Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Iron Maiden - Dance Of Death
( 22287 letture )
Quando ho cominciato a collaborare con Metallized mi sono accorto con un certo stupore che mancava la recensione di Dance Of Death, ultimo lavoro in studio dei sacri Iron Maiden; ho aspettato, convinto che qualcuno più anziano (si fa per dire) di me se ne occupasse, ma a questo punto ho idea che dovrò farlo io. Tralascio ogni forma di presentazione del gruppo, dato che si tratta di una band che sta tra quelle fondatrici del genere e passo subito all’analisi del disco.
Cominciamo dall’impatto con la cover: personalmente sono un fan di Riggs e quindi il passaggio alla grafica 3D computerizzata non mi entusiasma, ma molti che se ne intendono mi dicono che anche dal punto di vista tecnico non è un granché, con ombre mal gestite e roba simile. Non sono in grado di giudicarla tecnicamente: mi limito a dire che preferisco quelle tradizionali, e non sono il solo.

A prescindere dalla cover, che è tutto sommato secondaria, musicalmente parlando il lavoro va complessivamente promosso; dopo periodi molto bui, a partire dal ritorno di Bruce la vergine aveva affrontato il nuovo millennio con entusiasmo rinnovato, e Brave New World ci aveva restituito almeno in parte la band che tutti conoscevamo; Dance Of Death è un gradino su.
Si parte col singolo Wildest Dreams: niente di che, ma del resto i singoli non sono mai stati la parte migliore della produzione di Harris & Co.; comunque piacevole. L’album prende quota con la successiva Rainmaker, molto maideniana pur con una vena melodica, peraltro bilanciata da una ritmica incalzante; i fan più anziani gioiranno ascoltando No More Lies, Montségur e Dance Of Death, che li riportano agli anni trascorsi, soprattutto per ciò che riguarda l’uso del basso da parte di Steve (qualche riserva personale sul mixaggio dello strumento, ma è un mio punto di vista); più ruffiana ed anche un po’ più scontata Gates Of Tomorrow, crescendo classico iniziale e melodia sostenuta più che altro da Bruce, prevedibile ma piacevole. New Frontier invece non sarebbe stata male su un album solista di Dickinson, inoltre dobbiamo salutare la comparsa per la prima volta del nome di Nicko tra i credits del brano... l’ha presa con comodo, ma è arrivato anche lui. Paschendale è uno dei momenti più riusciti del CD: un affresco complesso e lungo, musicalmente vario, direi prog nell’uso di alcune soluzioni, con più di uno spunto evocativo ed epico nel suo complesso. Buono anche il testo, che descrive atmosfere della grande guerra dal punto di vista del singolo. Molto “celticamente epica” Face In The Sand, della quale sarà molto soddisfatto Steve: ritmica incalzante come nella migliore tradizione e cori al punto giusto. A chiudere con il brano più atipico della storia dei Maiden, Journeyman, chitarre acustiche e sezione d’archi (!) per una ballata struggente e malinconica, forse una anticipazione di nuove soluzioni stilistiche per il futuro.

Non il capolavoro degli Iron Maiden, ma chi se lo aspetta più?
Dance Of Death ci consegna un gruppo di grandi musicisti sui 50, ricchi sfondati, ma con ancora voglia di suonare e rendere onore alla loro storia. La solita messa cantata? Forse, ma cantata dannatamente bene.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
61.98 su 516 voti [ VOTA]
Steelminded
Mercoledì 11 Ottobre 2017, 22.50.17
141
Ho sempre criticato i Maiden post reunion, ma su questo lavoro devo obiettivamente ricredermi... credevo fosse un lavoro un po' diviso a metà tra pezzi obiettivamente buoni/ottimi (1, 2, 3, 5, 8) e pezzi mediocri o filler... RIasconlandolo ultimamente invece ho rivalutato anche gli altri pezzi... Non si tratta di capolavori dei tempi d'oro, a volte sono un po' trascinati o su cadenze lente, ma hanno sempre il loro perché... D'accordo con la rece quindi e forse il migliore album post reunion. Evviva!
chinese demon
Lunedì 8 Maggio 2017, 16.07.12
140
è con dance of death che (stranamente) ho deciso di cominciare la mia avventura maideniana. sicuramente non il migliore ma neanche così male come vogliono far credere, è vero qualche canzone sotto media c'è ma bisogna anche pesarle le tracce. dance of death e paschendale ad esempio son fenomenali. voto 83
ilvinox
Domenica 20 Novembre 2016, 8.59.22
139
Quando mi capita di ascoltare questo disco rimpiango X Factor e Virtual XI che a cospetto hanno davvero grandi brani. Qui c'è un mixaggio piratesco e degli arrangiamenti inascoltabili. Come tutti i dischi degli iron della reunion si vale giusto la sufficienza.
Burning Eye
Sabato 27 Agosto 2016, 16.26.51
138
Diciamo che non lo adoro ma neppure lo odio.
Burning Eye
Sabato 27 Agosto 2016, 16.26.21
137
Copertina vergognosa ed improponibile. Il taglio di capelli di Bruce all'epoca era comico e da paggio. Per alcuni è il migliore post reunion ma per me non è niente di che, giusto qualche momento molto buono sopratutto in fatto di assoli.
Matteo
Sabato 27 Febbraio 2016, 18.15.11
136
Ahhh!!! Non ne sono convinto x poi penso a Seventh Son ...
Rob Fleming
Mercoledì 27 Gennaio 2016, 11.56.47
135
Il difetto è che il gruppo comincia a diventare un pò troppo prolisso. Quello che facevano in 40 minuti adesso lo fanno in 70, ma si lascia ascoltare
IRON799
Domenica 24 Gennaio 2016, 14.00.52
134
Se non è l'album che reputo peggiore della band, poco ci manca...
klostridiumtetani
Martedì 12 Gennaio 2016, 21.59.47
133
Certo che puoi dirlo! Ma se non ne sei convinto nemmeno tu.... con quel "forse"
Matteo
Martedì 12 Gennaio 2016, 17.21.28
132
Posso dire che è diventato il mio disco preferito dei Maiden (forse)?
Alexi Laiho
Martedì 12 Gennaio 2016, 10.33.55
131
Per me è di gran lunga il migliore da The X Factor a oggi, la title-track non sfigura davanti a qualche pezzo debole dei loro capolavori, poi No More Lies, Rainmaker e Paschendale (ma anche Montsegur) son ottime canzoni, non trascendentali, ma vabbè. Il problema è che il resto del disco non è esattamente tutto sto capolavoro, per me è un 76
Psychosys
Giovedì 17 Settembre 2015, 22.12.24
130
Su Dance Of Death e Paschendale ho effettivamente un po' esagerato, perché comunque reggono l'alto minutaggio ma sul resto non sono convinto. Le canzoni non sono brutte, ma sono entrate in fretta nel dimenticatoio. Wildest Dreams, No More Lies e Rainmaker sono carine, ma una volta ascoltate... finita li. Purtroppo è successo con molte altre canzoni del disco, l'unica ad essermi rimasta è Paschendale, anche se non è fra le canzoni "eterne" dei Maiden. E' difficile spiegare il mio rapporto con questo disco, perché ad ogni ascolto mi lascia poco. Probabilmente queste soluzioni musicali degli Iron dal piglio catchy che fanno il verso ai bei tempi dall'83 ad oggi (parentesi Blaze esclusa) non le riesco a digerire del tutto, perché se mi trovo in difficoltà con i padri di Dance Of Death (Piece of Mind, Powerslave, No Prayer For The Dying e Fear Of The Dark), figuriamoci con il disco stesso.
klostridiumtetani
Giovedì 17 Settembre 2015, 18.40.19
129
@Psychosys, anche se riesco a capire (ma non condividere) quello che dici su No more lies (a me il ritornello ripetuto non da assolutamente fastidio in questa canzone anzi è congeniale al testo), Rainmaker (pop o non pop è fantastica!), Gates of Tomorrow (che non piace di striscio neanche a me: filler) e Montsegur (concordo su un ritornello che infastidisce e non convince neanche me, ma si "riscatta" con tutto il resto), non riesco proprio a capire le rimostranze sul minutaggio a tua detta "eccessivo" di Dance e Paschendale; autentici capolavori dove ogni secondo è essenziale alla funzionalità di queste due mini suite. D'accordissimo invece su Face in the sand, un po' meno su journeyman (reputo molto più valida la versione elettrica, e questa totalmente acustica la trovo "loffia"), valorizzerei molto di più Age of innocence, molto molto interessante e new frontier che sebbene "normalissima" e ben lungi dall'essere un capolavoro o anche solo un'ottima canzone, prende alla grande facendomi scapocciare e battere i piedi (stessa cosa dicasi per Wildest dreams). 90 no, ma 80/85 ci sta tutto (madonna sto prendendo il vizio di dare voti aaaaarrrgghhh!)
davide
Giovedì 17 Settembre 2015, 17.40.30
128
ma scherziamo? questo disco si merita almeno 90 tuttii i pezzi sono ottimi da avere assolutamente come tutti gli album dei maiden anche the book of souls è molto bello
Psychosys
Giovedì 17 Settembre 2015, 17.02.12
127
@Masterburner, se per te il ritornello ripetuto 64 volte di No More Lies, il pop rock melodico di Rainmaker e Gates Of Tomorrow, il ritornello di Montsegur (brividi...), la piattezza di New Frontier e lo smisurato minutaggio dedicato a Paschendale e Dance Of Death sono spunti interessanti fai te. Paradossalmente, le migliori canzoni sono gli esperimenti Face In The Sand e Journeyman (che ammetto essere cresciute parecchio con gli ascolti). Gli unici punti piacevoli del disco sono 6\7 minuti di Paschendale, qualche interessante momento nella title track e Face In The Sand e Journeyman, che danno una boccata d'aria da clichè di basso livello riproposti dalla band. E non sono un hater o sparo merda sugli Iron a caso, li adoro, ma questo disco lo trovo proprio brutto. E che in questo disco ci siano 6 classici... Ma per favore
Masterburner
Mercoledì 16 Settembre 2015, 16.55.12
126
@Buried Alive, perdonali perchè non sanno quello che fanno. Su Metallized evidentemente gli Iron sono molto disprezzati... questo disco contiene 6 classici e 5 buone canzoni, suonato e prodotto con tutti i crismi. Ma in Italia la gente vuole... anzi pardon, la ggente vogliono tutto e il contrario di tutto. Chissà che 'spunti interessanti' vorrebbe Psychosys, che non riesce a trovarne in questo grande disco... discorsi da parrucchiera.
Psychosys
Mercoledì 2 Settembre 2015, 2.44.46
125
@Buried Alive, la media è la media, non ci possiamo fare niente, però non fare di tutta l'erba un fascio. Ci saranno sicuramente gli utenti che criticano per partito preso ed i simpaticoni che votano il minimo per distruggere la media, però c'è un'altra categoria di utenti che valuta il disco in modo onesto. Secondo me questo disco è proprio brutto (ben al di sotto del 5), con pochi spunti interessanti e molte tracce trascurabili.
Buried Alive
Domenica 30 Agosto 2015, 18.25.49
124
No ma davvero la media dei voti è poco più di 50????? Vabbè ma questo rende l'idea di quanto sia basso e di scarso valore il giudizio dei vari "criticoni" che da anni ripetono a pappagallo le stesse cose e giudicano dopo un ascolto frettoloso e pieno di pregiudizi. Non sarà il loro miglior album ma una media del 5 vuol dire proprio che la gran massa del pubblico non ha i mezzi culturali per dare giudizi, scandaloso.
Buried Alive
Domenica 30 Agosto 2015, 18.25.48
123
No ma davvero la media dei voti è poco più di 50????? Vabbè ma questo rende l'idea di quanto sia basso e di scarso valore il giudizio dei vari "criticoni" che da anni ripetono a pappagallo le stesse cose e giudicano dopo un ascolto frettoloso e pieno di pregiudizi. Non sarà il loro miglior album ma una media del 5 vuol dire proprio che la gran massa del pubblico non ha i mezzi culturali per dare giudizi, scandaloso.
Master
Mercoledì 26 Agosto 2015, 15.14.28
122
"Dance of death" favolosa e anche "Paschendale" molto bella. Le altre un po' meno convincenti, ma cmq un buon album, l'unico o quasi degli Iron con una produzione che trovo degna. Voto tra 80 e 85
Angelo
Giovedì 25 Giugno 2015, 10.17.56
121
Un bell'album davvero. Tre grandi pezzi: Montsegur, Dance of Death e Face in the Sand tutti all'altezza dei brani del passato.
Pino
Mercoledì 22 Aprile 2015, 21.02.48
120
PS magari non è questa la sede, ma quando ero bambino e ho scoperto i GUNS 'N' ROSES sono partito da Patience, non da It's so easy o Welcome to the jungle che poi ho adorato. Ecco perché a chi non apprezza i Maiden consiglierei di partire da un pezzo - che da fan io amo - che potrebbe lasciarli spiazzati. In fondo se gli dai Aces High se lo aspettano. Journeyman forse no
Pino
Mercoledì 22 Aprile 2015, 20.58.02
119
@Enomis, Psychosys& klostridiumtetani Vi leggo oggi. Che dire? Io sono di parte, ho amato Journeman dal primo momento, la suono, la canto, la riascolto, e me la vedo nel live di Death on The Road. In fondo le canzoni sono come le donne - o gli uomini se siete donne o avete gusti che non condivido ma rispetto: non scegli tu di chi innamorarti. Quindi viva la varietà di giudizi. Io continuerò ad amare Journeyman. Anzi, quando troverò qualcuno che non ama i Maiden, magari perché è troppo vecchio e li considera ancora a priori troppo rumorosi, o magari perché è troppo giovane e sa apprezzare solo la robetta che passa MTV, gli dirò: ok, prova ad ascoltarti questa, e dimmi se non questa non è una CANZONE maiuscola! Un saluto a tutti. UP THE IRONS! E facciamo il tifo per Bruce!
klostridiumtetani
Lunedì 13 Aprile 2015, 19.57.52
118
Su Journeyman sono d'accordo, su Face in te sand assolutamente no. La prima volta che l'ho ascoltata (fin dalle prime note, con quel crescendo pazzesco e melodie struggenti) l'ho etichettata come "capolavoro" e più l'ascolto più ne sono convinto , ma in effetti... de gustibus...
Psychosys
Mercoledì 25 Marzo 2015, 21.42.11
117
@Pino, secondo me sono due pezzi che si potevano risparmiare. Non mi piacciono, non mi prendono e non mi viene voglia di riascoltarli. Ho riprovato con Journeyman, però non è quello che cerco, musicalmente parlando. Face In The Sand la trovo insopportabile. De Gustibus.
Enomis
Domenica 22 Marzo 2015, 15.59.01
116
@Pino Probabilmente intendeva dire che non saranno mai dei classici della band.
Pino
Domenica 22 Marzo 2015, 15.19.10
115
Non sono memorabili???? Journeyman è un pezzo che qualunque musicista avrebbe voluto scrivere!
Enomis
Venerdì 13 Marzo 2015, 0.18.32
114
Beh non saranno memorabili, ma Gates of Tomorrow è ben più fastidiosa" a mio avviso, una delle loro peggiori tracce. Comunque si parla di gusti, quindi è inutile dibattere; a me piacciono entrambe, pur non essendo una Hallowedbe Thy Name e una Powerslave.
Psychosys
Giovedì 12 Marzo 2015, 23.21.35
113
@Enomis, sicuramente non sono canzoni memorabili. Soprattutto la prima, che trovo inutile.
Enomis
Mercoledì 11 Marzo 2015, 17.55.43
112
Face in the Sand e Journeyman "filler fastidiosi"?
TheGodfather
Domenica 22 Febbraio 2015, 13.46.47
111
riascoltato l'altra sera, diciamo che l'ho lievemente rivalutato in positivo. I filler ci sono, ma non sono così fastidiosi a parte, per quanto mi riguarda, i 2 brani conclusivi, mentre la sola "Paschendale" è davvero un capolavoro che vale l'acquisto del cd. Tutto sommato posso arrivare a un 72-74 come giudizio definitivo.
Psychosys
Domenica 18 Gennaio 2015, 18.37.55
110
Dance Of Death, Pashendale, le sopravvalutatissime seppur buone Rainmker e No More Lies, le godibili Wildest Dream e Gates Of Tomorrow. 6 canzoni su 11 mi sembra un po' troppo poco per conferire la sufficienza ad un disco. Se ne mettevano 8 glielo facevo passare, tuttosommato i pezzi li ha (Pashendale e Dance Of Death su tutti, paragonabili ai vecchi classici), ma, un po' come per Fear Of The Dark, ci sono una bordata di filer (spacciati per esperimenti dalla band). Per fortuna arriva A Matter Of Life And Death. 50\100
Enomis
Venerdì 16 Gennaio 2015, 18.40.42
109
Journeyman è bellissima! Ahahah chiaramente questione di gusti, ma preferisco di gran lunga la versione acustica a quella elettrica. E anche Wasting Love era una bella canzone
klostridiumtetani
Venerdì 16 Gennaio 2015, 17.51.16
108
Più o meno d'accordo con @The Godfatrher, eccetto su Face in sand che ritengo bellissima e geniale per struttura e arrangiamento e New frontier, che semplice semplice, senza "picchi" di genialità, anzi quasi banale, mi fa comunque battere i piedi e scapocciare... un po' come "Wildest.." niente di speciale, ma "prende" e svolge bene il suo ruolo. Su "Journeyman" calo un velo pietoso, che proprio non mi convince, anche se penso che avrebbero dovuto inserire la versione elettrica, presente sull'ep "No more lies", e "age of innocence" anche se con spunti (a mio avviso) molto interessanti, risulta un po' ostica. Gates of Tomorrow, anche lì, niente di che. Su Paschendale completamente d'accordo: un capolavoro assoluto
TheGodfatrher
Venerdì 16 Gennaio 2015, 10.54.16
107
era episodi irriilevanti* dannata tastiera
TheGodfatrher
Venerdì 16 Gennaio 2015, 10.53.01
106
album che mi ha sempre provocato emozioni contrastanti.. "Paschendale" a mio avviso è un capolavoro che non sfigura accanto ai classici maideniani. "Dance Of Death" e "Rainmaker" davvero due ottimi pezzi, e mi piacciono anche "No More Lise", "Montsegur" (uno dei brnai più potenti dei Maiden post-reunion, il riff iniziale sembra uscito da "Piece Of Mind"...) e tutto sommato anche il singolo "WIlldest Dreams" è gradevole e coinvolgente, e nella sua immediatezza svolge bene il suo compito. Il resto però è a dir poco trascurabile. A cominciare dalla per me pessima "The Journeyman", roba che al confronto "Wastiing Love" sembra "Stairway To Heaven"... i Maiden sono maestri nei lenti da atmosfera, con cambi di tempo e ampie porzioni strumentali, a partire da "Remember Tomorrow" in poi. E anche in questo cd ce n'è un ottimo esempio con "No More Lies". Ma le "metal-ballad" davvero non fanno per loro. Fortuna che "Journeyman" è finita nel dimenticatoio appena concluso il tour di supporto all'album. Ma al di là di questo scivolone, va anche rimarcato come l'album pulluli di filler. Canzoni piatte, prive di spunti che scorrono nello stereo senza lasciare particolari tracce di sè. E in questo albuim ce ne sono davvero troppe, era dai tempi di "No Prayer For The Dying" che non sentivo tanti episodirilevanti su un lavoro dei Maiden. Fosse stato un album di 8 brani., avrebbe potuto valere un 80-85. Ma siccome i pezzi sono 11, e non lo si può ignorare, già 70 mi sembra un voto piuttosto generoso.
giuseppe
Mercoledì 14 Gennaio 2015, 14.37.32
105
Ascoltato poche volte anche perchè si sente chiaramente l'effetto loudness wair...voto 50
HMF LucaR16
Lunedì 22 Dicembre 2014, 9.31.47
104
Pashendale e Dance Of Death sono due grandi canzoni. Rainmaker, No More Lies, Gates Of Tomorrow sono brani godibili in puro stile Iron Maiden. Journeyman è un buon esperimento. Il resto non mi piace: Montsegur ha un ritornello terribile, Face In The Sand, Age Of Innocence e New Frontier non mi dicono proprio nulla, esclusa la doppia cassa di Niko nella prima. Wildest Dreams è proprio brutta! In questo disco, i Maiden non erano certi di voler compiere il passo verso le nuove sonorità (affrontate poi nel successivo), quindi hanno cercato di fare a metà. Il voto dei lettori è un po' stretto, ma questo 'Dance Of Death' non ci consegna certo un album di livello superiore, anzi. Secondo me non è sufficiente, ma siamo comunque in quella zona di voto. WIldest Dreams= 4,5 Rainmaker= 7 No More Lies: 7 Montsegur= 5 Dance Of Death: 9 Gates Of Tomorrow: 6,5 New Frontier: 5 Pashendale: 9,5 Face In The Sand: 5 Age Of Innocence: 5 Journeyman: 6 Voto: 59\100
Dany 71
Martedì 9 Dicembre 2014, 18.53.24
103
Acquistato poco dopo l'uscita; tra me e sto lp non è mai stato gran feeling..... boh i brani mi sembrano un po tutti simili, le song iniziano tutte uguali io lo sento carino ma piatto, meglio i testi, forse il nuovo prog-corso non fa per me. Emozioni rasentano lo zero. Voto 65.
Enomis
Domenica 21 Settembre 2014, 19.26.15
102
Uh uh, credo di dover smettere di commentare di quanto siano distorti i voti degli utenti: voglio dire, se quest'album non vale 50 punti sono ben pochi gli album a cui darei più della sufficienza... ma non è importante; voglio porre un quesito che esula un po' dalla riuscita di questo (ottimo ) album: avete notato la bellezza del booklet? Credo sia uno dei più belli che possieda Segue il gusto "baroccheggiante" dell'album a mio avviso.
deedeesonic
Giovedì 10 Luglio 2014, 19.20.11
101
@spiderman, infatti mi riferisco al fatto che apprezzare significa saper cogliere le sfumature, il significato, l'humus creatore, significa saper andare oltre i gusti personali e le aspettative e saper considerare il valore puramente artistico oltre ogni ideologia o standard pregiudiziale senza tanti discorsi di "storicizzazione" o "contestualizzazione".
spiderman
Giovedì 10 Luglio 2014, 18.56.56
100
@Matteo,Concordo con te su Montsegur una vera perla con tematicave lyrics tratte da vicende medievali,,songwriting e strumentistica davvero belle,un vero gioello,jorneyman anche a io apprezzo,edce' vero l' album se lo si ascolta attentamente ha delle sonorita' chitarristiche pesanti e distorte,@deesonic hai ragione spesso sentiamo e basta,senza ascoltare e valutare le piccole sfumature che possono sfuggirci in un primo tempo,cio' che appunto mi ha fattontivalutare questo album,ho rivalutato brani come Rainmaker,Pashendale e la titletrack,che prima giudicavo frettolosamentee superficiali.Sicuramente 80 lo vale tutto.
deedeesonic
Giovedì 10 Luglio 2014, 18.25.46
99
@Matteo, tutti ascoltano musica, ma pochi la apprezzano veramente!
Matteo
Giovedì 10 Luglio 2014, 14.54.20
98
Dance of Death è un ottimo album. Forse il pezzo meno riuscito è il primo, Wildest Dream, che però come intro fa comunque il suo lavoro. Ciò che impedisce di apprezzare questo album, ripeto, è che la nostra testa è limitata: una volta che hai imparato un certo tot di brani poi non te ne entrano altri. Anche gli Iron lo sanno, e infatti in concerto fanno sempre Fear of The Dark che la cantano tutti e tutti sono contenti. Sarà un caso? Poi ovviamente Dance of Death può non piacere, lo si può trovare noioso (bohhhh???) però un giudizio onesto ne dovrebbe quanto meno riconoscere i pregi. Poi non so, io amo Journeyman! @brainfucker: concordo su Montsegur! Un vero gioello
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 7 Luglio 2014, 14.47.08
97
Dance of Death e' carino come album... io lo sto ascoltando ora...
Galilee
Venerdì 20 Giugno 2014, 15.37.07
96
Secondo me invece è il peggior disco post reunion, no forse Final frontier è ancora più brutto. Comunque noioso come pochi altri dischi e parecchio artificioso. Voto? 60
brainfucker
Venerdì 20 Giugno 2014, 15.31.28
95
questo disco per me è un capolavoro, non avrebbe sfigurato come eventuale seguito di seventh son..poi è forse il disco dei mainden con le distorsioni più pesanti, basta sentire l'intro di montsegur
matteo
Martedì 3 Giugno 2014, 13.21.01
94
Io credo che Dance of Death sia un mezzo capolavoro. Certo, quando hai una carriera come quella dei Maiden alle spalle è difficile accontentare i fans. Voglio dire chi ha imparato a memoria 20-30 canzoni ha già la mente occupata e si aspetta all'infinito Fear of The Dark o The Number of The Beast. Ma se ascolti DOD come un disco nuovo, senza pensare che chi lo suona sono gli stessi di Powerslave (che peraltro ha almeno 2 pezzi inutili, uno tra tutti l'orrenda Back in The Village!), beh, vi renderete conto che è un gioiello assoluto. Dove la trovate oggi gente che fa un disco così? Tra tutte Rainmaker, la splendida Paschendale, Dance of Death. Journeyman, infine, è da pelle d'oca. Difficile però che la facciano dal vivo. Proprio perché i fans vogliono sempre le stesse 10-20 canzoni cui sono affezionati. Ma in tempi di Miley Cirus ...Up The Irons Ps. Ero a Bologna il 1.6.2014
Piece of Mind
Giovedì 1 Maggio 2014, 13.17.31
93
Sopportabilissimo un album pieno di chicche , uno dei mie dischi preferiti dopo il ritorno del grande Bruce , riascoltare e poi ripostare il commento grazie!
andrea
Sabato 30 Novembre 2013, 11.14.47
92
a parte dance,rainmaker e no more lies che sono orecchiabili il resto non lo sopporto
Danimanzo
Mercoledì 28 Agosto 2013, 9.16.25
91
Ascoltato oggi per la prima volta. Riprende molto il sound e la struttura delle canzoni iniziati con "Brave New World" e sinceramente ho trovato la band in forma nonostante gli anni e l'età. Promossi. Saranno meno in forma nei successivi e ultimi due album.
enzo
Martedì 23 Aprile 2013, 18.40.20
90
bellissimo
Alexus Pries
Lunedì 22 Aprile 2013, 20.51.14
89
a me è piaciuto tantissimo!!!! lo adoro!!! ci sono certi pezzi che mi fanno impazzire come raimaker e dance of death!!!! io gli darei un 85!!
Fa
Giovedì 11 Aprile 2013, 19.24.01
88
Io credo sia il miglior loro disco dal 2000 ad oggi. Title track da paura, capace di farti rimanere senza fiato per tutta la durata. Pashendale è qualcosa che ti rimane dentro e Journyman è la degna conclusione di un album che nel suo complesso, è una favola!
iron
Mercoledì 3 Aprile 2013, 19.50.43
87
io credo che dance of death sia il migliore dei dischi nuovi(da brave new world in poi io li considero nuovi)la canzone dance of death è fantastica x me,io sono uno che ha apprezzato tutti gli album degli iron maiden,dal 1 all'ultimo e dance of death(x alcuni momenti dell'album)mi riorda il(secondo me)fantastico no prayer for the dying.
METAL 71
Lunedì 25 Marzo 2013, 20.27.16
86
Gli Iron Maiden ci hanno abituato troppo bene, e questo fa si che ogni volta che sfornano un'album, il fruitore si accosta all'opera con determinate aspettative. Questo inficia notevolmente il giudizio che ne consegue. Ad esempio quando leggo:"...non sono più i Maiden di una volta" come fosse una colpa, io dico "Per fortuna! Mi offrono qualcosa di nuovo". Quando leggo che i loro ultimi album sono dei "polpettoni" io dico che risultano tali perchè l'ascolto è stato superficiale.In realtà ad un attento ascolto risultano pieni di pathos ed emozioni. Scelgono di fare brani lunghi? E allora? Io ascoltando e riascoltando questi brani scopro in continuazione venature e sfumature nuove, ed è sempre una piacevole sorpresa. Se non rispettiamo e accettiamo le scelte e la visione dell'artista allora è finita! Non parliamo più di niente! Sembra che tutti vorrebbero che gli Iron Maiden facessero gli album secondo i loro gusti ("...non fanno più una Aces high" "...non fanno più una The evil that men do" ecc.). Gli Iron sono unici nel panorama musicale anche per questo: fanno quello che fanno perchè vogliono farlo, e ci credono fermamente!! E lo fanno stramaledettamente bene perchè c'è PASSIONE!! Non hanno mai fatto e mai faranno qualcosa per compiacere qualcuno, nemmeno i loro fans! Prendere o lasciare! Poi non fatemi fare paragoni con gruppi che passano per essere paladini del Metal, quelli che lo hanno "sdoganato"(ma per piacere!), quelli che non avrebbero mai fatto compromessi con niente e con nessuno! Che volevano ucciderli tutti! Che mettevano in guardia dall'obbedire al Padrone che tirava le fila!(Ho detto 'Tallica?).So che gli insulti si sprecheranno, ma come dicevo : prendere o lasciare! Io prendo... voi lasciate(obey your Master!)
Raven
Domenica 17 Febbraio 2013, 11.39.44
85
Credo tu sappia bene a che tipo di singoli mi riferivo
Matteo
Sabato 16 Febbraio 2013, 23.10.28
84
Comunque: album decisamente positivo e promosso a pieni voti. Sound più heavy del precedente, che rimanda ai bei tempi che furono. Wildest dreams forse in studio non rende molto, ma live è fenomenale, trascina in un modo incredibile. Rainmaker è IL singolo, la canzone nata per questo scopo. No more lies potrebbe essere l'erede di Fear of the dark. Montségur... da quanto non tiravano fuori un riff così cattivo? Dai tempi di Be quick or be dead, penso... Dance of death è un capolavoro, una splendida danza celtica che fa veramente venir voglia di ballare. Gates of tomorrow, malgrado il riff rubacchiato a Lord of the flies, è complessivamente buona, sarebbe potuta essere un eventuale terzo singolo. New frontier è buona, ma soprattutto è firmata da Nicko. Con calma, ma ce l'ha fatta pure lui. Paschendale è un racconto di guerra dalla potenza inaudita, date un minutino ad Adrian e vi trascina direttamente tra cannoni e bombe. Face in the sand è un pezzo spettacolare, rimango dell'idea che in concerto avrebbe aperto orefizi rettali a iosa. Age of innocence è il tipico pezzo alla Murray, arpeggio iniziale e riff graffiante. Journeyman, infine, è una novità assoluta per i maideniani: prima ballad acustica da parte della vergine. Direi un album eccellente, un 90 pieno se lo merita.
Matteo
Sabato 16 Febbraio 2013, 22.57.35
83
"i singoli non sono mai stati la parte migliore della produzione di Harris & co." The number of the beast, Run to the hills, The trooper, Flight of icarus, Infinite dreams live, The clairvoyant live, Can I play with madness, The evil that men do, Aces high, 2 minutes to midnight, Out of the silent planet, Futureal, Lord of the flies, Man on the edge, Wasted years, Stranger in a strange land, Rainmaker, Purgatory, Be quick or be dead, Different world, The reincarnation of Benjamin Breeg, Fear of the dark live sono una fetta direi ben importante della loro produzione
Warhead
Mercoledì 9 Gennaio 2013, 16.17.04
82
Boh... copertina orrenda, la maggior parte dei pezzi sono trascurabili. disco senza spessore e sopravvalutatissimo...
Dan8
Giovedì 3 Gennaio 2013, 19.23.34
81
@Painkiller: L'avevo detto da subito che il mio giudizio poteva essere distorto. Ad esempio Wicker Man è scandalosa, come per Wildest Dreams, ma le 3 successive sono meravigliose e non hanno niente da invidiare a mio parere a Dance Of Death, No more Lies e Face in The Sand. The Mercenary è la versione "aggiustata" di Wicker Man e se la gioca alla pari con Gates Of Tomorrow. Dream Of Mirrors tolti due minuti e mezzo completamente inutili è un autentico gioiello ed è tranquillamente paragonabile a Age of Innocence. Poi, ammetto tranquillamente nonostante amo The Nomad, Paschendale gli è superiore. Out of the Silent Planet (prima canzone in assoluto che ho mai ascoltato) e The Thin alla fine completono l'album assolutamente in modo degno. Tutto ciò per dire che non ritengo DoD superiore a BNW, ma neanche inferiore! Per me sono sullo stesso livello, semplice opinione P.S. Gli album vecchietto o no, li ho sentiti tutti. ritengo SSOASS il più bello, seguito da Powerslave e poi alla pari POM e TNOTB. Ho trovato XF tristemente sottovalutato (Blaze in generale ho trovato sottovalutato come cantante), ho trovato Fear of the Dark molto SOPRAvvaluto ecc.ecc. Poi, figurati ho Flash of The Blade come suoneria del cellulare e running free per quella dei messaggi...
Painkiller
Giovedì 3 Gennaio 2013, 7.41.14
80
@Dan8: alla fine credo che il tuo giudizio sia influenzato non poco dal fatto che BNW sia stato il tuo primo Maiden album, come per noi vecchietti credo che nel giudicare gli album post reunion siamo influenzati da quello che i Maiden sono stati prima...alla fine credo che non sia sbagliato quello che scrivi, ma do dei punti in più a dance per: il suono, il migliore ed il più fresco di quelli post reunion. Le canzoni: no more lies, Montsegur, dance of death e paschendale sono tra le migliori di sempre. Le canzoni di brave new world: I ritornelli sono spesso pallosi, sono costituiti per la maggior parte dalla ripetizione del titolo della canzone o delle stesse parole...
Dan8
Giovedì 3 Gennaio 2013, 2.10.16
79
Secondo me non è superiore a BNW (sarò di parte visto che è stato il primo album degli Iron che ho sentito). Wildest Dreams è parecchio brutta, proprio fatico a digerirla. Rainmaker è già un passo avanti ma niente di più. Il primo pezzo degno di nota dell'album è No More Lies che personalmente è tra le più belle dell'album. Montsegur parte con un bell'intro e prosegue discretamente, ma il ritornello è quasi inascoltabile. Di Dance Of Death è inutile parlarne, la più bella dell'album e capolavoro assoluto dei Maiden, inferiore secondo me solo a Caught Somewhere in Time e Hallowed Be Thy Name. Come ha detto qualcun'altro l'intro di Gates Of Tomorrow ricicla vecchie canzoni dei maiden e il resto passa a fatica, si salva però un eccezionale parte centrale strumentale della canzone. New Frontier dice niente di che, salvo per un bel ritornello. Paschendale e Face In The Sand creano atmosfere e sensazioni magnifiche, due perle di questo album. Age of Innocence non mi ha mai appassionato, carina ma niente di che. Parte iniziale quasi inutile ed il resto prosegue ripetitivamente. Infine Journeyman l'ho sempre amata, pezzo triste e carico di emozioni con un ritornello paradisiaco.
Radamanthis
Domenica 30 Dicembre 2012, 13.18.46
78
E io ti quoto David che hai quotato me che ho a mia volta quotato Painkiller....quotone paura!!!!!
David
Domenica 30 Dicembre 2012, 12.37.14
77
Quoto Radamanthis nel quotare Painkiller!
Radamanthis
Domenica 30 Dicembre 2012, 12.03.05
76
Quoto Painkiller!
Painkiller
Domenica 30 Dicembre 2012, 10.46.01
75
Mi ripeto ma dance of death é il mio preferito dalla reunion, ed anche quello col suono migliore. Paschendale per me é un vero capolavoro degno di quelli degli anni '80 e ci sono diverse canzoni che mi piacciono molto. Qua e là ci sono pezzi un po' noiosi ma non si può avere tutto...
Painkiller
Domenica 30 Dicembre 2012, 10.46.00
74
Mi ripeto ma dance of death é il mio preferito dalla reunion, ed anche quello col suono migliore. Paschendale per me é un vero capolavoro degno di quelli degli anni '80 e ci sono diverse canzoni che mi piacciono molto. Qua e là ci sono pezzi un po' noiosi ma non si può avere tutto...
Raven
Domenica 30 Dicembre 2012, 10.27.15
73
Può darsi, ma dovresti anche spiegare il perchè.
Luca
Domenica 30 Dicembre 2012, 3.26.37
72
Album decisamente palloso e sopravvalutato!!!
anvil
Sabato 15 Dicembre 2012, 15.18.47
71
Eviva !! la gioventù qui sotto di me !! Maideennnn
Fabio II
Venerdì 14 Dicembre 2012, 22.18.22
70
Defenders of the FAITH! Ricordatevi che a noi bastava uno scarabocchio su un foglio dove c'era scritto HARD/HEAVY ROCK....quanta strada, non deve essere sprecata, anzi, visto che oggi c'e di piu' e di tutto. A Domani!
Raven
Venerdì 14 Dicembre 2012, 22.02.03
69
si parla di vecchiacci....
Fabio II
Venerdì 14 Dicembre 2012, 22.00.41
68
Ciao Raven! E grazie per l'impegno
Raven
Venerdì 14 Dicembre 2012, 21.49.35
67
ce ne sono tanti di vecchiacci da queste parti
dario
Venerdì 14 Dicembre 2012, 21.07.34
66
io sono uno di quei 4 vecchiacci che gira su questo sito (43 anni).....e anch'io amo dance of death. Non è paragonabile con i miti del passato (come piece of mind!!!) ma è comunque bello . Dance of death è un brano meraviglioso, cosi come no more lies.....e poi a me piace moltissimo la copertina mi ricorda Eyes wide shut del grandioso Stanley Kubrick. ciao
LAMBRUSCORE
Mercoledì 14 Novembre 2012, 12.36.53
65
Sinceramente non capisco di chissà quale tipo di produzione abbiano bisogno gli Iron, (oh ultimamente scrivo troppo finemente, mi sa che devo tornare ai miei linguaggi cafoni osteriali del passato....) gli strumenti si sentono bene, poi qualche disco è più grezzo, questo non ricordo, ma certe produzioni degli ultimi anni, credo siano volutamente retrò, certo io vorrei spesso pezzi veloci e punkeggianti in (quasi) tutta la roba che ascolto, ma pretendo troppo ,hehe.....
gio69
Mercoledì 14 Novembre 2012, 11.02.56
64
il giorno che harriis capirà che shirley è un idiota forse torneranno almeno ad avere almeno una produzione buona. Per il disco in questione il 4 è d'obbligo come il suo predecessore pezzi lunghi e pallosi tutti assolutamente noiosi/uguali. Rivoglio i veri maiden con due chitarristi senza jers (casinaro inutile)
ac
Martedì 30 Ottobre 2012, 14.00.10
63
grande album a mio avviso dance of death e' una delle piu' belle e travolgenti canzoni dei maiden, no more lies ti cattura con un ritmo esaltante,wildest dreams e' molto bella e coinvolgente,rainmaker e' una canzone che al primo ascolto ti entra nella testa e dopo non puoi fare a meno di cantarla, e per finire ritengo journeyman un'autentica perla acustica dove i maiden dimostrano di essere un gradino al di sopra di tutti gli altri,secondo me sono dei marziani arrivati da un altro pianeta! voto 100!!
AL
Giovedì 19 Luglio 2012, 16.36.33
62
@ecodont: migliore post reunion ma inferiore a piece of mind. @no more lies: spero che "vecchiacci" non sia riferito anche a gente di 38 anni....
Matocc
Giovedì 19 Luglio 2012, 16.12.11
61
@ ecodont : anche per me fino ad oggi è il migliore post-"reunion" -e ascolto i Maiden da una vita
No More Lies
Giovedì 19 Luglio 2012, 15.55.29
60
Tranquillo ecodont quei quattro vecchiacci che girano sul sito oramai sono a un passo da geratria
ecodont
Giovedì 19 Luglio 2012, 15.35.36
59
La mia e' un'opinione personale, ma ritengo questo disco il migliore dopo il ritorno di bruce e, coloro che ascoltano i maiden da decenni non mi ammezzino dopo quello che diro', forse uno dei migliori 5 dischi della band. Certo non paragonabile a the number of tue beast, powerslave e s.s. Of s.s. Ma se la potrebbe vedere a viso aperto con peace of mind e iron maiden. Lo ripeto sono solo delle opinioni personali......
Joker
Venerdì 29 Giugno 2012, 17.27.33
58
Non certo uno dei miei preferiti, ma c'è da dire che le soluzioni stilistiche sono nettamente più ispirate del precedente (vedere Paschendale ad esempio). La migliore Dance Of The Dead e la peggiore Wildest Dreams, quella davvero non la digerisco. Sorpresona finale (in positivo) resta comunque l'ultima traccia, Journeyman, chi se la sarebbe aspettata una song così dai Maiden?!?!?!
David
Mercoledì 7 Marzo 2012, 20.35.45
57
I Maiden sono la mia band preferita dalla seconda media, e questo loro nuovo corso mi piace molto, Dance of Death è il loro album che preferisco assieme a Powerslave. Tutte le canzoni bene o male sono su un buon livello, magari Gates of Tomorrow è un po' scontata e Wildest Dreams proprio bruttina, ma per il resto penso sia un gran bell'album. Poi c'è una delle mie canzoni preferite in assoluto, Dance of Death, davvero bella. Per me è un 88.
Celtic Warrior
Giovedì 23 Febbraio 2012, 12.44.37
56
Un disco ben suonato, molto vario e con ottime atmosfere epiche , le chitarre passano dal acustico a degli ottimi riff ... insomma a me è piaciuto !!!!! voto dei lettori ingiusto .
conte mascetti
Mercoledì 8 Febbraio 2012, 0.41.44
55
non so perchè ma questo disco non mi garba affatto...eppure non è malaccio
conte mascetti
Domenica 27 Novembre 2011, 21.59.51
54
un disco che non mi ha mai entusiasmato.
Stefano
Domenica 18 Settembre 2011, 22.13.06
53
Moolto bello, interessante vario e ispirato forse il migliore della reunion...sicuramente in fatto di suono centra molto di più con i lavori passati della vergine rispetto al suono "Monolitico" (che cozza totalmete con la produzione antededente) di "brave the new world"..detto questo nel disco ci sono brani eccellenti..fino alla traccia n°55 si puo' gridare al miracolo perchè il livello è davvero alto "gates of tomorrow" è davvero carina seppure il riff sia stato Riciclato piu' volte ( vedesi "from here to eternity" "judegement of heaven", e "lord of the flies" gli assomigliano molto..) "New frontier" è davvero interesssante con un refrain molto bello.... "paschandale" è il perfetto connubio tra gli iron di oggi e quella nascosta pietra angolare di "x factor" (a me il disco è piaciuto molto e checche' se ne dica tuttora esercita siui lavori odierni dei maiden una grande influenza basti pensare "a metter life and death") "Face in the sand" e "Age of innocence "sono un binominio vincente..epiche vincenti e sorrette da ottime ritimiche..la cnclusiva "journeyman" bhe...è un grn piccolo gioiello che ci porta al termine del lavoro più valido che i maiden abbiano composto dopo "Fear of the dark"... VOTO 90
Master of Reality
Sabato 30 Luglio 2011, 1.07.36
52
Wildest Dreams = 6; Rainmaker = 7.5; No More Lies = 7; Montsegur = 7; Dance of Death = 9; Gates of Tomorrow = 6.5; New Frontier = 7; Paschendale = 7.5; Face in the Sand = 8; Age of Innocence = 7; Journeyman = 7; Voto album = 7.5
MAIDEN 65
Martedì 26 Luglio 2011, 17.25.59
51
Ottimo voto 80
Ale
Giovedì 21 Luglio 2011, 11.25.03
50
Semplicemente uno dei miei dischi preferiti dei Maiden
Philosopher3185
Mercoledì 25 Maggio 2011, 15.17.10
49
è un passo avanti a brave new world...cè maggiore ispirazione e grinta.Wildest dreams e rianmaker sono ottimi singoli,niente di favoloso ma introducono bene l'album.Monstegur e la title track sono davvero ottimi brani,peccato che non li facciano piu' in sede live perchè reggono il confronto con i vecchi classici...bella anche la lunga paschendale..uno dei pochi esperimenti prog epici che funziona e non stanca!e journeyman molto bella e matura come brano...magari cè qualche pezzo di troppo come:age of innocence,carino ma nulla piu'..e la scontata new frontier...nicko poteva anche sforzarsi di piu'..comunque album sopra la media.
Argo
Mercoledì 16 Marzo 2011, 20.19.36
48
Disco pienamente sufficiente. Penso che se invece di 11 canzoni ne avessero messe solo 8 (come i vecchi album), sarebbe stato certamente molto più bello, mi riferisco alle prime 6+8+10
infinite dream
Mercoledì 16 Marzo 2011, 13.27.35
47
ottimo disco!e soprattutto un adrian smith molto ispirato, i suoi assoli in qst album sono + paurosi del solito! un grande!
leonardo
Domenica 2 Gennaio 2011, 13.07.20
46
per me è molto bello ma dopo aver esaminato e riascoltato più volte questo e i due successori sono giunto alla conclusione che a matter of... sia unito da un contesto più solido e da evoluzioni musicali a volte molto riuscite (the legacy, for the greater,the longest day , brighter than) a volte più prolisse (the reincarnation,these colours don't run ) ma che comunque delineano il profilo di un lavoro certo più strutturato e maturo dei suoi parenti e forse penalizzato da una produzione non esattamente graffiante.Lavoro spiccatamente prog e impegnato riguardante la religione e la guerra ,ma anche temi più "leggeri" che vanno a dare la giusta pausa all' inerno di un album così ostico e strutturato. per concludere direi che come album dance of death presenta due capolavori enormi e molti buonissimi brani che lo rendono però più immediato del successore per via del sound di canzoni come rainmaker, no more lies,wildest dream .... un disco vario e ben amalgamato nei suoi ingredienti che rende bene l' idea degli iron maiden di questi ultimi anni . 86 a dance of death 89 a a matter of life and death 85 a the final frontier 70 a brave new world migliori canzoni post reunion: the legacy,the talisman,for the greater good of god,dance of death,when the wild wind blows,brave new world,paschendale. POI : rainmaker,el dorado,different world, out of the silent planet
Stefano
Lunedì 8 Novembre 2010, 0.46.15
45
Il miglior disco dopo la reunion, non capisco perchè tanta gente lo critica... la miglior canzone è Paschendale.
hellvis
Sabato 11 Settembre 2010, 11.50.49
44
Il disco della reunion che preferisco. La giusta via di mezzo tra pezzi epici ( ma ancora compatti) e quelli veloci e intensi. Qualche filler (pochi). Un lavoro veramente otttimo.
metal4ever
Mercoledì 8 Settembre 2010, 22.20.58
43
Se non fosse per 3 o 4 pezzi un po al di sotto del livello dell'album lo metterei quasi alla pari dei grandi classici del passato, cosa a mio avviso quasi riuscita col precedente BNW, cmq questo LP ha dei pezzi stratosferici!! come la fomentatissima Montsegur, la maestosa title track (la migliore dell'album) concludendo con il favoloso poker delle ultime 4 canzoni voto 83 ma sono sicuro che avrebbero potuto fare di meglio!!
Painkiller
Giovedì 2 Settembre 2010, 10.40.22
42
quoto Gemini(39)! Sto' difetto comincia a dar fastidio. In ogni casop trovo DOD molto vario, con un suono che alla fine risulta il migliore tra gli album post reunion e con una canzone per me degna dei vecchi classici, Paschendale. 75/80 su 100 per me.
Matocc
Domenica 29 Agosto 2010, 21.35.25
41
@ Fabraxas: mi trovi assolutamente d'accordo su ciò che hai scritto, la penso esattamente allo stesso modo... devo ancora assimilare bene TFF, ma per DOD fu una cosa molto più immediata, lo trovai un grandissimo disco fin dal primo ascolto
Fabraxas
Sabato 28 Agosto 2010, 0.28.29
40
Secondo me, è tuttora l'album migliore dai tempi della tanto sospirata reunion. Mooolto al di sopra di Brave New World, Di A Matter of Life and Death, e pure del nuovissimo Final Frontier.
Gemini
Mercoledì 25 Agosto 2010, 17.50.08
39
(...continua dal commento di BNW ) Migliore questo del precedente, confermo l'80 ("No More Lies" non è orrenda, è semplicemente fastidioso il ritornello ripetuto 8-16-24...volte, ma è un difetto che gli Iron han da tempo ormai)
Metalmania
Martedì 24 Agosto 2010, 11.30.51
38
Si inascoltabile è un po troppo...ho esagerato un po! Comunque a mio parere è sicuramente il peggior pezzo dell'album!
AL
Martedì 24 Agosto 2010, 10.37.32
37
mi piace molto Brave new world ma questo album alla fine mi piace di più.. perchè no more lies inascoltabile?? più ascolto Montsegur e più penso sia un gran pezzo!
Metalmania
Domenica 22 Agosto 2010, 16.50.32
36
@Franky1117: Pienamente d'accordo su No More Lies...è davvero inascoltabile!! Direi che è l'unico vero passo falso di tutto l'album!! Non sono però d'accordo nel ritenere superiore Brave New World che è un buon disco ma non al livello di questo!!
Franky1117
Domenica 22 Agosto 2010, 16.40.21
35
Bel disco anche se un passo indietro rispetto al predecessore.Su tutte la title-track,Paschendale e Journeyman.No more lies è orrenda
Metalmania
Sabato 21 Agosto 2010, 17.34.39
34
Questo è sicuramente il miglior disco da Seventh Son Of a Seventh Son in poi!!! Un 81 più che meritato!!
Gemini
Sabato 17 Luglio 2010, 14.52.41
33
Album che fa inizialmente di tutto per frasi detestare: cover orribile (ma cos'ha il collo dell'essere in primo piano sulla destra?!? e quell'altro esserino su quella specie di cane?!?), opener fiacca... poi da "Rainmaker" le cose cambiano e la band infila almeno altre 5-6 grandi tracce: "No More Lies", "Paschendale", l'atipica "Journeyman", la maestosa title-track e le sottovalutate "Montsègur" e "Age...", intervallate da qualche riempitivo di troppo. Sono ancora indeciso se è migliore questo o il precedente, x cui nel dubbio 80 anche qui
Ryu
Domenica 14 Febbraio 2010, 19.53.34
32
Un disco buono, un po' altalenante perchè sono presenti brani che non lasciano nulla, come wildest dreams e gates of tomorrow, mentre le canzoni più belle (le avete già citate voi) secondo me non avrebbero sfigurato nei dischi anni '80. Voto 83! UP THE IRON
Screamforme77
Lunedì 30 Novembre 2009, 17.05.27
31
Secondo me DOD è un piccolo passo indietro rispetto a BNW,cio non toglie che è cmq un ottimo album che fa si che i Maiden hanno finalmente ritrovato una nuova giovinezza nel 3rzo millennio dopo la pochezza degli anni 90.Se il precedente BNW ci aveva riproposto gli IM dei loro migliori fasti(a mio modesto parere),DOD sembra più una fusione delle loro stilistiche degli anni 80 e anni 90.L'opener Wildest dreams è la classica canzone semlpiciotta da singolo di lancio,ma è avvalorata da un sound bello corposo che riesce a fomentarmi.The Rainmaker ha la tipica stilistica Maideniana e la trovo molto gradevole.No more lies è un altra ottima semi-ballad sempre tipicamente di stampo Maiden,ma ha un ritornello troppo semplificato.Montsegur è bella per la sua super potenza e sembra uscita dagli album migliori,fantastica anche la sua parte centrale.Con la title-track ci regalano l'ennesimo capolavoro,grazie alla loro ennesima innovazione di fondere il metal-prog alla musica gitana,forse la miglior canzone del loro nuovo corso.Gates of tomorrow, new frontier e Age of innocence sono forse i pezzi con le sonorità che più ricordano gli anni 90(basta ascoltare il riff della prima elencata che mi fa pensare a NPFTD e XF),ma tutto sommato sono tre tracce molto gradevoli,il ritornello di New Frontier è uno dei migliori del platter,mentre quello di Age of innocence invece rovina la canzone.Paschendele mi piace,ma la trovo sopravvalutata,è vero la canzone presenta ottimi spunti dal punto di vista strumentale,ma quell innesto solistico di tastiera all'inizio mi infastidisce un po e a mio avviso centra ben poco col loro sound.Face in the sand seppur presentata dalla band stessa come un irempitivo per sperimentare la doppia cassa,io la trovo fantastica,l'inizio mi fa venire in mente i migliori Pink Floyd ed il ritornello con il mid-time sono fra i migliori,l'esperimento a mio avviso è più che riuscito.Journeyman,con la sua base aqustica-orchestrale è l'altra grande novità dopo la title,seppur può apparire semplice come struttura,la trovo molto coinvolgente e chiude l'album in bellezza.In conclusione il disco nn bissa ne i grandi capolavori,ne il precedente BNW,ma va bene così.
Raven
Martedì 30 Giugno 2009, 22.18.52
30
Lo renderebbe migliore anche a me.
Matocc
Martedì 30 Giugno 2009, 22.12.43
29
Ottimo album a mio parere, lo trovo superiore a Brave New World. Bellissima Rainmaker, fantastica No More Lies; Montsègur è un brano di una furia incredibile, uno dei migliori del cd; Paschendale sa rendere i temi di guerra trattati in maniera eccelsa, diversa ovviamente da The Trooper (ci mancherebbe!) ma a mio parere comunque un pezzo davvero di grande impatto. Dopo i 58 secondi la chitarra dell' accattivante Age Of Innocence mi ricorda la musica di 007, non trovate? Wildest Dreams non mi dispiace nè mi esalta (tipica opener della Vergine di Ferro), ma il fatto di avere il singolo AUTOGRAFATO dal grande Nicko McBrain in persona me la rende un po' migliore
Maurilio
Mercoledì 20 Maggio 2009, 17.54.26
28
Forse vorrai dire escludendo tutti quelli degli ´80...E´proprio questo il problema : se uno é cresciuto con i primi 7 album non si puó accontentare di album discreti ma nulla piú. Tu hai sentito come prima canzone dei Maiden Dance of death, qundi non puoi accorgerti che non é altro che una ripresa di varie canzoni giá fatte in precedenza....Conoscere prima di giudicare......
LordBahamut
Martedì 14 Aprile 2009, 19.45.44
27
Uno dei migliori album dei Maiden, forse il migliore escludendo qualcuno degli 80s. Dance Of Death, Paschendale, Montsègur, Rainmaker, Face In The Sand... Tutti gran capolavori, soprattutto il primo, la prima canzone dei Maiden che abbia mai sentito, a cui ormai sono attaccato quasi sentimentalmente. Journeyman è bella, ma troppo "allungata". Wildest Dreams e New Frontier sono insipide, Age Of Innocence ha un bel ritornello e poco più. No More Lies è un'ottima canzone, ma non spicca più di tanto in quest'album pieno di perle, mentre Gates Of Tomorrow effettivamente risulta un po' troppo "ruffiana". Voto 90.
slide
Venerdì 27 Febbraio 2009, 7.47.36
26
E' un album che definisco altalenante: accanto a canzoni un po' scialbe come l'opener, gates of tomorrow e age of innocence, che a me non rimangono dopo averle ascoltate, vi sono vere perle come no more lies, dance of death e paschendale. Quest'ultima in particolare è da sentire diverse volte, comunque tutto l'album non è immediato. Gli do 80. p.s.: non è l'età che conta nella musica, ma conta come la senti dentro e la capacità di vibrare alle sue corde...
JOHNNY
Domenica 8 Febbraio 2009, 18.07.12
25
ciao a tutti
Raven
Venerdì 6 Febbraio 2009, 22.10.22
24
Mi fa piacere, ciao.
Johnny
Venerdì 6 Febbraio 2009, 21.44.41
23
gande france, ti prenderò come esempio per tutto il corso di questi anni di pre-metallaro e oltre!
Raven
Martedì 3 Febbraio 2009, 19.07.02
22
Che io sappia sei il lettore più in erba che abbiamo , benvenuto
Johnny
Martedì 3 Febbraio 2009, 18.34.47
21
io sono solo 12enne ma di maiden me ne intendo,io credo che quest' album sia a pari merito con il precedente BNW, canzoni come no more lies, montsegur, dance of death, new frontier, paschendale e journeyman siano classici inperdibili. ciao a tutti fance sei un grandeee!
Maurilio
Mercoledì 28 Gennaio 2009, 18.50.12
20
Si sono notevoli le prime 5 ma poi o sono canzoni riempitivo o é noia pura! Ai giovani: lasciate stare e andate sul sicuro: i primi sette album sono l´abc del metal e la Bibbia per ogni metallaro che si rispetti, il resto é mestiere con qualche buona canzone qua e la, a parte Brave new world che trovo molto bello nella sua totalitá.
AL
Mercoledì 14 Gennaio 2009, 11.22.03
19
son d'accordo con Brancaleon! Title track da paura!!!! No more lies da brividi!
mikelemaiden
Martedì 23 Settembre 2008, 17.27.23
18
beh concordo col dire che è un gran bell'album, ma nn il migliore dei maiden, ma rainmaker, no more lies, dance of death e paschendale oltre a wildest dreams e a montsegur sono dei pezzi davvero ineccepibili sia dal punto di vista delle melodie sia per la spettacolare voce di bruce bruce, che nn delude davvero mai.....un bell'85 dato soprattutto per la completezza del disco... saluto tutti
Brancaleon
Domenica 6 Luglio 2008, 1.38.01
17
album bellissimo, certo...non è piece of mind, ma è il piu bel disco dopo il ritorno di dickinson
ZenMaiden
Domenica 25 Maggio 2008, 21.06.01
16
La Danza della Morte la canzone è troppo Bella ma intanto noi 3a C Sennori tra un pò iniziamo gli esami che gli iron maiden ci aiutono a me Enry A Beny Ai Luke Al Campanaro A ICA E A tutti i miei amici ciaooooooooooo
Gian£uca
Martedì 5 Febbraio 2008, 18.41.24
15
Un disco che non delude le attese, anche questa volta gli iron si sono guadagnati la pagnotta più che decorosamente....Il disco si rivela pieno di "barocchismi" veramente ispirati come non se ne sentivano da anni: le canzoni riescono finalmente a coniugare potenza e melodia contemporaneamente, a differenza dei lavori precedenti dove a prevalere era o l'una o l'altra....sono poche le cadute di tono (new frontiers forse è la traccia più moscia) in questo disco, a conferma del buon stato di salute della band dopo le note vicissitudine degli anni novanta....Notevole è il pezzo intitolato Montesegùr, non avrebbe sfigurato in powerslave....
metallo nelle vene
Venerdì 1 Febbraio 2008, 16.09.46
14
non è secondo me*
metallo nelle vene
Venerdì 1 Febbraio 2008, 16.09.04
13
Non è secondo l'album migliore di questa colonna portante del metallo chiamata "Iron Maiden", ma contiene comunque tracce davvero belle. Al di là di questo è uno dei rari album che meritano di essere ricordati per le nuove sperimentazioni del gruppo
Luke 25
Giovedì 10 Gennaio 2008, 0.41.13
12
Buon album anche se non è uno dei miei preferiti.
leandro
Giovedì 27 Settembre 2007, 18.05.57
11
alcuni pezzi belli davvero
ironhawk
Lunedì 24 Settembre 2007, 22.50.54
10
Senza dubbio la peggiore copertina mai pubblicata dai Maiden! Addirittura peggiore di quella di "The X factor"! Riggs, dove sei???
Strat
Venerdì 15 Dicembre 2006, 14.34.59
9
minkia ho scirtto raimaker....doh! m correggo: RAINMAKER. sorry guys!
Strat
Venerdì 15 Dicembre 2006, 14.33.43
8
raga davvero un gran bell' album. quasi tutti i pezzi spakkano di brutto! l' assolo di RAIMAKER fa sognare! lo stile prog di PASCHENDALE è un ottima trovata, e il testo di DANCE OF DEATH è na cosa stupenda! in oltre m ha fatto molto piacere JOURNEYMAN ke rappresenta uno stile fin ora mai usato dai Maiden. isomma in parole povere grande lavoro. UP THE IRON!!! sempre e cmq!!!!
francesco gallina
Giovedì 25 Maggio 2006, 18.28.15
7
Sacrosanto uso dei mezzi dell'Ente.
valentino
Mercoledì 24 Maggio 2006, 17.43.16
6
comincio col dire che nn apprezzo molto la decisione di tornare do cito dal maestro"anni anni ed anni" di tornare a fare musica come ultimamente molti gruppi anche storici stanno facendo , certo quando questi lo fanno con lo stile e la bravura che solo "I.M." sanno imprimere in un disco , si cambia registro nn potendo fare altro che inchinarsi per l' ennesima volta di fronte ad una produzione degna del tanto blasonato nome, che questi "signorini" si portano dietro. concludo dando raggione al redattore che saltando eventuali discussioni sulla ripetitività ecc. ha dato un più che meritato voto a questo disco, che magari potrà instradare nuovi fan e ricordare alla vecchia guardia da dove siamo venuti!!! complimenti per la recensione e cordiali saluti.
Kalyth
Giovedì 27 Aprile 2006, 15.23.48
5
Non male, ma troppo simile al classico stile Iron, storpiato però e meno aggressivo...
Murraygirl
Domenica 12 Febbraio 2006, 17.53.24
4
DOD è stato il primo disco dei Maiden che ho acoltato,e di conseguenza è stato quello che mi ha fatto sognare ancora prima di Brave new world.... sono d'accordo in parte con la recensione...infatti i sound sono tutti diversi e a parere mio è un disco molto più "felice" rispetto ai precedenti...la mia preferita è Journeyman insieme a Paschendale....un secondo posto invece x Dance of Death
francesco gallina
Sabato 7 Gennaio 2006, 18.29.16
3
In effetti ricordo dichiarazioni di Bruce subito dopo il rilascio del CD , in cui diceva che ci dovremo aspettare per il futuro una vergine sempre più orientata verso questi territori nuovi, Vedremo.
Simone
Martedì 3 Gennaio 2006, 19.57.39
2
E' un album che mi piace moltissimo. Sembra che voglia esplorare territori un tantino nuovi, pur rimanendo saldamente legato alla tradizione della pluricitata "vergine di ferro". (e che tradizione)!! In più reputo (a mia personalissima e discutibile opinione) la song "Dance of Death" come la più bella dei Maiden! Infine credo che abbiano dimostrato ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, di essere sempre più loro i veri discepoli prediletti del "Dio Metallo".
Maiden88
Venerdì 9 Dicembre 2005, 21.43.25
1
x me ottimo disco
INFORMAZIONI
2003
EMI
Heavy
Tracklist
1. Wildest Dreams
2. Rainmaker
3. No More Lies
4. Montségur
5. Dance Of Death
6. Gates Of Tomorrow
7. New Frontier
8. Paschendale
9. Face In The Sand
10. Age Of Innocence
11. Journeyman
Line Up
Bruce Dickinson (vocals)
Dave Murray (guitar)
Janick Gers (guitar)
Adrian Smith (guitar)
Steve Harris (bass)
Nicko McBrain (drums)
 
RECENSIONI
72
80
81
81
90
s.v.
s.v.
69
53
90
69
81
75
71
99
86
85
99
80
90
95
83
85
92
96
ARTICOLI
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]