Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/10/18
P.O.D.
Circles

19/10/18
RISE OF THE NORTHSTAR
The Legacy of Shi

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
EXXXEKUTIONER
Death Sentence

19/10/18
EADEM
Luguber

CONCERTI

16/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ORION - ROMA

17/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ALCATRAZ - MILANO

17/10/18
LUCIFER
VINILE - BASSANO DEL GRAPPA (VI)

17/10/18
CARNIVAL OF FLESH + RABID + DANNATI
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

Savage Grace - Master of Disguise
( 3115 letture )
Master of Disguise viene di solito ricordato come uno dei capisaldi del power made in U.S.A. anni 80 e sono senza dubbio molti i vecchi appassionati che lo ricordano con affetto. Il disco, inoltre, è stato costantemente apprezzato anche negli anni successivi restando nei cuori di tanti aficionados del power moderno che lo conoscono, magari da ristampa su CD. Indubbiamente, abbiamo a che fare con un lavoro molto valido, ma parzialmente rovinato da una resa sonora decisamente migliorabile per tutti gli strumenti e in particolare per le chitarre, anche considerando l’anno di pubblicazione. Il fatto è così evidente che non può che influire negativamente sulla valutazione finale di un album che, comunque, contiene ottime cose.

Stabilito ciò, possiamo dire a titolo di cronaca che i Savage Grace si formano a Los Angeles dapprima come Marquis De Sade, ma è già con il loro nuovo nome che arrivano a partecipare nell’82 a Metal Massacre II, segnalandosi come una delle migliori band presenti sul disco e pubblicando, sull’abbrivio del successo ottenuto, tre demo tra l’82 e l’84, ma soprattutto un EP d’esordio intitolato The Dominatress. Master of Disguise, naturale passo successivo, è un altro platter molto compatto, contenente brani tutti più o meno sullo stesso livello, veloci ed aggressivi come si intendevano nella metà degli 80 e cantati con voce non particolarmente interessante, ma decisa, roca, sicuramente adatta alla bisogna. Si segnalano, inoltre, parti di batteria e basso anche qui tecnicamente non eccelse, ma molto vigorose e sopratutto chitarre sugli scudi, anche se come detto, un buon tecnico del suono e probabilmente qualche dollaro in più da spendere in sala d’incisione, avrebbero reso questa uscita forse una delle migliori di quegli anni nel genere. Tutte canzoni “cazzute”, aggressive e solide, tra le quali si segnalano Bound to Be Free, Master of Disguise e Betrayer, ma senza cadute di qualità particolarmente rilevanti tra un brano e l’altro, anzi, mantenendo sempre altissima la tensione di un album che riscosse grande interesse da parte della stampa. A proposito delle chitarre, va segnalato che, a dispetto delle note ufficiali, furono tutte suonate da Chris Logue, sul quale torneremo in chiusura di recensione. Da notare, poi, che molti membri che si sono succeduti nella band si sono segnalati in altri gruppi importanti, quali Agent Steel, Omen, Heir Apparent ed altre. In quel periodo, del resto, l’instabilità della line-up fu il tratto distintivo dei Savage Grace, ed oltre a Mark “Chase” Marshall, alla chitarra ci fu brevemente anche Kurt Phillips dei Witchkiller.

Non si può chiudere senza segnalare una delle cover più brutte e pacchiane della storia del metal (più per la faccia del poliziotto in primo piano che per il resto) e, purtroppo, una spiacevolissima storia che ha coinvolto Christian Logue. Il chitarrista, infatti, sarà arrestato nel 2005, secondo il L.A. Daily News per aver praticato illegalmente medicina oncologica e diabetica alternativa, i cui fondamenti avrebbe appreso in Indonesia, senza averne titolo alcuno secondo la legge, col nome di Dr. Richard Santee. Il nostro offriva guarigioni miracolose a pagamento (a quanto pare 350 dollari per una visita e 1000 per una cura), ovviamente senza fondamento. Sarà riconosciuto colpevole di dieci imputazioni tra cui frode, falsa identità con possesso di carte di credito e di previdenza sociale a nome di Richard Santee e Ricardo Santini e, tanto per gradire, anche detenzione di armi da guerra, granate comprese, anche se praticamente inservibili. Che dire? Meglio ascoltare il disco e non pensarci. Quello vale ancora la pena di ricordarlo.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
71.20 su 87 voti [ VOTA]
Fly 74
Lunedì 24 Settembre 2018, 22.27.08
13
La cover è magnifica e non tanto per il fatto che alla Moto Guzzi ci lavoro da 24anni.
ObscureSolstice
Lunedì 24 Settembre 2018, 20.47.10
12
Reato non posserderli. Poi insieme a Witchfinder General per quanto riguarda la scelta delle cover tra le migliori del firmamento metallico, eh difficile scegliere
rik bay area thrash
Lunedì 24 Settembre 2018, 19.18.16
11
I savage grace furono considerati tra i migliori esecutori di speed metal e questo album ne è la conferma. A parte la pessima produzione, le guitar si sentono a malapena, per il resto siamo di fronte a un valido album figlio del suo tempo. Per chi fosse interessato la versione remaster suona decisamente meglio senza aver snaturato il sound originale. Anche con questo album c'è un piccolo pezzo di storia dell'heavy metal (imho)
Andrea Salvador
Lunedì 24 Settembre 2018, 17.27.40
10
Sound troppo datato e scadente. Cantante non adatto per voce. Per il resto "Master of Disguise" è un capolavoro come troppi uscivano all'epoca e rimanevano "cult album".
Dan Beehler
Venerdì 13 Aprile 2018, 0.16.39
9
Su questo album scrissi una recensione anni e anni fa su una webzine oramai scomparsa. Mi ricordo ancora una frase: " Se gli Omen venivano considerati gli Iron Maiden sul campo di battaglia, questi allora chi cacchio sono ?? " . Comunque un album dalla potenza devastante e il cantante era un vero demonio, purtroppo durò solo questo lp e poi se ne persero le tracce. Ci penso io ad alzare la media dei voti !
Fly 74
Sabato 2 Luglio 2016, 19.51.40
8
Il Metal ! Dopo Fear my way non c'è più niente !
Hermann 60
Sabato 2 Luglio 2016, 17.05.30
7
Bravo InvictuSteele, cazziali tutti voto lettori 66 è vergognoso
InvictuSteele
Venerdì 4 Settembre 2015, 13.39.55
6
Questa era una band speed metal semplicemente stupenda. Preferisco After the fall (87) ma anche questo disco è magnifico (82). Chi è che vota a cazzo certe perle? Mi riferisco al voto lettori... sarebbe il caso che approfondissero la storia del metal, al posto di ascoltare le solite 7-8 band per 40 anni.
hermann 60
Venerdì 4 Settembre 2015, 13.03.53
5
Disco stupendo e band bravissima , godo ancora adesso dopo 30 anni di ascolto . Il bassista è mostruoso al pari del drummer . per me il massimo in campo speed. Voto 90
Fly 74
Lunedì 23 Marzo 2015, 23.24.17
4
Questo disco è il Metal incarnato, da avere tutti. La canzone Fear my way è il top dell'esaltazione.
fabio II
Lunedì 5 Dicembre 2011, 15.20.56
3
Buona band Raven, all'epoca sponsorizzati come i Maiden a 45g, forse preferisco 'After the Fall' ma siamo li. Complimenti per l'aneddoto finale: direi più che mai 'false metal' eheh
francesco gallina
Lunedì 21 Novembre 2005, 12.55.31
2
per la cove: de gustibus. Per il resto: incredibile vero?
marco
Lunedì 21 Novembre 2005, 10.40.03
1
Grandissimo gruppo e grandissimo disco! Così come altrettanto magnifico è l'ep The Dominatress (... io amo queste copertine!!!) Non sapevo della storia del processo per frode con infinite imputazioni. Incredibile!! Grazie per lo scoop giormalistico!
INFORMAZIONI
1985
Black Dragon
Power
Tracklist
1. Lion's Roar
2. Bound to Be Free
3. Fear My Way
4. Sins of the Damned
5. Into the Fire
6. Master of Disguise
7. Betrayer
8. Sons of Iniquity
9. No One Left to Blame
Line Up
Mike Smith (Voce)
Christian Logue (Chitarra)
Mike Marshall (Chitarra)
Brian East (Basso)
Dan Finch III (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
79
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]