Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Bulldozer - The Final Separation
( 3103 letture )
Reduci dall'incendiario, acerbo, esagerato, casinolento esordio ufficiale di The Day of Wrath, i Bulldozer si presentarono ai nastri di partenza del 1986 con un nuovo lavoro ancora una volta targato Roadrunner, ed ancora una volta prodotto in maniera assolutamente approssimativa. Questo, il fatto che la band non ebbe nessun controllo sulla scelta della cover -non esattamente la migliore che la storia del metal possa ricordare- e numerose altre incomprensioni, portarono allo split con l'etichetta olandese; ma quello dello split è un discorso che non attiene direttamente alla presente recensione, anche se ricordarlo serve ad inquadrare le tensioni che accompagnarono la pubblicazione del vinile.

Al suono dell'album però sì, dato che The Final Separation, pur non essendo certo il vertice della produzione della band, fu decisamente limitato nel suo impatto da un suono largamente inferiore dal punto di vista qualitativo rispetto ai prodotti concorrenti, talvolta non certo più dotate di loro. All'epoca infatti, il gruppo era ancora fortemente connotata da un sound simil-Venom che la casa discografica incoraggiava a mantenere, avendo ormai inquadrato e venduto sul mercato il gruppo in questo modo. In effetti le composizioni dei Bulldozer ricordavano molto da vicino quelle di Cronos & C. (ma anche i Motörhead più lerci), basandosi su un marciume ed una furia esecutiva che pochi gruppi italiani potevano vantare all'epoca, e su parti vocali ancora una volta in linea con quanto proposto dai gruppi di riferimento.

In questo quadro facevano il loro sporco lavoro su disco pezzi quali Final Separation, Ride Hard-Die Fast e The Cave, grezzi, violenti e veloci come ogni fan dei Bulldozer lecitamente si attendeva. Dello stesso tenore, ma meno riuscita, era Sex Symbol’s Bullshit. "Don" Andras era una citazione di un famosissimo pezzo della tradizione napoletana stravolto in maniera caciarona e cialtrona, ed aveva un titolo che era un pretesto per un gioco di parole che pochi notarono, col "don" messo tra virgolette. Lo spirito del brano non venne minimamente notato all'estero, finendo per condannarlo a mero motivo di attacco alla band per il suo essere italiana nel senso più deleterio del termine, il tutto con molta malafede da parte delle testate straniere. La parte finale del disco puntava invece sulle migliori qualità del gruppo, con Never Relax! e soprattutto Don’t Trust The Saint a risollevare il tono della proposta con tempi decisi e violenti, governati ancora dalla voce malefica di A.C. Wild. Ambiziosi infine i dieci minuti conclusivi di The Death Of Gods, brano dagli accenti oscuri, molto vicini al doom in più di un passaggio, che forse pochi si aspettavano essere nelle corde dei Bulldozer.

Non siamo di fronte alla miglior prova dei nostri, ma The Final Separation è un disco importante anche storicamente, che dimostra come venivano gestiti e considerati i gruppi italiani dall'estero, e come venivano utilizzati sul mercato. Nel caso dei Bulldozer il loro essere spacciati e prodotti solo come risposta ai Venom ed ignorando le potenzialità contenute ad esempio in The Death Of Gods, non aiutò né il gruppo né l'etichetta, finendo per danneggiare entrambi.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
91.32 su 31 voti [ VOTA]
Aceshigh
Venerdì 3 Luglio 2020, 10.49.18
32
Non il mio preferito dei Bulldozer, ma comunque un disco che ascolto sempre con piacere. Una sorta di ponte tra lo storico debut (che però mi è sempre piaciuto meno) e gli album successivi, come si può evincere da brani come ad esempio Ride Hard Die Fast. Voto 82
duke
Domenica 16 Febbraio 2020, 15.32.23
31
...copertina a parte...e' un bel disco....solo loro hanno veramente capito l'ironia dei venom....basta sentire il brano don andras.....tutti gli altri si sono presi troppo sul serio....
Masterburner
Martedì 27 Settembre 2016, 21.30.54
30
Finalmente l'hanno ristampato! Bellissimo nella sua spontaneità, che dire, erano altri tempi. I riff alla Venom, la batteria con i rototom (fra l'altro mi piace un casino come suonava Don Andras), la voce di AC, una produzione fantastica che trasmette tutta la potenza dei nostri, molto più delle registrazioni laccate e pompate di oggi.
King of Sfaccimm
Domenica 17 Agosto 2014, 19.38.32
29
"Comunque si, i dischi successivi sono abbastanza squallidi a mio parere. Quel thrash simil- bay area non gli si addice per niente." Ma vatt a menà a mare cu tutt 'e pann strunz!
Raven
Venerdì 18 Ottobre 2013, 21.29.40
28
o ragn, sei già stato avvertito. Rispetto.
o ragn
Venerdì 18 Ottobre 2013, 21.18.18
27
è arrivato l'esperto di thrash simil bay area... ma famm 'o piacere...!!!!!!!
Jeff
Lunedì 7 Ottobre 2013, 20.51.08
26
Peccato, volevo leggere cosa diceva l'amico. Comunque si, i dischi successivi sono abbastanza squallidi a mio parere. Quel thrash simil- bay area non gli si addice per niente.
Metal3K
Giovedì 12 Settembre 2013, 10.43.48
25
@o ragn: Sei pregato di moderare i termini, grazie.
o ragn
Mercoledì 11 Settembre 2013, 16.32.32
24
Jeff, [EDIT: testo rimosso]
Jeff
Sabato 17 Agosto 2013, 15.12.55
23
Peccato per la copertina, l'ultimo disco bello dei Bulldozer, poi, scusatemi, ma IX e Neurodeliri sono veramente lammerda.
Alcibiade il Maialino
Lunedì 26 Novembre 2012, 22.40.38
22
@ Anvil....anche io ho la copia in vinile.....autografata da AC WILD.
fabio II
Giovedì 22 Novembre 2012, 14.51.49
21
ahahahah anvil! non so cosa hai inteso....semplicemente volevo dire ai teen-ages qui sotto; ok siamo sulla stessa barca
anvil
Giovedì 22 Novembre 2012, 14.40.52
20
@ fabio II sotto un certo aspetto la tua frase è inquietante ! comunque di questo ho il vinile .
fabio II
Giovedì 22 Novembre 2012, 14.35.23
19
Già, the final unification
Raven
Giovedì 22 Novembre 2012, 14.28.31
18
Un'allegra combriccola di quaranteenagers
Masterburner
Giovedì 22 Novembre 2012, 13.54.18
17
ma che vecchi siamo qui su metallized!?!
Raven
Martedì 20 Novembre 2012, 21.46.43
16
il tempo è galantuomo....
Alcibiade il Maialino
Martedì 20 Novembre 2012, 21.17.12
15
Vallo a dire agli Hellhammer.....
Raven
Martedì 20 Novembre 2012, 20.06.46
14
Nessuna offesa, giusto per puntualizzare. va detto che Kerrang e Metal Hammer facevano "tendenza" all'epoca, ed essere stroncati da loro lasciava poco spazio presso il grande pubblico per raddrizzare la situazione.
Alcibiade il Maialino
Martedì 20 Novembre 2012, 17.09.19
13
Ok quindi siamo in due che ascoltavano metal da tempo Raven, avrei dovuto capirlo dopo aver letto la recensione di The day of wrath hai messo troppi particolari sul disco che solo chi come noi ha vissuto il periodo puo' sapere. Ricordo che a livello di stampa estera ci furono buone recensioni esclusi ovviamente Kerrang e Metal Hammer ma si sa' le due testate detestavano qualsiasi cosa o quasi provenisse dall' Italia. Ricordi i commenti che fece Kerrang ai demos di Ghostrider/Necrodeath a ai Bulldozer in generale ? Li stavo leggendo pochi giorni fa'.......che disastro. Comunque France' non intendevo offendere la tua cultura musicale sia chiaro
Raven
Lunedì 19 Novembre 2012, 12.40.00
12
Alcibiade, io asclotavo metal da tempo, da almeno un lustro, e seguivo i Bulldozer fin dal 45 citato da fabio II nel commento precedente che ho ancora registrato su nastro. Sicuro che venne proprio così osannato? Leggesti Metal hammer, per esempio?
fabio II
Lunedì 19 Novembre 2012, 12.19.22
11
Penso che l'Italia negli anni '80 abbia dato il meglio proprio con i prodotti estremi; i Death SS nel '77 erano estremi a loro modo, poi i Necrodeath, gli Schizo e i Bulldozer che seguo sin dal mitico 45gg 'Fallen Angel', datato '84 (!!). Non è un caso nemmeno che le bands tricolori hardcore/punk fossero all'avanguardia. Questo da l'idea, secondo me, di come il metal sia nato come genere di rottura, e che i nuovi suoni abbiano trovato terreno fertile presso una nazione che non ha mai avuto cultura rock.Pionieri
the True
Lunedì 19 Novembre 2012, 12.16.26
10
ma che Nick insulso hai amico ?? booh.. cioè scusa la franchezza....
Alcibiade il Maialino
Lunedì 19 Novembre 2012, 11.59.24
9
Mah , recensione discutibile.....non so' se ascoltavi metal all' uscita di The final separation beh io si e il disco in questione ricevette gli elogi da molta stampa estera tanto che all' epoca, ricordo che uscì quasi in contemporanea con Pleasure to kill, lascio' molti addetti ai lavori a bocca aperta. Io personalmente lo adoro, si respira per tutto il disco aria malsana come il vero black metal doveva e deve essere , senza registrazione pulitine , sporco e rozzo...... Poi i gusti sono gusti per carita' ma in quell' anno questi vinile surclasso' lavori di bands ben piu' famose.
Masterburner
Lunedì 19 Novembre 2012, 8.48.21
8
L'unico che mi manca dei Bulldozer, devo trovare il vinile!
Raven
Domenica 18 Novembre 2012, 15.01.27
7
Essendo tra virgolette, credo sia nel senso di Don come lo si intende al Sud.
d.r.i.
Domenica 18 Novembre 2012, 12.51.05
6
Semplicemente mitici, voto 80 pieno...se fosse registrato meglio prenderebbe almeno 90!
Compagno di Merende
Domenica 18 Novembre 2012, 11.52.00
5
Non ho capito il gioco di parole "don" andras, qual'è?
Sudparadiso
Sabato 17 Novembre 2012, 18.18.03
4
A me è piaciuto subito,al primo ascolto.Gruppo STORICO!!!.Voto 80
Giasse
Sabato 17 Novembre 2012, 18.03.20
3
Stessa linea di Undercover. Bulldozer = mito
Delirious Nomad
Sabato 17 Novembre 2012, 15.09.47
2
"Casinolento" fa diventare un'ottima recensione un capolavoro!
Undercover
Sabato 17 Novembre 2012, 14.09.33
1
Vero, non è il più convincente ma che goduria, grandi Bulldozer
INFORMAZIONI
1986
Roadrunner Records
Thrash
Tracklist
1. The Final Separation
2. Ride Hard-Die Fast
3. The Cave
4. Sex Symbols' Bullshit
5. "Don" Andras
6. Never Relax!
7. Don't Trust the "Saint"
8. The Death Of Gods
Line Up
AC Wild (Voce, Basso)
Andy Panigada (Chitarra)
Don Andras (Batteria, Voce)
 
RECENSIONI
80
80
81
74
s.v.
ARTICOLI
19/06/2019
Live Report
HELLBRIGADE FESTIVAL 2019: POSSESSED + BULLDOZER
Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI), 15/06/2019
18/12/2014
Live Report
ROCK HARD FESTIVAL - CORONER + DEICIDE + BULLDOZER
Live Club 13/12/2014 Trezzo Sull'Adda
03/10/2013
Intervista
BULLDOZER
AC Wild ai nostri microfoni
29/06/2012
Intervista
BULLDOZER
Pay to Play? Un investimento sbagliato
29/05/2012
Live Report
BULLDOZER
Insomnia - Scordia (CT) 26/05/2012
09/10/2011
Intervista
BULLDOZER
Vincere ai rigori? Si può...
24/03/2011
Live Report
BULLDOZER + TSUBO + DEATH MECHANISM
Init Club, Roma, 19/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]