Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/02/20
BIFF BYFORD
School Of Hard Knocks

21/02/20
PAIN CITY
Rock And Roll Hearts

21/02/20
VINNIE MOORE
Soul Shifter

21/02/20
VERIKALPA
Tuoppitanssi

21/02/20
H.E.A.T
H.E.A.T

21/02/20
OZZY OSBOURNE
Ordinary Man

21/02/20
SECRET RULE
Against

21/02/20
INVOCATION
Attunement to Death

21/02/20
ISLE OF THE CROSS
Excelsis

21/02/20
DEMONS & WIZARDS
III

CONCERTI

21/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/02/20
NANOWAR OF STEEL
VOX CLUB - NONANTOLA (MO)

21/02/20
ASPHODELIA + GUESTS
EXTREME FOVEA ATTACK - FOGGIA

21/02/20
WICKED ASYLUM + VIOLAFUEL
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

22/02/20
NANOWAR OF STEEL
LARGO VENUE - ROMA

22/02/20
OTTONE PESANTE
ZIGGY CLUB - TORINO

22/02/20
GLI ATROCI
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

22/02/20
CRIPPLE BASTARDS + GUESTS
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

Karmian - Ways Of Death
( 1584 letture )
Un piacevole omaggio ai tempi che furono.

I Karmian provengono da Modena, e, malgrado siano attivi dal 2005 -anche se attraverso un moniker differente- sono arrivati solo ora alla pubblicazione del primo EP. La biografia narra di alcuni cambi di line up e di un demo antecedente a questo lavoro. Fatto sta che oggi si parla di Ways Of Death, prima opera con l’attuale formazione.

Il gruppo, attraverso la propria pagina facebook e al sito ufficiale ci tiene a precisare che il sound proposto è ‘pure swedish death metal; in effetti non gli si può dare torto, l’affermazione è incontrovertibile. Sia chiaro, niente che abbia a che fare con le progressioni -le quali per altri saranno regressioni- che il genere ha subito negli anni. In questo EP le influenze sono le più consone a chi segue tale stile, ovvero, primi Arch Enemy, In Flames, Dark Tranquillity, The Haunted, The Crown. Il tutto riportato alle sonorità che questi artisti eseguivano nei primi anni di attività e non oltre. In pratica ci troviamo ad aver a che fare col death metal scandinavo vecchia scuola con misurati spazi melodici e vari ossequi ad una tradizione che forse andrebbe ritrovata anche dai nomi più importanti, visti i risultati non proprio edificanti ottenuti nell’ultimo periodo.

Ways Of Death mostra le proprie qualità dall’ omonima traccia, le cui linee probabilmente appariranno canoniche, ma nello stesso tempo oneste nel loro incedere. Anche con Demon Mask e Mankind’s Greed il mood è pressoché il medesimo, con l’aggiunta di un filo di groove che favorisce l’ascolto. In See No Evil si percepisce una maggiore attenzione per la varietà, ed oltre il classico tempo “tu-pa-tu-pa” -che tanta fortuna ha regalato ad alcune band le quali ultimamente si guardano bene dal riproporlo- viene alternato a spunti più vari, complice un mid tempo azzeccato. Our Persecution conclude il lavoro riassumendo tutti i contenuti fin qui esposti.

Questo EP mostra un gruppo che ha le idee chiare sul da farsi e nel quale non si percepisce l’intenzione -almeno fino ad ora- di cedere a progressioni stilistiche, ma in cui si preferisce testimoniare il proprio amore per un lasso di tempo che ha regalato basi solidissime ad un genere.
Si tratta di un disco prodotto dalla stessa band, attraverso una registrazione efficace che porta alla memoria quei suoni che furono, senza particolari abbellimenti artificiosi tipici delle lavorazioni moderne. Anche i testi sono degni di nota, con temi che vanno dalla follia dell’essere umano, alle derive religiose sfocianti nella peggiore oppressione per finire con la depressione che colpisce l’animo. Grazie al cielo i Karmian si mostrano attenti alla realtà del sociale, risparmiandoci l’ennesimo compendio riguardante nani, folletti, spade infuocate, mezzuomini, draghi, anelli e variegato materiale ‘nerdoso’. Di certo si poteva far meglio e soprattutto c’era la possibilità di donare maggiore varietà all’insieme, ma non tutti i gruppi alla prima uscita possono mostrare lo stesso talento. Fosse così molti di noi non ascolterebbero ancora le prime opere di Dark Tranquillity ed In Flames.

In conclusione, questi ragazzi dimostrano di avere le doti necessarie per fare progressi in futuro, magari variando maggiormente le linee di chitarra nonché i tempi della batteria e riempiendo ancora meglio il groove che qui e lì compare. Ciò nonostante Ways Of Death rimane un lavoro più che discreto, e, considerando che si tratta di un esordio, ci si può ritenere soddisfatti.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
waste of air
Giovedì 30 Agosto 2012, 2.37.59
2
Mitici Karmian! Prima o poi il palco lo condividiamo ancora!
Simple Man
Martedì 28 Agosto 2012, 20.40.28
1
Bella recensione, li ascolterò. Ti ricordi del latte?
INFORMAZIONI
2012
Autoprodotto
Melodic Death
Tracklist
1. Ways Of Death
2. Demon Mask
3. Mankind’s Greed
4. See No Evil
5. Our Persecution
Line Up
Andrea Bertolazzi (Vocals)
Andrea "Barra" Baraldi (Lead Guitar)
Mauro Leone (Guitar)
Andrea Sirignano (Bass)
Nicholas Badiali (Drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]