Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Resident Human
Demo

The Hirsch Effekt
Gregær
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/04/21
ANDE
Bos

19/04/21
MALFORMITY
Monumental Ruin

20/04/21
CRYPTS OF DESPAIR
All Light Swallowed

21/04/21
LIQUID TENSION EXPERIMENT
LTE3

22/04/21
FEUERSCHWANZ
Schubsetanz (Singolo)

23/04/21
ODAL
Welten Mutter

23/04/21
BACKWOOD SPIRIT
Fresh From the Can

23/04/21
FROZEN CROWN
Winterbane

23/04/21
THULCANDRA
Under a Frozen Sun (Vinyl Reissue)

23/04/21
HIDEOUS DIVINITY
LV-426

CONCERTI

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

15/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Aghora - Aghora
( 4719 letture )
Gli Aghora sono per me quanto di più vicino esista ai Portal (ossia la band nata dopo lo scioglimento della death/fusion band Cynic ad opera dei due chitarristi Masvidal e Gobel e del batterista Sean Reinert) e dai medesimi Portal ereditano la scelta di abbandonare il cantato growl per affidarsi alla voce femminile di Danishta Riveiro, nonché la voglia di incrociare partiture fusion/jazz con furiosi interludi thrash metal.
Ma c'è un altro elemento, oltre alla musica sublime in esso contenuta, che eleva questo disco ed è l'operare della fantasmagorica sezione ritmica dei disciolti Cynic: Sean Malone al basso fretless e Sean Reinert alla batteria, un motore ritmico incredibile per varietà, tecnica e fantasia...un qualcosa che va ascoltato per crederci!
Fatte le dovute precisazioni, occorre entrare nel vivo dell'analisi del disco, sottolineando come questo debutto sia veramente qualcosa di fantastico: il leader e compositore unico Santiago Dobles (tra l'altro diplomato alla Berkley, il prestigioso istituto musicale americano in cui si sono formati anche i Dream Theater) è riuscito a dar vita ad un mondo musicale irreale dove la dolcezza e la ricercatezza della fusion incontrano influenze di musica indiana e new age, senza tralasciare le continue intrusioni a base di robuste dosi di prog-thrash metal! L'opener Immortal Bliss mette subito le cose in chiaro sfoggiando un impianto ipertecnico dove vengono inserite le influenze citate ed in cui spicca la bellissima voce di Danishta Riveiro, abile nell'incunearsi nei continui cambi di tempo della coppia Malone-Reinert. La successiva Satya è un brano tutto da godere; un perfetto equilibrio tra raffinatezze ritmiche e armoniche e sferzate metalliche sincopate. Con Transfiguration e Frames ci si muove tra atmosfere paradisiache che attraverso la tecnica superiore della band sembrano tangibili e dove spiccano i stupendi e ipertecnici assoli di Santiago Dobles che per tutto il disco dimostra come tecnica disumana e feeling possano convivere senza problemi. Mind's Reality e Kali Yuga continuano sulla falsariga delle tracce precedenti in un contesto più heavy ma mai monodimensionale, dato che aperture melodiche e raffinatezze armoniche sono sempre dietro l'angolo Jivatma è invece una sorta di jam strumentale dal sapore indiano e rappresenta l'unico passaggio a vuoto del disco, essendo un po' noiosetta ed inconcludente. Ma ci si riprende subito con la favolosa Existence, solare ed accattivante ma potente quanto un maglio d'acciaio e in rapida successione con lo strumentale (cantato) Anugraha ennesima testimonianza di tecnica paurosa e gusto non comune.
Da avere, non ci sono dubbi... se amate la musica tecnica ed elaborata, ma allo stesso pregna di melodia e feeling dovete comprare questo disco, anche solo per sentire una delle migliori sezioni ritmiche sulla piazza; se poi tenete conto della produzione pulita e potente del fatto che il cd è in una lussuosa confezione digipack ed in aggiunta alla tracklist è presente una sezione multimediale molto curata non avete scuse per non farlo vostro, sareste solo autolesionisti...



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
49.90 su 63 voti [ VOTA]
Indigo
Martedì 19 Gennaio 2021, 11.17.25
5
Ottimo disco. Le migliori Satya, Mind's reality, Jivatma e Anugraha. Difficile scegliere tra questo e il seguente
davide
Lunedì 7 Aprile 2014, 19.02.28
4
questo disco ed il successivo formless sono in heavy rotation da quando li ho scoperti, appena uscito appunto formless...peccato che santiago dobles abbia gettato la spunga (se non ricordo male non ha più nemmeno il dominio registrato per gli aghora...e c'era un forum su cui postava alcuni samples di chitarra per un fantomatico aghora 3). Comunque credo che formless abbia delle sonorità eccezionali..sarebbe carino leggerne una recensione
ricki66
Giovedì 23 Febbraio 2012, 15.20.25
3
capolavoro
enry
Domenica 5 Settembre 2010, 19.59.39
2
Disco sottovalutato o poco conosciuto o non so cosa...Siamo vicini al capolavoro.
Bruno
Mercoledì 5 Marzo 2008, 2.36.46
1
per errore ho dato 10 come voto, intendevo scrivere 100! fantastico album!
INFORMAZIONI
2000
Code666
Prog Metal
Tracklist
1. Immortal Bliss
2. Satya
3. Transfiguration
4. Frames
5. Mind's Reality
6. Kali Yuga
7. Jivatma
8. Existence
9. Anugraha
Line Up
Danishta Riveiro (Voce)
Santiago Dobles (Chitarra)
Sean Malone (Basso Fretless)
Sean Reinert (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]