Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

CONCERTI

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Bunker 66 - Infernö Interceptörs
( 2255 letture )
Finalmente arriva al debutto sulla lunga distanza una delle migliori band siciliane, da anni portabandiera del thrash più ortodosso e intransigente. I Bunker 66 nascono nel 2007, e hanno alle loro spalle una manciata di 7 pollici e una gavetta on stage di tutto rispetto che, tra gli altri, li ha visti coinvolti al Live Evil Fest 2011 a Londra, in cui hanno diviso il palco con i norvegesi Aura Noir.
Il sound dei Bunker 66, nel corso degli anni, si è fatto sempre più compatto e aggressivo; oggi, con il nuovo Infernö Interceptörs, è possibile apprezzare un songwriting decisamente più ispirato e maturo, che ci consegna otto fucilate a pallettoni sparate a bruciapelo e senza nessuna pietà.
Se nei precedenti lavori aleggiavano i fantasmi di Sarcofago, Venom e Sodom, oggi la band - pur non distaccandosi da queste influenze - dichiara apertamente la sua discendenza diretta dai mitici Celtic Frost, a cui pagano tributo ripetutamente durante la mezz'ora di ascolto, incorporando anche momenti di Bulldozer, Exodus e tanto buon thrash d'annata.
Prima che si possa pensare all'ennesima clone-band è bene specificare che i nostri hanno saputo far proprie le lezioni dei maestri; i Bunker 66 vivono, respirano e suonano sul modello dei grandi, incorporando nuovi elementi nel proprio groove, senza però rendere ibrida la propria proposta musicale.

L'album parte subito con la serratissima Overnight Sacrifice che, sin dall'iniziale "Uhh!!", ci riporta alla mente le lezioni di Tommy G. Warrior & soci, influenza che rimarrà come punto di riferimento principale per la band, e a cui i nostri aggiungono sapientemente componenti hard rock, hardcore e – nei passaggi più tirati - anche old school death metal, creando un loro sound fresco e personale, pur trattandosi di pura ortodossia thrash. Night of the Scream Queen è leggermente più cadenzata rispetto all'opener, e si caratterizza per il loro tipico utilizzo dei coretti di ispirazione Exodus, mentre la successiva Institor ci catapulta in pieno periodo To Mega Therion, per poi venire ingoiati dopo qualche battuta da un up tempo veramente micidiale. I brani sono molto scarni e diretti, così come la produzione, decisamente cruda ed essenziale, che permette di mettere l'accento su quello che veramente conta: la musica. Pur trattandosi di un genere decisamente retrò e non particolarmente fantasioso, è doveroso sottolineare come i Bunker 66 abbiano il thrash nel sangue, e questo - unito all'abilità nel songwriting - permette loro di confezionare dei pezzi che sembrano usciti dalla recording sessions di qualche putrida band anni ‘80, tale è l'atmosfera profusa da questo Infernö Interceptörs.
Si va avanti con Storm of the Usurper, brano dall'incedere cadenzato che ci concede un attimo di respiro, prima di rituffarsi nell'headbanging di Chubby Love, pezzo dannatamente hard rock, pur presentand una delle pochissime parti in blast beat contenute nell’opera.
Scorrono i minuti, e si arriva in prossimità della fine con una doppietta veramente letale: Witch Flights & Sexy Nights è l'ennesima conferma di come la band sia riuscita sapientemente a coniugare la tradizione con la personalità, unendo le immortali atmosfere degli eighties con l'aggressività dei nostri tempi. Il lavoro si conclude con l'ottima The Escape, composizione strumentale veramente bella e formalmente impeccabile, ma con l'unica colpa di durare meno di 3 minuti, poiché, se fosse stata concepita con una linea vocale, l’avrei certamente candidata come miglior episodio dell'intero lotto. Thrash old school al 100%.

Inutile dire che ci si trova al cospetto di una band ancorata solidamente al periodo d'oro del thrash, noncurante delle mode, delle tecnologie e delle degenerazioni moderne. I nostri continuano imperterriti sulla loro via con l'onestà e la passione di chi crede fermamente in ciò che suona, passione che si riflette anche nella loro immagine, fatta di immancabili gilet di jeans tappezzati di loghi, borchie e scarpette da tennis, tutto in perfetto stile Sarcofago, Destruction, etc..
Un’ultima doverosa nota riguarda l’artwork del disco, interamente realizzato a mano - come da tradizione, ovviamente - dal cantante/bassista Damien Thorne, che da sempre cura tutte le grafiche del gruppo.
In tempi in cui la tecnologia e le super produzioni sembrano essere divenute l'unica via possibile in campo estremo, è bello ritrovare un buon disco confezionato alla vecchia maniera, e che sprizza marciume da ogni nota. Thrash rules!



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
93.29 su 27 voti [ VOTA]
Shadowplay72
Venerdì 24 Novembre 2017, 1.01.17
8
Il primo album del mio amico damien.molto grezzi.thrash heavy anni 80.hail bunker!
Doom
Giovedì 9 Febbraio 2017, 15.04.23
7
Lavoro gradevole e ben fatto per chi apprezza questo genere "crudo"...li vedo bene a braccetto con i Barbarian, i Bunker pero' pigiano di piu acceleratore. Ovviamente c'e puzza di zolfo ed Hellhammer - Celtic Frost. Condivido il vodo.
Jeff
Domenica 21 Luglio 2013, 22.04.57
6
80, micidiali.
Andy '71 vecchio
Martedì 25 Giugno 2013, 18.23.51
5
Marci e cazzoni,mi piace!Attitudine a manetta!
Max
Giovedì 28 Marzo 2013, 14.49.06
4
zozzi e coinvolgenti. Dal vivo spaccano!
vecchio peccatore
Sabato 9 Febbraio 2013, 12.41.00
3
Un bel dischetto, divertente e senza pretese. Voto azzeccato.
J
Martedì 1 Gennaio 2013, 9.19.17
2
ridono e scherzano con il metal. Ma gran rispetto per il sound che tirano fouri.
andrea
Giovedì 20 Dicembre 2012, 14.41.26
1
abbestia!
INFORMAZIONI
2012
High Roller Records
Thrash
Tracklist
1. Overnight Sacrifice
2. Night of the Scream Queen
3. Institor
4. Storm of the Usurper
5. Chubby Love
6. Still They Lurk (In the Shadows of War)
7. Witch Flights & Sexy Nights
8. The Escape
Line Up
Damien Thorne (vocals, bass)
Bone Incinerator (guitar, backing vocals)
Desekrator of the Altar (drums)
 
RECENSIONI
76
75
72
ARTICOLI
21/02/2015
Live Report
BARBARIAN + BUNKER 66 + CICLOPE
Random Club, Reggio Calabria, 13/02/2015
23/04/2014
Live Report
VADER + BUNKER 66 + GUESTS
Discoteca Blackout, Modica (RG), 19/04/2014
06/12/2012
Live Report
BUNKER 66 + BARBARIAN + DEMONOMANCY
Closer Club, Roma, 30/11/2012
16/05/2012
Live Report
SCHIZO + BUNKER 66
Zo - centro culture contemporanee, Catania, 12/05/2012
30/11/2011
Live Report
BUNKER 66 + GURU OF DARKNESS + CO2
Insomnia, Scordia (CT), 25/11/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]