Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/12/19
STREET LETHAL
Welcome To The Row

06/12/19
PENITENCE ONIRIQUE
Vestige

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE OLD DEAD TREE
The End

06/12/19
BLACK BLOOD INVOCATION/IMPRECATION
Diabolical Flames Of The Ascended Plague

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

CONCERTI

05/12/19
D-A-D + HANGARVAIN
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

05/12/19
GHOST + ALL THEM WITCHES + TRIBULATION
GRANA PADANO ARENA - MANTOVA

05/12/19
BLASPHEMY
TRAFFIC CLUB - ROMA

05/12/19
KADINJA + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

05/12/19
KISSIN` DYNAMITE + LOVE MACHINE
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Helloween - Keeper Of The Seven Keys - The Legacy
( 14913 letture )
Compito ingrato, per chi vi scrive, recensire questo Keeper – The Legacy, ultima fatica delle più famose zucche della storia del rock. Compito ingrato perché, e come darvi torto, ognuno avrà una sua opinione, ognuno odierà o amerà le parole del sottoscritto, tanto è vasto e poliedrico il sempre crescente numero dei fans degli Helloween. Ma il suddetto compito è un onore, vista la mia smisurata devozione alla band di Großkopf e soci, sin dai primi albori.
C’è tanta, troppa carne al fuoco, si rischia di non essere esaustivi di tutto quello che si potrebbe (e a volte non si vorrebbe) dire di uno dei dischi metal più attesi della stagione. Attesa legittima per ogni uscita degli Helloween, ma sovraccaricata di aspettative a causa di un titolo che, di per sé, abbassa drasticamente il voto di questo doppio album. Si, lo abbassa, amici miei, perché la puzza di operazione commerciale qui si trasforma in un fetore nauseabondo: paragonare qualsiasi CD power metal a uno dei due Keeper è come spararsi nei piedi da soli, anche se a farlo sono gli stessi (QUASI gli stessi) creatori dei medesimi; cosa avreste pensato dell’ultimo Iron Maiden se si fosse intitolato The Number of the Beast - Dance of Death??? Lo avreste subito, definitivamente e irrimediabilmente giudicato una porcata, più per la “bestemmia” nell’accostamento che per l’obiettivo valore artistico. Bene, amici miei, NON SI PUO’, e non si dovrebbe, usare secondi termini di paragone impropri per le loro dimensioni, il fallimento a priori è dietro l’angolo.
Ma proviamo a lasciare da parte il titolo, accendiamo lo stereo e spariamoci questo doppio Keeper of the Seven Keys – The Legacy. Dopo i ripetuti e approfonditi ascolti di rito, la prima cosa che salta all’orecchio è che ci troviamo davanti ad un lavoro lungo, spesso altalenante per freschezza e bellezza delle composizioni. Entrambi i CD sono aperti da una lunga suite, scelta originale ma che rischia di stancare le orecchie dell’ascoltatore, facendogli venire la voglia di spostare il ditino sul tasto ‘skip’ per vedere cosa c’è dopo. The King for 1000 years è un pezzo lungo, dove (come nell’altra suite) una voce fuori campo sembra riallacciare idealmente il discorso coi vecchi Keeper, prima di lasciare spazio ad una melodia triste ed arpeggiata che, di lì a poco, esploderà nel riff portante. Bello in alcune parti, assolutamente prolisso e vuoto in altre, altalenante e poco convincente, alla resa dei conti. Tutto il CD 1, o quasi, sarà caratterizzato da pezzi al limite del banale o del brutto, con ottimi spunti (da urlo, ed era ora, la prestazione ed il suono di un rinato Markus Großkopf al basso, e finalmente un batterista QUASI paragonabile ad Uli Kusch) e clamorose cadute di stile. Una su tutte? Il singolo apripista, Mrs. God: uno dei pezzi più brutti che penna umana abbia mai forgiato, scelta folle soprattutto se a pochi secondi di distanza c’è Silent Rain, potentissimo anthem in pieno stile Helloween, che avrebbe fatto gridare al miracolo tutti, fans o meno. Il CD 1 parte male, insomma, e si chiude con uno dei pochi pezzi davvero belli di questo Keeper (dio, che impressione mi fa ogni volta scrivere sta parola!). Ma andiamo avanti.
Il secondo cd si apre con l’altra suite, Occasion Avenue… una voce ascolta, cercando alla radio, brandelli dei vecchi successi degli Helloween, fino ad arrivare al brano in questione. Ecco che ci risiamo con la storia di spararsi sui piedi da soli. Il pezzo però ha un buon respiro, complice un riff portante azzeccato, anche se (arieccoci) poteva essere più corto della metà, tranquillamente. Non male però, come non male Light the Universe, che presenta come special guest vocalist nientemeno che Candice Night, moglie di un certo Ritchie Blackmore: un brano delicato, melodioso ed avvolgente. Vi salterà subito all’orecchio che i migliori pezzi del lotto sono nel secondo disco: The Shade in the Shadows ha un ritornello che non esce dalla testa, Come Alive respira e attinge alla storia del power teutonico, la conclusiva My Life for One more Day ci lascia in pompa magna, con i nostri in quinta a tritare su un brano classic power, come Dio comanda. Ma quello che ti resta è la sensazione che in questo CD ci sia un divario enorme tra le intenzioni ed il risultato. Kai Hansen, nelle recenti interviste, già se la ride (e magari gli tocca anche) dicendo che non ci può essere un altro Keeper senza Kiske, o lui. Io, purtroppo o per fortuna, sono d’accordo. Gli Helloween del 2005 sono i 2/5 di quelli che erano gli Helloween dei capolavori succitati; i tempi sono cambiati, così come i suoni, i gusti e la ricerca musicale. Resta il fatto che un disco del genere è un lavoro sufficiente, bello in alcuni momenti, esaltante in (pochi) altri, noioso o addirittura fastidioso in altri ancora. A tutto questo aggiungeteci un titolo che pesa come un macigno, ed il gioco è fatto. Altre bands, come i Queensryche, si stanno imbarcando in simili “operazioni nostalgia”: un rischio grande, troppo grande, immenso, se si vanno a scomodare certi capolavori. Il vecchio e il nuovo che si scontrano, insomma, come i due protagonisti della copertina (chi ha detto kitsch???). Se la penserete come me, anche a voi verrà la voglia di rimettere il secondo Keeper: io l’ho fatto, e sul ritornello di Eagle Fly Free mi sono venuti i brividi…



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
69.21 su 130 voti [ VOTA]
giu78
Lunedì 19 Agosto 2019, 14.39.01
70
Per me il recensore lo ha ascoltato al contrario...
Steelminded
Venerdì 19 Luglio 2019, 23.19.24
69
Il giudizio di Aces High lo avrei potuto scrivere io. Non è niente male come album. Evviva!
Aceshigh
Venerdì 19 Luglio 2019, 16.36.44
68
Riascoltato oggi. Alla sua pubblicazione partiva con le peggiori prospettive. Come già fatto notare nei commenti precedenti, chiamarlo “Keeper” equivaleva a darsi una bella zappata sui piedi; una martellata sulla palla destra poi se la son dati facendo anticipare l’uscita da Ms. God, a mio avviso il pezzo più brutto dell’album (che però nell’economia dell’opera completa pesa poco, durando meno di 3 min.); sulla palla sinistra invece la martellata se la son data aprendo entrambi i 2 cd (ma poi perché 2 se il tutto dura meno di 77 min.) con due pezzi da oltre 11 min., il che equivale sfidare in modo palese Halloween e Keeper of the Seven Keys (le canzoni), perdendo praticamente la partita a tavolino perché quelli sono due pezzi che vanno oltre ogni giudizio terreno. Quindi la strategia promozionale della band in definitiva è stata : facciamo harakiri. In realtà l’album non è per niente male, pezzi come My Life For One More Day, Light The Universe o Pleasure Drone sono riuscitissimi e la band è molto in palla. Fosse durato 10/15 minuti in meno sarebbe stato ancora meglio, ma ad ogni modo è superiore all’album precedente (ma anche di Land of the Free II). Voto dopo 14 anni : 78
Area
Martedì 18 Dicembre 2018, 9.06.49
67
Al tempo io mi rifiutai di ascoltarlo, soprattutto dopo che su rock tv vidi il video di Ms God.
Jyorg
Lunedì 17 Dicembre 2018, 20.03.35
66
Certi nomi sono intoccabili inutile recensire dai 90 politico la parola CAPOLAVORO poi c'e' sempre come solo 90 solo 95 solo 100. Non va mai bene niente. Bah
VASCO ROSSI
Giovedì 15 Novembre 2018, 22.10.42
65
SPETTACOLO
JC
Martedì 24 Luglio 2018, 7.44.28
64
Quando é uscito l'ho veramente amato e l'ho ascoltato tantissimo...forse l'avevo messo tra i preferiti dell'anno, sicuramente sono andato a vederli nel tour dedicato. Col passare degli anni é finito inevitabilmente nel "dimenticatoio" e giudicandolo ora darei un onesto 80
klostridiumtetani
Sabato 3 Marzo 2018, 18.53.35
63
@Diego, hey bro! anche secondo me un 70 come minimo se lo merita.
Diego
Sabato 3 Marzo 2018, 18.20.16
62
Bocciatura ingiusta, ci sono almeno 7 canzoni che pochi gruppi saprebbero scrivere...
ivancarli86
Lunedì 31 Ottobre 2016, 10.50.53
61
Così...solo perchè oggi è Halloween e Radamanthis lo scriverà sicuro: happy happy Helloween!!!
Steelminded
Martedì 29 Dicembre 2015, 23.26.54
60
Beh sì, il voto non sta nè in cielo nè in terra...
Buona
Giovedì 6 Agosto 2015, 11.02.09
59
In effetti il titolo potrebbe essere stato imposto dalla SPV che in quegli anni era sull' orlo del fallimento e forse sperava d iracimolare più soldi i nquesto modo (infatti fece uscire anche i Gamam Ray con Land of the Free II)...sarà stata solo una coincidenza ????
Buona
Giovedì 6 Agosto 2015, 10.50.57
58
Credo sia un gran bell' album: il primo disco è più power ed il secondo leggermente più prog, io lo ascolto ancora oggi volentieri; temo che abbia subito troppe critiche solo x il titolo, ma i pezzi sono belli
Mauroe20
Domenica 5 Aprile 2015, 15.11.40
57
Questo doppio lavoro d egli helloween e' subito balzato nei miei ascolti,pezzi epici,assoli incredibili,atmosfere,energia.Consumato Voto:80
Radamanthis
Venerdì 31 Ottobre 2014, 15.08.24
56
Come lo scorso anno: Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
HeroOfSand_14
Martedì 26 Agosto 2014, 20.49.43
55
Disco spesso snobbato solo per via della scelta errata del nome. Si potrebbe paragonare con Land Of the Free II dei Gamma (usciti in annate vicine) per l'operazione commerciale del titolo, ma direi che questo stravince (anche se LOTF II è un disco gradevole). Cito solo le due suite: King For a 1000 Years è una canzone grandiosa, contiene tutte le cose che hanno reso famosa la band, e Occasion Avenue la trovo strepitosa per la prova di Deris e la genialata dell'intro con la radio "dell'era Kiske".
klostridiumtetani (ex-deedeesonic)
Martedì 26 Agosto 2014, 19.12.28
54
Un bel disco che ascolto con MOLTO piacere!
Galilee
Martedì 26 Agosto 2014, 18.34.53
53
Un disco pieno di ottimi pezzi con qualche song sottotono, ma siamo anni luce lontani da una insufficienza. Ci sono 3/4 song da brivido che possono tranquillamente fare il culo ai migliori classici della band. Per me l'hanno ascoltato in pochi e anche svogliatamente. Per me 75/100
Master Killer
Lunedì 11 Novembre 2013, 23.27.17
52
Concordo con Jericho 2013 se si chiamasse The Legacy avrebbe avuto più nota: ma poi alla fine l'album è bello da ascoltare io mi sono fissato con Mrs. God, Silent Rain, Invisible Man, My Life For One More Day, The Shade In The Shadows e naturalmente le lunghissime King for a 1000 Years e Occasion Avenue (sì, mi piacciono quando le canzoni durano a lungo) per il resto è qualcosa di carino come Born in Judgment Day (l'assolo di batteria c'e lo nella testa) Pleasure Drone (il ritornello è memorabile) e Come Alive (si anche quella la considero una degna canzone) è un album che ha valore ma non è stato ascoltato bene, non leggete il titolo dell'album mentre ascoltate queste canzoni perché si meriterebbe di più, voto 75
Radamanthis
Giovedì 31 Ottobre 2013, 10.55.08
51
Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
JERICHO 2013
Domenica 7 Luglio 2013, 20.23.24
50
Bisogna considerarlo come album a sè stante. Se si fosse chiamato solo The Legacy avrebbe fatto molto più bella figura! Ma và detto che è un album sopra la sufficenza,e ha delle canzoni molto buone! Forse non aveva senso fare un sequel di quei 2 capolavori a prescindere,ma se proprio lo devi fare ,meglio farlo con la genialità di Hansen nel songwriting e la voce-imprescindibile- di Kiske. Opera palesemente commerciale,fortuna che dopo questo album (che ripeto,non è brutto anzi) hanno sfornato un gran bel disco come Gambling with the Devil e recentemente Straight out of Hell!
Curte
Mercoledì 1 Maggio 2013, 8.56.00
49
Non scherziamo, questo album è una BOMBA! Potente, evocativo, spettacolare! Abita nel mio autoradio da un mese e ancora non mi ha stancato... e il volume è sempre più alto! Tra un po' sfondo i finestrini!
enzo
Giovedì 25 Aprile 2013, 16.58.48
48
con un titolo cosi ingombrante il giudizio puo cambiare ma questo e un grande album invisible man pleasure drone silent rain occasion avenue light universe come alive my life on more day sugli scudi grane prova di andi deris troppo sottovalutato come sempre
Invictus
Venerdì 8 Febbraio 2013, 17.13.32
47
L'unico errore dell'album è il titolo fin troppo pesante, per il resto è grandioso, gli helloween sfornano canzoni da 4 minuti così come da 13 con semplicità e genialità. The king for a 1000 years è una delle più grandi power song che abbia mai ascoltato. voto 85... e poi basta con i soliti stupidi paragoni che risalgono a 25 anni fa. Le zucche non si discutono.
Radamanthis
Martedì 5 Febbraio 2013, 17.22.17
46
...lascio fuori il pensiero che si chiama Keeper of the seven keys - The legacy...lo chiamo solo Legacy...è più onesto così rispetto che rivangare qualcosa che non ha alcun nesso con questo, qualcosa che è là, nell'olimpo del metal....Parliamo di The legacy...parte la canzone perfetta The King for A 1000 Years, troppo bella per essere commentata...lasciamo che scorrano le note e non roviniamola con alcun commento...Poi ecco The invisible man traccia più prog che power, la traccia che Gerstner nei freedom Call non avrebbe mai potuto neanche proporre ma...che bella...ecco allora arrivare Born on the judgment day che non è all'altezza delle due precedenti così coem Pleasure drone (non credo che queste due tracce rimarranno negli annali della storia degli Helloween). Ecco poi la canzone che l'ascolti la prima volta e dici "e che cazzo è sta cagata?", poi dalla seconda volta in poi la canticchi a squarciagola e la reputi un capolavoro: Mrs God e la bellissima traccia di chiusura del primo disco la power Silent rain. Partiamo allora con il secondo album: Occasion avenue sulla falsa riga di King ma senza la magia di King...bella anzi, molto bella, ma l'open dell'altro disco era ben altra cosa...Light the universe (di cui han fatto un video molto bello con la bella Night)è una bella traccia in cui per la prima volta Deris (ma anche Kiske mai l'aveva fatto con le zucche) duetta e per di più con una donna, già per questa innovazione va promossa e se per di più la canzone non è male ecco un altro punticino in più. Do You Know What You're Fighting For non mi ha mai preso più di tanto mentre Come Alive e The Shade In The Shadows sono avvincenti e se la prima ricorda gli helloween spensierati della prima era la seconda sembra quasi uscita da The dark ride. ottime entrambe. Poi l'inutile Get It Up e la conclusiva, bellissima, inferiore solo a King for a 1000 years My life for one more day, hit da sballo. Conclusioni...che fare a fare un doppio disco così lungo con così tante tracce di cui alcune bruttine? Perchè mettere la bella Run come b-side? Vediamo un pò sto disco con le sole King for a 1000 years, The invisible man, Mrs God, Silent rain, Occasion avenue (però dimezziamole il tempo a livello di minuti intendo), Light the universe, Come alive, Shade in the shadows e My life for one more day. 9 tracce e non 13, disco più snello, senza fille e da 93 come voto, così com'è scende a 82 e poi per favore...non chiamatelo Keeper...questo è THE LEGACY!
Radamanthis
Domenica 9 Dicembre 2012, 14.20.28
45
Oggi non so quante volte ho ascoltato My life for one more day...SPETTACOLARE!
Andy '71
Mercoledì 5 Dicembre 2012, 13.35.58
44
Parla la musica,e per me in questo disco ce nè di molto buona!Io gli dò almeno 75!Non mi interessa che abbiano preso il titolo dai loro capolavori,lo ritengo una cazzata,è la musica che bisogna ascoltare,ovvio questa è la mia opinione,ragione in più quando in questo disco ci sono pezzi davvero molto belli,e cito la stupenda" The King for a 1000 years" su tutti,e parla uno con cuì è cresciuto con questa band!
Steelminded
Mercoledì 24 Ottobre 2012, 22.20.23
43
Lo stesso discorso con Land of the Free II dei Gamma: che sacrilegio, che vergogna azzardarsi a scomodare il vecchio capolavoro! A me il II piace tantissimo e non vedo il problema. Tra l'altro nel power/epic/fantasy metal a me pare che i sequel facciano logicamente parte del genere, in quanto spesso basato sui concept album. Evviva!
Steelminded
Mercoledì 24 Ottobre 2012, 22.17.28
42
Non credo che si possa definire un capolavoro ma nenache un catastrofe come da molti sostenuto. Poi l'argomento da tutti utilizzato per stroncarlo, ossia che un disco non possa chiamarsi o fare riferimento ad una saga precedente, utilizzato da tutti i commentatori, tutte le riviste e tutti i siti, mi è sempre sembrato naif e inconsistente. Bisogna valutare la musica, stop. Poi un disco lo chiamo come voglio. The king for a 1000 years e Occasio Avenue sono dei gran bei pezzi.
daveg68
Mercoledì 24 Ottobre 2012, 21.14.14
41
Disco davvero bello, troppo sottovalutato a mio avviso, forse poteva essere meno lungo, sarebbe stato un capolavoro. "The king for a 1000 years" per me da sola vale il prezzo di un CD. Peccato che le zucche stiano così sul cazzo a tutti.
Gamma
Giovedì 13 Settembre 2012, 3.55.01
40
walter, con tutto rispetto........ti pregherei di non scrivere più certe......te.
Gamma
Giovedì 13 Settembre 2012, 3.51.13
39
Che senso ha avuto questo disco??? Per prima cosa avrei pensato ad un nome diverso, senza scomodare un nome a dir poco troppo pesante. Seconda cosa perchè due cd?? Non era meglio un solo disco con 10/12 traccie?? delusione........
simone
Martedì 1 Novembre 2011, 23.05.01
38
disco al quanto spaccone...è vero!
Maurizio
Mercoledì 15 Giugno 2011, 18.01.16
37
Troppi filler e titolo completamente sbagliato perchè scomodare due dischi dell'olimpo è un suicidio. Senza infamia e con qualche lode, comunque ben oltre la sufficienza.
Radamanthis
Giovedì 9 Giugno 2011, 18.55.39
36
Questo disco ha un solo problema a mio parere: il titolo...il resto è veramente di pregevole fattura (a parte qualche filler). I due brani "colossal" sono magnifici, Mrs God, The invisible man e My life for one more day sono i brani piu' riusciti e molto azzeccato anche il duetto trsa Andi e Candice Night nel lento. Ripeto...non dovevano chiamarlo Keeper...
Painkiller
Mercoledì 15 Dicembre 2010, 13.56.01
35
mah...che dire, paragonare questo gruppo agli helloween dei primi tre album secondo me è sbagliato, paragonandolo a quelli dell'era Deris mi sembra decisamente meglio The time of the Oath, che considero il punto più basso della discografia Helloweniana.....
Franky1117
Martedì 12 Ottobre 2010, 0.19.51
34
scelta davvero infelice quella di fare 2 dischi... peccato perchè oltre a dei filler clamorosi ci sono alcune canzoni veramnente ottime degne di nota (su tutte occasion avenue).Passo avanti rispetto all'osceno predecessore
Arekusu
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 1.03.59
33
Pensate: a 5 anni dall'uscita, io mi ero praticamente dimenticato di questo disco. Beh, a tutt'oggi, l'unica melodia che mi è rimasta in testa è il ritornello di Ms. God!!
Stefano
Venerdì 18 Settembre 2009, 23.48.43
32
Il disco sarebbe sufficiente, ma proprio non riesco a passare sopra alla presa per il culo del titolo. Raschiare il fondo del barile quando non hai piu un cazzo da dire, praticamente
Olorin
Mercoledì 29 Aprile 2009, 18.08.36
31
Sono d'accordo sul titolo a cui potevano darne semplicemente un altro. Per i resto il CD mi garba assai nonostante la lunghezza generale delle canzoni. The Invisible Man è fantastica
NoRemorse
Domenica 29 Marzo 2009, 15.46.57
30
Disco decisamente sopra il 60...direi intorno al 70...presenta belle canzoni e quelle brutte non sono poi così brutte...eheh! direi l'unica cosa veramente oscena è la copertina, insieme a mrs god...
Yossarian
Giovedì 27 Dicembre 2007, 21.41.04
29
Ecco il genio è arrivato!
Walter
Lunedì 5 Novembre 2007, 23.59.00
28
Gli Helloween con Deris alla voce sono sempre stati i migliori!!! Altro ke Michael Kiske e i 2 Keeper..
Bloody
Mercoledì 18 Luglio 2007, 22.50.17
27
quest'album è una figata, non ha un secondo di cedimento, è un cd con i controcoglioni, poco importa se ha il titolo keeper of the 7 keys, me ne sbatto i coglioni se poi quando lo infilo nel lettore sento musica così ben fatta. quindi si potrà dire quello che si vuole ma se ci fossero più cd di questa qualità allora varrebbe la candela spendere 20 euro per un lavoro
LadyDeris
Sabato 18 Novembre 2006, 15.39.08
26
questo album è davvero bello!!! apparte alcune song più semplini..e meno complesse..ma nulla da ridire alla traccia inizale..o a occasione evenue..x nn parlare di mylife 4 1 more dai! bellissime!!!! Gran bell alum! gli helloween nn mi deluderanno mai!!!! UP THE PUMPKINS!!!!!!!!
Lord Simus
Domenica 15 Ottobre 2006, 19.58.46
25
purtroppo quest'album non riesce ad eguagliare i primi due keeper comunque resta sempre un ottimo album che ogni fan degli helloween dovrebbe avere
Soul [$]eater
Mercoledì 12 Aprile 2006, 16.42.09
24
Bè,gli Helloween sono tornati e speravo lo facessero meglio.Questo album è un album passabile,lo puoi ascoltare una o due volte ma poi...non c'è paragone con i vecchi Helloween e il titolo per me non c'azzecca nulla. Non c'è una canzone che riporti alla memoria i bei tempi di Eagle Fly Free,Keeper of the Seven Keys ecc.E' solamente un album. Ma per essere un album degli Helloween ci vuole molto molto di più.E ve lo dice una che s'è comprata quasi tutti i loro cd(tranne gli ultimi);insomma quando ritorneranno ai tempi dei primi dischi,bè allora si che sarà un HAPPY HAPPY HALLOWEEN!
Valerio
Mercoledì 22 Febbraio 2006, 10.46.04
23
Il cd è stupendo!! A parte qualche pezzo, anche secondo me ci troviamo di fronte ad un CAPOLAVORO! Ci sono certe canzoni davvero da brividi....come quella del duetto! HAPPY HAPPY HELLOWEEN!!!
Renegadrian
Giovedì 9 Febbraio 2006, 15.27.47
22
Ragazzi cerchiamo di essere obiettivi da ambo le parti!!! Ritengo la recensione alquanto oggettiva, le canzoni, a parte poche, sono BRUTTE. Si poteva anche chiamare @ il disco, sempre brutte rimangono...Monotone, noiose...io gli do' 4/10.
six
Mercoledì 25 Gennaio 2006, 22.50.27
21
Ci vuole poco a capire che ci si trova di fronte ad un opera d'arte,la prima e la seconda canzone e mrs.Gog sono capolavori occasionavenue è un capolavoro e che dire di light universe ,non vi passano i brividi in tutto il corpo?questa sensazione l'ho avuta solo ascoltando wasting love degli Iron Maiden - (fear of the dark) ,stair with heaven dei led zeppelin e firth of firth dei genesis,chi riesce a trasmettere queste sensazioni ha centrato tutto,ci vuole poco a capire che ci si trovi di fronte ad un capolavoro ,in un epoca in cui tuti si cagano sotto a fare uscire un cd ,loro si sono permessi di far uscire un doppio con il 90% di bellisssime canzoni e il 10% buone/discrete,i pezzi lungi ben vengano,ho sempre detto che per esprimersi bene una canzone deve essere lunga ,salvo eccezzioni.Quindi non concordo con la recensione che non sopporta i pezzi lunghi ,non mi sono sembrati noiosi,forse abbiamo assistito alla nascita di una trasformazione degli helloween
Reny
Mercoledì 30 Novembre 2005, 9.55.15
20
E se nn vi piace , perpiacere dite che nn vi piacciono determinate song, ma nn dire che nn vi piace il titolo dell'album senza nemmeno ascoltarlo!!! In più amio giudizio Questo può essere anche un keeper cm può nn esserlo ma resta comuqnue un album che inciderà nella storia degli Helloween!! E con ciò voglio chiudere e ricordarvi che Gli Helloween verranno a Roma(TENDEASTRISCE il 7\2\2006) e a Milano(discoteca ALCATRAZ 8\2\2006)!!!!! Ciao Ragà a presto
Reny
Mercoledì 30 Novembre 2005, 9.54.51
19
! Dopo troviamo Do you know what you fighiting for, e Come Alive , pezzo che era stato scelto dagli Helloween cm singolo precedentemente(Come Alive mi fa venire la pelle d'oca). Poi c'è The shade in the shadow , che come detto nella recensione è una canzone che se senti una volta nn te la cacci più dalla testa per la sua bellezza, e per il suo song power!! L'album finisce cn get it up , e My life for one more day canzoni entrambe molto belle! Ora io ho voluto dare un giudizio all'album per dire cosa pensavo riguardo, e so solamente che le cose nn vengono mai apprezzate veramente!! In fono chi se ne frega se l'album si chiama keeper o no!!! Non ci deve interessare il titolo dell'album ma soprattutto quello che c'è dentro! Mi dispiace che molti sono prevenuti , perchè molte persone stanno giudicando negativamente (anche se sta vendendo a palate ,cazzo ho trovato gli helloween anche su tv sorrisi e canzoni)!! Se volete un consiglio ! Compratevi il nuovo cd perchè è veramente bello
Reny
Mercoledì 30 Novembre 2005, 9.54.19
18
ali di Andi impressionanti(specialmente verso la fine della canzone), Invisibile Man (non ho capito xchè nella recensione nn si è parlato di questo pezzo !evidentemente chi l'ha scritto avrebbe avuto la coda di paglia ed ha preferito nn aggiungere ciò) born on judgment day, pezzo molto carino dedicato da weiky al Brasile, successivamente troviamo Pleasure Drone, e Mrs. God, pezzo molto happy rispetto agli altri e meno epic, però adatto ad un single. in più c'è anke king for a 1000 years !! CHe volete in più!!!!!!! Ultima Canzone del primo cd silent rain, canzone senza dubbio Molto bella ed orecchiabbile, è una di quell canzoni che se senti una volta nn semtti più di sentirla!! Ora Partiamo cn il Disco 2 Occasion Avenue.... canzone scritta da Deris , molto lunga (dura infatti11 minuti), però piena di power , che esplode nel ritornello, anche qui troviamo alcune variazioni ! Light universe, pezzo cantato da Andi e Canice Night, pezzo più calmo dell'album, la classica powerballad! D
Reny
Mercoledì 30 Novembre 2005, 9.53.30
17
hanno tagliato ciò che ho scritto
Reny
Mercoledì 30 Novembre 2005, 9.52.09
16
Mi dispiace, ma io nn sono molto daccordo cn le cose scritte nella recensione. Gli Helloween vogliono fare un nuovo keeper? Ne Hanno tutto il diritto!! Se Hansen e Kiske(persone che io stimo molto ) volevano rimanere a fare un'altro keeperrestavano semplicemente nella band. Quindi inutile dire e senza kay e senza Miky ... io comunque sono convinto di una cosa senza Andi ora gli Helloween non ci sarebbero più!!Ragà parliamoci chiaro sappiamo tutti le scelte che ha fatto Kiske... fa musica pop...é sicuramente uno dei cantanti più bravi del mondo però non può suonare più in quella Band. Andi Deris... Non vi piace chi vi prega di ascoltarlo! So solamente che se avete ascoltato l'ultimo album e dite che Deris non è un bravo cantante allora nn vi rimane nient'altro che puntarvi la pistola in bocca !! Parliamo del nuovo album... King for a 1000 years, semplicemente stupenda piena di variazioni , parti potente alternate da parti arpeggiate, che esplodono poi in assoli e prestazioni voca
Setzer
Sabato 26 Novembre 2005, 16.22.58
15
Perchè paragonarlo ai vecchi due Keepers?Gli Helloween sono diversi da quando Kiske e Hansen se ne sono andati!Adesso le zucche del metal sono loro e già da parecchio tempo.Inutile rimpiangere il passato con inutili paragoni:la buona musica non ha bisogno di paragoni.Questo cd è probabilmente il più buono dal '96 ad oggi!Nessun rimpianto per me dunque.
ROSARIO_lord stratovarius
Giovedì 10 Novembre 2005, 18.55.49
14
date un occhiata al mio sito c'e un intervento su gli hell cmq e bellissimo il nuovo e diverso rispespetto ai gli altri 2 solo perche ci sono quasi 20 di differenza e inevitabile quindi per me il paragone nn si puo fare... long live to helloween....
fabrytrend
Giovedì 10 Novembre 2005, 13.03.34
13
mi sembra che gli helloween abbiano cambiato decisamente il loro approccio nella costruzione delle canzone.Il cd non è brutto è solo completamente diverso da qualsiasi altra cosa abbiano fatto in precedenza.L'unica canzone che si avvicina al loro vecchio sound è mrs god, per il resto il cd è molto + complesso.Innanzitutto hanno inserito molte parti sinfoniche e le tastiere sono molto + presenti rispetto agli altri album.Non è il loro cd migliore ma comunque x me merita molto + del voto dato dal recensore.Comunque non avrebbe avuto senso fare una i want out parte 2 o una i'm alive parte 2.Da ascoltare ripetutamente x cogliere ogni sfacettatura.
Simone
Mercoledì 9 Novembre 2005, 17.18.07
12
OK!! Allora vi do appuntamento il 17/12 a Cesena per l'esibizione dei Dark Tranquillity....ma fate attenzione!!! Dopo 4 ore di auto sarò molto molto molto assetato!!!
JasonTheReaper
Lunedì 7 Novembre 2005, 19.45.26
11
Finalmente un commento intelligenti di una persona che ha letto la recensione per intero. Grande Simone, anche io mi aggiungo per quella famosa birra!
Sbranf
Sabato 5 Novembre 2005, 13.53.10
10
Caro Simone, assolutamente niente di personale, ci tenevo solo a puntualizzare il mio punto di vista. Sono ben felice se il nostro amato sito si anima di discussioni, di gente intelligente che, pur avendo idee completamente diverse su un argomento o su una recensione, sa mettersi in discussione e prendere in considerazione punti di vista lontani dal proprio. Buona permanenza su Metallized, e stai attento a non sbilanciarti sulle birre che sono un bevitore da competizione!
Renaz
Sabato 5 Novembre 2005, 12.47.44
9
Come sempre la via d mezzo è la migliore. E' un album discreto, nulla di più, nulla di meno.
Maiden88
Venerdì 4 Novembre 2005, 16.50.03
8
QUESTO CD è SPLENDIDO
Donzia81
Venerdì 4 Novembre 2005, 11.28.45
7
dovrebbero vergognarsi di aver infangato il passato, chiamando il titlo dell'album in questa maniera!!! Album sicuramente migliore del suo precedessore (Rabbit...) ma era difficile fare di peggio...ma non di più...erano ben altra cosa, anche gli album più recenti...come Better Than Raw, Time of the Oath o anche The dark ride.... con questo album incece mi hanno totalmente deluso!!!
Simone
Giovedì 3 Novembre 2005, 20.08.07
6
Credevo che il nome bastasse per non essere catalogato alla voce "sconosciuti"! Ad ogni modo non era certo mia intenzione offendere il tuo operato di recensore, ma bensì di esprimere il mio giudizio su una recensione che non mi trova affatto d' accordo. Ho avuto l' impressione (magari sbagliata) che il tuo giudizio fosse dettato più che altro dal titolo in questione, e non dall'effettivo valore dei brani (come vorrebbe chi è in cerca di elementi per l'acquisto di un album). Personalmente credo che è grazie alle critiche, ed al saperle accettare, che si può crescere a livello professionale. Spero pertanto di non averti offeso e di non rientrare nell' insieme dei tuoi "nemici". Magari un giorno ci ritroveremo a discutere di qualche album davanti ad una buona "bionda"... Ti saluto e ti auguro buon lavoro. Simone
Ludwig
Mercoledì 2 Novembre 2005, 9.35.50
5
Non ho capito com'è il disco, si parla poco dei brani e molto del titolo (che mi frega?). All'estero però pare sia stato quasi unanimemente osannato...
Sbranf
Martedì 1 Novembre 2005, 13.51.30
4
Nessuno si permetterebbe mai di dire che il sottoscritto è un recensore "illustre", ma è, a tutti gli effetti, un recensore di Mertallized, ossia un professionista che fa il suo lavoro con coscienza e al suo massimo possibile, con umiltà. E lei chi è, signor sconosciuto?
Simone
Martedì 1 Novembre 2005, 0.01.08
3
Non avevo mai letto il nome di questo Pippo Marino, alias "sbranf", tra i recensori illustri...ed ora capisco anche il xchè! D'accordissimo sul fatto che i signori Helloween abbiano scomodato un titolo "importante" come Keeper, ma non credo che si possa gettare fango su dei veri e propri miti del power metal in questo modo! In più credo che Kai Hansen abbia ben poco da ridere, visto che dopo tre anni di digiuno ha fatto ingurgitare ai fans un pasto veramente frugale!! (e chi scrive è un fan accanito dei Gamma Ray)
Belial
Venerdì 28 Ottobre 2005, 11.24.25
2
Weikath ritirati che fai + bella figuara!
JasonTheReaper
Giovedì 27 Ottobre 2005, 12.49.11
1
Come non dare ragione al buon vecchio Sbranf: qui non ci siamo proprio!
INFORMAZIONI
2005
SPV
Power
Tracklist
CD 1
1. The King for A 1000 Years
2. The Invisible Man
3. Born on Judgment Day
4. Pleasure Drone
5. Mrs. God
6. Silent Rain

CD 2
1. Occasion Avenue
2. Light The Universe (feat. Candice Night)
3. Do You Know What You're Fighting For
4. Come Alive
5. The Shade In The Shadows
6. Get It Up
7. My Life For One More Day
Line Up
Andi Deris (Vocals, Keyboards)
Michael Weikath (Guitar)
Markus Großkopf (Bass)
Sascha Gerstner (Guitar, Keyboards)
Daniel Löble (Drums)

Musicista Ospite:
Candice Night - Vocals su traccia 2 (CD 2)
 
RECENSIONI
70
77
40
75
72
74
55
58
68
75
80
80
70
64
67
82
90
95
90
ARTICOLI
23/11/2017
Live Report
HELLOWEEN
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/11/2017
27/07/2015
Intervista
HELLOWEEN
La vita è più facile se ascolti gli Helloween!
19/08/2012
Articolo
HELLOWEEN
La biografia
24/01/2011
Live Report
HELLOWEEN + STRATOVARIUS
Atlantico, Roma, 19/01/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]