Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Grave - Endless Procession Of Souls
( 2557 letture )
Attivi dall'88 e personalmente ignoti fino all'ascolto della cover di Them Bones degli Alice in Chains in As Rapture Comes, i Grave si apprestano a riservirci la loro personale specialità della casa: l'archetipo del death metal scandinavo. E sono all'undicesimo full-length.

Per quanto è vero che per molte band, arrivati alla dozzina di pubblicazioni (demo e extra esclusi), se non addirittura alla prima metà carriera, sentano il bisogno umano e fisiologico di diverse linee direttrici, volte non tanto a stravolgere ma per lo più ad evolvere il proprio stampo, questi svedesi non sembrano essere dello stesso avviso.
Il loro è un mantenimento di idee letteralmente 'till death: nessun ipertecnicismo o pomposo virtuosismo. Solo crudo e primitivo death metal. E come non apprezzare tale convinzione in un periodo di continui mutamenti e stravolgimenti dei più basilari schemi di composizione del genere, sempre più spesso spacciato per tale quando in verità si sentono mancare tematiche e capisaldi?
Non si può, il passato è troppo rincuorante. Un salto indietro nel tempo per atmosfera, ovvio. Perchè in quanto a tecnica è d'obbligo notare il perfezionamento dei componenti e la loro totale dedizione al genere stesso.
Lo si sente in brani come Amongst Marble and Death, Passion of the Weak, Perimortem, Plague of Nation e Epos, forse il meglio riuscito dei brani, dove la band non esita al risalto della linea ritmica, registrata con una batteria VERA, non triggerata, non elettronica. Potete sentire chiaramente quando Ronnie Bergerståhl si sposta freneticamente tra i suoi svariati ammenicoli, sterzinando e flammeggiando in modo aulico con fill ben studiati, elemento di spicco soprattutto nei confronti del lavoro della chitarre ritmiche di Mika Lagrén e della linea vocale, perfettamente adattata sugli stilemi del genere.
Inoltre i Grave sono forse uno dei pochissimi gruppi death metal old school in cui sento davvero il basso. Non mi capita spesso, per quanto lo ricerchi. Ho capito il perchè solo dopo aver visto la carriera di Tobias Cristiansson (ex Dismember e Nifelheim). Con collaborazioni del genere, non ci possono essere remore di giudizio.
All'apertura ritroviamo anche una piacevole intro strumentale che fa da trampolino allo scenario caotico e angosciante in cui veniamo travolti, inesorabilmente.
I brani non citati mi sono sembrati semplicemente meno di spicco e impatto. Ripetitivi in alcune parti e poco dinamici. Nel complesso però il tutto è ben bilanciato e l'ascolto per i deathster vecchio stampo è pressocchè d'obbligo.
Non sono invece certa di poter affermare lo stesso per gli amanti del genere ai giorni nostri, per cui Endless Procession of Souls può veramente risultare come produzione di due decadi or sono.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
86.90 su 11 voti [ VOTA]
Teddy23
Domenica 29 Settembre 2013, 16.01.30
28
Effettivamente è GRAVE dire che il migliore album dei GRAVE è soulless!!!
Sgurbàtt
Giovedì 15 Agosto 2013, 23.10.16
27
Effettivamente è GRAVE non conoscere i GRAVE.
graveland
Giovedì 15 Agosto 2013, 21.40.36
26
CAZZO ma come fai a iniziare una recensione così !!!!!! nn conosci i GRAVE ???? allora non conosci il death metal !!!!!!!!!!!!!
sans
Venerdì 14 Settembre 2012, 16.55.46
25
Certo che fa strano leggere un incipit così: "attivi... e personalmente ignoti..." dio mio..... mi fate sentire vecchio!!
Er Trucido
Mercoledì 12 Settembre 2012, 12.31.21
24
L'ho ascoltato una notte due settimane fa in streaming, buon disco, mi riservo di ridarci un'ascoltata più avanti (magari se lo trovo ad un prezzo umano lo compro)
Flag Of Hate
Mercoledì 12 Settembre 2012, 12.13.59
23
Ho citato gli Obscura perchè simboleggiano il modo opposto rispetto ai Grave di intendere il Death. Perchè proprio i tedeschi? Perchè sono attualmente tra i gruppi più in vista, e perchè attorno a loro si è creato un hype a mio parere eccessivo. Fine OT.
Red Roger
Mercoledì 12 Settembre 2012, 0.08.15
22
Li ho scoperti al masters of death del 2006 e son subito corso a procurarmi il loro primi 3 album....che mazzate ! al sottoscritto Souless piace e non poco..certo il debutto è qualcosa di superlativo..della seconda parte della loro carriera deve ancora mettere le mani su qualcosa (consigli?) ma rimedierò..Ah ! Massive Killing Capacity non dispiace,sarà che li ho scoperti con quell'album..Anche se il loro top è Indecent&obscene,gli Entombed escluso Same difference non han fa un brutto disco..
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 21.29.51
21
No va beh, io manco li paragono a quelli, non esiste proprio, gli Entombed sono erano e resteranno i primi tre.
piggod
Martedì 11 Settembre 2012, 20.55.06
20
Sia Inferno che (specialmente) Morning Star sono due dischi validi e divertenti (se è per questo anche Serpent Saints è decente). Però sii onesto, non reggono minimamente il paragone con i dischi fino a Wolverine Blues (incluso)...
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 20.40.26
19
Concordo con il quesito conclusivo di piggod . Che poi alla fine non siamo tanto lontani come visuale complessiva perché io non mi lamento di queste uscite, apprezzo tutto dei Grave ma ho, definiamole delle preferenze "strane" visto che stravedo per "Soulless" e difendo "Hating Life". piggod gli Entombed sono un caso a parte, non hanno sfornato dischi di death svedese importanti ma album come "Morning Star" e "Inferno" pur non essendo del "genere" a me han fatto godere parecchio.
piggod
Martedì 11 Settembre 2012, 20.26.06
18
As Rapture Comes è un discone, a mio modesto avviso il migliore dalla reunion e uno dei migliori dischi DM oldschool usciti negli anni '2000. Poi vabbé, sono molto canonici nella loro proposta, però ogni loro disco è una goduria per gli amanti di un certo tipo di death metal. Forse il loro maggiore difetto è non aver sfornato un As Rapture Comes o un Endless Procession of Souls negli anni '90, nel qual caso, molto probabilmente, ora staremmo a parlare di una band che se la gioca con Dismember e Entombed (anche se quest'ultimi è da parecchio che non sfornano qualcosa di degno del loro nome). Per concludere: ma perché negli ultimi tempi vengono sempre tirati in ballo gli Obscura?
Flag Of Hate
Martedì 11 Settembre 2012, 20.00.33
17
"Soulless" è sempre stato un disco abbastanza discusso, taluni lo considerano troppo loffio e lento, altri un disco sopra la media, ma Undercover, tu sei l'unico che io conosca a considerarlo il migliore dei Grave, cosa legittimissima tra l'altro, sempre benviste opinioni fuori dal branco Io gioisco con queste uscite perchè amo il Death old school, preferibilmente europeo, e soprattutto questo modo di intendere il Death, senza vuoti funambolismi alla Obscura per capirci.Che poi siano canonici ci sta, io sono uno di bocca buona, preferisco un bel piatto di Busèeca a uno di sushi
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 19.24.56
16
Infatti è quello che cerco di capire, su quali basi si attacca quel disco visto che tutti sti capolavori prodotti in questi anni dai Grave non ci stanno, sono dischi di swedish death piacevole molti dei quali canonici, quest'ultimo è fra i meglio riusciti ma nulla che faccia strappare i capelli dalla testa.
Zanahary
Martedì 11 Settembre 2012, 19.20.38
15
@Lambruscore:Ma infatti ho detto "Eccetto Hating Life" almeno i primi 3 me li ascolterò molto volentieri @UndercoverPoi più che discone "As Rapture Comes" è gradevole. Ma Burial Ground come Dominion 3, personalmente non m'han lasciato granchè
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 19.15.24
14
Vorrei davvero capire cosa non ha "Hating Life" se poi si parla di dischi come "As Rapture Comes" o "Burial Ground" come disconi... bah.
enry
Martedì 11 Settembre 2012, 18.53.48
13
Ecco, invece a me Massive Killing Capacity è sempre discretamente piaciuto (sono in netta minoranza ma ormai me ne sono fatto una ragione da più di 15 anni), nonostante Like e Indecent siano tutt'altra cosa. Comunque, in generale ho sempre reputato i Grave delle ottime seconde linee, anche se il capolavoro indimenticabile non è nelle loro corde. Subito a ridosso dei grandi nomi death svedesi, per me.
LAMBRUSCORE
Martedì 11 Settembre 2012, 18.37.46
12
@Zanahary, se vuoi un consiglio, lascia dov'è anche Hating life e procurati i primi 2.
Zanahary
Martedì 11 Settembre 2012, 18.27.29
11
In conclusione possiamo dire che convincono molto di più quando restano fedeli alla linea. Tuttavia anche quando osano come Soulles trovano apprezzamenti tra i deathster. Io personalmente non ho ancora ascoltato i primi lavori(._.eh lossò, ma ho recuperato partendo dalle pubblicazioni del 21esimo secolo) Su vostre indicazioni, mi appresto a rimediare all'ignoranza Come Max ho apprezzato Flendish Regression ma anche As Rapture Comes, come dicevo in rece. Eccetto per Hating life(che si becca la passabilità al pelo su metallum) effettivamente l'andar fuori dagli schemi almeno una volta, gli è andato pure bene.
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 16.40.13
10
"Soulless" è criticatissimo Lambruscore proprio per la sua presa di posizione groove a discapito della velocità però paragonarlo a quel passo falso che è "Massive Killing Capacity" è anche troppo dai ... (lo so, sono in fase difesa ma adoro quel disco).
LAMBRUSCORE
Martedì 11 Settembre 2012, 16.32.02
9
Sono l'unico che ritiene il terzo, Soulless, fiacco? Pochi pezzi veloci e tanti sbadigli, tipo Massive killing capacity dei Dismember.Di questo ho sentito qualcosa e mi è piaciuto, però prima meglio approfondire.
Max
Martedì 11 Settembre 2012, 15.17.12
8
Per quel che mi riguarda i dischi imprescindibili dei Grave sono: Primo periodo i primi 3: Into The Grave, You'll Never See... e Soulless. Il migliore della reunion che, sempre per mio gusto personale, reputo uno dei migliori dischi di puro death metal del nuovo millenio: Fiendish Regression che regge tranquillamente il confronto con i capolavori dle settore... Il peggiore in assoluto Hating life, rappresentato degnamente dalla proprio copertina
Undercover
Martedì 11 Settembre 2012, 12.59.06
7
Infatti secondo me lo sei a dichiarare una cosa simile, poi è questione di gusti lo sappiamo ormai, ma "Soulless" per me è il migliore che han fatto, metto al secondo posto quello che tutti reputano il loro capolavoro "You'll Never See", mentre "Hating Life" il più "alternativo" e probabilmente il fatto che fossero un duo al tempo li ha penalizzati ma il disco c'è eccome. Quello da te citato, come tutto ciò che hanno composto dopo il rientro, è musica che potrebbe suonare qualsiasi band odierna con l'unico vantaggio a loro favore che il trademark in questo caso è l'originale, ma ho capito dai tuoi post precedenti che è quello che cerchi, quindi c'è poco da discutere. Alla fine ripeto, questa band non ne ha toppato uno ma se si apprezza più il ripetersi e ripetersi e ripetersi, fanno ciò che sanno fare e non vanno oltre, parlare di disconi dal loro rientro mi pare esagerato, gli Asphyx chiamati in causa da piggod sono altra questione.
Flag Of Hate
Martedì 11 Settembre 2012, 12.41.49
6
Sui primi 2 nulla da dire, ma non trovo indispensabili nè "Soulless" che "Hating Life". Prendetemi per pazzo, ma questo disco e il precedente "Burial Ground" sono meglio di quei due là
enry
Martedì 11 Settembre 2012, 10.52.06
5
Poco da dire, il solito gradevole disco dei Grave da 75. Io alla fine li prendo sempre anche se come dice Undercover quelli da avere sul serio sono i primi quattro.
il vichingo
Martedì 11 Settembre 2012, 9.26.40
4
Quoto i tre commenti qui sotto.
Flag Of Hate
Lunedì 10 Settembre 2012, 23.42.06
3
Ooooh, questo è il Death che amo, diretto, rude, old school, senza minchiate ipertecniche da onanisti delo strumento (nessun doppio senso, please). Il disco è godibilissimo, in particolare la seconda metà è una bomba, lo sto divorando. Voto 81/100. THIS IS TRUE DEATH METAL, BASTARDS
piggod
Lunedì 10 Settembre 2012, 23.00.32
2
Sono i Grave, sono una sicurezza e questo disco se lo gioca con Deathammer per la palma di disco oldschool dm dell'anno. Grandi.
Undercover
Lunedì 10 Settembre 2012, 22.58.10
1
Sono una sicurezza, come ripeto da tempo avendo i primi quattro tutto il resto come acquisto è trascurabile, quelli sono i fondamentali, però un disco veramente brutto non l'han fatto, qualche caduta nei primi due post-reunion ma adesso lo standard qualitativo si mantiene ben oltre la sufficienza, sul voto cinque punti più in basso, il commento in striminzito: sono i Grave.
INFORMAZIONI
2012
Century Media Records
Death
Tracklist
1. Dystopia
2. Amongst Marble And The Dead
3. Disembodied Steps
4. Flesh Epistle
5. Passion Of The Weak
6. Winds Of Chains
7. Encountering The Divine
8. Perimortem
9. Plague Of Nations
10. Epos
Line Up
Ola Lindgren (vocals)
Ronnie Bergerstål (drums)
Mika Lagrén (guitar)
Tobias Cristiansson (bass)
 
RECENSIONI
s.v.
78
77
84
70
90
90
ARTICOLI
13/10/2017
Live Report
GRAVEYARD + TROUBLED HORSE + ELECTRIC BALLROOM
Bloom, Mezzago (MB), 08/10/2017
11/10/2017
Live Report
GRAVE DIGGER
Circolo Colony, Brescia, 07/10/2017
07/12/2015
Live Report
MALEVOLENT CREATION + GRAVE + PENTAGRAM (CHILE)
CIRCOLO COLONY, Brescia( BS ) 03/12/15
05/07/2015
Live Report
GRAVEYARD (SPA) + BLACK OATH + DECAPITATED CHRIST
Circolo Colony, Brescia, 30/06/2015
13/10/2014
Live Report
ENTOMBED A.D. + GRAVE + IMPLODE
Circolo Colony, Brescia - 05/10/2014
19/12/2013
Live Report
MARDUK + GRAVE
Circolo Colony, Brescia, 14/12/2013
18/12/2009
Live Report
NILE + KRISIUN + GRAVE ed altri
Those Whom The Gods Detest Tour 2009
19/02/2009
Intervista
ETRUSGRAVE
Parla Fulberto Serena
17/03/2008
Live Report
ROTTING CHRIST + DISGUISED + INGRAVED
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]