Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death Angel
Humanicide
Demo

IX – The Hermit
Present Days, Future Days
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/06/19
LEFT HAND PATH
Left Hand Path

21/06/19
HOLLYWOOD VAMPIRES
Rise

21/06/19
DREAMSLAVE
Rest In Phantasy

21/06/19
KRYPTOS
Afterburner

21/06/19
MEMORIAM
Requiem for Mankind

21/06/19
THENIGHTTIMEPROJECT
Pale Season

21/06/19
MOONLIGHT HAZE
De Rerum Natura

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

21/06/19
TERAMAZE
Are We Soldiers

21/06/19
MAERORMID
Stasi

CONCERTI

17/06/19
WINGS OF BEA METALFEST (day 3)
SANTHIA' - VERCELLI

18/06/19
UADA + PANZERFAUST
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

19/06/19
DEF LEPPARD + WHITESNAKE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/06/19
DROPKICK MURPHYS + THE INTERRUPTERS
SHERWOOD FESTIVAL - PADOVA

19/06/19
SHADE EMPIRE + KEEP OF KALESSIN + SKINNED
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

19/06/19
KEEP OF KALESSIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/06/19
UGLY KID JOE
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/06/19
DESTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

21/06/19
THE BURNING DOGMA + COCAINE KAMIKAZE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/06/19
MOONLIGHT HAZE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

The Rolling Stones - Aftermath
( 6006 letture )
Dopo tre album composti prevalentemente di cover blues, gli ormai lanciatissimi Rolling Stones sono finalmente pronti per camminare con le proprie gambe: si recano negli USA -per la precisione in California- nei leggendari RCA Studios situati al n°6363 di Sunset Boulevard, Hollywood, e qui registrano il loro primo disco di materiale originale con il valore aggiunto, ai tempi affatto scontato, della stereofonia. Com'era prassi comune allora, l'album uscì in due differenti versioni: una per il mercato americano e l'altra per quello inglese (le quali si differenziavano sia nell'artwork che nella tracklist). La stampa albionica è quella più ricca, nonostante l'assenza della famosissima Paint It, Black rilasciata come 45 Giri in Inghilterra e per questo motivo esclusa dal 33 in quell'epoca di vinile... bei tempi.

I cinque giovani virgulti quindi si ritrovano per la prima volta a registrare completamente un album in America e si mettono sotto di gran lena; in particolare il biondo Brian Jones, mente geniale del gruppo e dotatissimo polistrumentista, si lancia in sperimentazioni che lasciano a bocca aperta: basti dire che imparò a suonare il sitar appositamente per Paint It, Black da autodidatta, senza prendere lezioni da nessuno (a differenza del collega George Harrison che invece si rivolse al maestro indiano Ravi Shankar, ma questa è un'altra storia); la song nacque da un'imitazione dell'agente -ed ex organista- Eric Easton da parte di Bill Wyman durante una pausa dalle registrazioni e vede un Charlie Watts in gran spolvero dietro le pelli. Lo stesso sitar viene utilizzato anche nell'opener Mother's Little Helper in cui Mick Jagger, sempre un passo avanti ai tempi, ci racconta dei fastidi della casalinga media che trova in una "pillolina gialla" un valido aiuto contro lo stress portato dalle fatiche del focolare, salvo rischiare di abusarne e andare in overdose. Di nuovo Jones (e chi, sennò?) si prodiga al dulcimer e soprattutto al clavicembalo nella tristissima ballad Lady Jane, dando così prova delle sue eccezionali capacità di musicista a 360°. Non troviamo solo sperimentazioni su Aftermath: il consueto blues tipico degli Stones tanto caro alla coppia Jagger/Richards torna a far capolino in brani quali Flight 505, Doncha Bother Me o nella lunghissima -oltre 11 minuti!- Goin' Home, comunque piacevole col suo sapore tipico da jam session, mentre in High and Dry ci si spinge addirittura su territori country, ulteriore dimostrazione della duttilità compositiva del quintetto inglese. In Under My Thumb il solito Brian Jones si cimenta alla marimba, strumento di origine africana che ritroviamo anche in Out of Time: personalmente però di questa canzone preferisco la versione più ritmata e impreziosita da un sublime tappeto di archi che verrà inclusa anni dopo nella compilation Metamorphosis; quest'ultima sarà sostanzialmente anche la versione coverizzata nel 1966 dal talentuoso -quanto poco attraente- cantante soul Chris Farlowe, il quale era accompagnato alla chitarra acustica da un certo Jimmy Page! Meravigliosa nella sua semplicità Take It or Leave It e il relativo ritornello da fischiettare spensierati camminando per strada, scanzonata What to Do che è semplicemente magnifica così come Think, una vera perla sconosciuta ai più. Insomma un gran bel disco, non c'è che dire: i Rolling Stones danno alle stampe un album fenomenale e ispirato come ancora non erano riusciti a fare e da questo momento saranno pronti a scrivere pagine indelebili nella storia del rock.

Aftermath si piazzò per otto settimane al n°1 delle classifiche inglesi (posizione n°2 in USA): se vi state chiedendo come mai io non ne abbia evidenziato alcun difetto, provate ad ascoltarlo attentamente; può darsi che troviate la risposta da soli.



VOTO RECENSORE
91
VOTO LETTORI
82.72 su 44 voti [ VOTA]
Philosopher3185
Sabato 20 Aprile 2019, 0.01.35
22
La cosa impressionante di album come questi,è che suonano attuali e incisivi ancora oggi! solo i grandi possono fare questo..nel 1966 non conosco altre band che suonassero cosi' duri e vari,solo nel 69,con la sacra triade(led zeppelin,Deep Purple,Black sabbath),il sound dei rolling stones diverra' sempre piu' duro fino all'espolosione definitiva del metal nei primi anni 80.
Rob Fleming
Sabato 13 Febbraio 2016, 17.32.19
21
Scoppiettante con pezzi sbalorditivi come Mother's Little Helper mai troppo ricordato (ma i Tesla sì). 85
ben4
Giovedì 23 Aprile 2015, 22.31.11
20
lo sto ascoltando a ripetizione e lo trovo splendido... in una recensione di questo album non si può però non spendere almeno due parole per una canzone come i'm waiting che trovo a dir poco fantastica...
ivan
Lunedì 21 Luglio 2014, 14.12.47
19
Disco fenomenale. Da preferirsi la versione inglese (anche se è priva di Paint it black). Probabilmente il disco migliore degli Stones
anvil
Mercoledì 5 Febbraio 2014, 20.54.13
18
Ho il vinile , veramente bello , non conosco tutti i loro album , ma questo mi era piaciuto parecchio.
blackiesan74
Mercoledì 5 Febbraio 2014, 19.18.55
17
@Francesco: io lo trovo un brutto disco perché le canzoni in esso contenute non mi piacciono per niente; salvo solo "Out Of Control", e 1 pezzo valido su 13 mi sembra un po' poco per definirlo un bel disco. Gusti, ovviamente.
Francesco
Mercoledì 1 Gennaio 2014, 22.41.37
16
Swan Lee: scusa se torno sull'argomento, ma come si fa a dire che i Rolling Stones sono calati se hanno pubblicato dei dischi bellissimi come Goats head soup, It's only rock 'n 'roll, Black and blue, Some girls e Tattoo you...
Francesco
Mercoledì 1 Gennaio 2014, 22.33.18
15
blackiesan74: Capisco che i gusti sono gusti, ma Bridges To Babylon non è per niente un brutto disco, visto che è pieno di belle canzoni.
blackiesan74
Mercoledì 7 Agosto 2013, 19.24.05
14
Per quel che mi riguarda gli Stones hanno scritto il primo vero album "brutto" dall'inizio alla fine quando hanno pubblicato "Bridges To Babylon", e parliamo del '97. Prima d'allora ogni loro disco contiene almeno 2 o 3 pezzi degni di stare in qualunque antologia della storia del rock (compresi "Undercover" e "Dirty Work").
Swan Lee
Domenica 23 Giugno 2013, 14.23.54
13
Se per te non sono calati, ok, ma per me, e non solo, si...
Francesco
Mercoledì 19 Giugno 2013, 1.35.30
12
Dopo Exile On Main Street i Rolling Stones hanno pubblicato altri grandi lavori quali Goats Head Soup, It's Only Rock 'n' Roll, Some Girls, Tattoo You... Non sono andati calando come dici tu
Swan Lee
Mercoledì 13 Marzo 2013, 2.41.43
11
No. Non scherzo affatto. Son andati calando e di brutto. Poi, che te devo di..se a te garbano..
Francesco
Mercoledì 13 Marzo 2013, 2.32.05
10
Swan Lee: Dopo Exile on main street i Rolling Stones non hanno più azzeccato un album? Spero seriamente che tu stia scherzando...
Swan Lee
Sabato 29 Dicembre 2012, 21.52.56
9
Il primo album devvero figo degli Stones. Bello, cazzo, bello davvero, e a mio avviso fa mangiare la polvere a Revolver, dei "rivali" Beatles! Anche se il meglio del meglio dovrà ancora arrivare (e arriverà con "Beggar's Banquet", "Let It Bleed", "Sticky Fingers" e soprattutto "Exile on Main St", in pratica 4 capolavori uno dietro l'altro!) Peccato che da dopo Exile non ne azzeccheranno più una...e vanno avanti fino ad oggi come un freak show ambulante.
gianmarco
Martedì 23 Ottobre 2012, 13.08.33
8
figurati Matoc
Matocc
Lunedì 22 Ottobre 2012, 23.35.55
7
@ gianmarco : ops, è vero me ne accorgo solo ora dev'essere stato un copia&incolla errato. grazie della segnalazione
gianmarco
Lunedì 22 Ottobre 2012, 22.51.51
6
era George Harrison , non John Lennon
vecchio peccatore
Giovedì 18 Ottobre 2012, 14.40.30
5
Uno spettacolo unico, concordo con chi mi precede, da ascoltare assolutamente
fabio II
Giovedì 18 Ottobre 2012, 10.07.27
4
Disco storico da avere, mi allineo a BLS: il bello deve ancora venire
BLS Furlan Chapter
Giovedì 18 Ottobre 2012, 9.58.56
3
Ottimo album in cui si comincia a intravedere la grandezza degli Stones, secondo me qui ancora un po' acerbi. Il bello deve ancora venire... Bella recensione!
blackiesan74
Giovedì 18 Ottobre 2012, 8.57.44
2
Pienamente d'accordo con la rece e soprattutto con l'ultima frase!
LORIN
Giovedì 18 Ottobre 2012, 7.48.56
1
Questo è un disco fantastico. Un album da collocare tra i migliori dischi Rock di sempre,assolutamente da avere.
INFORMAZIONI
1966
Decca Records (UK) / London Records (US)
Rock
Tracklist
UK version (Decca Records)
1. Mother's Little Helper
2. Stupid Girl
3. Lady Jane
4. Under My Thumb
5. Doncha Bother Me
6. Goin' Home
7. Flight 505
8. High and Dry
9. Out of Time
10. It's Not Easy
11. I Am Waiting
12. Take It or Leave It
13. Think
14. What to Do

US version (London Records)
1. Paint It, Black
2. Stupid Girl
3. Lady Jane
4. Under My Thumb
5. Doncha Bother Me
6. Think
7. Flight 505
8. High and Dry
9. It's Not Easy
10. I Am Waiting
11. Goin' Home
Line Up
Mick Jagger (Voce, Armonica, Percussioni)
Brian Jones (Chitarra, Sitar, Dulcimer, Marimba, Koto, Clavicembalo, Tastiere, Armonica, Cori)
Keith Richards (Chitarra, Cori)
Bill Wyman (Basso, Organo, Cori)
Charlie Watts (Batteria, Percussioni)

Musicisti Ospiti
Jack Nitzsche (Percussioni, Piano, Organo)
Ian Stewart (Piano, Organo)
 
RECENSIONI
65
83
70
75
65
84
74
93
86
85
92
80
74
91
89
s.v.
ARTICOLI
27/06/2014
Live Report
THE ROLLING STONES
Circo Massimo, Roma, 22/06/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]