Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
SUMMONING THE LICH
United in Chaos

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
XEPER
Ad Numen Satanae

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
BONFIRE
Roots

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
FORHIST
Forhist

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Asphyx - The Rack
( 4246 letture )
Quest'oggi Metallized tira fuori dallo scaffale dei rispolverati una pietra miliare della storia del death metal: il debut album degli Asphyx. A dire il vero - da un punto di vista strettamente cronologico - il vero debut studio album della band fu Embrace the Death del 1990 che sarebbe dovuto uscire per un'etichetta differente ma che, per problemi finanziari, non venne pubblicato e che vide la luce solo 6 anni più tardi per mano della potentissima Century Media (l'etichetta in quel periodo di forma della scena death metal vantava una scuderia veramente spaventosa).
Gli Asphyx del 1990 erano un giovane trio molto promettente che, dopo qualche avvicendamento nella line up, si stabilizzò con una formazione semplicemente sensazionale composta da: Bob Bagchus alla batteria, Eric Daniels alla chitarra e l'ex Pestilence Martin Van Drunen alle vocals ed al basso. L'ingresso in formazione di quest'ultimo fu un vero toccasana per la band che, da lì a poco, avrebbe calcato i palchi di mezz' Europa in compagnia delle più importanti band della scena decretando definitivamente il proprio ingresso ufficiale nell'Olimpo del death metal.
Se si fa eccezione infatti per le primissime produzioni, ancora fortemente influenzate dal death metal americano, il suono degli Asphyx, con l'ingresso di Van Drunen, subirà un'"europeizzazione" ed un miglioramento non indifferente, anche grazie al suo caratteristico stile vocale che - se mi si permette - è tutt'oggi uno dei più marci e brutali, paragonabile solo a mostri sacri come Dead dei Mayhem ed il grande Tom G. Warrior.

The Rack ha un suono grezzo e potente, volutamente sporco e low fi, proprio per adattarsi a dei brani diretti e senza fronzoli che - nella loro semplicità - hanno la capacità di rivoluzionare un genere con il solo utilizzo di pochi accordi.
L'album si apre con la classica intro dalle fosche atmosfere che cede il passo alla veloce Vermin, serratissima e veloce nella parte iniziale per poi alternare parti più cadenzate sulle quali la fa da padrone il grandioso guitar work di Eric Daniels, roccioso nelle parti più cadenzate ma, all'occorrenza, tagliente ed affilatissimo nelle parti più sostenute. Insomma, una opening song d'impatto alla quale segue la bellissima Diabolical Existence, brano cadenzato e mortifero sulla scia di bands come Obituary e Bolt Thrower che esaspera dannatamente uno screaming selvaggio e sofferto che non ha eguali.
Evocation è il classico brano degli Asphyx: ritmiche cadenzate, urla belluine e riffing schiacciasassi che, in questo caso, lasciano spazio alle prime concessioni doom, le quali solo in un secondo momento entreranno di diritto nelle influenze della band: gli Asphyx del 1990 sono una band death metal al 100%.
Giungiamo dunque nella parte calda dell'album e ci imbattiamo nella doppietta Wasteland of Terror e The Sickening Dwell che diverranno dei veri e propri cavalli di battaglia della band. La prima delle due è il classico brano in your face che, in 2 minuti abbondanti, getta addosso all'ascoltatore una quantità di watt talmente poderosa da lasciarlo esanime, mentre la seconda mette il piede sul freno per consegnarci una traccia down-tempo semplicemente grandiosa.
Ode to a Nameless Grave è una breve strumentale che non arriva a 3 minuti di durata ma che rappresenta il primo vero e proprio episodio nel quale la band si avvicina a concepire un brano doom/death dall'inizio alla fine. Anche il titolo del brano, trafugato e ripreso da una miriade di followers, lascia presagire emozioni ben differenti da quelle che può trasmettere un brano come Vermin.
L'album volge al termine e troviamo 2 dei brani più articolati dell'intero lotto: la magnifica Pages in Blood, caratterizzata da un riffing semplicemente soffocante per la sua potenza, e la conclusiva Asphyx / the Rack, cui è affidata, come spesso accadeva in passato, la parte più sperimentale del disco. Il brano, difatti, ha una durata quasi doppia rispetto alle altre songs oltrepassando i 9 minuti di durata, durante i quali si alternano mid-tempos da paura a rallentamenti al limite del doom e dove appare timidamente anche il primo esperimento con dei synth sul finale del brano.

Su questo album vengono anticipati in maniera un po' grezza tutti i classici stilemi che renderanno celebre il suono degli Asphyx, in special modo sul successivo Last One on Earth e sull'omonimo Asphyx.
Senza mezzi termini un capolavoro!



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
96.22 su 22 voti [ VOTA]
LexLutor
Mercoledì 12 Settembre 2018, 22.28.01
29
La settimana scorsa mi è arrivato il vinile, la ristampa doppia, con un disco interamente dedicato alle cover dell'album in questione, interpretate da diversi campioni del death metal mondiale... Un grande album combinato ad una buona operazione commerciale, costituisce una opportunità per gustarsi questa fetta di culto sui solchi sottili del vinile nero..
ian
Martedì 24 Luglio 2018, 13.33.38
28
Non sono un amante del death ma sentire canzoni come ´´The Rack´ ´Evocation´ e ´Ode to a Nameless Grave´ mi danno emozioni provate solo con gli Obituary!!! Canzoni con un approccio diretto, assoli tendenti allo zero ma con un groove che mi manda fuori di testa... per me i numeri uno nel loro genere
lisablack
Domenica 20 Agosto 2017, 17.02.57
27
Risentito in questa domenica di riposo ..stupendo e non aggiungo altro. 90.
Doom
Sabato 21 Gennaio 2017, 9.41.03
26
Un classicone del Death europeo. Imprescindibile.
LexLutor
Sabato 21 Gennaio 2017, 8.54.20
25
Una band che ho conosciuto attraverso uno storico programma radio che andava in onda il martedì sera intorno alle 18 (hard 'heavy sounds outlaw) . Quante cassette ho registrato.... Grazie Angel"bladerunner"! Fatta sta premessa, del disco in questione tantissimo mi colpì il suono delle chitarre. Sui dischi si declamava il sound "crushing" della chitarra. Van Drunen era già una vecchia conoscenza coi pestilence. Un Death metal pesante e saturo. Accenni doom che davano un tocco più mortifero al loro stile. Un album a tratti acerbo ma molto affascinante. Un album che con gli anni si è ritagliato una sua nicchia di adorazione. Credo a buona ragione... Ma il meglio doveva ancora arrivare.
Memento mori
Martedì 6 Settembre 2016, 17.32.35
24
Band incredibile!!..Un doom death da togliere il fiato.Una prestazione disumana(in part. Martin Van Drunen).Cazzo non si puo non rimanere folgorati. Lo adoro !
vecchio peccatore
Giovedì 30 Gennaio 2014, 18.07.14
23
Incredibile come non avessi ancora commentato... Per me il meglio del Death europeo con "Like an everflowing stream" dei Dismember. Voto 95
D A X
Sabato 16 Novembre 2013, 12.42.57
22
Qua si rasenta la perfezione. Disco senza rivali, così come pure lo è Last One on Earth.
Er Trucido
Lunedì 29 Ottobre 2012, 18.08.10
21
Secondo me è più giusto dire Title-rack (ok ammazzatemi ) comunque lo sto sentendo in questo momento e sono veramente invasato
CauldronBorn
Lunedì 29 Ottobre 2012, 18.05.33
20
Che album. La title track da sola vale l'acquisto, una marcia veramente maligna e maestosa.
piggod
Lunedì 29 Ottobre 2012, 11.42.40
19
Cos'altro si può dire? Grazie Asphyx.
Nightblast
Domenica 28 Ottobre 2012, 20.18.35
18
Grandissimo disco, ma il meglio arriva con Last One on Earth...
LAMBRUSCORE
Sabato 27 Ottobre 2012, 17.13.06
17
Li tollero ma non ho mai capito l'entusiasmo per questo gruppo, anche quando era uscito se ne parlava come capolavoro, boo......
Flag Of Hate
Sabato 27 Ottobre 2012, 16.47.09
16
Malvagio e subdolo, cattivo e strisciante. Non sto descrivendo Niccolò Ghedini, ma uno dei migliori dischi death-doom di sempre. Sono di parte, adoro il suono di questa band, adoro il growl disperato e "agonizzante" di Van Drunen (lo considero tra i migliori di sempre, nel suo genere, se non IL migliore) e adoro mettere a disagio i miei amici mettendo a palla in macchina Pages in Blood. 90/100, e il meglio deve ancora arrivare con "Last One On Earth".
Metal3K
Sabato 27 Ottobre 2012, 16.12.46
15
facevano (non facevamo) sorry
Metal3K
Sabato 27 Ottobre 2012, 16.02.54
14
Mi accodo all'ovazione per questo pezzo di storia del death (o se vogliamo del death con sprazzi doom). Ascoltai per la prima volta la title track alla... radio! C'era una trasmissione che facevamo credo su radio due il martedì in tarda serata, si chiamava "Rumore" ed era condotta da Claudio Sorge (??? spero di non sbagliare con i nomi). La registrai dalla radio e la feci girare sul mangianastri decine e decine di volte. Chissà se qualcuno si ricorda ancora...
Blackout
Sabato 27 Ottobre 2012, 15.10.17
13
L'unico gruppo che, a distanza di quasi 8 anni da quando li ho conosciuti, continua a farmi salire i brividi, le ritmiche e i rallentamenti da ''fine del mondo'' sono agghiaccianti. Sono il mio gruppo preferito, solo violenza e nient'altro come il death metal deve e dovrebbe essere. Senza mezzi termini esatto, un capolavoro. 90
Doomale
Sabato 27 Ottobre 2012, 14.29.02
12
Ho solo un aggettivo per questo album: ...MARCIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!! Voto 90 confermatissimo
Undercover
Sabato 27 Ottobre 2012, 14.00.42
11
Lo devo anche commentare?
Er Trucido
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.50.03
10
Capolavoro, ho dei grossi dubbi esistenziali quando si tratta di scegliere tra questo e Last One, quindi preferisco non scegliere e godermeli
il vichingo
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.42.02
9
Se devo essere sincero non sono mai impazzito per gli Asphyx ma questo e Last one on earth, ogni tanto, li ascolto con piacere.
gianmarco
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.34.04
8
gran disco contiene Vermin , una delle mie mazzate preferite.
enry
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.25.43
7
Che dire? Niente, certi dischi si commentano da soli...Voto meritatissimo.
xutij
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.22.02
6
Se qualcuno mi chiedesse quale è il suono del male, io gli farei sentire immediatamente questo disco. Last One è magnifico, e su questo non ci piove, ma per me non gli si avvicina minimamente. Magnifico. La title track per sta al Death come Child In Time sta all'Hard Rock. La strumentale Ode To a Nameless Grave è senza ritegno di sorta. La perfezione.
Greatest_Tiz
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.16.49
5
*oro puro
Greatest_Tiz
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.16.31
4
Yeah! Molto molto bello, malgrado io preferisca Last One On Earth non posso negare che questo album sia ora puro!
Kriegsphilosophie
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.14.51
3
Riascoltato proprio questa notte, ed ogni volta provo le stesse sensazioni che ho provato la prima volta che li ascoltai. Capolavoro.
xutij
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.11.39
2
Sono di parte, è vero. Ma questo disco è qualcosa di oltre ! Tra i 5 (ma anche 3 ) dischi migliori del genere. Massimo dei voti senza pensarci due volte.
Sorath
Sabato 27 Ottobre 2012, 13.08.30
1
Questo album è un gioiello di death doom...dovrebbero insegnare a scuola ogni singola nota che trapela da questo Capolavoro.
INFORMAZIONI
1991
Century Media
Death
Tracklist
1. The Quest of Absurdity
2. Vermin
3. Diabolical Existence
4. Evocation
5. Wasteland of Terror
6. The Sickening Dwell?
7. Ode to a Nameless Grave?
8. Pages In Blood?
9. The Rack
Line Up
Martin Van Drunen (Voce, Basso)
Eric Daniels (Chitarra)
Bob Bagchus (Batteria)
 
RECENSIONI
78
84
78
70
60
87
90
88
ARTICOLI
21/09/2016
Intervista
ASPHYX
Intervista con Martin van Drunen
02/12/2015
Live Report
ASPHYXION + SHOTGUN + ACIDITY
Border Club, Torino (TO) , 28/11/2015
24/04/2015
Live Report
ASPHYX + AGONY FACE + ADE + ALTRI
Circolo Colony, Brescia - 18/04/2015
19/03/2014
Live Report
SODOM + ASPHYX + GUESTS
Demodè Club, 15/03/2014, Bari (BA)
20/06/2011
Live Report
ASPHYX + INFERNAL WAR + BLACK FLAME
Carlito's Way, Retorbido (PV), 11/06/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]