Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKELETOON
Nemesis

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
BLAZON RITE
Dulce Bellum Inexpertis E.P. (Ristampa)

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Vision Divine - Vision Divine
( 5292 letture )
Siamo nel 1999, anno in cui entra in vigore l’euro; viene proclamato beato Padre Pio; Romano Prodi viene eletto presidente dell’Unione Europea; è l’anno in cui Benigni vince l’oscar per il miglior attor protagonista per La Vita è Bella; uno degli ultimi anni a vedere le Twin Towers in piedi, insomma, è storia di un altro secolo, di un altro millennio. In quell’anno, ci fu un altro grande evento per il power metal: l’omonimo album di debutto dei Vision Divine, band tutt’ora tra le più note e apprezzate in giro per il mondo. Nata allora come progetto parallelo dell’allora chitarrista dei Labyrinth (sto ovviamente parlando di Olaf Thorsen), il gruppo -è storia nota- è diventato negli anni la band principale di Olaf fino a giungere al recentissimo Destination Set to Nowhere, settimo album che ha dato nuovo slancio alla band anche grazie al nuovo accordo discografico con la earMusic, divisione del colosso Edel.

Il disco, che contribuì in maniera sostanziale all’affermazione su scala globale del power-prog di matrice italica, a tredici anni dalla sua uscita si lascia ancora oggi apprezzare per la sua freschezza compositiva e per la sua verve. Facendo una riflessione sulla qualità delle uscite discografiche italiane del periodo non si può che elogiare tutte quelle band che, come i Vision Divine, hanno battuto quel territorio a confine tra power e progressive, sapendo trarre il meglio dall’uno e dall’altro. Il disco è praticamente composto da undici potenziali singoli; undici canzoni che prese singolarmente quanto nella sequenza della tracklist non mostrano una singola flessione per quanto riguarda l’ispirazione. L’affiatamento della band tocca i massimi livelli per tutta la durata del platter, senza mai dare l’impressione di essere in difficoltà. Provare per credere l’apripista: New Eden aperta dalle tastiere ariose di Andrea De Paoli sulle quali si innesta il riffing assassino di Thorsen, fino a giungere all’interpretazione magistrale di Fabio Lione, con appena due album alle spalle con i Rhapsody, uno con i Labyrinth e quell’incredibile capolavoro registrato con gli Athena che risponde al nome di A New Religion?; insomma, un cantante che si stava affermando all’epoca e lo farà anche grazie all’ottima prestazione sul debutto dei Vision Divine. Il disco è costruito su un ritmo martellante, grazie alla prestazione sopra le righe di Mattia Stancioiu e Andrea “Tower” Torricini, recentemente rientrato in line up. Tutti musicisti che hanno fatto la storia del power metal in Italia. Cito le mie canzoni preferite per evitare un’inutile track by track, vista l’elevata qualità dei pezzi in questione: Exodus, un up tempo costruito in maniera magistrale, basti ascoltare la sequenza bridge-chorus; la più progressiva e strumentale Forgotten Worlds; la raffinatissima The Miracle, praticamente una canzone con un ritornello antologico. Una nota a parte merita The Final Countdown prima cover delle tante che la band di Thorsen ci ha abituato a sentire nei loro album (e a tal proposito -sul concetto di cover- date uno sguardo alla recente intervista che ho fatto ad Olaf).

Insomma, non serve aggiungere altro, il disco di debutto dei Vision Divine è un’opera prima di spessore artistico internazionale. Uno di quegli album senza tempo che riescono ad affascinare ancora oggi schiere di ascoltatori in giro per il mondo, come me, quattordicenne assetato di power metal nel 1999. Acquisto d’obbligo se amate il genere.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
90.30 su 89 voti [ VOTA]
Nebularium
Lunedì 4 Maggio 2020, 19.53.32
15
Il disco in questione esce in un'annata fondamentale per il Power metal melodico sia a livello italiano (dello stesso anno i debuts di Secret Sphere e Highlord) e internazionale (basti citare il debut dei Sonata Arctica, tra gli altri). Si tratta di un disco in cui le suggestioni della band principe di questo genere gli Stratovarius, di fatto il gruppo power più influente nella formazione del Power italiano) sviluppa le suggestioni più propriamente nazionali che Labyrinth, Time Machine e DGM avevano portato avanti negli anni precedenti. Il risultato è un disco pesantemente debitore nei confronti dei succitati Stratovarius, in cui elementi prog, neoclassici e sinfonici si fondono insieme, dimostrando una certa classe melodica e strumentale. Andrea De Paoli si conferma ottimo tastierista ma dal gusto fin troppo convenzionale (soprattutto nel suo mero accompagnare il guitarwork, senza tentare mai di emergere dallo sfondo), mentre le ritmiche di Stanciou e Tower (coppia che ho sempre ritenuto superiore a Bissa e Bertocchi) dà dinamismo alle composizioni. Lione, dal canto suo, si dimostra energico come sempre, e contribuisce a fare pendere il disco più dal lato power che da quello prog (a costo, però, di una certa staticità a livello melodico). Il songwriting è di buon livello, e pur difettando di originalità riesce a piazzare qualche pezzo davvero notevole. Il difetto maggiore che mi sento di riscontrare riguarda una certa mancanza di complessità melodica: De Paoli e Lione, per quanto bravi, non riescono mai a staccarsi dal songwriting di Thorsen, ma piuttosto lo inseguono costantemente, appiattendosi su di esso. Un risultato ben diverso, negli anni successivi, verrà dall'innesto di due elementi di assoluto valore come Smirnoff e Luppi (e non è un caso che SoC e PM siano considerati, più o meno unanimemente, i capolavori del gruppo). Il disco, nonostante una certa banalità di fondo e un songwriting che non decolla mai davvero, ha avuto l'indubbio merito di consolidare quelle coordinate stilistiche che erano state poste negli anni precedenti dai Labyrinth e che tanto importanti dovranno dimostrarsi per il Power tricolore negli anni a venire. Voto 71
Gamma
Martedì 31 Dicembre 2013, 13.42.28
14
Purtroppo l ho acquistato solo adesso.....
Ste
Sabato 21 Settembre 2013, 18.35.11
13
90 è tropo per questo disco, capisco chi ama il power ..ma forse ci si è fatti prendere troppo la mano dall'effetto nostalgia " ti ricordi quando...." e via discorrendo, tutto sembra più bello. I vision li ascolto da molto e mi piacciono, inutile dire -tanto lo dico- che con Luppi la band fa 3 passi in avanti, Con Lione questo esordio, già all'epoca esaltatissimo, ricordandomi le recensini che ne faceva Metal Hammer sembrava che fosse sceso Dio in terra...a me sembra un modesto disco power, ben suonato, ben prodotto, per carità..ma un 90 è accesivo, non ha nè i numeri nè il potenziale d'idee per meritarselo, questo inore casomai spetta a SOC e ad T25thH...comq senza fare paragoni, tutto questo ben di dio che si dice a me sembra la normalità, poi è chiaro qualche picco c'è, come l'ultima tracci..ma quasi tutta la set list non mi ha mai fatto saltare coi piedi sulla sedia ...de gustibus.. VOTO 75
Radamanthis
Domenica 7 Ottobre 2012, 19.57.42
12
Bello sto disco anche se sono tra quelli che preferiscono l'era Luppi. Voto 80 comunque
Absynthe6886
Domenica 7 Ottobre 2012, 17.00.46
11
Un album più che buono. Non darei 90, semmai un 75 per la buona prova generale di tutti e per la qualità mediamente superiore del songwriting. Piccolo aneddoto personale: posseggo una copia originale difettata, in quanto, pur essendo The Final Countdown inclusa nella tracklist sul retro, essa non compare come traccia audio, trovandomi quindi ad avere dieci tracce anziché undici.
ASD
Domenica 7 Ottobre 2012, 15.56.16
10
Tra quelli con Lione alla voce è il mio favorito. Molto ispirato e mai noioso. Piccola considerazione personale: in un debut io personalmente una cover non la includerei.
xXx
Sabato 6 Ottobre 2012, 19.41.58
9
Bellissimo disco, debut con i fiocchi. Dei Vision però mi piace di più l'era Luppi anche se qui siamo di fronte a un grande disco. Non il migliore dei Vision ma il migliore con Lione alla voce.
sonny73
Sabato 6 Ottobre 2012, 14.26.36
8
chiedo venia, errore mio. Comunque bell'album e ottima recensione.
therox68
Sabato 6 Ottobre 2012, 13.19.12
7
Euro in vigore dal 1999 ma in circolazione dal 2002. Ah, dimenticavo, bel disco.
lux chaos
Sabato 6 Ottobre 2012, 12.29.39
6
Bellissimo disco, e grandissima prestazione di Lione. Quoto Interstellar Overdrive sulla riregistrazione di "new eden"...cantata molto peggio. Qui un fabio al top e grandi canzoni!
Khaine
Sabato 6 Ottobre 2012, 12.20.10
5
Vero, ricordo che ci sono stati uno o due anni di coesistenza lira/euro. Ricordo anche che all'uscita di VD iniziavo a frequentare Padova ed il negozio di Ricordi... bei tempi.
Raven
Sabato 6 Ottobre 2012, 12.06.40
4
No, la data è esatta. Venne adottato il primo Gennaio del 1999 da 11 membri dell'Unione, fra i quali l'Italia.
sonny73
Sabato 6 Ottobre 2012, 11.58.15
3
l'euro è entrato in vigore nel 2002.
Interstellar overdrive
Sabato 6 Ottobre 2012, 11.22.45
2
Lo trovai molti anni fa a 10 mila lire in un piccolo negozio di dischi. Mi piacque molto, ma ero anche piuttosto giovane ed entusiasta per il Power Metal. Devo dire che Lione con il tempo ha paradossalmente peggiorato la sua pronuncia dell'Inglese. "New Eden" riregistrata per l'ultimo album dei VD è cantata molto peggio di quanto non fosse su questo disco.
Nightblast
Sabato 6 Ottobre 2012, 10.49.44
1
...il loro miglior disco, senza dubbio...poi qualche picco, ma tutto molto ripetitivo compreso l'ultimo album...
INFORMAZIONI
1999
Metal Blade Records
Power
Tracklist
1. New Eden
2. On The Wings of the Storm
3. Black Mask of Fear
4. Exodus
5. The Whisper
6. Forgotten Worlds
7. Vision Divine
8. The Final Countdown
9. The Miracle
10. Forever Young
11. Of Light and Darkness
Line Up
Fabio Lione (Voce)
Olaf Thorsen (Chitarra)
Andrea De Paoli (Tastiere)
Andrea “Tower” Torricini (Basso)
Mattia Stancioiu (Batteria)
 
RECENSIONI
85
85
88
90
ARTICOLI
12/11/2019
Live Report
VISION DIVINE
Borderline, Pisa (PI), 09/11/2019
01/12/2012
Intervista
VISION DIVINE
Internet e la passione per la musica
21/11/2012
Live Report
VISION DIVINE + METATRONE + DALIA NERA
Rassegna Metal Maniacs, Vol. II - Barbara Disco Lab (CT), 17/11/2012
26/09/2012
Intervista
VISION DIVINE
Tra Cecco Angiolieri e le stelle....
12/04/2009
Intervista
VISION DIVINE
Parla Olaf Thorsen
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]