Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Elvenking
Clicca per ingrandire
Elvenking
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Elvenking - Era
( 5172 letture )
Tra le realtà italiane più acclamate e conosciute del metal, il nome degli Elvenking ha sicuramente un ruolo importante. All’estero la band di Sacile (località in provincia di Pordenone) è sicuramente molto più conosciuta che nel suo paese natale, come prova il contratto siglato con la gigantesca label teutonica AFM Records, già nota per aver distribuito album di mostri sacri come Annihilator, Doro, Rob Rock e Destruction (tanto per citarne alcuni). Sono passati ormai più di 10 anni dal timido esordio Heathenreel e dopo 6 album molte cose sono cambiate nel sound della band, di conseguenza alle rivoluzioni nella line-up. Se inizialmente il gruppo era conosciuto per il particolare utilizzo della musica celtica e della melodia in un contesto power metal, con Era le cose cambiano abbastanza, visto che le 12 tracce in esso contenuto ricordano molto più l’hard rock di Bon Jovi e Hardcore Superstar che il power di Blind Guardian o il folk degli Skyclad, gruppi che hanno sempre rappresentato un punto di riferimento per il sestetto friulano. Su questa contaminazione hard rock ha certamente influito la militanza di Damna negli Hell in the Club, le cui influenze si posso chiaramente percepire nelle note delle canzoni.

Sin dall'inizio il disco mostra una produzione davvero esagerata che, insieme ad un songwriting altrettanto curato, mostra come la band abbia lavorato intensamente per la realizzazione di quest’album. In tutte le tracce l’attenzione è principalmente rivolta alla voce, intorno alla quale girano tutti gli strumenti. Fra questi purtroppo rientrano anche il violino e la tipica strumentazione folk, che nei lavori precedenti avevano rivestito un ruolo più importante. Gli Elvenking invitano dunque gli ascoltatori a memorizzare e cantare a squarciagola le lyrics di questo disco, una prerogativa piuttosto nuova rispetto al passato.

Le parti folk di violino e gli inserti di strumentazione tipica sono indubbiamente presenti ed offrono anche delle buonissime prestazioni. Alcuni esempi sono The Loser, per la quale è stato girato anche un videoclip, che mostra delle parti celtic folk piuttosto interessati, I Am the Monster, che offre un suggestivo intermezzo molto simile ai primi lavori della band ma purtroppo di breve durata, e Poor Little Baroness, dotata di un riff molto interessante, parecchio simile allo stile degli Skyclad del periodo di Martin Walkyier. Mostra una buona dose di folk metal anche We, Animals, in particolare in un ottimo passaggio di chitarra e violino prima delle strofe, che però è inserito in un brano molto più simile a un certo tipo di musica radiofonica che al power folk con cui gli Elvenking ci hanno deliziato in passato. Il resto del disco è invece nelle mani di Damna, che presenta la sua ugola come piatto forte di Era, mostrando un timbro rock molto accentuato, piuttosto insolito per gli Elvenking. Da sempre il cantante ha presentato una voce atipica per il power metal ed in passato è stato molto abile nell’utilizzare al meglio le sue doti canore (pur non essendo tecnicamente simile a colleghi come Hansi Kursch e Kai Hansen, cantanti stilisticamente accademici per il genere), affiancando le sue linee vocali alle melodie di violino e chitarra ed ottenendo così un risultato molto buono. Ora la sua voce non si nasconde più dietro a nessuno strumento, anzi è lei stessa a guidare il resto della musica; questo mostra certamente il meglio delle capacità tecniche rock di Damna (che avevamo comunque già ascoltato nei già citati Hell in the Club) ma, in questo modo, è inevitabile che anche il genere del gruppo subisca dei cambiamenti. Fra le canzoni in cui si ascolta al meglio il timbro sfrontato del vocalist sono la rustica The Time of Your Life e l’atipica Forget-Me-Not, una ballata melodica caratterizzata da un duetto tra voce maschile e femminile che mostra gli Elvenking in vesti irriconoscibili, lontana anni luce dal metal e piuttosto vicina al rock più melodico (leggasi commerciale). Quest'ultima, pur essendo fuori dagli standard a cui siamo abituati, si dimostra davvero ben fatta nel suo genere, tanto che la definirei addirittura uno dei pezzi migliori dell’album. Un altro brano da citare assolutamente se si parla di voce è la già menzionata I Am the Monster, che vede una collaborazione con lo storico Jon Oliva (Jon Oliva’s Pain e Savatage), un nome davvero ingombrante che offre una performance molto caratteristica, nella quale il suo stile emerge pienamente riconoscibile. Fra gli ultimi brani da menzionare c’è sicuramente Chronicle of a Frozen Era, che inizia in pieno stile power folk (probabilmente è il pezzo più vicino a questa etichetta) e verso il finale incorpora inaspettatamente alcuni elementi progressive metal chiaramente ispirati ai Dream Theater, mettendo in mostra l’abilità dei musicisti anche con tali sonorità. Bellissima invece anche A Song For the People, un breve brano folk popolare che funge da intermezzo tra una traccia e l’altra: caratterizzato da una voce femminile accompagnata dai cori di Damna e da melodie di violini e flauti, che si articolano su un accompagnamento di chitarra acustica e percussioni.

Le guest star invitate all’interno dell’album hanno senza dubbio fatto parlare di sé ancora prima dell’uscita del CD: oltre a Jon Oliva, di cui ho già parlato, appare nei crediti anche Teemu Mantysaari (Wintersun) che presta i suoi energici assoli a brani come Walking Dead. Tuttavia l’unica collaborazione che sembra fatta in amicizia sembra essere senza dubbio quella di Maurizio Cardullo, conosciuto più che altro come membro dei Folkstone (nei quali suona cornamuse, flauti e vari strumenti folk che ritroviamo ovviamente anche in questo disco), e molto meno in veste di unico componente e compositore della band raw black metal Desolation Cult.

Che dire dunque? Se amate il power folk metal tipico degli esordi della band, rimarrete un po’ delusi da questo lavoro, che apprezzerete molto di più se avete voglia di un buon disco rock con refrain vocali da canticchiare durante un ascolto disimpegnato. Personalmente preferivo gli Elvenking dei primi tempi, visto che pur non amando il power metal, apprezzavo decisamente le ottime intuizioni melodiche e le parti di musica celtica di violino e flauto: l’hard rock lo sanno suonare molto bene, in quanto ottimi musicisti, tuttavia è un genere che non appartiene loro.



VOTO RECENSORE
63
VOTO LETTORI
77.92 su 65 voti [ VOTA]
bregor
Lunedì 27 Febbraio 2017, 22.59.29
73
Band di tutto rispetto che tiene alta la bandiera al di fuori dei confini nazionali... ma dell'intera discografia il disco che preferisco e che riascolto sempre volentieri è Wyrd!
IO
Lunedì 4 Gennaio 2016, 13.41.43
72
recensione ridicola ma mai quanto gli utenti di sto misero portale
Riccardo
Mercoledì 26 Novembre 2014, 10.01.45
71
Giusto per essere sicuri di non essere fraintesi, il mio commento non si riferiva alla recensione che è ben motivata ed assolutamente accettabile, benché non la condivida. Mi riferivo ai commenti da tifosi di squadra di calcio che ho letto più in basso.
Riccardo
Mercoledì 26 Novembre 2014, 1.42.16
70
Figo quasi due anni dopo leggere cosi' tante cazzate su un gran bel disco. E poi fatevi delle domande sul perche' il metal italiano non decolla...
deedeesonic
Venerdì 26 Aprile 2013, 19.10.12
69
@piemme Intanto sono completamente d'accordo sul tuo post n° 60, e comunque anche se avessero ascoltato tutta la discografia di un gruppo, un conto è dire che non piace e spiegarne civilmente i motivi, altra cosa è sparare a zero con insulti ed epiteti vari o denigrare una band. Se a me una cosa non piace non la prendo in considerazione, punto e basta. Inoltre non credo proprio che siano tutti gay dal momento che ad un loro concerto ero in prima fila a fianco della fidanzata del cantante, e credimi che non era proprio roba da gay!!!
Vecchio Sunko
Mercoledì 12 Dicembre 2012, 17.10.28
68
DIschetto poco ispirato, in ogni caso superiore a Red Silent e Two Tragedy, mi sa che gli Elfi Italiani dopo l'ottimo The Scythe (di cui manca la recensione) hanno perso la retta via! Voto : 65
Arioch
Mercoledì 14 Novembre 2012, 14.33.50
67
ah, non è una recensione sui Domine? Errore mio
Arioch
Mercoledì 14 Novembre 2012, 14.32.50
66
Avrò le vostre anime!
Nonnapapera
Mercoledì 14 Novembre 2012, 13.49.23
65
Io ho sentito dire che il bassista ci ha una mazza tanta, ne consegue che il disco è bello. anzi bellissimo.
qwerty
Martedì 13 Novembre 2012, 14.21.49
64
Su questo sito commentano pure i porci perche' non ci si deve registrare.Basta inventarsi un nick dietro il quale nascondersi ed il gioco è fatto.Mah...
JJ
Lunedì 12 Novembre 2012, 15.28.01
63
A me l'album é piaciuto...così come tutti gli album precedenti!!! Solo "Red Silent Tides" all'inizio mi aveva lasciato un po' perplesso x la produzione e le influenze alla Bon Jovi,però alla fine ho apprezzato anche quello. Non considero di certo gli Elvenking come il miglior gruppo italiano,così come non considero capolavori i loro album,però mi piacciono e li ascolto sempre con piacere. Inoltre mi piace il fatto che non abbiano mai fatto due album uguali. Onestamente non pensavo di leggere tutti questi commenti negativi,molti dei quali un po' sconclusionati. Mi sembra strano come ci sia ancora gente che debba dare giudizi solo in base a tecnica,originalità etc. Non sempre basta sommare i dati tecnici ed oggettivi per avere una buona band e degli album capolavoro!!!
JJ
Lunedì 12 Novembre 2012, 15.27.11
62
A me l'album é piaciuto...così come tutti gli album precedenti!!! Solo "Red Silent Tides" all'inizio mi aveva lasciato un po' perplesso x la produzione e le influenze alla Bon Jovi,però alla fine ho apprezzato anche quello. Non considero di certo gli Elvenking come il miglior gruppo italiano,così come non considero capolavori i loro album,però mi piacciono e li ascolto sempre con piacere. Inoltre mi piace il fatto che non abbiano mai fatto due album uguali. Onestamente non pensavo di leggere tutti questi commenti negativi,molti dei quali un po' sconclusionati. Mi sembra strano come ci sia ancora gente che debba dare giudizi solo in base a tecnica,originalità etc. Non sempre basta sommare i dati tecnici ed oggettivi per avere una buona band e degli album capolavoro!!!
mark88
Sabato 10 Novembre 2012, 15.06.28
61
piemme, sottoscrivo in pieno. E poi ci si chiede perchè il panorama metal italiano faccia così cagare....Supporto assoluto assolutamente no, le critiche vanno bene e fanno bene, ma sparare a zero non ha senso.
piemme
Sabato 10 Novembre 2012, 14.19.35
60
...i commenti liberi rendono praticamente ogni discussione sui dischi un'insulto ai musicisti ed alle band... Mi chiedo se tutti quelli che sparano a zero sul disco e sulla band hanno sentito il disco e li hanno mai visti dal vivo... Era è un disco onesto e loro sono una buona band dal vivo, senza inventare nulla ma producendo sempre buon materiale e senza mai ripetersi, se avete ascoltato tutti i loro dischi è innegabile. Se non piacciono, visto che tanto i loro dischi non li avete comprati e non andrete a vederli, perchè insultarli??? Effemminati? Ma se anche fossero tutti gay (e non credo) chi se ne frega? I Death SS portano sfiga e fanno schifo? Bene questa mentalità ristretta e qualunquista è la ragione per cui in Italia non esiste una scena musicale. Invidia e zero collaborazione... avanti così...
The trial by fire
Venerdì 9 Novembre 2012, 20.41.15
59
Scusate, non lo sapevo assolutamente, altrimenti non avrei scritto il commento
Profumo di Donna
Venerdì 9 Novembre 2012, 20.05.10
58
eh... il violinista... x sentito dire. mortemorte orribile tra l'altro
the True
Venerdì 9 Novembre 2012, 20.02.44
57
oh signùr.... rip.
Profumo di Donna
Venerdì 9 Novembre 2012, 19.59.44
56
eh... il violinista... x sentito dire. mortemorte orribile tra l'altro
the True
Venerdì 9 Novembre 2012, 19.50.45
55
chi??
Al Pacino
Venerdì 9 Novembre 2012, 19.49.50
54
cristo un pò di rispetto per il violinista che è mancato qualche giorno fa ....... dai.......
Live: the trial by fire
Venerdì 9 Novembre 2012, 19.11.22
53
la riprova della validità della band è dal vivo. E dal vivo gli Elvenking hanno semptre avuto delle performance mediocr, fin dagli esordi..cantante sempre al limite dell'intonazione per non dire stonato (mentre parrebbe mi dicono che con gli hell in the club se la cavi bene), resa sonora pessima nonostante la validità dei musicisti..poi che cavolo c'entra avere un solo violino dal vivo ..o ci mettete delle basi registrate complete o nulla! Un solo violino è fastidioso!! mah, contenti loro. Le canzoni (ottime) di Heathenreel in studio voto 100, dal vivo voto 50....e ho detto tutto......
IO
Venerdì 9 Novembre 2012, 16.57.39
52
e meno male che c'è Nightblast che ci dice le band che OBIEETIVAMENTE fanno cagare e quelle no!
fabio II
Venerdì 9 Novembre 2012, 14.11.45
51
Giusto Lizard; c'è anche quello elettrico di Mark Wood. Le Marquis sempre impeccabile. Nightblast non ho tutti gli albums dei Moonsorrow ma anche a me piacciono
Lizard
Venerdì 9 Novembre 2012, 14.02.16
50
Beh... Rimanendo in ambito folk citerei almeno gli Skyclad
Le Marquis de Fremont
Venerdì 9 Novembre 2012, 13.57.34
49
Parbleau, se volete ascoltare il violino in ambito metal, qualcuno ascolti i Ne Obliviscaris, Portal of I, 2012. Il ya une petite différence con gli Elvenking, anche quelli dei primi dischi dalle bellissime copertine (mi ripeto...) ma dalla musica indubbiamente scarsa. Au revoir.
Nightblast
Venerdì 9 Novembre 2012, 12.55.41
48
@fabioII: io non scriverei mai una simile bagasciata...Tralasciando il fatto che ritengo i Death SS la migliore band italiana di sempre assieme a pochiessime altre, non scrivere una simile cagata è da rincoglioniti cronici...Per il resto quoto assolutamente quanto scritto da Flag e sottolineo che i Moonsorrow sono una band grandissima...Suden Uni l'ho rovinato a forza di ascoltarlo.
fabio II
Venerdì 9 Novembre 2012, 12.02.28
47
Quoto Flag e Moonsorrow mi sembra un discorso molto sensato. Conosco poco il folk, quasi niente questi Elvenking. Ma, spostandomi su altri lidi che conosco meglio, come l'hard/heavy di stampo neo classico, quello che apprezzo sono gli artisti come Malmsteen dove lo strumento suona già intrinsecamente neoclassico, senza bisogono che ci siano molti orpelli a supporto atti a dare tale impronta. Cioè chitarra e voce sono 'l'arma' distintiva di tutto il rock/metal, prima di ogni altra cosa.
Flag Of Hate
Venerdì 9 Novembre 2012, 11.42.47
46
Ascoltando questo disco mi è tornata in mente la bella intervista che Metallized ha fatto ai Moonsorrow, quella dove si parlava delle "stupide melodie di violino", ecco cosa dicevano: "[...] è facile suonare un metal molto semplice e poi metterci sopra qualche stupida melodia e farlo diventare "folk metal". Ci sono moltissime band che non sanno suonare metal, non sanno suonare folk, mettono queste due cose assieme ed è un mix orribile. Per suonare un buon folk metal dovresti prima sapere come si suona il metal, poi saper apprezzare la tua musica tradizionale, sapere come valorizzarla. Ma non è facile, quindi in genere quello che si ottiene sono stupide melodie di violino sopra ad un riff molto semplice e nessuna idea nelle canzoni da nessuna parte." Ecco, questa è la descrizione perfetta per gli Elvenking.
il vichingo
Venerdì 9 Novembre 2012, 9.55.05
45
Secondo me porta più sfiga Dani Filth, per non parlare dei Nomadi... eh eh eh...
fabio II
Venerdì 9 Novembre 2012, 9.50.56
44
Infatti Nightblast non ti credo capace di dire una stronzata come nel post 40....i Death SS porterebbero sfiga?! Superstizioni ridicole a parte, era molto più difficile essere i Death SS nel '77, che non i Cradle Of Filth nei '90, con o senza tecnica
Nightblast
Venerdì 9 Novembre 2012, 8.53.16
43
@alzailcorno93: io mi starei contraddicendo? Hai letto il mio commento n.11 ? Evidentemente non lo hai fatto...P.s.: il commento n. 40 non è scritto da me...Coglione, chiunque tu sia, cambia nick.
AlinoSky
Venerdì 9 Novembre 2012, 1.58.51
42
"pezzi tamarri stile Bon jovi cotonato anni'80". Le bestemmie che mi tocca leggere!
alzailcorno93
Venerdì 9 Novembre 2012, 0.19.57
41
@Nightblast: scusami tanto ma ti stai contraddicendo un commento dopo l'altro..prima spali merda a go-go su di loro, dopo dici che sia innegabile che non siano nulla di eccezionale, infine che il gusto personale va rispettato..direi di finirla quà no? abbiamo capito che ti fanno schifo e morta là! e ti stà dicendo queste cose uno che, come detto all'inizio, non va assolutamente matto per questa band.
Nightblast (finto)
Venerdì 9 Novembre 2012, 0.08.13
40
ma sei fuori a nominare quella band? ora sfiga a tutti. Cioè, obiettivamente parlando, anche Vasco ha un prodotto musicale che supera quello di questa band....un genere sorpassato tecnicamente, certo il gusto personale va rispettato, anche se non li ho mai visti dal vivo. Il prossimo disco che faranno non me lo scarico neanche, va.
Megarom
Venerdì 9 Novembre 2012, 0.04.06
39
Ma guarda che simpaticone il tipo qua sotto
Megarom
Giovedì 8 Novembre 2012, 23.51.00
38
Ok, intendevo i Death SS. E' il gruppo che nomino sempre per portare sfiga a quelli che non suonano il truefolkmetallo come piace a me. Del resto la migliore è la branchia che suono col mio gruppo. E poi odio i gruppi che se la tirano, l'altro giorno con la mia band facevo da opener a un concerto di Vasco e dopo tre ore che suonavo mi hanno staccato la spina.
Nightblast
Giovedì 8 Novembre 2012, 23.41.03
37
...bè sinceramente se non sono sopravvalutati gli Elvenking, allora ditemi voi quali altre band lo sono...obiettivamente parlando, la proposta musicale di questa band è davvero scadente e derivativa, ed aldilà del fatto del mero gusto personale, che va comunque rispettato, è innegabile che non siano assolutamente nulla di speciale...
Fulvio
Giovedì 8 Novembre 2012, 23.22.29
36
p.s. qua sotto manca una virgola dopo "minestrone" e prima di "della storia"
Fulvio
Giovedì 8 Novembre 2012, 23.19.50
35
Sinceramente io trovo contenuto in quest'album tutte le varie sfumature della band...che vorrei ricordarlo non ha mai fatto un album fotocopia! Ha sempre variato ad ogni album lo stile musicale ! Questo Era è una sorta di "minestrone" in senso positivo perchè l'album mi piace della storia degli Elvenking. Sinceramente le realtà sopravvalutate in italia sono decisamente altre. E poi certe espressione colorite oppure gente che dice "eh ma i miei amici mi hanno detto che voi siete cattivi"...dai, asilo!
Megarom
Giovedì 8 Novembre 2012, 22.33.19
34
@I Mortemorte no era una "traduzione" per non citare il tale gruppo,infatti l'ho scritto tra virgolette!
heart of steel
Giovedì 8 Novembre 2012, 22.20.29
33
per me è il cantante che sta facendo sempre di più da ago della bilancia verso sonorità hard rock snaturando la vera matrice originaria della band
heart of steel
Giovedì 8 Novembre 2012, 22.10.53
32
mah, da quando il cantante degli elvenking si è hardrockizzato e con gli Hell in the club fa pezzi tamarri stile Bon jovi cotonato anni'80, gli elvenking sono andati sempre piu' alla deriva..peccato...heathenreel era uno dei miei dischi preferiti in assoluto!!! qui siamo lontani anni luce!
Sabaton 'till death
Giovedì 8 Novembre 2012, 21.41.21
31
Mi dispiace sempre criticare una band italiana ma non mi piace la svolta pop degli ultimi due dischi, la prima volta che ho ascoltato red tide mi sono vergognato, sembrava di sentire uno di x-factor, sta volta le cose sono migliorate, ma non siamo ai livelli dei primi dischi. Voto: 65
Tigre69
Giovedì 8 Novembre 2012, 19.31.51
30
Ma chi sono questi "mortemorte"? la band di megarom?
I Mortemorte
Giovedì 8 Novembre 2012, 18.21.31
29
Come, gli Elvenking sono addirittura peggio di noi? Nooooooooo
Theo
Giovedì 8 Novembre 2012, 16.06.16
28
Peccato. Peccato perchè gli Elvenking dei primi 5 dischi li amavo e li amo tutt'ora (fatta eccezione per The Schythe che tutt'ora non digerisco molto). Peccato perchè ero gia rimasto parzialmente deluso con Red Silent Tides, ma solo in parte. Peccato davvero perchè questo disco ho fatto fatica a finire di ascoltarlo, nonostante le buone idee come detto nella rece ci siano. Però questi per me non sono gli Elvenking, o almeno non quelli che ho amato. Pochissimo folk e molto hard rock in questo disco, di power non ce n'è l'ombra (di quello vero). Ripeto, davvero un peccato per me (e un dispiacere) doverli bocciare dopo aver creduto nel cosiddetto "passo falso" di Red Silent Tides... Per me non ci siamo, VOTO: 50/100.
piggod
Giovedì 8 Novembre 2012, 15.07.31
27
Ad ogni modo, è proprio vero che il presunto anonimato su internet da il coraggio di pubblicare anche i commenti più vigliacchi, motivandoli con un sentito dire... Che tristezza.
il vichingo
Giovedì 8 Novembre 2012, 14.10.54
26
A parte i soliti interventi (ormai non mi metto neanche più a commentarli, è una battaglia persa) che si leggono soltanto in calce a recensioni di band italiane, ho ascoltato varie canzoni sul tubo e devo dire che l'album, fatta eccezione per una paio di canzoni (davvero carina I Am the Monster), non mi è piaciuto. Un Power con reminescenze Folk (ma sempre di Power si tratta, per cortesia) a mio modestissimo avviso banale e scontato, infarcito di soluzioni easy-listening che ormai faccio veramente fatica a digerire in questo ambito (se voglio musica "easy" mi rivolgo verso altre proposte musicali). Un'uscita che per quanto mi riguarda è trascurabilissima, se dovessi dare un voto non andrei oltre il 45/100 ed è un peccato perchè di questa band apprezzo molto i primi due album ed anche Two Tragedy... lo trovo un lavoro più che discreto. Concludo scrivendo che tenderei a quotare i vari Nightblast e Marduk circa il fatto che la band è sopravvalutata, in che misura decidetelo voi.
Sandro70
Giovedì 8 Novembre 2012, 13.44.01
25
Quando si riportano cose per sentito dire ( che spesso sono storie inventate per invidia ), si fa più bella figura a far silenzio.
Sandro70
Giovedì 8 Novembre 2012, 13.43.58
24
Quando si riportano cose per sentito dire ( che spesso sono storie inventate per invidia ), si fa più bella figura a far silenzio.
Megarom
Giovedì 8 Novembre 2012, 13.14.00
23
@correggo branca non branchia*
Megarom
Giovedì 8 Novembre 2012, 13.07.57
22
Non me personalmente.Ma ho sentito del vostro pessimo atteggiamento di vari amici che han fatto di spalla a voi con le loro rispettive band.Uno mi disse "sono peggio dei "mortemorte"
ELVENKING
Giovedì 8 Novembre 2012, 9.52.55
21
Scusate, non è nostro stile intervenire in alcun tipo di discussione rigaurdante la nostra band, e siamo sempre stati aperti a ricevere qualsiasi tipo di critica, ci mancherebbe, quindi non entriamo in merito a quanto detto nelle discussioni. Ma vorremo chiedere al buon MEGAROM per quale motivo o secondo quali sue considerazioni noi "guardiamo dall'alto in basso". Chi guardiamo innanzitutto? Ci conosciamo? Grazie per la risposta.
Megarom
Giovedì 8 Novembre 2012, 1.27.03
20
@Sandro70 io questo genere (o meglio una branchia) l'ho suonato e continuo a farlo anche se molto diverso.Di certo non mi metto a dire che son meglio di loro.Ma sono proprio osceni,e poi il rispetto per una band che ti guarda dall'alto in basso nonostante è conscia di far cagare sia in studio che live non la do minimamente.Sono banali,scontati,fotocopiati da altre band e a dire il vero un po effeminati negli ultimi tempi.Personalmente li considero tra le peggiori "realtà" del panorama italiano
Sandro70
Mercoledì 7 Novembre 2012, 21.59.42
19
Il primo album è decisamente un ottimo lavoro,ed è anche l'unico che ho e quindi non posso giudicare altro.Però definire un gruppo ,gli Elvenking come qualsiasi altro, in maniera offensiva è mancanza di rispetto (e di educazione )anche verso coloro a cui il gruppo piace e supporta. Se non vi piace spiegate il perchè senza termini dispregiativi, altrimenti l'unica cosa che si capisce e che siete prevenuti verso il genere e magari l'album non l'avete nemmeno ascolatato.
Me stesso
Mercoledì 7 Novembre 2012, 20.05.51
18
Il primo disco spacca immensamente, red tilde era una cagata mostruosa, una delle cose più patetiche che ho ai sentito. Questo econlaccento carino ma niente di piu
Ensi
Mercoledì 7 Novembre 2012, 19.44.37
17
Un piccolo appunto al recensore (a cui comunque vanno i complimenti per la recensione): perchè neppure citare Through Wolf's Eyes, probabilmente la canzone migliore del lotto? E di gran lunga la più folkeggiante, sembra provenire quasi direttamente dal passato della band.
Fulvio
Mercoledì 7 Novembre 2012, 18.23.34
16
Tutti a scuola da Sgarbi qua sotto XD
Megarom
Mercoledì 7 Novembre 2012, 18.09.14
15
a me fanno cagare a spruzzo.Veramente in italia abbiamo moooolte band validissime.Perchè loro allora?
Michele
Mercoledì 7 Novembre 2012, 17.56.49
14
Ho ascoltato due canzoni sul tubo... Oddio, non sono uno che giudica in base a sole due canzoni, ma visto che già Red Silent Tides non mi era piaciuto molto, penso che anche questo sarà deludente, se son tutte così... Poi, va beh, per me un disco bello come Heathenreel non lo rifaranno mai più...
Kirves
Mercoledì 7 Novembre 2012, 17.54.09
13
@alzailcolrno93: Sarà che sono del '94 e quindi posso caprine ancora meno di te "per riuscire a capire gli elvenking ed altre cazzate simili"
Kirves
Mercoledì 7 Novembre 2012, 17.51.03
12
Ascolto folk, mastico abbastanza power, supporto le band italiane, ma gli Elvenking mi hanno sempre detto proprio poco...
Nightblast
Mercoledì 7 Novembre 2012, 17.02.11
11
@alzailcolrno93: se qualcuno ti critica per il solo fatto anagrafico allora "passa oltre e non ti curar di lui"...e poi in tutta onestà, per capire che sti Elvenking fanno cagare non è che ci voglia chissà quale esperienza decennale...aldilà dei gusti personali, che comunque vanno rispettati, oggettivamente la musica di questa band è di una pochezza disarmante, adesso come prima...
Fulvio
Mercoledì 7 Novembre 2012, 16.18.57
10
p.s. e ve lo dico appunto da non amante delle band italiche, ne ascolterò con piacere 3 o 4, ne delle sonorità pauerotte.
Fulvio
Mercoledì 7 Novembre 2012, 16.16.15
9
63 a questa piccola nuova gemma degli Elvenking? MA STIAMO SCHERZANDO? O_o è una delle poche, pochissime, band nostrane che merita di essere supportate al 100%! Si può tranquillamente dire che hanno sempre partorito ottimi album!
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 7 Novembre 2012, 14.16.32
8
Onestamente, avevo sempre considerato gli Elvenking un gruppo che fa album dalle copertine eccellenti (The Winter Wake su tutte!) ma che poi, in termini musicali mi ha sempre detto poco, con canzoni poco incisive e songwriting che si somiglia tutto, anche se leggendo le strumentazioni impiegate, sembra che facciano chissà cosa. Qui, la copertina mi sembra la meno bella de lotto ma la musica è più piacevole. Niente di speciale, bien sûr, ma almeno alcuni brani, giustamente citati dal recensore, hanno una loro identità. Che siano sopravvalutati è fuori dubbio. Ma se alla AFM Records, piace così, i soldi sono i loro... Au revoir.
HyperX
Mercoledì 7 Novembre 2012, 14.13.38
7
l`accostamente con Bon Jovi e` ridicolo. Non c`entra proprio nulla,
AlinoSky
Mercoledì 7 Novembre 2012, 13.37.15
6
A me è piaciuto come è piaciuta tutta la loro discografia. Certo non sono dei mostri sacri del metal ma io li ascolti sempre volentieri visto che sono un gruppo power diverso dagli altri.
piggod
Mercoledì 7 Novembre 2012, 13.01.39
5
Non è il mio genere, ho letto la recensione perche qualche settimana fa ho visto un loro concerto e mi sono divertito. Intervengo per rompere le balle dato che trovo insensato intervenire solo per spalare merda su una band quando non si ascolta il genere ed è evidente l'astio nei suoi confronti. Poi ognuno è libero di fare quello che vuole...
marduk
Mercoledì 7 Novembre 2012, 12.55.19
4
li ho sempre trovati abbastanza sopravvalutati e scontati...ma almeno sto disco da quel che sto sentendo pare essere simpatico e un po' meno pretenzioso....e mi sembrano riuscire meglio su questa strada....nulla di particolare cmq eh...ma orecchiabile...
alzailcorno93
Mercoledì 7 Novembre 2012, 12.47.58
3
Nightblast gli insulti ti arriveranno di sicuro, stanne certo a me è bastato buttare là una battuta sull'ultima notizia degli elvenking e mi son parole per il fatto che sono un '93, che sono ancora troppo giovane per riuscire a capire gli elvenking ed altre cazzate simili...mi sono accorto che il recensore, a cui faccio un applauso per la recensione a mio parere scritta molto bene, è un '93 come me: detto questo presumo che riceverà critiche a valanga anche lui!!
Flag Of Hate
Mercoledì 7 Novembre 2012, 10.14.02
2
Applausi per Nightblast !!!!
Nightblast
Mercoledì 7 Novembre 2012, 10.08.45
1
So che adesso molti mi romperanno le palle dicendomi che non è vero, che posso evitare di commentare quando la band non mi piace, ecc. ecc...Bè, me ne frego...sti Elvenking fanno cagare, dall'inizio alla fine. L'album in questione è ridicolo, infarcito di melodie da strapazzo tanto per fare presa su quattro ragazzini, ed anche agli esordi non erano nulla di che, una semplicissima e banale Power Metal band che giocava con elementi folkeggianti...E adesso sotto con gli insulti.
INFORMAZIONI
2012
AFM Records
Folk
Tracklist
1. The Loser
2. I Am The Monster
3. Midnight Skies, Winter Sighs
4. A Song For the People
5. We, Animals
6. Through Wolf’s Eyes
7. Walking Dead
8. Forget-Me-Not
9. Poor Little Baroness
10. The Time of Your Life
11. Chronicle of a Frozen Era
12. Ophale
Line Up
Damna (voce)
Rafhael (chitarra)
Aydan (chitarra)
Jakob (basso)
Symohn (batteria)
Lethien (violino)
 
RECENSIONI
63
65
80
81
s.v.
ARTICOLI
26/02/2015
Live Report
ELVENKING + TRICK OR TREAT
Live23, Bosco Marengo (AL), 21/02/2015
06/11/2014
Live Report
ARKONA + ELVENKING + DIAVENT
Halloween Fest - Day 1
20/07/2012
Live Report
CRUCIFIED BARBARA + ELVENKING
Ferrock @ Parco Retrone, Vicenza, 12/07/2012
12/04/2011
Live Report
ELVENKING + FOLKSTONE + BURNING BLACK
People Club, 09/04/2011, Vicenza
02/12/2010
Live Report
ELVENKING + SECRET SPHERE + ALL MY FAITH LOST
Deposito Giordani, Pordenone, 27/11/2010
19/10/2010
Intervista
ELVENKING
In costante evoluzione
19/08/2009
Intervista
ELVENKING
Poeti, etichette e scambi di energia
14/11/2002
Intervista
ELVENKING
Parla Jarpen
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]