Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
EXXXEKUTIONER
Death Sentence

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
EADEM
Luguber

CONCERTI

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

20/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

Obsidian Kingdom - Mantiis - An Agony In Fourteen Bites
( 2382 letture )
Gli Obsidian Kingdom giocano col metal.
Giocare con gli stili, con gli strumenti, con la produzione, con le tecnologie.
Sono spagnoli, di Barcellona, e si definiscono post metal. Ma non quel post metal con cui si intende l'unione fra il post-rock e l'estremismo, ma quel "post" che andava bene sulla fine degli anni '90.
Magari ora ci piace classificarlo così, ma se questo Mantiis fosse uscito davvero nel 99 o nel 2000 si saremmo andati subito a scomodare act come gli In The Woods, Crematory (quelli gothic) o Novembre. Se fosse invece uscito verso il 2003 allora avremmo nominato gli Opeth, i Porcupine Tree, i The Gathering.
Invece l'album è uscito nell'anno appena trascorso e allora nominare tutti questi act potrebbe essere controproducente, ma ci dà una migliore idea del prodotto sfornato dagli Obsidian Kingdom. Oncoming Dark, da un punto di vista prettamente chitarristico e vocale, può appunto richiamare i Crematory di Believe o anche qualcosa di Peter Murphy solista, ma quando subentrano le distorsioni e si mette meglio a fuoco l'avanzare della batteria, si va direttamente in territori più cari alle prog-band sovracitate.
Mantiis è una lunghissima suite suddivisa in quattordici piccoli “morsi" oppure, per dirla meglio, sono quattordici brani da interpretare quasi in chiave pop-rock. I pezzi scorrono benissimo: Through the Glass ricorda tantissimo sia la band tedesca che quella romana, mentre Cinnamon Balls con i suoi scream e i suoi blast-beat appesantisce notevolmente l'atmosfera. Interessanti anche gli effetti più futuristici e gli attimi jazz di The Nurse. Answer Revealing richiama gli Opeth di Damnation e qualcos'altro dei Manes di Vilosophe. Nonostante però questo manifesto lusinghiero, il sentore di aver sentito già tutto e fin troppo è sempre sotto il naso. Il collage è meraviglioso e anche degno di nota ma tutto è talmente impersonale che forse va a forgiare una nuova personalità.
Last Of The Light, con il suo proseguimento Genteel To Mention, è forse il momento che spicca maggiormente, soprattutto per i suoi connotati jazz ma anche qui si vedono sia le ombre dei Porcupine Tree che quelle degli ultimissimi Ulver. Proseguendo verso la coda dell'album le atmosfere si fanno sempre più rarefatte e trasognanti e il plot prende la piega di un jazz-metal album (Haunts Of The Underworld) con assoli prog e i trigger della batteria che man mano si fanno sempre più insopportabili.

Non saprei cosa dire, d'altronde se vi piacciono tutte le band sovracitate conoscerete bene i loro dischi a memoria. Mantiis è una specie di visuale dalla ruota panoramica, che non necessariamente incontrerà i gusti di tutti gli ascoltatori che adorano i riferimenti nominati in precedenza. Un disco destinato dunque a dividere i pareri: a voi la scelta.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
74.75 su 4 voti [ VOTA]
Flv
Martedì 16 Febbraio 2016, 7.24.21
5
un disco profondo e notturno , una vera gemma
Quello lì
Sabato 29 Giugno 2013, 15.45.39
4
è figo. punto.
sans
Martedì 29 Gennaio 2013, 17.20.04
3
Mah, c'è qualche foto strana, e la carta è ruvida... dal mio punto di vista posso dire che odio quando il booklet è attaccato al digipack...
GioMasteR
Lunedì 28 Gennaio 2013, 19.44.41
2
Deve arrivare pure a me Sans! Il booklet è così interessante come sembra dalle immagini?
sans
Lunedì 28 Gennaio 2013, 17.02.06
1
Grandi, l'avete recensito! Io l'ho acquistato qualche giorno fa (la copia fisica!) e devo dire che mi hanno davvero impressionato: le influenze sono evidenti, ma riescono comunque ad aver uno stile del tutto personale! grandi!
INFORMAZIONI
2012
Autoprodotto
Post Metal
Tracklist
1. Not Yet Five
2. Oncoming Dark
3. Through The Glass
4. Cinnamon Balls
5. The Nurse
6. Answer Revealing
7. Last Of The Light
8. Genteel To Mention
9. Awake Until Dawn
10. Haunts Of The Underworld
11. Endless Wall
12. Fingers In Anguish
13. Ball-Room
14. And Then It Was
Line Up
Rider G. Omega (voce, chitarre)
Zer0 Æmeour Íggdrasil (voce, tastiere)
Prozoid Zeta JS (chitarre)
Fleast Race O’Uden (basso)
Ojete Mordaza II (batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]