Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
EXXXEKUTIONER
Death Sentence

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
EADEM
Luguber

CONCERTI

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

Machine Head - The Burning Red
( 5831 letture )
Parlando di The Burning Red, terzo album sfornato dal barbuto Robb Flynn e dai suoi soci, ci troviamo di fronte ad un dilemma vecchio quanto la musica stessa: in quali occasioni il cambiamento di sonorità costituisce effettivamente un’evoluzione ed in quali altri costituisce viceversa una pesante involuzione?
Non è sempre semplice dare un giudizio definitivo. Anzi, diciamo pure che non lo è mai, specie considerando che i gusti personali vanno ad incidere in modo ancor più rilevante quando si tratta di affrontare un radicale cambiamento di prospettiva sonora da parte di una band più o meno amata. Si potrebbe dire, al riguardo, che un gruppo debba percorrere non tanto la strada che l’ha reso famoso, ma quella che comunque è abituato a percorrere, che gli riesce naturale: vanno benissimo ed anzi sono richieste innovazioni per evitare di cadere nell’autocitazionismo, ma le coordinate di base non dovrebbero essere abbandonate oltre un certo punto. Prendiamo ad esempio il caso forse più eclatante, vale a dire Load, dei Metallica: preso come album di hard rock, lo si può ritenere anche un album buono, a tratti buonissimo. Certo, se poi si considera che a scrivere quell’album sono stati gli alfieri del thrash metal, se non altro viene da pensare.
Allo stesso modo, scoprire che gli autori di Davidian hanno composto un brano rappato come Desire To Fire fa sorgere inevitabilmente una domanda come: perché? Perché abbandonare la potenza del groove di panteriana memoria per andarsi ad impelagare in un sound che, pur presentando caratteristiche interessanti (molti album nu metal sono enormemente sottovalutati), è lontano anni luce da quello abituale e congeniale? Voglia di esplorare nuovi orizzonti sonori? Momenti di ispirazione particolare? Semplice tentativo di avere successo con il genere che commercialmente spopolava nella seconda metà degli anni '90? Tutto questo, alla fine, ci interessa relativamente.
In fondo, si potrebbe anche obiettare che un artista deve essere libero di scrivere quel che più gli aggrada senza venir contestato per ogni sua mossa; trovo che anche questa sia una posizione condivisibile.

Il problema è che The Burning Red non è un disco ben riuscito: non c’entra il nu metal, il cambio di genere o l’apertura mentale, c’entra il fatto che i Machine Head sono nati per suonare un certo tipo di musica e, alle prese con zero assoli e linee vocali alla Eminem, non rendono come dovrebbero e potrebbero. La già citata Desire To Fire, presa singolarmente, non è neppure così negativa, ma a tratti suona di una tale banalità che, francamente, non potrebbe risultare un capolavoro neppure se fosse scritta dai Papa Roach di Infest o dai Deftones di Adrenaline; figuriamoci poi se a comporla sono gli stessi che otto anni dopo daranno alla luce un capolavoro della Musica (non del solo metal, beninteso) come The Blackening.
Va molto meglio, ad esempio, con la successiva Nothing Left, che mescola con efficacia pesantezza delle strofe e melodia sul ritornello; ci voleva tanto? Evidentemente sì, perché The Blood, The Sweat, The Tears è un altro brano riuscito a metà, con un bel ritornello e delle strofe troppo, troppo ripetitive. Ma Flynn e soci confermano la loro attitudine ad alternare un buon brano ad uno scadente, dato che Silver, pur possedendo una strofa che non è il massimo dell’originalità considerando il genere, funziona bene e risulta tutto sommato gradevole. Indovinate, a questo punto, com’è la traccia successiva? Esatto, alcune parti di From This Day sono gradevoli, altre sono francamente inascoltabili. Exhale The Vile è sicuramente migliore, ma a questo punto inizia a manifestarsi il secondo difetto dell’album dopo lo scarso bilanciamento fra buoni brani e brani non irresistibili: lo schema strofa pesante-ritornello melodico, difatti, inizia a sapere un po’ di ripetitivo, roba da scomodare persino i Fear Factory di The Industrialist.
Non si riesce a concepire come una band dotata tecnicamente come i Machine Head possa accontentarsi di una tale rigidità compositiva, ma tant’è. La cover della hit Message In A Bottle dei The Police convince anch’essa a metà, dove con ciò intendo dire che la prima metà è da dimenticare e la seconda è molto valida, mentre meglio bilanciata risulta essere Devil With The Kings’ Card.
A concludere questo altalenante The Burning Red troviamo, infine, il terzetto composto da I Defy, non un granché, Five, più gradevole nel suo crescendo ed infine la title-track, melodica quanto basta da risultare piacevole.

Lo avrete capito, insomma: non è certamente tutto da buttare in questo The Burning Red e, anche se la ripetitività di fondo e l’alternanza fra brani buoni ed altri non all’altezza sono difetti non da poco, nel complesso il lavoro potrebbe salvarsi e piacere a più di qualche ascoltatore.
Nonostante non si siano impegnati poi molto, infatti (non c’è uno straccio di sussulto tecnico neanche a pagarlo oro), i Machine Head restano una band di grande livello e grande abilità, che i fan verosimilmente ascolterebbero quasi in ogni caso. Ma il punto è sempre lo stesso: se 'non è certamente tutto da buttare' è il giudizio finale su un album, non possiamo certo dire che esso sia poi così ben fatto; inoltre, per quanto non si debba sempre collegare un album all’altro, allo stesso modo non possiamo far finta che The Burning Red non sia figlio del medesimo combo di Burn My Eyes: la verità è che, per quanto si possa amare il nu metal -ed io lo amo- qui i Machine Head hanno cercato di fare i Limp Bizkit, cioè quel che non sono e, sfortunatamente per loro, hanno toppato alla grande.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
78.40 su 77 voti [ VOTA]
Machine Head Super
Domenica 8 Luglio 2018, 22.01.48
53
Si,1000 volte meglio di tanti gruppi che si credono chissa' chi tipo Iron Maiden e Led Zeppelin.Noiosi patetici,vecchi.O ancora peggio e io li odio veramente Guns n' roses,Aereosmith e altra roba simile.Veramente pessimi e ridicoli.CROSSOVER/NU METAL/GROOVE 4EVER !!!
ObscureSolstice
Sabato 7 Luglio 2018, 20.34.22
52
ma che roba è quel fiorellino lì sulla cover?? che teneri....
Machine Head Super
Sabato 7 Luglio 2018, 19.30.31
51
Grandissimo gruppo.Nelle mie vene scorre Crossover/Nu Metal e questo album e' un capolavoro del genere.The blood,the sweat,the tears ,desire to fire e exile the vile il top.Voto 100
Area
Mercoledì 20 Giugno 2018, 14.32.55
50
I MH con questo disco abbracciano quasi completamente il Nu Metal di Korn e Deftones che nei due album precedenti erano comunque due influenze evidente seppur mitigate da quella più massicia dei Pantera e del Punk Hardcore. Le parti vagamente Rappate c'erano già dai tempi di Burn My Eyes ma qui sono maggiormente presenti (su un paio di singoli non su tutto il disco). Burning Red sarebbe venuto fuori allo stesso modo anche con Logan Mader alla chitarra fidatevi. A posteriori infatti già da "The more things change..." si capiva che sarebbero giunti a questo punto. Ci sono anche tanti pezzi di sto disco che ancora oggi ripropongono dal vivo tipo "Exhale The Vile", che per me era la migliore tra le qui presenti.
Demanufattura
Giovedì 25 Gennaio 2018, 17.55.52
49
@Mulo Quel video è inguardabile ahahahahaha
Mulo
Giovedì 25 Gennaio 2018, 17.49.46
48
Bel disco veramente,quando son giù di morale mi sparo sul tubo From This Day e rido a crepapelle x 3 minuti e mezzo...Carina la tutina rossa slipknot/clone che indossava fglynn ai tempi..Ah,disco indegno
Demanufattura
Giovedì 14 Dicembre 2017, 23.29.46
47
A mio parere tutto sommato non é la merdaccia di cui parlano tutti. Sarò buono ma sono sul 65/100, e alcune canzoni le considero pure ottime. Molto peggio il successivo Supercharger, di cui salvo poca roba, tra cui Bulldozer, una bomba.
Lorenzo
Sabato 8 Ottobre 2016, 14.55.00
46
Scusa anche per l'ho senza acca!!!!!!!!!!
Lorenzo
Sabato 8 Ottobre 2016, 14.53.37
45
Si insomma chiedo scusa x un copia incolla mal riuscito....quello che pensavo lo scritto sotto la recensione di Supercharger!!!!!!!!!,
Lorenzo
Sabato 8 Ottobre 2016, 14.51.33
44
14/10/16 RED FANG Only Ghosts 14/10/16 ATANOR Atanor 14/10/16 LIFE`S DECEMBER Fatigue 14/10/16 HARDLINE Human Nature 14/10/16 HOBBS` ANGEL OF DEATH Heaven Bled 14/10/16 SACRED STEEL Heavy Metal Sacrifice 14/10/16 WORMROT Voices Lista Dischi in Uscita  CONCERTI 08/10/16 METATRONE TEATRO LUX - LUMEZZANE 08/10/16 ALEPH + AETERNAL SEMPRIUM CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO) 09/10/16 FLESHGOD APOCALYPSE AFTERLIFE - PERUGIA 10/10/16 KATATONIA ALCATRAZ - MILANO 13/10/16 ARKONA DRUSO - RANICA (BG) 13/10/16 FLESHGOD APOCALYPSE + guests CRASH - POZZUOLI (NA) 14/10/16 ARKONA + KANSEIL REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE) 14/10/16 FLESHGOD APOCALYPSE + guests TRAFFIC CLUB - ROMA 15/10/16 ARKONA ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA 15/10/16 FLESHGOD APOCALYPSE + DARK LUNACY ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA) Lista Concerti  Machine Head - Supercharger ( 3548 letture ) Partiamo da un presupposto fondamentale: non sta scritto da nessuna parte che una band dedita ad un determinato genere musicale sia costretta a perseguirlo fino alla fine dei propri giorni, senza possibilità di cambiamento. Non sta scritto da nessuna parte che un genere debba essere a priori meno piacevole da ascoltare rispetto ad un altro. I Machine Head a cavallo tra gli ultimi anni Novanta e i primi anni del Duemila sono un gruppo in cerca di una propria nuova identità. Emergono influenze differenti rispetto a quanto sentito nei primi dischi e non abbiamo infatti più a che fare con un thrash/groove metal apprezzato quasi all’unanimità, bensì con uno dei generi più contestati di sempre: il nu metal. Ora, che il genere piaccia oppure no, non è rilevante ai fini di un giudizio oggettivo del disco in questione. Ma certo si può notare abbastanza facilmente cosa ci sia di sbagliato in tutto questo. In parte la formazione statunitense avrebbe anche un’attitudine abbastanza vicina ai canoni richiesti dal nu metal e sicuramente non la si può prendere ad esempio qualora si voglia descrivere il thrash metal a chi non abbia presente di cosa si tratti. Ma la capacità di un gruppo di cambiare pelle negli anni spesso può comportare conseguenze anche negative: provate a citare due album come The Burning Red e Supercharger ai fan di prim’ordine della band e vedrete con quali termini definiranno i due dischi in questione. Sul primo abbiamo già avuto modo di esprimerci, andiamo dunque a vedere più da vicino tutto ciò che si può dire riguardo Supercharger.  Pubblicato il 2 ottobre 2001, il quarto full length della band di Oakland si presenta con un artwork non certo elaborato, ma d’impatto, e ben quattordici brani nella tracklist, comprendenti una breve intro ed un ancor più conciso intermezzo. La durata complessiva si attesta poco sotto i sessanta minuti, ormai una norma per il combo americano ma, per contro, si tratta di un elemento che non aiuta certo l’ascoltatore ad assimilare al meglio un lavoro già in partenza non troppo gradito. L’incipit è dei migliori: Bulldozer ci travolge come se volesse farci intendere che il groove è ancora di casa per i Machine Head. Una rabbia senza mezzi termini, intervallata a strofe ben più calme, sono il succo di questa canzone, che ci illude facendoci credere che il discorso nu metal sia già acqua passata. Ma è solo un breve momento, perché già dalla traccia successiva le vere intenzioni iniziano pian piano a venir fuori, con parti secche e cattive spezzate sul finire da una strofa rappata; il tutto prelude a Crashing Around You, primo pezzo prevalentemente nu metal del disco. A dir la verità, il modo di intendere la canzone è ancora apprezzabile, nonostante il cantato sembra far fatica a prodigarsi all’interno della stessa, quasi non trovasse la sua vera identità. Se i primi minuti non sono così malvagi, Kick You When You’re Down è il primo momento veramente basso del platter: la cattiveria “gratuita”, quasi sputata fuori da una linea vocale che è più parlata che cantata non trova giustizia e sembra fine a se stessa. Anche gli strumenti non sembrano rendersi conto di cosa stanno facendo, in una rincorsa sfrenata verso non si sa che cosa in un modo che definire confusionario è dire poco. Ci risolleviamo con le seguenti Only the Names e All in Your Head, due canzoni ben riuscite, la prima in particolare, col suo mood psichedelico che ci trascina per sei minuti facendoci restare sempre con l’orecchio attento ed interessato. La seconda è uno degli episodi più nu metal del disco, ma nel complesso risulta orecchiabile e non così fuori luogo come ci si potrebbe aspettare. La prima mezz’ora si chiude con uno degli episodi peggiori in assoluto: American High. Pezzo quasi inascoltabile, almeno per quanto riguarda la linea vocale, ma solo un preludio ad una serie di canzoni dal livello qualitativo assai basso. Lì in mezzo si salva solo Defeaning Silence, mentre Blank Generation e Trephination non sono del tutto inaccettabili. Resta il fatto che, a conferma dei malumori iniziali, l’album non va a parare da nessuna parte, limitando
Mirco Morgese
Mercoledì 30 Marzo 2016, 21.00.51
43
Oltre 81 di media da parte dei lettori... tutti siti gli danno voti alti, ma a me apparte Desire To Fire e From This Day non mi piace proprio, e non perché sia Nu Metal poiché sono uno che adora il primo dei Korn e i primi due degli Slipknot, ma semplicemente perché mi sembra un Nu Metal scontato e secco. Burn My Eyes 4evva!
Agnostico
Sabato 26 Marzo 2016, 23.48.25
42
Secondo me invece Supercharger è superiore,questo è proprio insopportabile,lo ritengo il loro peggior album
AnalBag
Domenica 10 Gennaio 2016, 11.47.54
41
disco che non è una ciofeca ma che è dotato di un forte senso di incompiutezza! almeno è meglio di Supercharger
K0R3
Domenica 29 Novembre 2015, 22.53.48
40
Ascoltando Nu metal dalla mattina alla sera posso dire che questo album lo trovo gradevole e di sicuro non da 59 essendo uscito nel 1999. Certo il cambio di stile da parte dei Machine Head verso un genere (che sia per passione effettiva o per ricerca di money facile) non mi giustifica un voto sotto la sufficienza per un disco che come contenuto ha molto da dire.
MetalMan
Lunedì 13 Gennaio 2014, 17.42.09
39
Comunque vorrei aggiungere che la cover dei Police resta ben fatta e personalmente mi piace di più dell'originale.
G
Domenica 8 Dicembre 2013, 21.39.49
38
Io invece lo trovo un bell'album, a cui sono molto affezionato. I Mh dimostrano di poter dire benissimo la loro anche in contesti più vicini alle sonorità new metal. Qsto non è un disco da sottovalutare, i Mh anche negli ultimi dischi, decisamente diversi e più trash, non hanno tralasciato vocalizzi e ritornelli melodici che qui sono nati.
MetalMan
Venerdì 25 Ottobre 2013, 22.27.26
37
Tralasciando il fatto che si parli dei Machine Head per me The Burning Red resta un bell'album Nu Metal. Certo rovinare quel mega intro di Desire To Fire con quella parte rappata iniziale non è il massimo... come non lo è inserire una cover dei Police... Però il voto mi sembra un po troppo basso... gli darei un 65 - 70 massimo!
Almetallo
Venerdì 2 Agosto 2013, 14.50.25
36
Per me se una band thrash fa " un ' evoluzione " nel suono e diventa nu metal è per forza un ' involuzione , il nu metal bisogna lasciarlo a chi lo sa fare tipo Korn e Deftones .
Macca
Domenica 31 Marzo 2013, 17.20.34
35
La foto del '99 con Flynn acconciato come Chino Moreno non si può veramente vedere
Gyroscope
Martedì 19 Febbraio 2013, 12.13.57
34
l'operazione sputtanamento di fine millennio della roadrunner che già aveva colpito i fear factory con digimortal.. album carino ma non altro; in quel periodo di gruppi nu metal bravi ce n'erano tanti e poco conosciuti, dagli snot agli (hed)p.e.
Macca
Lunedì 18 Febbraio 2013, 0.40.38
33
Un gran buco nell'acqua per cercare di adattarsi alle mode made in USA del momento (e ai conseguenti dollaroni fruscianti)....un paio di pezzi non male, ma nulla a che vedere con i dischi nu metal di gruppi che il nu metal lo sapevano veramente suonare....una schifezza che è finita con gioia nel dimenticatoio, almeno per me
Matocc
Mercoledì 23 Gennaio 2013, 19.42.12
32
@ anvil: calcola però che questo album (il 3°) è completamente diverso -anche nel genere- rispetto ai primi 2
anvil
Mercoledì 23 Gennaio 2013, 19.33.48
31
Pure a me i primi MH non piacciono , al contrario degli ultimi due lavori che sono buoni secondo me .
AL
Mercoledì 23 Gennaio 2013, 19.03.08
30
ho provato ad ascoltarlo ma quanto è scarso...
fabriziomagno
Lunedì 5 Novembre 2012, 22.28.53
29
all'epoca avevo la cassetta, molto carino, un sottofondo piacevole, anche se molto (troppo?) commerciale. Ricordo un paio di pezzi che si ballavano in discoteca, divertenti. Secondo me meglio dell'ultimo finto thrash into the locust, proprio non riesco a farmelo piacere. Tutto molto semplice, molto "leggero", peccato le inascoltabili From This Day e la pessima cover dei Police. Voto: 70
Nightblast
Giovedì 11 Ottobre 2012, 16.04.29
28
Signori, questo disco è un aborto dalla prima all'ultima nota, senza escludere nulla...Fa pietà dall'inizio alla fine, ed anche quando sembra che qualcosa si possa slavare (Nothing Left) ci si ricrede subito...C'è da dire che nella sua schifezza infinita risulta 100 volte meglio di tutto lo schifo Nu che da lì a poco avrebbe dominato le classifiche spacciato per Metal...Questa band è nata per picchiare duro, per far fare headbanging, per regalarci dischi come Burn my eyes, prima, Blackening e Unto the Locust, dopo...
lux chaos
Giovedì 11 Ottobre 2012, 16.04.13
27
Concordo con Fabio II e Undercover, il primo dei Disturbed è un grandissimo disco. Non quoto per niente Freakindie, gli ultimi due lavori dei Machine Head sono tutt' altro che osceni, e l'ultimo è un capolavoro, ma de gustibus
piggod
Giovedì 11 Ottobre 2012, 15.58.20
26
@Undercover: che ti posso dire: lo preferisco nettamente a qualsiasi lavoro dei Disturbed, i primi Korn sono effettivamente superiori, i Deftones spesso sono troppo lagnosi, gli Slipknot mi hanno sempre dato l'impressione di voler mettere troppa carne sul fuoco. Beh, anche i primi due System of a Down gli sono superiori, per il resto non vedo chi possa mettere in difficoltà questo disco in ambito NU. De gustibus...
freedom
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.49.25
25
Deftones.
freedom
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.47.43
24
Azzo...buon disco Numetal, ma assolutamente non tra i migliori del genere. Ci metto un qualsiasi album dei Defones a distruggerlo. Se poi tiriamo fuori i primi Korn allora non c'è proprio storia. Comunque sottoscrivo il commento di Freakindie, gli ultimi lavori dei MH sono veramente osceni.
Undercover
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.25.01
23
@fabio II concordo.
fabio II
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.15.29
22
aurea mayhemica
fabio II
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.14.27
21
Undercover per me il primo dei Disturbed è probabilmente il disco migliore che abbia ascoltato di NuMetal! Ha un'arurea mayhemica quasi impossibile da replicare
Undercover
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.06.30
20
@piggod ma io infatti lo prendo come NuMetal ma non capisco rispetto a quali dischi sia migliore, ai lavori dei Korn? Decisamente no, i primi due Slipknot? Se lo mangiano a colazione, il primo dei Disturbed? Il lavoro di Donegan alla chitarra è nettamente migliore, conoscendo i tuoi commenti mi sembra strano definirlo uno dei dischi fondamentali di quel genere.
piggod
Giovedì 11 Ottobre 2012, 13.01.02
19
Madonna, se riguardo il post precedente mi rispedirei alle elementari...
piggod
Giovedì 11 Ottobre 2012, 12.59.49
18
@Undercover: Beh, è quello che penso. The Burning Read è un ottimo album di metal da classifica. Che poi i Machine Head siano ormai un gruppo storico che ha avuto un tonfo di quelli da stroncare qualsiasi band (Supercharger) e che poi si sono risollevati con album (The Blackening, Unto the Locust) che li hanno riportati al vertice della scena, fino a renderli uno dei gruppi metal più seguiti in assoluto, non mi paiono delle eresie. Poi, ripeto, The Burning Red è un ottimo album di NUMetal e deve essere preso come tale. Ovviamente se qualcuno pensa a Burn My Eyes e dopo ascolta The Burning Red ci rimane di merda...
Undercover
Mercoledì 10 Ottobre 2012, 23.18.38
17
@piggod WTF?
Freakindie
Mercoledì 10 Ottobre 2012, 22.57.19
16
Dischetto ascoltabile,niente di eccezzionale però qualche brano risulta molto buono come la title track e Silver. Gli dò un 65. Il loro milgiore resta il debutto ma preferisco di gran lunga questo alle scempiaggini che hanno prodotto negli ultimi anni. Sinceramente preferisco il numetal a brani con assoli pacchiani alla maiden e sboroni tecnicamente.
piggod
Mercoledì 10 Ottobre 2012, 9.43.26
15
Non avrà molto in comune con gli album precedenti, però in tutta sincerità lo colloco fra i tre migliori album NuMetal di tutti i tempi. Poi ci saranno la caduta e la resurrezione di uno dei gruppi che, volenti o nolenti, è entrato di diritto nella storia del metal.
fabio II
Lunedì 8 Ottobre 2012, 11.20.34
14
I Machine Head, visto lo splendido esordio, rappresentano una delle migliori promesse ( poi ) mai mantenute, a mio avviso ....e questo non fa di certo eccezione
freedom
Domenica 7 Ottobre 2012, 4.30.43
13
La svolta Numetal infastidisce non poco (a me il genere piace, ma i MH devono fare altro), eppure non me la sento di massacrare questo disco. Contiene diversi brani più che buoni nonostante tutto...io voto 65.
Aelfwine
Domenica 7 Ottobre 2012, 0.12.02
12
@ Valar Morghulis: in realtà rileggendolo, il mio commento sembra davvero contraddittorio. Comunque il motivo è che del Nu Metal non apprezzo molti album, e credo che a pochi darei un voto oltre il 70. Ciononostante The Burning Red mi sembra uno dei migliori.
Nu Metal Head
Sabato 6 Ottobre 2012, 16.49.15
11
...però supercharger conteneva una canzone spaccaossa come "bulldozer" (che forse era l'unica che si salvava)... detto questo rimango sempre della mia idea, un gruppo non deve stravolgere il proprio sound cercando di fare qualcosa che non gli appartiene... come ho sempre criticato i gruppi nu che sperimentavano troppo non ho problemi a fare la stessa cosa con un gruppo thrash-groove che tenta di fare il gruppo nu metal... è chiaro che il meglio dei MH sia in "burn my eyes"... quel misero "70" della recensione è ancora lì adesso a urlare vendetta...
Hicks
Sabato 6 Ottobre 2012, 16.38.58
10
"...sono gli stessi che otto anni dopo daranno alla luce un capolavoro della Musica (non del solo metal, beninteso) come The Blackening"...Partiamo da questa frase, verissima! il capolavoro in questione è stato recensito con un 78...bene, un capolavoro (e sicuramente non definito tale solo dal sottoscritto, ma da tante riviste e siti) del genere paragonato a questo album, dovrebbe essere recensito almeno con un 95. Premesso questo, il cd in questione invece nn raggiunge minimamente la sufficienza, altro che 59...e parlo da fan accanito dei MH dai tempi di Burn My Eyes. Un gruppo può avere delle svolte stilistiche, ma non così clamorose. E' come se domani gli Slayer si mettessero a fare i Savatage. No, non è accettabile. Concordo con i commenti sottostanti soltanto nel fatto che il baratro è stato raggiunto non tanto con questo cd ma con il successivo, ahimè inclassificabile. De gustibus per carità, ma i MH sono nati per fare altro e lo hanno dimostrato nel passato più remoto e nel presente con gli ultimi 2 (forse 3) album.
Luca Hc
Sabato 6 Ottobre 2012, 16.11.14
9
secondo me questo è un bel cd , tralasciando "from this day" che è la canzone costruita a tavolino come singolo . Il cd se ascoltato ha una sua coerenza , ma senza paragonarlo agli altri , chiaro che comunque poi sarebbe in palese debito di creatività ... Il cambio d'immagine suggerisce ordini di scuderia , non a caso roadrunner ha creato e sfasciato gruppi come se niente fosse , ad esempio i fear factory che fecero lo stesso passo falso con Digimortal ....
NeuRath
Sabato 6 Ottobre 2012, 15.01.25
8
Quoto Waste e Lux!
Undercover
Sabato 6 Ottobre 2012, 14.23.29
7
Tralasciando "Nothing Left", " The Blood, The Sweat, The Tears" e "Exhale The Vile" che ancora ancora riesco ad ascoltare è una ciofeca immonda ma come detto da qualcuno "Supercharger" riuscirà a far peggio. Questo è da 45, quello da 20.
hm is the law
Sabato 6 Ottobre 2012, 13.37.31
6
Exhale The Vile a parte che a parer mio è molto bella, si salva molto poco e concordo con chi sostiene che il seguente disco sia il peggiore dei MH.
lux chaos
Sabato 6 Ottobre 2012, 12.32.29
5
Un disco che all'epoca consumai entusiasta, oggi lo valuto con un buon 6 1/2 - 7. Quoto waste of air, la vera merda inascoltabile è il disco successivo...terribbbbile!
Alex Ve
Sabato 6 Ottobre 2012, 11.53.41
4
L'unica canzone che mi piace è la cover dei Police, e ho detto tutto
waste of air
Sabato 6 Ottobre 2012, 11.35.09
3
Sono sempre convinto che la ciofeca mega dei MH sia supercharger; questo all'epoca mi piaciucchió, qualche pezzo decente qua e là ma molti filler. Un 6- credo sia un giudizio equo.
Valar Morghulis
Sabato 6 Ottobre 2012, 11.22.19
2
Condivido l'analisi di Barry, anche se tutto sommato una bocciatura, seppur così lieve, non mi pare giusta. Alla fin fine TBR è un album da 65 o giù di lì. Apprezzabile, ma non certo pietra miliare. @Aelfwine: solo una curiosità; non è per polemizzare, ma se ritieni quest'album uno dei migliori del genere, come mai voto così basso da parte tua? Non è un controsenso...? Ripeto, non è per polemizzare, voglio solo capire il tipo di ragionamento che c'è dietro questa scelta apparentemente contraddittoria
Aelfwine
Sabato 6 Ottobre 2012, 10.57.07
1
Per me uno degli migliori album NuMetal di sempre. Voto 66.
INFORMAZIONI
1999
Roadrunner Records
NuMetal
Tracklist
1. Enter The Phoenix
2. Desire To Fire
3. Nothing Left
4. The Blood, The Sweat, The Tears
5. Silver
6. From This Day
7. Exhale The Vile
8. Message In a Bottle
9. Devil With The King's Card
10. I Defy
11. Five
12. The Burning Red
Line Up
Robb Flynn (Voce, Chitarra)
Ahrue Luster (Chitarra)
Adam Duce (Basso)
Dave McClain (Batteria)
 
RECENSIONI
81
87
90
80
57
59
65
88
ARTICOLI
23/11/2014
Live Report
MACHINE HEAD + DARKEST HOUR + DIABLO BLVD
Alcatraz, Milano, 19/11/2014
27/05/2012
Live Report
METALLICA + MACHINE HEAD + GOJIRA
Stadio Friuli, Udine, 13/05/2012
20/01/2012
Live Report
MACHINE HEAD + BRING ME THE HORIZON + DEVILDRIVER + DARKEST HOUR
Alcatraz, Milano, 13/11/2011
28/02/2008
Intervista
MACHINE HEAD
Parla Dave McClain
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
18/11/2008
Live Report
SLIPKNOT + MACHINE HEAD + CHILDREN OF BODOM
Palasharp, Milano, 18/11/2008
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]