Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/19
LUCE D`INVERNO
Ljetzan

26/04/19
IMMINENCE
Turn The Light On

26/04/19
JIM PETERIK & WORLD STAGE
Winds Of Change

26/04/19
DEEP SUN
Das Erbe Der Welt

26/04/19
LORD DYING
Mysterium Tremendum

26/04/19
DARK HERESY
Abstract Principles Taken To Their Logical Extremes

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
NIGHNACHT
Christophilia

26/04/19
ISTAPP
The Insidious Star

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

CONCERTI

22/04/19
DISTURBED + SKINDRED (SOLD OUT!)
ALCATRAZ - MILANO

22/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

23/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
LOCATION TBA

24/04/19
EKTOMORF + GUESTS TBA
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

24/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
TBA - PERUGIA

25/04/19
MARK BOALS + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

26/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/04/19
MARK BOALS + GUESTS
PIKA FUTURE CLUB - VERONA

27/04/19
FRONTIERS ROCK FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

27/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Soulicit - Parking Lot Rockstar
( 1225 letture )
Le “next big thing” negli Usa fioriscono almeno ogni tre mesi. Curiosa sta cosa, nevvero? Alcuni poi lo diventano davvero delle star del rock, altri creano solo bolle di clamore, alimentate dal marketing e da chi spera di ricavarci dollari fruscianti e CD d’oro, e finiscono a ramazzare le aule di qualche scuola di periferia con, in gobba, frustrazione e sogni infranti. I Soulicit a quale delle due categorie apparterranno nel 2015? Non faccio il veggente e quindi non posso rispondere in questa sede, ma l’alchimia presente su queste tracce è stata “fabbricata ed elaborata” con una tale, ordinata ruffianeria e scale di valori, impostate sui gusti dell’audience, che prevedo almeno un botto di rilievo. Di natura media o superiore lo vedremo nel breve. Intanto la loro bio recita in maniera inequivocabile: American hard rockers already hit the Top 40 in the USA and played the Super Bowl 2012. A Rising Star in the US! Forse gli indovini sono proprio tutti nel nuovo continente, va a sapere! La release è uscita prima nelle terre yankee e poi in Europa, quindi la band sta dando segnali di arrampicamento verticale verso le vette dorate delle chart, ecco la reale spiegazione. Provenienti da Wichita, Kansas, cittadina popolosa e non troppo ricca di attrazioni, i Soulicit hanno messo all’impiedi un debut album pieno di furbizie, melodie radiofoniche, scivolamenti musicali che solleticano gli adolescenti e pruriginosi accostamenti garanti nelle vendite. Un’operazione paracula, molto paracula, caldeggiata e appoggiata, manco a dirlo, da un management di scaltre volpi delle classifiche paracule.

All’epoca dei Warrant, il discografico famelico e senza scrupoli, veniva raffigurato, sulla copertina del loro debutto, come un lardoso stempiato e sudato, con anellazzi d’oro in tutte le dita, verdoni che fluivano da tasche e orifizi vari, l’immancabile sigaro in bocca acceso con banconote da mille dollari; oggi questa dicotomia è pressoché sparita, ma restano i torbidi intenti. Quelli non svaniscono mai, in verità. Voglio essere chiaro, non ho certamente un conto aperto con questi quattro ragazzi all’esordio che non conoscevo, ma la portata di certe operazioni mi dava il vomito all’epoca e oggi non è da meno. L’album è perfetto, troppo perfetto: chitarroni, melodie accattivanti, look ponderato, resa spaziale, dinamiche perfette, tracklist studiata ad arte per ripulire i portafogli dei ragazzini: poi un passaggio in quella tv molto in, massiccio airplay alle radio più trendy, una shakerata di scopiazzature che ci stanno sempre bene e richiamano i giornalisti a fare polemiche. E… il gioco è fatto. Tanto che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli: la prima regola della comunicazione massificata è questa. Parking Lot Rockstar l’ho ascoltato più volte e meriterebbe una denuncia per plagio da parte di Chad Kroeger e i suoi Nickelback, punto. Poi se vogliamo dire che il chitarrista Roll appare bravo e sagace diciamolo, che la sezione ritmica si mostra cronometrica diventa fattore assodato, che il singer, a parte l’impersonificazione nickelbackiana, se la cava benissimo è frangente appurato, ma dove risiede l’aspetto creativo in un disco come questo? Scansioni melodiche atte solo al passaggio in radio per smerciare copie, coralità limate con il calibro per tentare di piacere a tutti, alternanza di acustico e bastonate elettriche per dare tono alla proposta. Nella perversa e luccicante L.A della metà degli eighties, queste manovre si chiamavano progetti a tavolino per devastare le classifiche e fare montagne russe di incassi a sei-sette zeri. Il singolo Hell Yeah, forse il brano meno Nickelback dell’intero lavoro, è in giro da un po’, e mischia benissimo potenza e coralità simil-metal in modo da allargare il più possibile la cerchia dei probabili fruitori.

Questo è un lavoro prodotto al top, con sonorità da manuale che meriterebbero 98 come voto, peccato che sia strisciante come un cobra scappato dalla cesta e quindi terribilmente incazzato; farà di certo le sue vittime. Ma l’anima in un ellepì del genere, dove sta? Semplicemente non c’è, o meglio è avvolta in un contratto straripante di assegni principeschi. Oppure mimetizzata in uno di quei video molto dark che fanno libidine alle nuove leve di adolescenti.
Quindi, a voi la scelta. Io prodotti così plastificati non li ho mai sposati e non ce la farò mai. Orecchiabile, commestibile, infingardo, servile, strisciante, fondamentalmente paraculo, molto paraculo. Pure troppo….



VOTO RECENSORE
52
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2012
Thermal Entertainment
Hard Rock
Tracklist
1. Hell Yeah
2. Beauty Queen
3. Parking Lot Rockstar
4. Complicated
5. You Are the Song
6. Sticks and Stones
7. Blow Me Away
8. Too Cold to Pray
9. Gettin’ High
10. Time to Fly
Line Up
Darick Parson (Voce)
Roll (Chitarra)
Kevin Parrow (Basso)
Trent Boehner (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]