Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/21
WARRIOR PATH
The Mad King

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
SKOLD
Dies Irae

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

CONCERTI

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

The Order - 1986
( 1288 letture )
Non solo Gotthard; la Svizzera ci propone infatti un'alternativa ai soliti monikers nel settore hard rock che risponde al nome di The Order. Giunti al quarto step della loro carriera - il precedente Rockwolf risale al 2009 - i quattro trovano con 1986 il più equilibrato compendio della loro carriera, immettendo sul mercato un lavoro che è esattamente come promesso dal titolo, ossia totalmente calato nella realtà di 26 anni fa, sia per ciò che attiene alla musica che per ciò che riguarda l'attitudine. Il tutto in perfetto stile Krokus, tanto per dare un riferimento posizionato ancora all'interno della Confederazione Elvetica.

Per capire meglio quanto i The Order siano calati in quella realtà ormai lontana, più che tante descrizioni che lascerebbero il tempo che trovano è meglio estrapoalre dal loro sito web le seguenti parole:

Benvenuti nel 1986, benvenuti nel mondo dei The Order.
Negli anni 80 il mondo andava ancora bene. Non c'era bisogno del casco sulla moto, era permesso fumare in ogni pub e le cabine del telefono si trovavano ad ogni angolo.
Non c'erano nè internet nè telefoni cellulari, quindi avevi un sacco di tempo da passare in giro con gli amici.


Insomma: mi pare che il modo di intendere la musica e la vita da parte di questi ragazzi sia abbastanza chiaro. Fatte queste premesse è del tutto ovvio che 1986 è un disco concepito in modo da accontentare senza riserve i nostalgici poco interessati a quanto accaduto dopo gli anni 80 nel settore hard rock, e di converso anche da risultare assolutamente incongruo a tutti gli altri.

Come quasi sempre accade in questi casi, la produzione è tarata in modo da sembrare fintamente retrò, ma restituire un suono "ripulito" dalle moderne tecniche di incisione. Da questo punto di vista il risultato è piuttosto indovinato, con il cuore che torna a battere come un tempo e la mente che interpreta in tutto come accettabile al giorno d'oggi. La cover poi è pacchiana ed ingenua come solo un disco uscito davvero nell'86 potrebbe e dovrebbe permettersi.
Passando a ciò che più importa, ossia la musica, quello che troviamo è un lotto di pezzi ben scritti, ben suonati e cantati -bello il timbro rock di Gianni Pontillo - con un tre o quattro di questi da valutare potenziali hit da classifica come The Power of Love, Long Live Rock'n'Roll (anche i titoli dei brani non sono proprio il massimo dell'originalità), Damn Hot Chick e Stop Lying In The Name Of Love, probabilmente il brano più efficace. Ovviamente immancabile la ballatona, qui rappresentata da A Kiss Under The Rain.

1986 è un album che può accompagnarvi durante i lunghi trasferimenti in macchina o in qualunque occasione vi sia necessaria un po' di carica spensierata, priva di sovrastrutture da analizzare e di immediata fruibilità, ma, come da titolo, è incredibilmente prevedibile nel suo svolgersi, ed ogni brano contiene uno o più rimandi a pezzi di innumerevoli altri gruppi operativi nelle decade di riferimento, ed è pertanto destinato a non essere in alcun modo ricordato nel tempo. Un prodotto usa e getta, utile nei modi che vi ho indicato ed a suo modo molto ben fatto, ma nulla più.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2012
Massacre Records
Hard Rock
Tracklist
1. The Power Of Love
2. Long Live Rock’n’Roll
3. Generation White Line
4. Lonely Nights
5. Fire It Up
6. A Kiss Under The Rain
7. Damn Hot Chick
8. Heartbreaking Rebel Blood
9. Why Dreaming Hollywood
10. Stop Lying In The Name Of Love
Line Up
Gianni Pontillo (Voce)
Bruno Spring (Chitarra)
Andrej Abplanalp (Basso)
Mauro Casciero (Batteria)
 
RECENSIONI
77
60
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]