Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/05/18
NONOZU WAKAI`S DESTINIA
Metal Souls

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

25/05/18
NATTFOG
Yön Varjoista...

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Bludvera - Terrorform
( 1744 letture )
Band proveniente dall'Inghilterra, i Bludvera debuttano con questo EP intitolato Terrorform mettendo in chiaro le cose fin dalla prima nota: loro sono indiscutibilmente sostenitori del Thrash old-school, quello nato nella Bay Area ad inizio Eighties e subito giunto in Europa, attecchendo soprattutto in Germania (da cui il nomignolo Teutonic-Thrash).
Del resto le influenze appaiono immediatamente chiare, le Muse Ispiratrici di questi ragazzi sono band quali Kreator e Dark Angel, non disdegnando nemmeno qualcosa dei primissimi Slayer (specialmente la voce dell'allora giovane Araya): inoltre il quintetto si dice anche influenzato da band Technical e Progressive Thrash quali Artillery, Coroner e Voivod...
Guardi il logo old-style della band, quella copertina così ottantiana (la Terra che galleggia in un mare di rifiuti tossici i cui vapori sulfurei assumono la forma simbolica di un mostro minaccioso), chiudi gli occhi ascoltando il disco e te li trovi lì davanti i cinque ragazzi di Liverpool: jeans attillati o pantaloni di pelle nera, scarpe da ginnastica bianche rigorosamente "alte", T-shirt metallara d'ordinanza, chiodo sdrucito o smanicato di jeans con toppe di ogni gruppo thrash possibile e immaginabile (meglio se risalente ai mitici anni '80); poi dai un'occhiata alle foto promozionali ed effettivamente le cose stanno davvero così!


Mixato e masterizzato da Mike Pilat presso i Vault Studios di Warrington, Terrorform parte subito a mille con Reanimate, un brano che sembra uscito da Pleasure To Kill (davvero notevole il drumming di Baz), mentre gli Exodus degli albori sembrano far capolino nei cori di Powerhouse; molto più di una citazione appare lo stacco chitarristico a scalare nella parte centrale di Citizen Monopoly, davvero troppo simile a quello presente intorno al primo minuto di Disposable Heroes -una delle migliori song del mai troppo osannato masterpiece dei Metallica.
Il tenore non cambia nelle restanti tracce, caratterizzate dalla voce a tratti acida del rubicondo singer Scott Clayton che ringhia rabbia nel microfono nella convincente title-track o in Voyage Beyond the System, brano contraddistinto da una grandissima carica di furia e rancore.


Originalità meno di zero, ma i Bludvera sono tutto tranne che degli sprovveduti: le doti tecniche sono evidenti, si tratta solo di incanalarle in uno stile un po' più personale. O forse no, forse va bene così: di amanti del Thrash Metal prima maniera ne è pieno il mondo e sicuramente ci saranno dei discepoli sparsi nei quattro continenti pronti ad abbracciare l'antico verbo portato alle masse da quei cinque "inguaribili romantici" che si fanno chiamare Bludvera.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
45 su 3 voti [ VOTA]
Hermann 60
Domenica 31 Luglio 2016, 16.45.05
2
Io sono uno di quelli amanti del Thrash prima maniera che cita ''Matocc'' quindi viva i Bludvera nonostante il monicker allucinante.75
VULGARIS
Sabato 3 Novembre 2012, 13.22.29
1
Inorridisco davanti a questo tipi di gruppi qui...........che oggi si permettono di vestirsi e suonare in questo modo, oltre a d essere anacronistici sono pure dei copioni.
INFORMAZIONI
2012
EBM Records
Thrash
Tracklist
1. Reanimate
2. Powerhouse
3. Citizen Monopoly
4. Terrorform
5. Parasitic Death Sentence
6. Voyage Beyond the System
7. Conjure the Dead
Line Up
Scott Clayton (Voce)
John "Patto" Patterson (Chitarra)
Mike Eaton (Chitarra)
Lui Ennis (Basso)
Baz (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]