Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/05/20
OCTOBER FALLS
A Fall of an Epoch

30/05/20
CONCEIVED BY HATE
Putrid Realms of the Occult

30/05/20
KRYPTAMOK
Verisaarna

01/06/20
INSTIGATE
Echoes of a Dying World

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

Crucified Barbara - The Midnight Chase
( 4475 letture )
Il lavoro fin qui portato avanti dalle “terribili” ragazze svedesi, potrebbe essere assimilato al percorso seguito da band a loro affini che, senza grosse pretese evolutive, hanno saputo mantenere un livello di qualità costante e continuo, il quale alla fine ha avuto ragione anche dei critici più ostili. In realtà, se il debut In Distortion We Trust era riuscito a catalizzare l’attenzione di molti, rinverdendo la tradizione delle all-female bands con una buona dose di umorismo e maleducazione, che rimandava senz’altro più a band quali Girlschool che non a certe produzioni edulcorate propinateci inopinatamente, la strada per la band di Mia Coldheart si è fatta più difficile in seguito, quando si è trattato di consolidare e rafforzare l’iniziale entusiasmo, dimostrando che le Crucified Barbara erano una vera band e non solo un “fenomeno” rock messo in piedi per sfruttare l’appeal delle quattro ragazze. Quando si deve dimostrare qualcosa e convincere qualcuno, le cose si fanno sempre più complesse, perché se all’inizio certe debolezze si perdonano sull’onda dell’entusiasmo, poi lo sguardo critico si fa decisamente più pungente e molto meno pronto all’indulgenza, fino ad arrivare all’eccesso opposto, cercando il marcio anche dove non c’è. Ma la sfrontatezza ed il sano menefreghismo non devono mancare alle ragazze, per fortuna, ed ecco quindi che The Midnight Chase senza alcun complesso o alcuna paura ribadisce con forza e caratura tutte le caratteristiche che la band ha fin qui messo in mostra, proponendo un lotto di canzoni senza grossi cali di tensione o sbavature, pronte per essere lanciate in pasto al pubblico nei live.

L’album riesce quindi nel compito di superare l’ostacolo della terza uscita senza proporre grandissime sorprese, ma anche senza mostrare alcun cedimento, con la band che cresce senz’altro a livello di amalgama e capacità di interplay e dimostra quanto la propria vena compositiva, pur senza toccare chissà quali vertici, sia comunque feconda e solida. Le influenze di base sono ancora tutte lì e possono essere enucleate partendo dai classici Judas Priest e Motorhead (fate caso a quante canzoni del disco inizino con una rullata di batteria), per giungere all’hard glam di Motley Crue ed affini, con una attitudine piuttosto diretta e rude, schiettamente rock’n’roll e per niente appoggiata sulle ruffianerie che ci si aspetterebbe da una all-female band. Le svedesi pestano e lo fanno con coscienza, senza ringraziare e senza mandare a dire le cose ed anche se il capolavoro resta al di là della loro portata, non si può negare che tanta sana ribellione e tanto spirito rock, siano indubbiamente una vera e propria boccata d’aria buona, in un panorama così fortemente intriso di band che si autocelebrano senza il minimo ritegno per il proprio effettivo valore. Il riffing tagliente e i solos di Mia restano il centro della musica della band, mentre la voce si arrochisce ulteriormente, puntando comunque anche su acuti ben bilanciati, che ne dimostrano la crescita anche come cantante. Colpisce l’interpretazione strascicata ed arrogante della cantante che, anche qui, senza fuochi d’artificio, sa sempre come rendere efficace una linea melodica, proponendo in più di un’occasione refrain vincenti seppur semplicissimi e, tutto sommato, sentiti. Come detto in precedenza, non ci sono punti deboli in The Midnight Chase e così la priestiana opener The Crucifier è già significativa del livello dell’album, seppure nel proseguo siano altri i titoli ad attirare l’attenzione, con qualche passaggio anche meno scontato ed immediato, come nel caso della ottima Rules and Bones, tutta giocata sui chiaroscuri, come l’altrettanto valida If I Hide, mentre riuscitissima ancorché scolastica è la melodia del singolo Into the Fire, alla quale si affiancano le più significative Kid From the Upperclass e Rise and Shine. Molto bella anche la ballad Count Me In, tutta retta sull’interpretazione della Coldheart. Più articolate invece Everything We Need, la titletrack e Shut Your Mouth che nonostante l’incedere tipicamente metal, si regge quasi tutta su un ritornello urlato e sparato degno dei Motley Crue, almeno nelle intenzioni.

Trovare un certo bilanciamento all’interno di una band non è mai facile, specialmente in ambito metal, ed il fatto che le ragazze si mostrino così coese, senza aver stravolto il proprio sound tipico ed introducendo casomai qualche riff che rimanda in maniera neanche troppo coperta ai Black Label Society, dimostra quanto questa band creda in se stessa ed in quello che fa. Certo, l’assenza di grosse sorprese potrebbe deludere qualcuno ma, di fatto, il livello delle composizioni qui presentate non mostra davvero cedimenti ed anzi, siamo probabilmente di fronte al miglior album mai realizzato dalle Crucified Barbara e tanto basta, anche per zittire chi le ritiene solo un fenomeno commerciale. In realtà, le ragazze meritano rispetto e considerazione, visto che, senza prendersi troppo sul serio, chiariscono di avere qualcosa di dire e di volersi prendere il loro spazio, sbarcando tra l’altro per la prima volta sul mercato statunitense proprio con questa release, forti del nuovo contratto Nuclear Blast. Date loro una chance, perché senza rivoluzionare niente, troverete che le cose dentro The Midnight Chase funzionano alla perfezione, regalando sani momenti di robusto hard’n’heavy di più che discreta fattura.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
82.85 su 7 voti [ VOTA]
Blasto
Lunedì 13 Agosto 2012, 12.57.55
10
il precedente Til death do us party era ottimo, e anche la loro resa live è niente male....credo che lo comprerò sulla fiducia!
Metalfrank
Martedì 7 Agosto 2012, 16.27.44
9
E brave le crucified,davvero un buon album!
Flag Of Hate
Lunedì 6 Agosto 2012, 12.07.08
8
'Anvedi le Spice Girls
BILLOROCK Fci.
Lunedì 6 Agosto 2012, 10.55.42
7
Vedere al opera delle metallare è sempre un piacere... oh yeah
A-Lex
Lunedì 6 Agosto 2012, 10.24.54
6
Viste dal vivo lo scorso anno, simpatiche e molto brave oltre che belle!
"CB" Come Crucified Barbara
Lunedì 6 Agosto 2012, 0.41.48
5
complimenti alle signorine!
Lizard
Domenica 5 Agosto 2012, 23.03.19
4
"Pasta e cocuzza" mi devo ricordare di usarlo quanto prima sì, concordo esattamente con te. Il disco si fa ascoltare ed apprezzare, non è per niente svenduto o eccessivamente ruffiano, anzi. Pestano e scrivono canzoni piacevoli e che vanno giù come una birra schietta e sincera.
Undercover
Domenica 5 Agosto 2012, 20.21.05
3
Disco piacevole, parliamo sempre di "pasta e cocuzza" ma suonata bene e con grinta, un'uscita Nuclear Blast che riesce a farsi ascoltare senza far danni per la produzione? Stranamente l'unico genere veramente flagellato da quella label è il thrash, che non ne siano completamente capaci e che il doom rischi altrettanto trattamento? Ho le mie forti perplessità, intanto mi rimetto su "The Midnight Chase" e chissà, lo trovassi fra un po' di tempo a prezzo stracciato lo prenderei pure.
Michele
Domenica 5 Agosto 2012, 20.17.07
2
No, sono pazzo io...
Michele
Domenica 5 Agosto 2012, 20.16.26
1
Ergh... E' stata pubblicata la stessa recensione due volte D:
INFORMAZIONI
2012
Nuclear Blast
Heavy
Tracklist
1. The Crucifier
2. Shut Your Mouth
3. Into the Fire
4. Rules and Bones
5. Everything We Need
6. If I Hide
7. Rock Me Like the Devil
8. Kid From the Upperclass
9.The Midnight Chase
10. Count Me In
11. Rise and Shine
Line Up
Mia Coldheart (Voce, Chitarra)
Klara Force (Chitarra)
Ida Evileye (Basso)
Nicki Wicked (Batteria)
 
RECENSIONI
73
s.v.
ARTICOLI
08/09/2014
Intervista
CRUCIFIED BARBARA
Parla Mia Coldheart
20/07/2012
Live Report
CRUCIFIED BARBARA + ELVENKING
Ferrock @ Parco Retrone, Vicenza, 12/07/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]