones - White Pony
( 8392 letture )
White Pony è il terzo lavoro in studio dei Deftones, uno dei gruppi più significativi prodotti dall’amato o odiato movimento nu metal, che segue cronologicamente l’ottimo Adrenaline e lo stupendo Around The Fur.
La quintessenza della filosofia musicale del gruppo californiano è racchiusa nelle undici tracce che compongono questa release, impreziosite da una maniacale ricercatezza sonora che ha il pregio di rendere maggiormente affascinante l’album. Il riffing granitico, le atmosfere ipnotiche, le aperture progressive/psichedeliche, le inclinazioni grunge, ma in particolare il versatile vocalism del carismatico leader Camillo Wong Moreno, soprannominato Chino, in grado di modulare magistralmente la propria voce alternando con estrema naturalezza rabbia primordiale a momenti pacati quasi paranoici, accompagnano l’ascoltatore in un vortice di emozioni multiformi e avvolgenti.
Il songwriting è ai massimi livelli mai più raggiunti dal combo statunitense nel prosieguo della carriera. Difficile dire se White Pony sia il miglior platter sfornato dai Deftones (a mio parere è alla pari con Around The Fur), certamente, però, è il più intenso e presenta una band matura in uno stato di forma eccezionale.
Stephen Carpenter svolge un meraviglioso lavoro alle sei corde, l’apporto di Frank Delgado, entrato in pianta stabile nella line up, è determinante e la sezione ritmica risulta ineccepibile specie per quanto concerne il variegato drumming di Cunningham capace di passare da un genere all’altro (metal/funk/fusion) con disarmante facilità.
Splende come il sole in mezzo ad un cielo terso la collaborazione con il cantante dei Tool, Maynard James Keenan nella monumentale Passenger, uno dei brani di spicco del repertorio dei Deftones, a dir poco travolgente nelle esibizioni dal vivo.
La semplice cover (un cavallino bianco in basso a destra su uno sfondo completamente grigio) l’ho sempre giudicata, pur nel suo palese minimalismo, semplicemente geniale e accattivante. Varie disquisizioni si sono fatte circa il senso del titolo dell’album, ma sembrerebbe riferirsi alla cocaina.

White Pony non presenta momenti di stanca, difetto che apparirà evidente da Deftones in poi, a partire dall’abrasivo riffing che caratterizza l’opener Feiticeira per proseguire con la sognante Digital Bath munita di un meraviglioso refrain.
La violenza sonora si estrinseca precipuamente nel travolgente incedere di Elite (Chino in questo brano è letteralmente devastante), Street Carp e Korea, mentre la parte conclusiva del full lenght aumenta il pathos grazie al formidabile andamento della già citata Passenger (gli intrecci vocali dei due cantanti sono stupendi) e alla ipnotica Change (In the House of Flies), primo fortunato singolo tratto dal disco e vero e proprio vessillo del Deftones sound.
Anche le altre composizioni sono tutte di livello: nell’estatica Knife Party (ottimo l’apporto assicurato dallo special guest Rodleen Getsic) sono interessanti i richiami alla new wave; in RX Queen (composta da Chino e Scott Weiland degli Stone Temple Pilots) e nella suggestiva Teenager predominano l’elettronica e le tastiere, il mattatore è ovviamente Delgado, mentre sfocia nella psichedelia la conclusiva angosciante Pink Maggit.
Da menzionare, infine, la cristallina bellezza dell’irruenta Back To School (Mini Maggit), in cui spicca un ispiratissimo ritornello, inclusa nella re-release edition (white cover).

White Pony è l’album della definitiva consacrazione dei Deftones, fautori di un nu metal violento, ma anche sapientemente intimista.
Purtroppo costituisce anche il punto di non ritorno della loro carriera sebbene il recente Diamond Eyes abbia riportato in auge, almeno in parte, la stella opacizzata del combo di Sacramento.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
91.81 su 143 voti [ VOTA]
Area
Lunedì 18 Giugno 2018, 15.21.49
51
Per molti questo é il loro album migliore, per me se la gioca con la Adrenaline. Poi é un capolavoro? Assolutamente si. Questo lo conobbi prima perché al tempo il Nu Metal era la roba del momento e quando uscì ero un pischello delle medie.
Jorg
Giovedì 27 Luglio 2017, 0.51.41
50
Solo a me non sembrano tanto numetal? Secondo me suonano un genere tutto loro. Hanno una preparazione tecnica sicuramente migliore delle altre band numetal. Comunque nel complesso un gran lavoro
Undertow
Lunedì 16 Gennaio 2017, 20.19.18
49
Il loro lavoro migliore. Digital Bath, RX Queen, Knife Party, Passenger (con Keenan, cazzo! Momento maggggico!), Pink Maggit. E che vuoi di più? Sottoscrivo il 90.
Pastor of Muppets
Martedì 27 Dicembre 2016, 10.18.58
48
Li ho ascoltati tutti d'un fiato e ne sono rimasto incantato.
Pastor of Muppets
Martedì 27 Dicembre 2016, 9.49.52
47
Per rimanere in tema Deftones do i miei voti ai loro dischi. Adrenaline: 91, Around The Fur: 95, White Pony: 97, Deftones: 87, Saturday Night Wrist: 70, Diamond Eyes: 84, Koi No Yokan: 81, Gore: 76
Gcaz.
Sabato 3 Dicembre 2016, 23.35.18
46
Ammesso e concesso che non conosco molto bene i Deftones. Peró cazzo ho ascoltato il disco e sono rimasto molto impressionato dalla capacità enorme di spaziare fra i vari generi senza sminuire il metal che questo gruppo ha. FENOMENALE DA 100
Pastor Of Muppets
Giovedì 1 Dicembre 2016, 16.01.43
45
Una pietra miliare del metal anni 2000. E io che pensavo che il metal anni 2000 e quello anni '90 fosse solo merda. Voto: 97
Tommaso calvino
Martedì 29 Novembre 2016, 22.59.57
44
Voto: 10000000000 pieno
Tommaso calvino
Martedì 29 Novembre 2016, 22.59.56
43
Voto: 10000000000 pieno
Tommaso calvino
Martedì 29 Novembre 2016, 22.51.14
42
White Pony è semplicemente un album fenomenale. Una cannonata da ascoltarsi a tutto volume. Non fatevi ingannare dall'innocua copertina o dall'enigmatico nome. Dentro c'è un sound duro e delicato allo stesso tempo. La maturità completa dei Deftones. Loro ai che sanno trasmettere emozioni vere (come anche i Korn). Digital Bath, Feiticeria, Elite, Teenager, Change, Knife Prty, RX Queen, Pink Maggit, Back To School, The Boys Republic i picchi (solo per citarne alcuni, fidatevi tutto il disco è sensazionale e fatto solo da canzoni perfette)
TheFreeman
Giovedì 18 Agosto 2016, 21.21.35
41
Il loro più grande capolavoro insieme ad Around the Fur (trovo straordinario anche Koi no Yokan). Affiancarlo al NuMetal non solo è pressoché errato a livello compositivo e musicale, ma anche "etico". I Deftones sono una band che con quella combriccola di incapaci del tempo non ha mai avuto a che fare, nemmeno ai tempi di Adrenaline, dove le tendenze hardcore erano infinitamente più palesi. Se proprio bisogna identificare i Deftones, a questo punto tanto vale inserirli come Alternative Metal come avete fatto con gli ultimi due lavori (eccellenti), o meglio ancora come Inclassificabile.
Feffa la cagna
Lunedì 6 Giugno 2016, 11.03.39
40
Arte pura... spettacolare, estremamente eterogeneo. 100.
Mirco Morgese
Venerdì 8 Aprile 2016, 9.05.52
39
Non so perché ma non mi ha mai preso più di tanto... vabbè, de gustibus.
AnalBag
Martedì 5 Gennaio 2016, 0.09.28
38
i Deftones non si sono accontentati di fare un Around The Fur Pt.2 ma hanno virato su un suono più intimista ma che non disdegna alcune parti più aggressive,il risultato è un disco sognante e bellissimo,ogni volta che ascolto Knife Party mi vengono i brividi!!
Mauroe20
Lunedì 13 Aprile 2015, 22.38.53
37
Bella recensione.Ottimo questo lavoro ,consumato e' dir poco.Molto ispirati.
Macca
Domenica 17 Marzo 2013, 14.53.15
36
Bello, bellissimo disco di un gruppo che può considerarsi unico nel panorama alternative....il loro stile è inconfondibile, trovo riduttivo affiancarli al termine "nu metal" con il quale a fine millennio sono stati frettolosamente etichettati un sacco di gruppi...e cmq poco importa, i Deftones sono un gran bel gruppo e White Pony è un grandissimo disco!!
Marco
Giovedì 14 Marzo 2013, 11.45.52
35
88
Gyroscope
Martedì 11 Dicembre 2012, 19.21.49
34
per come la vedo i i deftones non hanno mai fatto veramente nu metal (che alla fine è un termine come NWOBHM o simili per identificare gruppi diversi tra loro..) nemmeno in (like)linus...hanno sempre avuto centinaia di influenze diverse dal metal alla new wave al postcore.. solo per caso in adrenaline in solo 2 canzoni chino "rappa".. riguardo a white pony... non c'è niente da dire, semplicemente perfetto!
Federico
Giovedì 29 Novembre 2012, 16.18.57
33
IL CAPOLAVORO.
benny
Mercoledì 21 Novembre 2012, 20.49.39
32
white pony.....beh forse l'album migliore dei DEFTONES.......
Swan Lee
Venerdì 14 Settembre 2012, 18.45.59
31
Eh purtroppo fila si quel discorso. Poi, chi come me è un po più "cresciuto" e ha assistito a tutta l'evoluzione di certo Post Metal tra la prima e la seconda metà dai 90, ricorda benissimo il fatto che il termine Nu Metal è entrato in gioco mediante i vari media solo nel 98/99, con l'avvento, appunto, di Follow The Leader, Significant Other, Coal Chamber ecc. Ai tempi, band come i primi Korn, Urban Dance Squad, Manhole, Orange 9mm, Deftones e Tool eran identificate con "Crossover" o "Post Metal". Poi, a parte questi cenni, delle etichette poco ce ne frega, la musica conta, e i Deftones, a differenza delle mode passeggere, o dei korn che si son svenduti ed incartati sulle stesse 4 idee (e non venitemi a dire che l'ultima boiata dubstep è una crescita, mai sentito un album cosi brutto) si son sempre abbeverati di ispirazioni mooolto più ampie rispetto a "strofa rap/ritornello melò"_
freedom
Venerdì 14 Settembre 2012, 18.08.53
30
Beh il discorso di Swan Lee fila...anch'io credo che ai Deftones stia stretto il termine "numetal". Hanno ampiamente dimostrato di essere su un altro pianeta rispetto ai tanti gruppi di quel genere, riuscendo a sopravvivere al declino che ha travolto i vari Korn o Coal Chamber, anzi direi che si sono sempre più evoluti. Per me questa band è un fenomeno a sé stante.
Swan Lee
Venerdì 14 Settembre 2012, 17.55.15
29
@Nu Metal Head Si vede che magari sei giovane e non hai vissuto quegli anni, già perchè identifichi una band con un etichetta creata ad hoc dalla stampa almeno 4 anni dopo l'uscita di Adrenaline, quando le band come i Deftones venivano etichettate, per l'appunto, Crossover, o Post Hardcore, o tuttalpiù Post Metal. E non ancora esistiva la cosiddetta "scena" che te citi, creata dai media tra il 98 ed il 2000, dopo l'inflazionamento dei Korn e l'uscita dei Limp Bizkit. Le parti rappate nel senso stretto del termine nei Deftones son sempre state vaghe e per di più isolate nei primi 2 lavori. I Korn partirono con due capolavori, poi, sono diventati essi stessi un sacrilegio! E ti parla uno che ha avuto la fortuna di vederli dal vivo in un club di 200 anime nel 1995. Frasi urlate e ritornelli melodici? Parti rappate? Allora anche i Faith No More, gli Helmet, ecc dobbiamo chiamarli "Nu Metal"? Su di una cosa hai ragione, band come Deftones e appunto Helmet, o Jawbox, hanno influenzato in un certo modo certo "Nu Metal", ma il loro spettro era e rimane molto più ampio. Guarda caso, mentre il Nu Metal non lse lo fila più nessuno e quelle band che ancora oggi sono in giro tirano avanti annaspando con album triti e ritriti di vecchi clichès che nessuno ascolta più, i Deftones non hanno mai smesso di creare album di qualità, e di crescere artisticamente. E Chino non credo ami esser definito Nu Metal, visto che ha sempre spaziato in un ampio raggio musicale Senza polemica alcuna, sia chiaro.
Nu Metal Head
Venerdì 14 Settembre 2012, 0.25.12
28
e già swan lee, hai proprio ragione, i deftones non c'entrano niente col nu metal... ma mi faccia il piacere mi faccia! non è che ti viene in mente che in un album come adrenaline persino degli "adulti" come loro urlavano all'infinito "suck suck suck suck" a squarciagola in 7 words o che in engine no. 9 il modo di cantare di moreno era prettamente hip hop... no, questo te lo sei scordato vero? e il passare da frasi urlate a ritornelli melodici in una frazione di secondo non è nu metal vero? certo, tu una cosa la dici giusta, il loro riffing proviene dall'hardcore, non c'è dubbio, ma il nu metal ha varie sfumature, non è per forza solo quello di limp bizkit, linkin park ecc. ecc. (i korn non te li nomino perchè tu accostandoli a limp bizkit e linkin park hai compiuto un sacrilegio!)
Swan Lee
Giovedì 13 Settembre 2012, 22.21.20
27
Non ho mai capito il perchè i Deftones vengono da sempre in modo ostinato affiliati al filone "Nu Metal". Io ce li ho sempre davvero mal visti in quell etichetta. Non hanno davvero niente a che vedere con quei gruppetti del cazz col cappellino girato che altro non facevano che starnazzare rappando "Fuckyoumutherfucker" e cagate adolescenziali varie. Moolto più profondi i Deftones, molto più "adulti" e di qualità. Li ho sempre visti, seguendoli dai tempi del debutto, come una grandissima band Post Hardcore con una vena melodica memore della migliore New Wave (Cure, The Smiths) e stratificazioni sonore eterèe e sognanti classiche dello Shoegazing. Potrebbero essere un perfetto ibrido tra Quicksand, Helmet, The Cure, e My Bloody Valentine. Mai capito cosa c'entrasse una band come i Deftones con Limp Bizkit, Korn, Linkin Park e compagnia starnazzante, insomma
NoRemorse
Giovedì 9 Agosto 2012, 12.29.34
26
Un disco che ormai avrò ascoltato un centinaio di volte...sempre amato fin dall'inizio, con quella feticeira che da subito di sconvolge per quanto parta bene, con quella voce, quella voce che da sola ha portato avanti un intero gruppo fino al successo. Senza nulla togliere agli altri membri del gruppo (il batterista Abe è davvero un grande batterista, sentitevi l'inizio di passenger), ma i Deftones sono uno di quei gruppi che morirebbero al volo se non ci fosse più il cantante. Digital Bath e il suo incedere, la violentissima Elite che sempre mi ha esaltato per come è cantata, Knife Party, contenente The Great Gig In The Sky versione Nu metal, il duetto di Passenger da brividi, i ritornelli perfetti di Change e Pink Maggit. Un gruppo che riconosci dalle prime note suonate e che se lo assimili ti sa dare tanto, con questo disco soprattutto.
Master Killer
Martedì 7 Agosto 2012, 11.55.11
25
Dico la verità, sono un totale ignorate di Chino Moreno e compagnia bella, e devo dire che Elite è una canzone che spacca il sedere al nu metal in generale. Incomincio adesso ad Ascoltarmi White Pony su Youtube poi chissà se lo compro, comunque voto 91/100
Minerva
Sabato 4 Agosto 2012, 23.34.16
24
Recensione calzante per un ottimo album. Grande Fabio. Voto 90
xXx
Sabato 4 Agosto 2012, 18.44.33
23
Nu Metal Head: voto al tuo nick = 0, voto ai tuoi gusti = 0 eh eh , dai, scherzo!
Forti
Sabato 4 Agosto 2012, 17.37.11
22
Deftones scusate l'errore di battitura.
Forti
Sabato 4 Agosto 2012, 17.33.54
21
Il miglior album dei detto se pasangers epica
Deftoner
Sabato 4 Agosto 2012, 14.51.14
20
Un disco monumentale, ma, da fan dei Deftones, io preferisco il self-titled, è difficile da ascoltare, ma ha delle perle di violenza incredibili. Ad ottobre esce il nuovo album e le aspettative sono buonissima, e fanculo a tutti quelli che li ritengono un gruppo morto
Nu Metal Head
Sabato 4 Agosto 2012, 14.20.28
19
sì sì, dicono tutti così...
il vichingo
Sabato 4 Agosto 2012, 14.18.20
18
@Nu Metal Head: woah, a me il Nu piace... Il mio commento 13 era ironico, pensavo si capisse...
Nu Metal Head
Sabato 4 Agosto 2012, 14.15.14
17
xXx e il vichingo = voto 0
Chino Moreno
Sabato 4 Agosto 2012, 14.10.55
16
Oye come estan gringos, por favor escucha este disco y ustedes no me romapan las bolas, carajo. Caray, nuestro metal no es mierda, este es nuestro estilo.. caramba por la puta !!
manuele
Sabato 4 Agosto 2012, 13.56.14
15
disco spettacolare recensione perfetta
Ad Astra
Sabato 4 Agosto 2012, 13.50.03
14
mettiamola giù cosi..fabio ha dato un voto e un parere perfetti per un album che viene visto all'intero del contesto musicale a cui appartiene... se generaiizziamo, cosa che molti di solito fanno... TUTTO CAMBIA... come però spetta solo al giudizio del singolo.... p.s. io all'epoca ci ero morto su questo
il vichingo
Sabato 4 Agosto 2012, 13.43.27
13
Beh... (battutina innocente) adesso che spopola il Metalcore siamo passati dalla padella alla brace, o peggio...
xXx
Sabato 4 Agosto 2012, 13.42.55
12
freedom, perdonami la battuta ma io aggiungerei...per fortuna certe band e certi generi no...
freedom
Sabato 4 Agosto 2012, 13.41.28
11
Per fortuna certi dischi restano immortali...
xXx
Sabato 4 Agosto 2012, 13.40.37
10
Che brutti anni quelli a cavallo del nuovo millennio con il num metal che spopolava...per fortuna certi tempi bui del metal sono passati!
il vichingo
Sabato 4 Agosto 2012, 13.36.07
9
Probabilmente il migliore della band... 85/100
Nu Metal Head
Sabato 4 Agosto 2012, 13.33.11
8
forse con adrenaline e around the fur dentro il lettore ti saresti annoiato di meno...
freedom
Sabato 4 Agosto 2012, 13.32.14
7
Non capisco perché si continui a parlare di declino post - White Pony..."Deftones" del 2003 e Saturday Night Wrist sono dei lavori eccezionali, solo più difficili da digerire. Comunque questo 90 lo merita tutto.
Undercover
Sabato 4 Agosto 2012, 13.26.54
6
A me i Deftones han quasi sempre annoiato e continuano a farlo, ho avuto questo disco nel lettore più volte soffermandomi per lo più alla partecipazione di Maynard in Passenger.
Nu Metal Head
Sabato 4 Agosto 2012, 13.26.24
5
questo è già un grande passo... ora aspetto con trepidazione adrenaline e around the fur.
davidian
Sabato 4 Agosto 2012, 13.24.40
4
Bellissimo
lux chaos
Sabato 4 Agosto 2012, 11.50.05
3
Capolavoro assoluto dei Deftones e uno dei pochi dischi del genere che bevo ancora volentieri dall'inizio alla fine
Malleus
Sabato 4 Agosto 2012, 11.31.59
2
Change (In the House of Flies). Ho detto tutto, 99... per me il migliore in assoluto dei defotnes.
BILLOROCK Fci.
Sabato 4 Agosto 2012, 11.01.44
1
Disco fondamentale della scen NU e della stessa band, master piece!! voto personale sul 85
INFORMAZIONI
2000
Maverick Records/Warner Bros
NuMetal
Tracklist
1. Feiticeira
2. Digital Bath
3. Elite
4. RX Queen
5. Street Carp
6. Teenager
7. Knife Party
8. Korea
9. Passenger
10. Change (In the House of Flies)
11. Pink Maggit
Line Up
Chino Moreno (Voce, Chitarra ritmica)
Stephen Carpenter (Chitarra solista)
Frank Delgado (Campionatore, Giradischi e Tastiere)
Chi Cheng (Basso, Cori)
Abe Cunningham (Batteria, Percussioni)

Musicisti Ospiti
Rodleen Getsic (Voce su traccia 7)
Maynard James Keenan (Voce su traccia 9)
 
RECENSIONI
85
93
65
81
90
95
87
ARTICOLI
11/12/2010
Live Report
DEFTONES + COHEED AND CAMBRIA
Atlantico, Roma, 05/12/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]