Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
MONO
Exit In Darkness

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

Exciter - Heavy Metal Maniac
( 10778 letture )
Venivano dal Canada gli Exciter, e sono degni di essere ricordati come una delle primissime band a proporre un più che massiccio speed metal, anzi, per alcuni furono proprio primi. Heavy Metal Maniac fu il loro esordio su vinile e fu una rivoluzione sia per la potenza e la velocità di esecuzione dei pezzi, sia per la perizia tecnica di esecuzione, in special modo da parte di John Ricci, sempre preciso ed incisivo nei suoi assoli in un genere in cui è facile produrre molto fumo e ben poco arrosto, ed unico superstite dell'attuale formazione che da pochissimo ha immesso sul mercato il nuovo Death Machine.
Un’altra particolarità della band era rappresentata dalla presenza di un batterista/cantante come Dan Beehler, il quale, se non rappresentava una novità assoluta, era comunque sufficientemente raro da destare curiosità attorno alla band ed il cui stile ha influenzato parecchi singer di genere soprattutto oltre oceano. A completare la formazione il bassista Allan Johnson.

Chi non avesse mai sentito gli Exciter ed in particolare questo Heavy Metal Maniac potrebbe rimanere sorpreso, perché questo vinile infligge parecchi punti di distacco alla gran parte delle uscite contemporanee del settore, e ciò sotto tutti i profili, pertanto va assolutamente posizionato in primo piano sullo scaffale dove gli appassionati tengono i loro dischi di maggior pregio, specialmente se avete o riuscite a beccare l’edizione originale con il famigerato cellophan interno di protezione.

Andando al concreto, dopo il pesante intro The Holocaust, il primo pezzo della side "Heavy" si intitola Stand Up And Fight, ed è subito un inno metallico veloce , pesante ed ancora oggi molto fresco nella sua esecuzione. Un vero esempio di opener devastante. La seguente title track è comunque superiore, ed all’epoca servì anche a stabilire uno standard nel settore. Sembra non esserci respiro, ma Iron Dogs invece rallenta decisamente il ritmo, ma attenzione, perché questo è il mio pezzo preferito. Un mid-time assassino che avanza senza incertezze, potente e compatto, uno schiacciasassi su un viale all’ora di punta che asfalta qualsiasi cosa incontri sul suo passaggio, la dimostrazione che non è sempre la velocità a rendere possente un brano. Mistress of Evil però rialza subito il ritmo a livelli parossistici mandando Allan Johnson sugli scudi, col suo basso a tenere sui binari un treno che rischia continuamente di deragliare per l’eccessiva velocità. La così detta side "Metal" è aperta da Under Attack, brano che fa il paio per qualità con Rising of The Dead, e stavolta è Dan Beelher a mettersi in evidenza con stacchi continui e precisi.
Un altro riuscito mid-time di qualità con introduzione acustica è Blackwitch, che ha anche la funzione di portare al conclusivo ulteriore assalto all’arma bianca di Cry Of The Banshee, ed è tutto, un altro pezzo sarebbe stato davvero troppo.

Gli Exciter produssero tre album di grande qualità prima di incappare nel più "amichevole" Unveiling The Wicked, e poi perdersi prima del recente ritorno che probabilmente state seguendo da vicino.
Per restare a Heavy Metal Maniac, se teniamo presente l’anno di pubblicazione, direi che ci sono tutte le premesse per considerarlo un disco storico che consiglio assolutamente di procurasi prima di comprare il 90% di quello che esce adesso nel settore pesi massimi, perchè come si dice spesso. questo disco "spacca" di brutto, ancora adesso.



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
66.93 su 79 voti [ VOTA]
Philosopher3185
Venerdì 6 Dicembre 2019, 16.27.10
29
Capolavoro di album.Un compendio di speed metal che mescola,motorhead,judas priest e le atmosfere cupe sulferee dei Black sabbath.
Andrea Salvador
Giovedì 26 Aprile 2018, 16.46.39
28
"Heavy Metal manic"... Un album fresco, coinvolgente ed attuale ancora oggi. Oggi escono album che son invecchiati già il giorno dopo la loro pubblicazione. Non questo e troppi altri di quel periodo straordinario.
duke
Martedì 6 Marzo 2018, 22.10.33
27
super-discone......troppo bello,troppo influente su quello che verra' dopo nel metal estremo....da avere assolutamente nella propria collezione !
rik bay area thrash
Venerdì 12 Gennaio 2018, 13.23.24
26
Già la cover è indicativa di cosa ti aspetta. Irruenza, potenza, riff al fulmicotone, un drumming selvaggio e un singer 'isterico'. Uno degli album di speed metal da avere (se si segue il genere) e una produzione eccezionale per un sound molto grezzo. ..... il 1983 sarà sempre ricordato per dei giovani 'ragazzi' di belle speranze che diedero ulteriore impulso al movimento hard&heavy. Beh exciter, metallica, slayer e i molto meno conosciuti acid, il resto è storia (imho)
Mauri66
Venerdì 12 Gennaio 2018, 12.07.59
25
Album eccezionale!!! Uno dei miei preferiti di sempre!!!
ASHER
Martedì 14 Giugno 2016, 15.15.30
24
Album fondamentale, riascoltato per l'ennesima volta. C'è tutto: riff assassini alla Priest, punk metal alla Motorhead e spruzzate sulfuree alla Sabbath, si possono persino riconoscere similitudini coi primi Maiden (periodo Paul Di' Anno). Le fonti degli Exciter sono le stesse da cui bevvero Metallica e Anthrax, che si dedicarono poi ad un thrash tout court. Questo per parlare delle basi su cui si fonda questo capolavoro, che riesce a gettare i semi dello speed e del power trash americano. Seminale ed imprescindibile, soprattutto se in vinile, con un suono più caldo che ne esalta l'impatto. Una lezione di tecnica e potenza.
hermann 60
Venerdì 10 Giugno 2016, 18.47.44
23
Uno degli album migliori in assoluto di Speed Metal
Doomale
Sabato 11 Gennaio 2014, 19.39.12
22
...riascoltato oggi...che album ragazzi....mitici Exciter!!!
HIRAX
Giovedì 31 Ottobre 2013, 21.30.38
21
DISCO UNICO NEL SUO GENERE ALL’epoca era il massimo della potenza sonora. purtroppo irripetibile! io voto il massimo!
Fly 74
Giovedì 31 Ottobre 2013, 20.52.27
20
Questo disco è l'orgoglio di essere metallaro, se lo ami non tornerai più indietro. Esaltante al massimo. Voto 90.
vecchio peccatore
Giovedì 31 Ottobre 2013, 20.21.11
19
Tra i più bei dischi di sempre, siamo intorno al 95, una scarica di adrenalina pura nelle vene.
Metal Maniac
Domenica 5 Maggio 2013, 21.09.54
18
ueh giù le mani... quest'album l'ho fatto io!!!
dario
Domenica 5 Maggio 2013, 19.12.06
17
Questo album me l'avevano doppiato su musicassetta ed era costantemente nel mio stereo a palla. Sono d'accordo con Raven : spacca ancora di brutto. Da avere assolutamente nella propria metal collection Iron dogs è meravigliosa, a dimostrazione che la velocità non è tutto. Puro HEAVY
Zombi Blues
Sabato 17 Marzo 2012, 12.40.02
16
oltre ai sopracitati album, ci sarebbe pure ''Kill After Kill'' (del 1992) che non mi dispiace affatto, un atteso ritorno ai fasti passati
Zombi Blues
Venerdì 16 Marzo 2012, 8.02.22
15
il miglior album degli EXCITER, senza ombra di dubbio(dopo di esso solo 'Violence & Force' e poi fase discendente). Il bello è che ancora oggi , nonostante i quasi 30 anni sul groppone, HMM continua a spaccare complice un sound 'sporco'!
Celtic Warrior
Venerdì 3 Febbraio 2012, 12.38.05
14
Secondo il mio modesto parere questo è il migliore album degli EXCITER , acciaio e siderurgia a go go !!!
fabio II
Venerdì 3 Febbraio 2012, 11.18.31
13
Questo è il METAL, come ho scritto al post 7, le chitarre erano armi siderurgiche, come mai prima. Dovevi essere mentalmente predisposto alla ricerca e alla non omologazione di massa. Mi sono sentito in dovere di esprimere anche un voto, cosa che solitamente non mi piace. PS: anch'io Raven mi ero svenato perchè il disco era solo import, se non ricordo male. FEDE.
Raven
Venerdì 28 Ottobre 2011, 11.07.06
12
prezzo standard: 20.000 lirozze dell'epoca.
The Nightcomer
Venerdì 28 Ottobre 2011, 9.35.39
11
Non ricordo nemmeno quanto l'ho pagato, ma non grandi cifre (erano ancora anni in cui si trovava qualche buon affare)... Ripensandoci: se dovessi iniziare ora a collezionare vinili come quelli che attualmente posseggo, dovrei rassegnarmi a spendere mooolto di più!
Raven
Giovedì 27 Ottobre 2011, 18.18.58
10
e quanto costava 'sto vinile...
The Nightcomer
Giovedì 27 Ottobre 2011, 18.14.20
9
Il mio preferito degli Exciter, l'unico che terrei se mi dicessero di dover fare una scelta di questo tipo; forse sono un pò troppo sbilanciato nella mia valutazione, ma per me Violence and Force e Long live the loud (che comunque ho e conosco) non reggono il confronto con questo debutto, pur restando dei buoni album. In H. M. Maniac c'era in più quel fattore sorpresa che ha contribuito in modo determinante a colpire gli ascoltatori dell'epoca. Era veramente vicino allo speed... Non dava respiro durante l'ascolto, persino nei brani rallentati. Una pietra miliare del metal che, come dice raven, risulta attuale ancora oggi.
MAIDEN 65
Venerdì 29 Luglio 2011, 20.19.50
8
Gran Vinile : Stand Up And Fight
fabio
Mercoledì 20 Luglio 2011, 16.56.46
7
Sino a metà anni '80 un band superiore! L'esordio in questione poi è di gran lunga l'episodio migliore; un'urgenza ritmica devastante, le chitarre sembravano armi siderurgiche in mano ai canadesi. Storia:100/100
Raven
Mercoledì 26 Gennaio 2011, 8.31.36
6
I primi tre somo da avvere assolutamente
jek
Martedì 25 Gennaio 2011, 21.00.56
5
Questo disco è troppo bello allora lo chiamavamo speed metal. Come si spiega dalla rece di metalpedia Raven bisogna contestualizzare l'uscita, vedere il panorama dell'epoca per capire cos'erano innovativi. Voto 90. Per chi può ascoltarlo in vinile. Devo dire che il seguito della band non l'ho più curato. mi aggiornerò
Questo è Metal!
Giovedì 13 Gennaio 2011, 8.53.10
4
Questo disco è da 99!!!! altro che! un pezzo di fantastica storia!!!!
Raven
Sabato 18 Ottobre 2008, 8.21.53
3
Scusa la curiosità, quanti anni hai? Lo chiedo per valutare quanto tu possa considerare l'impatto di quel vinile sul meracto dell'epoca
across
Venerdì 17 Ottobre 2008, 22.12.17
2
disco molto importante, ma un voto cosi' alto è esagerato !!
Fabio
Martedì 19 Dicembre 2006, 14.30.48
1
Concordo pienamente con la recensione, un grande disco (grandi i primi 3 album) che tutti gli amanti del genere dovrebbero avere. Anch'io all'epoca rimasi folgorato da questo album e sicuramente fu un punto di riferimento per band diventate poi ben piu' famose
INFORMAZIONI
1983
Shrapnel
Heavy
Tracklist
1. Holocaust
2. Stand Up And Fight
3. Heavy Metal Maniac
4. Iron Dogs
5. Mistress Of Evil
6. Under Attack
7. Rising Of The Dead
8. Blackwitch
9. Cry Of The Banshee
Line Up
John Ricci (guitar)
Allan Johnson (bass)
Dan Beehler (drums/vocals)
 
RECENSIONI
62
78
80
91
89
ARTICOLI
18/03/2003
Articolo
EXCITER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]