Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

20/02/20
SKYFOREST
A New Dawn

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

21/02/20
H.E.A.T
H.E.A.T

21/02/20
HEATHEN FORAY
Weltenwandel

21/02/20
VERIKALPA
Tuoppitanssi

21/02/20
OZZY OSBOURNE
Ordinary Man

21/02/20
PRIMEVAL MASS
Nine Altars

21/02/20
RE-MACHINED
Wheels Of Time

21/02/20
SECRET RULE
Against

CONCERTI

20/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
DRUSO - RANICA (BG)

20/02/20
PAPA ROACH + GUESTS
ALCATRAZ - MILANO

20/02/20
NANOWAR OF STEEL
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/02/20
DEWFALL + GUESTS
EQUINOX CLUB - VEROLI (FR)

21/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/02/20
NANOWAR OF STEEL
VOX CLUB - NONANTOLA (MO)

21/02/20
ASPHODELIA + GUESTS
EXTREME FOVEA ATTACK - FOGGIA

21/02/20
WICKED ASYLUM + VIOLAFUEL
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

Pendragon - Believe
( 3815 letture )
Vent’anni di carriera sono un evento da festeggiare; non molte band possono (o potranno) vantarsi di un simile risultato. Beh, cari amici, i Pendragon sembrano ben sapere come celebrare un simile traguardo. Dopo 4 anni di silenzio e di lavoro, infatti, ecco l’ennesima perla del combo inglese.
Believe è un semi-concept sulla fede, la forza interiore che guida ogni uomo, e sui grandi rischi che credere (o credere di credere) possono materializzare ad ognuno nel suo cammino verso il destino. Un album dai suoni immensi, delicati, ricercati con cura maniacale; un lavoro pieno di Anima, sensazioni sonore che si rincorrono come spiriti in un bosco fatato; un CD da bere, mangiare, iniettarsi, non certo solo da ascoltare. Se mai vi verrà la buona idea di acquistarlo, potrete capire meglio di cosa parlo: chitarre dai suoni ricercatissimi, partiture emozionali, strumenti spesso ‘secondari’ al servizio di melodie bilanciate tra sogno e realtà. La prima parte del platter, di certo più ‘chitarristica’, è territorio indiscusso di Mr. Nick Barrett, che gioca spesso a fare Peter Gabriel con la voce, e che potrebbe dare lezioni di stile chitarristico a chiunque. Ma dalla lunga, morbida ed emotiva suite The Wishing Well vi ricorderete, se mai si possa dimenticare, che alle tastiere c’è un certo Clive Nolan… poesia. Il disco continua a condurci entro stanze strane e inaspettate: come dei novelli Alice nel Paese delle Meraviglie, scopriremo mondi bizzarri, buffi, misteriosi, pericolosi o semplicemente affascinanti (c’è da squagliarsi ad ascoltare la delicata perfezione della conclusiva The Edge of the World). Il progressive rock è questo, in fondo: emozioni non scontate, sonorità ricercate ma al servizio di un sogno lucido e folle, quale ogni composizione nata dalla mente dell’uomo è, o dovrebbe essere.
Non c’è calcolo, non c’è intenzione commerciale in una perla come Believe, i Pendragon hanno un nome talmente forte ed ingombrante che altri ne risulterebbero schiacciati, sentendo quasi il dovere di comporre per dimostrare qualcosa. Ma la Musica, quando ha la M maiuscola, si dimostra da sé. Neal Morse, gli Spock’s Beard, tutta la nuova generazione del prog rock, staranno piangendo lacrime amare, o di gioia: i Pendragon SONO il progressive rock, e vent’anni di classe non si cancellano.
Believe dei Pendragon in una sola frase? “When Dream and day unite”, con buona pace dei miei amatissimi Dream Theater.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
27.41 su 36 voti [ VOTA]
JC
Venerdì 10 Gennaio 2020, 14.22.05
3
Non tra i miei preferiti, ma i dischi dei Pendragon mi piacciono comunque tutti.
Frank Frank
Venerdì 10 Gennaio 2020, 11.34.43
2
Contrariamente alle perle "The Masquerade overture" e "Not of this world" nelle quali l'influsso Genesis Pink Floyd è meravigliosamente presente e fa dei Pendragon degli epigoni alla massima potenza, qui si respira una intensa atmosfera di distacco e di profonda personalità. Insomma Believe sta ai Pendragon come In absentia sta ai Porcupine Tree. Maturazione elegiaca con accenti hard-prog che potranno piacere agli amanti del metal. Tutte disquisizioni tipicamente personali che però potranno aprire la strada a chi ha ancora dubbi sulle capacità musicali di Barret e C. Believe 10 con lode.
fasanez
Venerdì 27 Dicembre 2019, 22.17.06
1
Disco imho inferiore ai precedenti, ma sempre con dei pezzi di assoluto valore come la suite parte b. voto giusto.
INFORMAZIONI
2005
Inside Out
Prog Rock
Tracklist
1. Believe
2. No Place For The Innocent
3. The Wisdom Of Solomon
4. The Wishing Well
a. for your journey
b. so by sowest
c. we talked
d. two roads
5. Learning Curve
6. The Edge Of The World
Line Up
Fudge Smith - batteria
Clive Nolan - tastiere
Peter Gee - basso
Nick Barrett - voce e chitarre

www.pendragon.mu
 
RECENSIONI
70
77
82
90
80
ARTICOLI
05/07/2009
Intervista
PENDRAGON
Purezza Progressiva
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]