Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Obsidian Kingdom - Mantiis - An Agony In Fourteen Bites
( 2470 letture )
Gli Obsidian Kingdom giocano col metal.
Giocare con gli stili, con gli strumenti, con la produzione, con le tecnologie.
Sono spagnoli, di Barcellona, e si definiscono post metal. Ma non quel post metal con cui si intende l'unione fra il post-rock e l'estremismo, ma quel "post" che andava bene sulla fine degli anni '90.
Magari ora ci piace classificarlo così, ma se questo Mantiis fosse uscito davvero nel 99 o nel 2000 si saremmo andati subito a scomodare act come gli In The Woods, Crematory (quelli gothic) o Novembre. Se fosse invece uscito verso il 2003 allora avremmo nominato gli Opeth, i Porcupine Tree, i The Gathering.
Invece l'album è uscito nell'anno appena trascorso e allora nominare tutti questi act potrebbe essere controproducente, ma ci dà una migliore idea del prodotto sfornato dagli Obsidian Kingdom. Oncoming Dark, da un punto di vista prettamente chitarristico e vocale, può appunto richiamare i Crematory di Believe o anche qualcosa di Peter Murphy solista, ma quando subentrano le distorsioni e si mette meglio a fuoco l'avanzare della batteria, si va direttamente in territori più cari alle prog-band sovracitate.
Mantiis è una lunghissima suite suddivisa in quattordici piccoli “morsi" oppure, per dirla meglio, sono quattordici brani da interpretare quasi in chiave pop-rock. I pezzi scorrono benissimo: Through the Glass ricorda tantissimo sia la band tedesca che quella romana, mentre Cinnamon Balls con i suoi scream e i suoi blast-beat appesantisce notevolmente l'atmosfera. Interessanti anche gli effetti più futuristici e gli attimi jazz di The Nurse. Answer Revealing richiama gli Opeth di Damnation e qualcos'altro dei Manes di Vilosophe. Nonostante però questo manifesto lusinghiero, il sentore di aver sentito già tutto e fin troppo è sempre sotto il naso. Il collage è meraviglioso e anche degno di nota ma tutto è talmente impersonale che forse va a forgiare una nuova personalità.
Last Of The Light, con il suo proseguimento Genteel To Mention, è forse il momento che spicca maggiormente, soprattutto per i suoi connotati jazz ma anche qui si vedono sia le ombre dei Porcupine Tree che quelle degli ultimissimi Ulver. Proseguendo verso la coda dell'album le atmosfere si fanno sempre più rarefatte e trasognanti e il plot prende la piega di un jazz-metal album (Haunts Of The Underworld) con assoli prog e i trigger della batteria che man mano si fanno sempre più insopportabili.

Non saprei cosa dire, d'altronde se vi piacciono tutte le band sovracitate conoscerete bene i loro dischi a memoria. Mantiis è una specie di visuale dalla ruota panoramica, che non necessariamente incontrerà i gusti di tutti gli ascoltatori che adorano i riferimenti nominati in precedenza. Un disco destinato dunque a dividere i pareri: a voi la scelta.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
74.75 su 4 voti [ VOTA]
Flv
Martedì 16 Febbraio 2016, 7.24.21
5
un disco profondo e notturno , una vera gemma
Quello lì
Sabato 29 Giugno 2013, 15.45.39
4
è figo. punto.
sans
Martedì 29 Gennaio 2013, 17.20.04
3
Mah, c'è qualche foto strana, e la carta è ruvida... dal mio punto di vista posso dire che odio quando il booklet è attaccato al digipack...
GioMasteR
Lunedì 28 Gennaio 2013, 19.44.41
2
Deve arrivare pure a me Sans! Il booklet è così interessante come sembra dalle immagini?
sans
Lunedì 28 Gennaio 2013, 17.02.06
1
Grandi, l'avete recensito! Io l'ho acquistato qualche giorno fa (la copia fisica!) e devo dire che mi hanno davvero impressionato: le influenze sono evidenti, ma riescono comunque ad aver uno stile del tutto personale! grandi!
INFORMAZIONI
2012
Autoprodotto
Post Metal
Tracklist
1. Not Yet Five
2. Oncoming Dark
3. Through The Glass
4. Cinnamon Balls
5. The Nurse
6. Answer Revealing
7. Last Of The Light
8. Genteel To Mention
9. Awake Until Dawn
10. Haunts Of The Underworld
11. Endless Wall
12. Fingers In Anguish
13. Ball-Room
14. And Then It Was
Line Up
Rider G. Omega (voce, chitarre)
Zer0 Æmeour Íggdrasil (voce, tastiere)
Prozoid Zeta JS (chitarre)
Fleast Race O’Uden (basso)
Ojete Mordaza II (batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]