Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Magnum
The Serpent Rings
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA + DEVIL CRUSADE + DISBOSKATOR
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

07/02/20
ABBATH + 1349 + VLTIMAS
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

Assembly of Light - Assembly of Light
( 1701 letture )
La voce umana è da sempre un mezzo di comunicazione che va al di là di una vera e propria comprensione e che è in grado di svilupparsi su molteplici livelli, coinvolgendo non solo le orecchie, ma spesso anche il cuore.
Di frequente, il puro e semplice utilizzo della voce viene offuscato dall'uso della parola e dunque dai testi, facendoci in qualche modo perdere la concentrazione nei riguardi dell'emissione vocale stessa e nello specifico di ciò che essa ci comunica a pelle, senza l'ausilio del linguaggio.
In Assembly of Light questa comunicazione diretta e priva quasi totalmente di parole viene messa in primo piano, rendendo protagonista un coro composto da sole voci femminili di molteplici qualità.

Così, con il raro ausilio di alcuni strumenti, i sei brani che compongono l'omonimo lavoro delle Assembly of Light, nate come un semplice hobby nel 2008 a Providence grazie a Chrissy Wolpert, si districano in atmosfere rarefatte e surreali; i brani sono articolati semplicemente, spesso con la sovrapposizione di due o tre linee principali, e ciò che forse lascia quasi stupiti è il fatto che l'unica vera e propria cosa pronunciata dalle coriste sia la semplice vocale "a".
Questo è senza dubbio il mood generale di cui le tracce si avvalgono: in brani come Transition l'accostamento ad una lentissima base doom -prodotta dai The Body- e ad un monologo straziante di Chip King (The Body) contribuisce in modo importante al crearsi di un'atmosfera tesa; anche in Treelight, l'utilizzo di una essenziale base strumentale, ancora una volta accostata alla voce maschile (questa volta meno drammatica ed appartenente ad Alexis Marshall dei Daughters), sancisce una sorta di univoca connessione per quanto riguarda i contenuti che le Assembly of Light vogliono trasmettere.

Dunque, sicuramente un progetto ambizioso quello che queste circa venti coriste portano avanti: coordinare così tante voci non è mai un'impresa semplice ed i brani, pur non essendo complessi, si rivelano senza dubbio interessanti.
Nonostante alcune quasi inevitabili sbavature dovute all'utilizzo non proprio impeccabile di alcune vocalità ed alla difficoltà di eseguire una performance perfetta da parte di tutte in simultanea, le Assembly of Light sono un progetto che stupisce e che porta la vocalità femminile a livelli mai banali ma quasi minimali, senza troppe complicazioni: pura e semplice voce.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Snow
Giovedì 20 Settembre 2012, 20.36.03
4
E di che Bene, sono contenta, magari li inizierò ad ascoltare più nello specifico anche io!
Unia
Giovedì 20 Settembre 2012, 20.31.46
3
Grazie Snow, anche per la recensione Comunque, parlando dei The Body, mi hanno ipnotizzata! In genere il doom non m'attizza più di tanto, ma loro li ho trovati "strani", con i cori femminili hanno dato un plus (intendo il disco citato precedentemente).
Snow
Giovedì 20 Settembre 2012, 15.38.43
2
Purtroppo non lo so Unia, nemmeno io avevo mai dato prima di qualche tempo fa un ascolto ai The Body, e le informazioni sulle varie componenti del coro sono piuttosto vaghe, dunque è difficile capire se ci siano effettivamente ulteriori collaborazioni, magari anche solo di una parte di loro!
Unia
Giovedì 20 Settembre 2012, 15.21.13
1
Ho visto un paio di video sul tubo, tanto per farmi un'idea. Ho trovato una sola parola per esprimere il tutto: inquietanti, ma non nel senso stretto della parola. "Inquietanti" per il loro modo di presentarsi, per l'atmosfera lugubre e quasi gotica che, in certi momenti, trasmettono, per il coro a cappella di alcune canzoni, in altre a parole. Detto questo, mi viene in mente una frase del film Hanna (citazione enciclopedica universale presumo): "Music: a COMBINATION OF SOUNDS with a view to BEAUTY OF FORM and EXPRESSION OF EMOTION", lascio a te le conclusioni. Prima volta che sento il nome The Body! Ho ascoltato una canzone dall'album All The Waters Of The Earth Shall Turn To Blood, davvero niente male, anche lì sono presenti les choristes?
INFORMAZIONI
2012
At A Loss Recordings
Classica/Contemporanea
Tracklist
1. Insides
2. Transition
3. Treelight
4. Into the Woods I
5. Into the Woods II
6. Into the Woods III
Line Up
Chrissy Wolpert and The Assembly Of Light Choir (Vocals)

Guests
Chip King (Vocals)
Alexis Marshall (Vocals)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]