Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Vindsval
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

Blut Aus Nord - 777 - Cosmosophy
( 5489 letture )
Forse è utile fare un prologo su questo album in quanto, essendo il capitolo finale di una trilogia, conserva elementi riscontrabili nel precedente distico assieme ad elementi nuovi comprensibili e ascrivibili all'interno di un percorso ben preciso.
Cosmosophy segna con la parola fine questo enigmatico, cabalistico e trascendente percorso intrapreso dai Blut Aus Nord.
Questo massiccio e criptico sentiero ha intrapreso una direzione di discendenza e di disgregazione fino ad arrivare alla frantumazione totale. Possiamo leggere quest'opera completa come il tentativo di distruggere il black metal partendo proprio da esso; anche se lo stesso Sect(s) conteneva elementi disturbanti e "anomali" per il genere, potevamo leggere questi come una soluzione stilistica di Vindsval, tanto era chiaro il suo intento di partire dal black metal per giungere altrove. La macchina furiosa e matematica del primo capitolo rallenta notevolmente con The Desanctification, le geometrie sonore diventano un grosso e lento groviglio di frequenze, un magma avvolgente e meglio disposto verso l'ascoltatore (la scelta stilistica si fa più comprensibile, meno ostica e più "universale").
Le linee-guida per Cosmosophy continuano ad essere Godflesh, Swans e Jesu, ma con le atmosfere apocalittiche degli Scorn e dei Greymachine. Molte sono le affinità col disco Memoria Vetusta II - soprattutto per quanto riguarda le linee melodiche delle chitarre e delle tastiere - e con le aperture ariose e epiche che lo connotavano.

Il distacco sonoro che c'è fra la "vecchia" Epitome XIII e la "nuova" Epitome XIV è ben marcato benché sono sempre le chitarre che congiungono insieme i due capitoli. Dagli zanzarii caotici e stordenti del XIII paragrafo partono incomprensibili cantilene che con il nuovo capitolo lasceranno spazio ai riff più melodici che siano usciti dal grembo dei Blut Aus Nord. Le chitarre si sommano l'un l'altra creando uno spazio aperto ma ben poco rilassante; da questo insolito fiume di luce sgorga un ordito di voci pulite, anch'esse indistinte e sovrapposte, di arcturusiana memoria ma mantenendosi sempre in uno stadio di atonicità. Le linee vocali si muovono in un sentiero para-meditativo: come i monaci tibetani di Gyuto che intonano una nota fondamentale talmente bassa da sembrare il ruggito di un animale, così profonda da non sembrare neanche umana; diverse linee vocali trascendono il loro stadio di umanità per fondersi l'una sull'altra e per apparire un unico coro.
Il risultato è un post-black metal che si somma ad un post-epic metal, o meglio: ciò che è anti-black diventa anche anti-epic perché l'intero approccio parte da un aborto. Le chitarre si muovono sempre su tonalità alte, melodiche e aperte, ma nascono abbassate di tono (in linea col passato), le voci pulite e il costante tappeto amalgamante di synth si configurano come le presupposizioni per un background epic se non fosse per il fatto che qui non c'è alcun fine positivo, alcuna vittoria o predominanze di buona condotta. C'è solo l'epicità dello sconforto e della disfatta, in un concetto che va al di la di qualsiasi principio di sublime; non ci sono più paragoni col terreno o col misurabile, c'è solo il terrore della vuota immensità.

Epitome XV disgrega ulteriormente quei pochi elementi portanti che potevano appena essere emersi. Lo sfondo noise/ambient rilascia un filtrato e malato parlato in lingua madre, una sorta di anti-hip-hop su un acidissimo e cibernetico trip-hop; se da una parte ci troviamo di fronte ai Dälek del black metal dall'altra parte riconosciamo i versi di Proverbs of Hell del capolavoro blakeiano degli Ulver.
La trasgressione sonora però si rigetta di punto in bianco in questo vortice teatrale fatto di drum machine e di inesorabili synth: la colonna sonora dell'apocalisse, la perfetta messa in musica della fine del mondo e la delineazione dei confini dell'universo.
Un perfetto sentore di sconforto e di abbandono emergerà in Epitome XVI dove le orchestrazioni raggiungeranno un vertiginoso apice da colonna sonora fantascientifica; in mezzo a quest'immensità l'ascoltatore è attraversato da arpeggi acustici a possenti correnti corali; da mefistofelici sussurri agli sconquassanti colpi di cassa; dalle martellanti e spezzettate chitarre ritmiche ad armoniche linee segnate dalle sovrapposizioni delle sei-corde...
Epitome XVII ri-allarga gli orizzonti con alcune delle linee più melodiche di sempre. Questa volta la voce pulita è una sola e nella sua assenza di orecchiabilità si scontra con una bellezza inaudita di synth e di luce. Le chitarre giocano a tracciare sentieri affini a quelle delle tastiere; poi nascono degli arpeggi acustici che si trasfigureranno grazie all'overdrive e alla bassa voce cavernosa di Vindsval: luminescenti scie nel vuoto e desolato universo cosmico.
La conclusione di questa titanica impresa è data da Epitome XVIII: un lunghissimo mantra fatto di reiteranti riff che si mescolano e si trasformano per rinascere continuamente, per tornare al punto d'origine, per perdersi nell'infinito.
Il mantra è un insieme di oscillazioni "kosmische" e di ruomori che sembrano provenire da tibetani tromboni raag-dung
L'esito di questo Cosmosophy l'avevamo supposto poco tempo fa quando si diceva:

La creazione diventa una morte cosmogonica mediante la quale la potenza concentrata della divinità viene offerta e sparsa: ma la discesa e la diffusione della potenza divina sono seguite dalla sua resurrezione, quando i Molti sono "ricomposti nell'Uno" *

Ecco che finalmente la potenza divina compare in tutta se stessa, ma collocandosi al di sopra di tutto, essa risulta inquantificabile e incommensurabile. Il lungo e sconvolgente viaggio dei Blut Aus Nord nasce come una sorta di teofania, si trasforma in un dato sensibile e macrocosmico per poi scendere nel particolare infinitamente ripetibile nelle sue strutture. L'illimitata reiterazione mantrica genera il cosmo o meglio, genera la dottrina del cosmo. Ovvero dalla cosmofania alla cosmosofia.


*come già accennato in The Desanctification, vedasi Edgar Wind - Misteri Pagani nel Rinascimento (introduzione, VII, VIII, X, XI); Sallustio - Sugli déi e l'universo



VOTO RECENSORE
95
VOTO LETTORI
89.29 su 17 voti [ VOTA]
Nihilistic decadence
Sabato 16 Agosto 2014, 17.52.03
24
Che trilogia! Al di là dei temi trattati nelle lyrics (che Moro ha espresso in maniera mirabile), mi viene da accostare i tre album alle teorie nietzscheane.. Sect descrive benissimo la caduta delle certezze; The desanctification è invece la presa di coscienza dell'uomo e la sua iniziale ascesa; Cosmosophy è lo stadio finale, ossia la nascita dell'oltreuomo.. È un po' azzardato come accostamento, lo ammetto, ma mi pare abbastanza allineato con l'atmosfera caotica e decadente del primo, le "melodie" stranianti del secondo e le clean vocals e le note, quasi salvifiche, del terzo.. Comunque, in cifre: 90 il primo, 80 il secondo, 85-90 il terzo (va bene, ammetto che sono un po' soggettive come valutazioni eh..)
Christian
Lunedì 21 Aprile 2014, 14.45.38
23
Appena ho una sessantina di euro mi faccio un regalo e me li prendo tutti e tre insieme, trilogia mostruosa, non so che altro dire. Questo qui non sbaglia un colpo neanche se lo ammazzi.
Ombra
Domenica 1 Settembre 2013, 23.36.26
22
commento direttamente tutta la trilogia, i primi due davvero bellissiimi, quest'ultimo a me è piaciuto meno ma rimane pur sempre un discone, gruppo davvero troppo sottovalutato.
AntithesisOfLight
Venerdì 15 Marzo 2013, 23.22.55
21
Da annoverare insieme a pochi altri dischi che ti portano in una lenta discesa in un abisso senza fine.
Marco
Giovedì 14 Marzo 2013, 11.34.40
20
DIscone. Voto 90
fdrulovic
Mercoledì 14 Novembre 2012, 16.21.21
19
Concordo anche io sul fatto che sia il migliore della (fantastica) trilogia. Veramente un bel disco che scorre una bellezza...
Nicola
Mercoledì 3 Ottobre 2012, 19.11.23
18
Stupendo!! scorre che è un piacere!! Della trilogia è quello che mi piace di più. Consiglio comunque di ascoltarli tutti e 3..in ordine ovviamente: si noterà come il sound dall'inizio prevalentemente dissonante ed estremo lentamente si semplifichi sino a lasciar spazio alle melodie lente ma quasi...rilassanti!!! Complimentoni a sti francesi!
Moro
Venerdì 28 Settembre 2012, 14.42.51
17
Invece sencondo me si distanziano anche migliormente dai DsO. Hanno dei modi simili di suonare solo che i BAN lo hanno dilatata. i DsO si sono estremizzati più stilisticamente, i BAN concettualmente. E oltretutto con i What Once Liber e con MEmoria Vetusta II hanno dimostrato di saper continuare a fare anche un blackmetal """tradizionale"""
Njörðr
Venerdì 28 Settembre 2012, 9.37.38
16
Ottima recensione: mi hai convinto ad ascoltare tutta la trilogia e devo dire che ne è proprio valsa la pena! Grazie!
Kryptos
Giovedì 27 Settembre 2012, 19.12.01
15
Per quel che mi riguarda un capolavoro da 90 secco. Non ho mai sentito i Blut Aus Nord così... "Celestiali". Il black metal ormai è completamente andato. Inutile dire che questo è l'episodio migliore della trilogia: il precedente era ottimo (80) e già foriero di una svolta del genere; "Sects" invece è carino ma col senno di poi l'ho rivalutato, un po' troppo contorto/macchinoso. Nel complesso direi che questa trilogia è stata un successone (e non dimentichiamoci che tra i Liber e i 777 sono usciti qualcosa come cinque album in due anni!), non eguaglia i connazionali Deathspell Omega a mio parere ma comunque siamo su livelli altissimi.
piggod
Giovedì 27 Settembre 2012, 18.35.16
14
La trilogia presenta un genere musicale che pone le sue radici nel black metal ma che se ne distanzia quasi totalmente, i due liber sono black metal.
Third Eye
Giovedì 27 Settembre 2012, 17.25.53
13
pigod, io "What Once Was... " li ho trascurati purtroppo; quali sono le differenze (se ce ne sono) rispetto alla trilogia? Comunque, la band merita tantissimo ed occupa senz'altro un posto di rilievo nel panorama musicale odierno.
piggod
Giovedì 27 Settembre 2012, 16.42.20
12
Dopo svariati ascolti, proclamo: signore e signori il capolavoro del 2012. Ad ogni modo fra i 777 e i Liber questi stanno sfornando dei dischi pazzeschi di cui questo è il culmine. Applausi.
Ubik
Martedì 25 Settembre 2012, 21.27.14
11
Ho ascoltato un paio di tracce e per ora mi hanno colpito molto. Approfondirò al più presto
il vichingo
Martedì 25 Settembre 2012, 10.15.51
10
Io invece preferisco Sects, ma anche Desanctification era un discone da paura e questo chiude la trilogia nel migliore dei modi. Promossi a pieni voti.
enry
Martedì 25 Settembre 2012, 8.34.09
9
Ah però, ho scoperto che se metto una s tra parentesi salta fuori una faccina...Curioso.
enry
Martedì 25 Settembre 2012, 8.30.52
8
Altro titolo da mettere in ordine, tra l'altro a me Desanctification mi è piaciuto anche un pelo più di Sect, quindi questo che da quanto ho capito amplifica le soluzioni del secondo capitolo dovrebbe, almeno sulla carta, piacermi ancora di più.
zzz
Martedì 25 Settembre 2012, 0.06.44
7
finalmente è arrivato... disco assurdo che non ha deluso le mie aspettative
Third Eye
Lunedì 24 Settembre 2012, 23.09.00
6
Ho aspettato con trepidazione che uscisse questo disco, non vedo l'ora di ascoltarlo! Sect è strepitoso... un disco ipnotico, coinvolgente e affascinante, lo ascolti e ti rendi conto che la parola "arte" ha ancora un senso nel terzo millennio. The Desanctification mi è sembrato più debole come album, o quantomeno più omogeneo e con alti e bassi. Spero, comunque, che con quest'ultimo capitolo il livello qualitativo sia rimasto alto.
waste of air
Lunedì 24 Settembre 2012, 22.58.07
5
Dunque......dunque. Dato che Rami andava avanti con 'sta trilogia me la sono sentita. Il risultato è stato che ho dormito con le luci accese! La riascolterò la prossima primavera; ora che arriva la nebbia non ho voglia di girarmi ogni 2 minuti per vedere se in macchina c'è qualcuno con un ascia.
Mickey
Lunedì 24 Settembre 2012, 22.44.01
4
Ancora un capolavoro. Si è comoletamente distaccato dal Boack e ora naviga nell'infinito, finalmente consapevole. In effetti prevedevo che la trilogia sarebbe finita in questo modo, l'unico possibile. Devo ancora ascoltarlo bene, ma riconosco che ha fatto un lavoro davvero magistrale.
Undercover
Lunedì 24 Settembre 2012, 22.30.12
3
Sti dischi se non li compro non li ascolto, sono rimasto indietro e così sarà fino a quando non l'avrò acquistato.
xutij
Lunedì 24 Settembre 2012, 22.26.15
2
Lo devo ancora sentire, ma Vindsval non ne sbaglia uno manco a pagarlo.
NagasH
Lunedì 24 Settembre 2012, 22.17.01
1
Disco mostruoso e trilogia da panico!
INFORMAZIONI
2012
Debemur Morti
Black
Tracklist
1. Epitome XIV
2. Epitome XV
3. Epitome XVI
4. Epitome XVII
5. Epitome XVIII
Line Up
Vindsval (vocals & instruments)
 
RECENSIONI
95
91
91
80
73
92
82
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]