Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VENOM
In Nomine Satanas (boxset)

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
KALEIDOBOLT
Bitter

31/05/19
TRYGLAV
Night Of Whispering Souls

CONCERTI

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

26/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 3)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Tortorum - Extinctionist
( 1651 letture )
La Norvegia ogni tanto riemerge. O almeno ci prova.
Negli ultimi anni non ci si stupisce più quando si parla di black metal norvegese; dalle poche formazioni che rilasciano album a ritmi regolari (Enslaved, Borknagar, Taake...) non ci si aspetta neanche di trovare chissà mai quale stravolgimento o innovazione. Sembra tutto più vicino ad una "variazione sul tema", ad una scelta di campo alternativa ma affine. Se bisogna cercare degli stravolgimenti nel campo del black metal bisogna accontentarsi di rarissimi casi i quali hanno solo immerso le radici nella nera fiamma, mentre il resto cresce altrove (Ihsahn). O in altri casi si deve attendere sempre un tempo imprecisato (Manes). Il fruitore diventa quindi una specie di ascoltatore per sfinimento: se i prodotti sono anche qualitativamente validi (magari i God Seed) ci si sente parzialmente ripagati per il tempo "perso" in bagatelle varie e attimi di suspence.

I God Seed non sono stati tirati in ballo a caso, perché possiamo considerare i Tortorum come un'altra costola che si stacca dai Gorgoroth, per godere un po' grazie alla gloria del vecchio scheletro. Consideriamoli una costola minore, una delle più piccole, perché Skyggen ha solo partecipato in sede live accanto a Infernus & co. Un'altra costina che è stata staccata per formare questa band proviene dal torace degli Aeternus e risponde al nome di Specter.

Se i nomi pronunciati vi sembrano altisonanti, preparatevi allora a ricevere il colpo basso perché la musica di questo Extinctionist sembra uscire dagli scarti delle band sopracitate.
Classicissimo black metal senza infamia e senza lode, infarcito di blast-beat e di riff thrash/black come si potevano anche percepire in Incipit Satan e Twilight of Idols.
L'intera opera è caratterizzata da una batteria martellante e caotica in pieno stile gorgorothiano, con i tamburi profondi e senza attimi di tregua. Pochissimi riff interessanti emergono dall'intero lavoro: sia perché di memorabili non ce ne sono, sia perché il tutto è immerso in quella violentissima aura di sterile violenza. Benché la produzione sia praticamente ineccepibile quello che risulta essere una vera e propria pecca è la carenza di idee e la scontatezza del songwriting.

Immaginate di assistere ad uno dei vostri concerti preferiti: i Tortorum sono il classico gruppo di apertura neanche tanto male, ma la voglia di vederli sparire da quel palco è molto più forte della voglia di ascoltarli per la durata di un ulteriore brano.



VOTO RECENSORE
56
VOTO LETTORI
56 su 4 voti [ VOTA]
Undercover
Martedì 6 Novembre 2012, 14.15.38
8
@Moro non ho assolutamente detto che gli do la sufficienza perché è prodotto decentemente, scritto ben altro, quella era solo la conclusione di un discorso più ampio, i pezzi filano, non ti aggradano, ci sta, dire che è un disco insufficiente a mio avviso no, parere ovviamente personale. Dødsengel ok, sono nettamente superiori, questo non vuol dire che i Torturom facciano schifo, non sono il solo a pensarlo e non dico che la ragione sia "nostra" diciamo che la verità sta nel mezzo?
Moro
Martedì 6 Novembre 2012, 13.40.58
7
Ribadisco quello che ho detto: non si può dare la sufficienza SOLO perché un disco è prodotto decentemente. Inoltre ci sono migliaia di band che dal vivo spaccheranno anche ma da disco l'unica cosa che spaccano sono i maroni. In questo album c'è ispirazione pari a zero, ci sono 3 riff che non sono neanche memorabili ma sfiorano la stimolazione dell'attenzione. Tutto il resto è un marasma di batteria. Volete la Norvegia di oggi con un certo tipo di innovazione, bei suoni e anche un certo grado di malignità che questi Tortorum vorrebbero evocare ??? One tail, One Head e Dødsengel. Punto.
il vichingo
Domenica 4 Novembre 2012, 10.56.42
6
Assolutamente d'accordo con Piggod ed Undercover.
Hareth
Domenica 4 Novembre 2012, 0.14.07
5
Per me, orrendo.
andrea
Sabato 3 Novembre 2012, 19.00.27
4
visti un mese fa con gli horna, favolosi.
Gian
Sabato 3 Novembre 2012, 17.21.55
3
i God Seed sarebbero qualitativamente validi? son la brutta copia della brutta copia del black metal
piggod
Sabato 3 Novembre 2012, 16.20.46
2
In perfetta linea con Undercover. Aggiungo che anche dal vivo sono una buona band.
Undercover
Sabato 3 Novembre 2012, 15.46.44
1
No dai, non esageriamo, adesso abbattere un disco simile in questa maniera mi sembra sbagliato, Skyggen ha intrapreso una strada volutamente battuta e ribattuta, il sound è quello di Darkthrone e Gorgoroth e su questo non è che ci siano molti dubbi ma i pezzi suonano bene, pezzi tipo "Grace Of Hatred" e " Kindling The World Conflagration", e non solo loro, si lasciano ascoltare eccome e meglio loro che le produzioni ultra lo-fi che si rifanno a quei nomi suonando e producendosi di merda... onestamente la sufficienza e qualcosa in più gliela do.
INFORMAZIONI
2012
World Terror Committee
Black
Tracklist
1. Aeonscourge
2. In Pestilence Majesty
3. Grace of Hatred
4. All Mercy Devoured
5. Kindling the World Conflagration
6. Fucking Worthless
7. Gloria in Extinction
8. Mother Infirmity
9. For the Ruin of All
Line Up
Skyggen (guitars, bass)
Barghest (Vocals)

Session members:
Specter (guitar)
 
RECENSIONI
56
ARTICOLI
12/05/2015
Live Report
HORNA + FIDES INVERSA + TORTORUM + KULT
Cerbero (ex-Theatre), Rozzano (MI) 06/05/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]