Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Asphyx
Necroceros
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
THE STRADDLERZ
The Straddlerz

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
TRAGEDIAN
Seven Dimensions

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
CRYSTAL VIPER
The Cult

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Skalmold - Börn Loka
( 2562 letture )
Č quasi un piacere notare come una band che seguivo dagli inizi, ovvero dalle prime autoproduzioni, riesca a raggiungere un discreto successo sotto le grazie di una label di valore mondiale (Napalm Records), permettendosi cosě di arrivare alle orecchie di un gran numero di ascoltatori. Questo č il caso degli Skálmöld, formazione islandese che sulle proprie origini e sulla propria storia costruisce la propria proposta musicale, tanto particolare dal punto di visto lirico quanto abbastanza canonica sotto l'aspetto strumentale. I testi, infatti, sono completamente scritti in islandese antico, lingua non proprio fruibile da parte del grande pubblico, ma che riesce a donare un particolare tocco folkloristico e di personalitŕ ai pezzi. Per quanto riguarda il lato musicale del gruppo, il precedente Baldur era stato in un certo modo una sorpresa: le composizioni infatti erano mature, ricche di abbellimenti folkloristici ed epici, e, allo stesso modo, particolarmente corpose e trascinanti all'ascolto. In poche parole, quello che si veniva a creare possedeva una magia tutta sua, una magia che č stata completamente persa in questo Börn Loka, album che risulta mancare di epicitŕ e di melodie significative e che preferisce aggredire con un continuo (ed alla lunga stancante) riffing di chitarre elettriche, che trasporta il disco in lidi quasi esclusivamente heavy metal.

Chiunque ascolti l'album non potrŕ non notare che in questo lavoro il viking-folk compare a tratti e solamente per supportare le parti heavy. Se ne possono ritrovare dei resti in Fenrisúlfur, brano che presenta qualche lieve risvolto epico qua e lŕ, ma che viene rovinato da un orribile duetto vocale: la voce piů acida risulta essere poco adatta al contesto in cui si inserisce e alla fine appare decisamente inoffensiva. Se consideriamo la sezione strumentale č palese come si possa prendere qualsiasi pezzo a caso per dire la stessa cosa: il riffing sorprende raramente, il piů delle volte infatti quello che andiamo a sentire si rivela scontato e prevedibile; allo stesso modo si comportano batteria e basso, specialmente la prima, la quale č completamente incapace di dare quel tocco in piů alle canzoni, limitandosi esclusivamente ad un ruolo ritmico di accompagnamento. Le melodie folkloristiche non sono comunque andate del tutto perse: un esempio č dato da Gleipnir, pezzo non eccezionale ma che si lascia ben ascoltare. Spesso e volentieri anche le tastiere fanno la loro comparsa, una comparsa che perň si rileva piuttosto anonima e che non accresce di certo l'appeal di questo disco. Un'altra cosa che ho apprezzato poco sono quegli assoloni di chiaro stampo thrash ottantiano che mi hanno fatto un po' cadere le braccia. Consideriamo infatti Miđgarđsormur, canzone che si presenta ben articolata e pensata, grazie ad alcune parti chiaramente ispirate ai Metsatöll, ma che viene improvvisamente contaminata da 30 secondi di ritmiche e parti solistiche thrasheggianti che c'entrano veramente poco e nulla con ciň che stavamo ascoltando un istante prima. Dalle influenze di casa Metsatöll passiamo a Narfi, brano palesemente Ensiferum-oriented dove il mid-tempo č padrone della scena, rendendo questi pochi minuti tutto sommato apprezzabili. Arrivati a questo punto ci mancano solamente le ultime Hel, Váli e Loki, dove, neanche a dirlo, siamo continuamente preda del riffing buono ma eccessivamente ripetitivo prodotto dai chitarristi Baldur Ragnarsson e Ţráinn Árni Baldvinsson. Con la conclusiva Loki i Nostri si impegnano in una canzone che sfiora i dieci minuti di durata: all’interno di essa possiamo trovare un po’ il riassunto di Börn Loka, il quale viene mischiato ad un debole tentativo di creare qualcosa di progressivo e allo stesso tempo non noioso, un esperimento riuscito a metŕ vista la facilitŕ con cui l’ascoltatore puň cadere nella distrazione.

In sostanza non ci troviamo di fronte ad un album brutto o mal prodotto, piuttosto siamo davanti ad una flessione dal punto di vista artistico. Per intenderci, non avrei mai pensato che gli Skálmöld che avevo ascoltato due anni fa potessero uscire oggi con un CD cosě canonico e decisamente poco emotivo. L'album nel complesso riesce comunque a rosicchiarsi la sufficienza, ma questi ragazzi dovrebbero ritornare sui propri passi, perché oggi come non mai possono essere considerati la solita band tra le tante.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
80.18 su 11 voti [ VOTA]
DeathPriest
Sabato 31 Marzo 2018, 0.27.01
4
Č esattamente il contrario. Gli Skálmöld fanno Folk Metal Islandese, quindi presentano dei suoni diversi da quelli finlandesi. Baldur, per quanto bello, era piů nello stile europeo. Da Börn Loka in poi sono passati a fare puro Folk Metal Islandese, con tutte le caratteristiche che esso ha. Č un folk molto piů duro, tutto qui.
JKaffekimbo
Lunedě 3 Agosto 2015, 1.25.50
3
Questo album merita molto piů del voto assegnato dal recensore. Sicuramente č molto diverso da "Baldur", ma cattura alla perfezione lo stile musicale vichingo e lo integra alla perfezione con l'Heavy Metal (cosa che si puň osservare in particolare nelle rímur di "Miđgarđsormur"). Per chi come me conosce la lingua, sarebbe da dare uno sguardo anche ai testi, soprattutto nella prima e nell'ultima traccia. Inoltre, dietro alla musica, c'č una storia articolata e magnificamente scritta che da all'album uno spessore tutto nuovo. Personalmente lo trovo l'album migliore degli Skálmöld e a parte la traccia "Himinhrjóđur", che ha ben poco di interessante da sentire, non ha grandi difetti.
fabriziomagno
Venerdě 16 Novembre 2012, 15.37.14
2
noiosetto...nulla a che vedere con il debutto. Delusione... voto: 60
Leoz
Martedě 13 Novembre 2012, 13.22.50
1
avrei dato minimo un mezzo voto in piů. č peggio di baldur, ma non č poi cosě da buttare
INFORMAZIONI
2012
Napalm Records
Viking
Tracklist
1. Óđinn
2. Sleipnir
3. Gleipnir
4. Fenrisúlfur
5. Himinhrjóđur
6. Miđgarđsormur
7. Narfi
8. Hel
9. Váli
10. Loki
Line Up
Björgvin Sigurđsson (voce, chitarra)
Baldur Ragnarsson (chitarra)
Ţráinn Árni Baldvinsson (chitarra)
Snćbjörn Ragnarsson (basso)
Gunnar Ben (tastiera, oboe)
Jón Geir Jóhannsson (batteria)
 
RECENSIONI
73
72
60
70
ARTICOLI
22/11/2016
Intervista
SKALMOLD
Siamo dei semplici musicisti
07/11/2016
Live Report
KORPIKLAANI + MOONSORROW + SKALMOLD
Alcatraz, Milano, 02/11/16
06/11/2014
Live Report
ELUVEITIE + ARKONA + SKALMOLD
New Age Club, Roncade (TV), 31/10/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]