Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/19
LUCE D`INVERNO
Ljetzan

26/04/19
NORSEMEN
Bloodlust

26/04/19
LOST IN KIEV
Persona

26/04/19
CHEVALIER
Destiny Calls

26/04/19
IMMINENCE
Turn The Light On

26/04/19
PARAGON
Controlled Demolition

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
DARK HERESY
Abstract Principles Taken To Their Logical Extremes

26/04/19
DEEP SUN
Das Erbe Der Welt

CONCERTI

20/04/19
EVERGREY + BLOODRED HOURGLASS + GENUS ORDINIS DEI + CROSSING ETERNITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/04/19
ATLAS PAIN
LEGEND CLUB - MILANO

20/04/19
ENTOMBED A.D. + DISTRUZIONE + ULVEDHARR
TRAFFIC CLUB - ROMA

20/04/19
WAYFARER + ENTROPIA
BLOOM - MEZZAGO (MB)

20/04/19
ACCIAIO ITALIANO
ARCI TOM - MANTOVA

20/04/19
ZAUM + GUESTS
MAMIWATA - PESCARA

20/04/19
FARNARU METAL FEST
L'ISOLA CHE NON C'E' - ALESSANO (LE)

21/04/19
EVERGREY + BLOODRED HOURGLASS + GENUS ORDINIS DEI + CROSSING ETERNITY
BLUEMOON - VERONA

21/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST
EKIDNA - CARPI (MO)

21/04/19
ENTOMBED A.D. + GUEST
CUEVAROCK - CAGLIARI

Pagan Altar - Judgement of the Dead
( 2707 letture )
Che gli anni 80, specialmente nel primo quinquennio, siano stati un serbatoio semi-inesauribile di gruppi metal è un dato di fatto più che scontato. Molti di questi sono poi diventati parte della leggenda generalmente denominata N.W.O.B.H.M., mentre c’è un numero ancora superiore che, generalizzando al massimo, possiamo definire come appartenente a quella categoria di band di levatura medio-grande, facenti parte di un culto che viene mantenuto religiosamente in vita dagli appassionati del settore. La domanda è: quanti gruppi sono invece rimasti solo a livello demo, ignorati dalla maggioranza, per raggiungere a loro volta lo stato di band di culto talvolta più per la rarità della disponibilità della loro proposta e delle stampe e ristampe tardive e non sempre autorizzate, della loro opera? Sicuramente molte e non tutte realmente meritevoli di essere ricordate. Nel caso dei Pagan Altar però, le credenziali del gruppo (discorso ristampe compreso) sono all'altezza della situazione.

Il presente Judgment of the Dead altro non è se non un nuova ristampa del demo dell’82, ora targata Cruz del Sur, prima intitolata Volume 1 (la cui recensione potete leggere qui), resa finalmente con la cover originale misteriosamente a suo tempo accantonata. Vi era inoltre una ulteriore particolarità nell’edizione Oracle del ‘98: il brano acustico qui giustamente denominato The Dance of the Banshee era precedentemente titolato Acoustic ad opera di un personaggio che se ne occupò, non si sa bene a che titolo. Il pezzo ritrova qui la sua giusta intestazione.

Per chi non conoscesse la band in questione, il settore di appartenenza è quello heavy/doom, con i Black Sabbath a far chiaramente da ispirazione continua (anche a causa della voce di Terry Jones molto “ozzyana”, seppur molto più nasale), ma con una modernità nel modo di comporre che riflette chiaramente quanto i tempi stessero mutando nel periodo in cui i pezzi furono concepiti. I riferimenti più prossimi e più conosciuti dal grande pubblico? Quelli citati nella recensione richiamata nel paragrafo precedente ed alla quale vi rimando anche per gli approfondimenti più prettamente musicali, ossia Cloven Hoof, Witchfinder General e via così, anche se i Pagan Altar possedevano un gusto più chiaramente doom, tanto da poter essere considerati tra i padri fondatori del genere così come oggi lo intendiamo, e comunque tanto da poter essere considerati almeno come un punto di snodo da conoscere. Unica avvertenza: la qualità audio è quella originale demo, ossia lontanissima dagli standard attuali, ma anche questo fa parte del gioco. Bello anche il booklet di sedici pagine che descrive molto del mondo dei Pagan Altar a chi non lo conosce bene, ed utile per approfondire.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
97 su 2 voti [ VOTA]
Raven
Giovedì 1 Novembre 2012, 16.07.43
6
Tecnicamente lo sono, ma il disco è lo stesso.
Undercover
Lunedì 29 Ottobre 2012, 22.38.01
5
ah, capito, le valutavo come due cose separate
Raven
Lunedì 29 Ottobre 2012, 21.32.13
4
La logica dell'operazione comunque esiste. Riportare l'attenzione su un gruppo con un disco nuovo previsto per il 2013, con un'edizione più rispettosa dell'originale ed un booklet che spiega la loro storia.
Raven
Lunedì 29 Ottobre 2012, 19.08.23
3
Perchè il voto c'è già nella rece di Volume 1
piggod
Lunedì 29 Ottobre 2012, 17.04.37
2
Boh, sarà ma non capisco il bisogno di ristampare il demo che diverrà Vol. 1. Se per The Time Lord l'operazione era quasi d'obbligo, in questo caso non capisco l'utilità. Ad ogni modo qualcuno sa quando esce il nuovo disco?
Undercover
Lunedì 29 Ottobre 2012, 15.59.17
1
@Raven perché S.V.? E' una ristampa ma il disco è da 90 per gli amanti del genere, qui si parla di un reperto di storia fondamentale per gli ascoltatori di doom più che di quelli heavy in genere.
INFORMAZIONI
2012
Cruz del Sur
Heavy/Doom
Tracklist
1. Pagan Altar
2. In The Wake of Armadeus
3. Judgement of the Dead
4. The Black Mass
5. Night Rider
6. The Dance of the Banshee
7. Reincarnation
Line Up
Terry Jones (Voce)
Alan Jones (Chitarra)
Trevor Portch (Basso)
John Mizrahi (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
84
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]