Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
BRAVE THE COLD
Scarcity

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
BON JOVI
2020

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Hatebreed - The Divinity Of Purpose
( 3923 letture )
Ammazza che botta!

Diciamocelo chiaramente, ormai gli Hatebreed stanno all’hardcore come la cazzuola al muratore, la penna al foglio, il peculato alla politica. Un’entità inscindibile, non solo nel momento della rappresentazione acustica, ma in costanza di percorso, attimo dopo attimo: nei simboli e nelle note.

Sulle capacità scenografiche ed imprenditoriali di un "imbandanato"; Jamey Jasta si sa tutto o quasi. Il singer degli Hatebreed da sempre ce la mette tutta per incarnare la rappresentazione dell’hardcore attuale e soprattutto per venderla. Ciò fa bene tanto alla scena nel complesso (in ogni genere è sempre opportuno avere punti di riferimento che facciano da calamita), quanto al portafogli di qualcuno. Andando oltre quel che è l’aspetto figurativo, bisogna ammettere che i nostri abbiano saputo catapultare uno stile, tempo addietro di nicchia, verso le grandi masse, riuscendo così ad unire la tradizione hardcore -che parte da Agnostic Front e Sick Of It All- a sonorità più attuali e metalliche. Con tale ricetta, il gruppo è riuscito ad accaparrarsi fan di ogni tipo, entrando di prepotenza negli ascolti di moltissimi, sia dei metallari duri e puri, sia di quelli che attingono dall’old school e dal punk più bastardo.

C’è una caratteristica dell’hardcore che -più di altre- gli Hatebreed conservano gelosamente, ed è l’attitudine allo sbattimento. E’ vero, si parla pur sempre di una passione molto redditizia, ma questa è comunque diventata per loro un impiego e da tale punto di vista la band è una di quelle che lavora maggiormente. Dischi e tour, di continuo, tanto che i cinque americani sono arrivati ormai al settimo album e, sempre di corsa, intraprenderanno l’ennesimo tour.

Come molti di voi, la prima traccia ascoltata del nuovo The Divinity Of Purpose è stata Put It To The Torch, con annesso video, ed in realtà mi aveva lasciato perplesso. Temevo una pericolosa -e pericolante- deriva thrash. Si faceva strada il timore che anche gli Hatebreed avessero intenzione di salire su un carrozzone che -per fini biecamente commerciali- si tenta di rimettere in moto in nome dei peggiori impulsi senili. Invece no, dopo aver ascoltato interamente il nuovo album, sono in grado di rassicurarvi: potete tranquillizzare le vostre bandane, allontanare chirurghi estetici dai vostri tatuaggi ed allargare la collezione di sneacker. Gli Hatebreed, pur con qualche accento thrash, sono grossomodo quelli di sempre e, soprattutto, hanno realizzato un album migliore del precedente.

Dopo l’apertura, il disco scorre via che è un piacere e, se forse non raggiunge i picchi espressivi del passato anche a causa di una formula che ormai si ripete da anni, non denota particolari cali, anzi tiene alta l’attenzione con costanza. La presenza di break, che sta usurando oltremodo tutto quel che ha la desinenza ‘core’, in The Divinity Of Purpose viene mitigata e miscelata ad un insieme più vario, in che ne amplifica la portata. Gli ingredienti sono pressoché i medesimi in tutte le tracce, eppure proprio la quantità di contenuti di varia derivazione (tanto thrash quanto hardcore) migliora il risultato d’insieme. Nelle canzoni si assiste sia alle sfuriate di doppia cassa che ai rallentamenti mosh, sia ai cori tipici del genere che ai vocalizzi prossimi alla più temibile raucedine.

Malgrado manchi la hit da tirare fuori in macchina a tutto volume con annesso gomito sporgente dal finestrino (una Destroy Everything, per intenderci), l’esito complessivo è soddisfacente, ed in alcuni casi davvero notevole (Own Your World).
Cos’altro aggiungere? Il nuovo lavoro è ancora una volta registrato in maniera esemplare, ma ciò era ampiamente prevedibile data la super etichetta che produce ed il budget che i nostri hanno a disposizione.

Concludendo: se gli Hatebreed vi hanno fatto da colonna sonora fino ad oggi, potete stare tranquilli: The Divinity Of Purpose verrà consumato come i dischi che lo hanno preceduto.
Se vi piace anche il thrash, ma non solo quello che ascoltavano i vostri padri muniti di jeans elasticizzati e di chiome spropositate, allora dategli una possibilità.
In ultimo, se i cinque ex ragazzotti del Connecticut non vi sono mai interessati, se ad ogni stoppata vi si raggrinzisce la pelle del viso e, soprattutto, qualora ad ogni sparata populistica che provenga dall’ugola rauca di Jasta vi sentiate radical chic o uno dei papabili membri di un eventuale governo tecnico, allora potete serenamente -ma anche pacatamente- passare ad altro.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
83 su 4 voti [ VOTA]
FABRYZ
Giovedì 18 Aprile 2013, 12.11.33
5
Rispetto al precedente (favoloso) cd autointitolato questo e' + hardcore e x me rimane un discreto disco di genere...ci sono almeno 5 canzoni da paura, tra cui indivisible (il breakdown con la gang vocals che urla indivisible e' esaltazione allo stato puro) e before the end, con il suo riffone slayeriano a farla da padrone...purtroppo c'e' ancha qualche caduta di tono e qualche riff e linea vocale riciclati ma in generale il cd si ascolta bene
Ocean (fu Zarathustra)
Giovedì 31 Gennaio 2013, 19.30.04
4
Ho ascoltato e ne ho scritto: ebbene, è un disco solido e compatto. La dote migliore degli Hatebreed è quel senso di "accerchiamento da pit" che le canzoni trasmettono, ma nel pit nascono e nel pit muoiono. In questo senso giustissimo il giudizio di Alex sul missaggio, che non è ottimo in senso stretto ma perfetto per lo scopo che si prefigge. Anche punti che mi convincono di meno (come i testi) sono perfetti per la destinazione del disco. Per cui alla fine è una buona operazione, ben preparata e ben eseguita, con in testa un target molto ben preciso - forza e limite allo stesso tempo. Dovessi sintetizzare tutto questo in un numero direi anche io 72, non c'è molto da aggiungere.
Vittorio
Lunedì 28 Gennaio 2013, 11.02.23
3
Li preferisco così, più hardcore rispetto al precedente e omonimo lavoro.
ObeYM86
Domenica 27 Gennaio 2013, 17.17.26
2
Ennesimo grande Artwork di Eliran Kantor!!!
alessio
Sabato 26 Gennaio 2013, 21.39.10
1
come avevo gia detto l'ho ascoltato piu volte e devo dire che non è brutto e ho notato che in alcune traccie hanno recuperato quella parte hardcore che per me negli ultimi lavori era un po diminuita. comunque per me il disco si divide in 2 parti, almeno io ho avuto questa sensazione. la prima piu veloce e diretta e l'altra un pochino piu varia e "lenta". comunque bel disco e credo che lo comprero.
INFORMAZIONI
2013
Nuclear Blast
Hardcore
Tracklist
1. Put It To The Torch
2. Honor Never Dies
3. Own Your World
4. The Language
5. Before The Fight
6. Indivisible
7. Dead Man Breathing
8. The Divinity of Purpose
9. Nothing Scars Me
10. Bitter Truth
11. Boundless (Time To Murder It)
Line Up
Jamey Jasta (Voce)
Frank Novinec (Chitarra)
Wayne Lozinak (Chitarra)
Chris Beattie (Basso)
Matt Byrne (Batteria)
 
RECENSIONI
75
65
82
ARTICOLI
12/12/2018
Live Report
KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE
Alcatraz, Milano - 06/12/2018
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]