Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
OF MICE & MEN
Timeless (EP)

26/02/21
CULTED
Nous

26/02/21
EINHERJER
North Star

26/02/21
FORHIST
Forhist

26/02/21
AGE OF WOE
Envenom

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
IOTUNN
Access All Worlds

26/02/21
SUMMONING THE LICH
United in Chaos

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Dr.Acula - Nation
( 1131 letture )
Matrice hardcore, struttura deathcore, un po' di melodia metalcore, questi sono gli ingredienti principali del sestetto dei Dr.Acula, conditi con una buona dose di ironia (date una scorsa ai testi) e poco altro di orginale. Insomma, giusto per cavarcela in fretta, siamo di fronte all'ennesima declinazione di ruffianissimo core-qualcosa energico e rabbioso quanto, in ultima analisi, innocuo.

I Dr.Acula hanno una storia abbastanza breve, sono nati nel 2005 e hanno all'attivo un altro album, Slander, uscito sempre su Victory Records l'anno scorso, e in tutto e per tutto si configurano come una di quelle band della "seconda ondata" core che sono saltate sul carrozzone già in corsa senza apportare significative novità al genere.

Indubbiamente Nation è un disco piacevole (ammesso che la decinazione -core non vi metta l'orticaria), prodotto con tutti i crismi e dotato di buon tiro. I brani sono brevi e veloci (quasi sempre sotto i 3 minuti), probabilmente perfetti in situazioni live per scatenare il mosh, scorrono bene e senza annoiare, ma a fine ascolto non lasciano nulla.
Se quello di cui avete bisogno è un ascolto veloce e disimpegnato per sfogare 32 minuti di rabbia questo Nation potrebbe essere ciò che vi serve, ma guai a cercare qualcosa di più o imbarcarsi in un'analisi più profonda. Oltre quanto detto sembra non esserci nulla o quasi, infatti, se non la voglia di divertirsi, picchiare duro e scapocciare un po'. I Dr.Acula non sono assolutamente in grado di andare oltre il disco carino ma canonico, che magari ascolterete con piacere per un po' per poi dimenticarvene vitanaturaldurante.
Eviterò di imbarcarmi in un'analisi dettagliata delle singole tracce, tanto l'aria che si respira lungo tutto lo scorrere di Nation è più o meno sempre quella e i brani sono più o meno tutti equivalenti per tecnica (più che adeguata), ispirazione ed originalità (sufficiente la prima, non pervenuta al seconda). Robot People From Hell è probabilmente l'unico momento in grado di smuovere un po' le acque, ma è anche un brano che avrebbe meritato un piccolo sforzo compositivo in più (e di una struttura sensata) perchè così suona quasi solo come un intermezzo.

Sarà per la prossima volta? Possibilissimo, anche se il deathcore come genere sembra mostrare sempre più la corda e i suoi esponenti si stanno sempre più appiattendo su un livello medio\mediocre sempre meno in grado di accontentare ascoltatori un minimo esigenti. Io ai Dr.Acula lo auguro veramente di cuore, trovare una strada più riconoscibile e personale, perchè così si rischia l'oblio in modo molto pericoloso. Anzi, si è già con un piede nella fossa.
Un'ulteriore riflessione la voglio dedicare alla Victory Records, etichetta importantissima negli anni d'oro del core-qualcosa ma che al momento sembra intrappolata in uscite sempre meno significative, impegnata nell'ardua impresa di grattare gli ultimi fondi di un barile ormai vuoto. Una volta passata la moda riuscirà a riciclarsi o finirà impacchettata in fondo ad un magazzino, coperta di polvere insieme a bancali di cd invenduti?

Intanto quello che ci rimane, questo Nation, sarà un piacevole divertissement per gli amanti del genere, in attesa di qualche uscita più succosa, e niente di più.
Chi si accontenta gode.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
30 su 1 voti [ VOTA]
Luxifer
Venerdì 31 Agosto 2012, 16.16.00
9
Concordo con la recensione...
waste of air
Lunedì 27 Agosto 2012, 23.27.41
8
Cattivi.
NeuRath
Lunedì 27 Agosto 2012, 23.15.35
7
No, infatti...
waste of air
Lunedì 27 Agosto 2012, 23.04.31
6
Voi non mi capite.
NeuRath
Lunedì 27 Agosto 2012, 22.52.21
5
Stavo per dire lo stesso...
Lizard
Lunedì 27 Agosto 2012, 22.51.28
4
Sempre a far casino Waste!!!
waste of air
Lunedì 27 Agosto 2012, 22.50.27
3
@Neurath: OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOMPHHHHH
NeuRath
Lunedì 27 Agosto 2012, 22.40.26
2
@Room: Sinceramente non so, non seguo Scrubs, però il gioco di parole è abbastanza facile, per cui può essere una coincidenza...
Room 101
Lunedì 27 Agosto 2012, 16.01.13
1
Il nome è una citazione da Scrubs? XD
INFORMAZIONI
2012
Victory Records
Death Core
Tracklist
1. Be Careful What You Wish For...
2. Heavy Handed
3. Keep On Running In Place
4. The Party Is Over (Locked On Target)
5. Ironic Enclosure
6. Dressed For Transylvania In The Boiling Weather (Lipstick Guys)
7. Nation
8. Robot People From Hell
9. Suburban Superstar (Strung Out On Strong Island)
10. Areola 51
11. Citizen’s Arrest
12. Thinner
Line Up
Vocals (Tyler Guida)
Vocals (Casey Carrano)
Guitar (Bill Graffeo)
Guitar (Ricky Ostolaza)
Bass (Kevin Graffeo)
Drums (Jesse Ciappa)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]