Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Paradise Lost - Shades of God
( 3874 letture )
Sadness lives after we die
The pains of life increased outright
Contest my sins priorities
Crushed my spirit to its knees


La tristezza dura per sempre.
Non possiamo opporci e non possiamo in nessun modo sfuggirle.
Prima o poi nel corso della nostra breve esistenza dovremo trovarci faccia a faccia anche con lei e già sappiamo che le conseguenze saranno pesanti ed alienanti.
In fondo però è anche questo a renderci così umani, a temprare il nostro carattere fortificandoci contro tutte le difficoltà che affollano questo vasto mondo e permettendoci di tirare avanti fino al momento della nostra morte (o “durante” se preferite).
Questo sentimento tanto primordiale quanto fondamentale può però essere esorcizzato, rappresentandolo artisticamente e sfruttando così quel processo di catarsi che gli antichi conoscevano molto bene.
Estrapoliamo questa tristezza, la mettiamo – ad esempio – in musica, ed ecco che tutto acquista senso.
Ci sentiamo come liberati da questo peso sullo stomaco, e mentre la ascoltiamo non possiamo fare altro che relazionarci con essa, ne siamo attratti fino al punto di non riuscire più a farne a meno: ironicamente ora ci nutriamo di questa angoscia e non abbiamo più nessuna intenzione di smettere.
Ecco, ci sono dei ragazzi di Halifax (oggi un po' meno ragazzi di allora) che sono sempre riusciti a mettere il loro sconforto in musica, e l'hanno (quasi) sempre fatto dannatamente bene.
Dal grezzo esordio al meraviglioso Gothic, passando per una fase di transizione – a cui appartiene questo Shades of God – che li ha portati fino al capolavoro Draconian Times.
I Paradise Lost hanno sulle spalle un intero genere musicale, forgiato e modificato durante una lunga e fondamentale carriera, durante la quale non hanno solo plasmato il gothic e contribuito in maniera imprescindibile alla commistione di doom e death, ma hanno anche ispirato decine di band creando a tutti gli effetti un movimento florido ed affascinante.
La genialità di artisti come Nick Holmes e Greg Mackintosh li ha portati a comporre alcune delle pagine più belle della musica che tanto amiamo e in un certo senso Shades of God non fa eccezione, pur in minima parte sfigurando se messo a confronto con lavori oggettivamente più riusciti.

Riff malati (partoriti sopratutto dalla mente di Mackintosh) vengono sviscerati dall'ascia di Aaron Aedy che li sviluppa in una sequenza intricata e mai banale, creando da solo una parte fondamentale dell'impianto ritmico con power chords graffianti e per nulla ripetitivi; senza però dimenticarci anche degli sporadici ma efficaci momenti acustici ad accordi pieni arpeggiati.
Proprio sui citati power chords si innesta Greg che - come da suo marchio di fabbrica - si prodiga in solismi costanti che scandiscono l'andamento di tutte le canzoni, tracciando una linea melodica fondamentale ed armonizzandosi ora con la voce di Nick e ora con i non banali passaggi degli altri strumenti.
La sezione ritmica in senso stretto è di alto livello grazie al drumming deciso ma sobrio di Matthew Archer, che riesce a costruire ogni volta dei filler interessanti giocando con tutti i tom e timpani a disposizione pur senza risultare estremo o esageratamente violento.
Non è da meno il buon Stephen Edmondson che - ben evidenziato dal mixaggio - con il suo quattro corde dal suono denso e medioso accompagna come si confà ad un bassista efficace le parti più tirate, liberandosi però ogni volta che può dal compito di tenere la tonica in ottavi per lanciarsi in passaggi un po' più articolati (per quanto lenti) che garantiscono una maggiore profondità a canzoni (i momenti tutti suoi in As I Die ne sono un valido esempio).
Resta solo da parlare della voce di Nick, qui in una fase di transizione tra il growl più marcato delle origini e quello che sarà poi lo stile di canto ruvido, graffiante e sofferto che farà la sua fortuna insieme al buon pulito di cui è dotato (qui ancora non sfruttato); ad una prima superficiale analisi si potrebbe notare come Holmes non proponga sostanzialmente nulla di tecnicamente complesso o intricato con il suo modo di cantare, ma è l'interpretazione a renderlo fenomenale, il sentimento con cui si immerge in ogni singolo passaggio facendolo trasudare di sofferenza e disagio: questo è essenzialmente quello che rimarrà sempre uno dei punti di forza dei britannici.

Parlarvi dei brani?
Difficile farlo senza prolungare troppo la recensione, però, per quanto possa suonare banale penso che i due pezzi fondamentali siano i celeberrimi Pity the Sadness e As I Die (ancora portati molto spesso in sede live).
Il primo grazie alla sua ritmica tirata e coinvolgente che arriva quasi inaspettata a quel punto del disco, meno raffinato forse ma comunque annichilente ed aggressivo al punto giusto.
Il secondo penso che sia persino inutile descrivervelo considerando l'importanza e la diffusione che ha raggiunto, uno dei brani fondamentali della discografia dei Paradise Lost, dotato di una carica emotiva eccezionale.

Vorrei dire anche qualcosa di preciso sulla produzione ma sono parecchio combattuto.
Per meri motivi anagrafici sono cresciuto in un periodo di produzioni patinate e perfette, dove si sente tutto in maniera cristallina e definita, e – andando forse in controtendenza - non ho mai considerato la cosa un difetto, pur rispettando gli amanti delle produzioni più grezze ed old school.
Per questi motivi potrei ora partire per la tangente e sputare fuori l'elenco dei difetti di produzione di Shades of God, ma non lo farò.
Come in ogni cosa anche in musica il contesto è fondamentale: un disco uscito nel 1992 volenti o nolenti non potrebbe mai suonare come una produzione odierna (e sto pensando a quella perfetta di Tragic Idol ad esempio).
Sono convinto che anche con i mezzi dell'epoca qualcosa in più si sarebbe potuto fare, ma in fin dei conti anche questa produzione ha un suo perché e - pur nel suo essere grezza e ruvida come la voce di Nick - ha lo stesso i giusti bilanciamenti che permettono di godere appieno del lavoro di ogni singolo musicista e tanto basta.

Shades of God è un passaggio fondamentale nella discografia dei Paradise Lost, un disco di ottima fattura che non raggiunge un voto di eccellenza esclusivamente perché inferiore a tante altre piccole gemme che la band di Halifax aveva già prodotto o ha concepito in seguito.
Non è però possibile comprendere fino in fondo il processo di crescita dei britannici prescindendo dal presente cd, ragion per cui nel caso l'aveste (colpevolmente) ignorato siete caldamente invitati a riscoprirlo!



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
92.05 su 18 voti [ VOTA]
Doom
Lunedì 11 Settembre 2017, 19.15.02
25
Rileggendo il mio vecchio commento devo dire che il succo era giusto..almeno per i miei gusti. Ma col voto mi ero sbagliato, forse li avevo pensati invertiti...almeno 8,5. Gioiello.
Mario Pacciani
Giovedì 7 Settembre 2017, 0.37.29
24
Ragazzi, con il massimo rispetto e senza voler fare polemiche, la scaletta dei voti ai dischi dei P.L. la trovo davvero fuorviante, soprattutto per chi non conosce le origini del gruppo. I vecchi fan, ne sono sicuro anche leggendo i post prcedenti, rabbrividiscono di fronte ai voti dati ai primi 4 album, rispetto alle opere che universalmente sono considerate "minori". Tutte le band partoriscono capolavori nei primi anni di vita, compresi mostri sacri come Iron Maiden, Black Sabbath, Metallica, Megadeth. Unica eccezione, a mio avviso, i Death, che hanno dato il meglio di sè negli ultimi 3 dischi. La forza dirompente dei primi anni è ineguagliabile e nessuno metterebbe 10 a Book of Souls e 8 a Powerslave... Fai bene, Gianluca, ad evitare di parlare della produzione, avresti rischiato il linciaggio! ahahah Hai presente come nei primi '90 gli Ulver registravano in un bosco, i Dark Throne in un garage, i Burzum nel cesso di casa, e questo divenne un "canone" del genere? Non c'entra nulla, con i P.L., ma era un bel ricordo. Ciao!
Rob Fleming
Mercoledì 3 Febbraio 2016, 12.28.41
23
Claustrofobico. D'ora in avanti arriva l'eccellenza
lallo
Mercoledì 19 Febbraio 2014, 20.02.08
22
Un gran disco metal,che va ascoltato bene per essere metabolizzato.
Pilix
Sabato 23 Novembre 2013, 14.48.38
21
95. Pity the Sadness è una canzone immensa, come mortals watch the day e crying for eternity. Ma tutto l'album deve essere ascoltato, anche se molto sottovalutato da molte persone..
Enrideath
Sabato 23 Marzo 2013, 16.27.00
20
Forse il mio preferito targato PL. Non c'è un solo brano scadente o filler, sono tutti stupendi, in particolare Mortals Watch the Day, Pity the Sadness e As I Die. Capolavoro.
il vichingo
Giovedì 14 Febbraio 2013, 18.27.09
19
Per quanto mi riguarda un ottimo disco, quoto Undercover ed Enry. Mi trovo d'accordo anche con messer Satanasso, vedere Draconians times con un 83 e Icon con un 81 mi lascia piuttosto basito.
uatu
Martedì 12 Febbraio 2013, 16.17.58
18
degno predecessore del capolavoro Icon. Per questo ritengo corretto un voto di 80-85, per Icon qualsiasi voto meno di 100 è inappropiato
The Nightcomer
Martedì 12 Febbraio 2013, 13.02.52
17
L'edizione in vinile dell'epoca non includeva "As I Die", presente invece nel mini lp omonimo (uscito in seguito) quale brano di apertura. Premesso questo, concordo sul fatto che si tratti di un album transitorio, ideale ponte d'unione tra lo stile di Gothic e del successivo Icon. Forse questa caratteristica può essere interpretata in modi diversi, ma a mio parere non pregiudica affatto la qualità della proposta musicale, che trovo ottima ed ispirata. Questo album appartiene all'epoca d'oro dei Paradisa Lost senza ombra di dubbio, a prescindere da ulteriori considerazioni su produzioni o altri aspetti, che comunque è bene portare all'attenzione al fine di valutare a 360° il lavoro in oggetto. Sul voto mi sarei tenuto più alto, ma la recensione rende comunque giustizia al valore dell'opera. Ah, un'ultima cosa: Pity The Sadness dal vivo è davvero esaltante!
satanasso
Lunedì 11 Febbraio 2013, 11.20.47
16
quoto undercover ed enry.....il motivo per cui questa band sia così sottovalutata su queste pagine è davvero misterioso...
Room 101
Domenica 10 Febbraio 2013, 22.50.12
15
mi è scappato un "che" di troppo nel primo inciso!
Room 101
Domenica 10 Febbraio 2013, 22.48.53
14
@LIF: Come li valutiamo? mmmm ... ah ma è facile!! si ascoltano (o ri-ascoltano se già come in questo caso si conoscevano da tempo), si approfondiscono, si inseriscono nel contesto della della discografia della band (che come può darsi tu sappia che è abbastanza ampia... può darsi eh!) e alla fine si mette un numerino!! Ah mi piace anche la musica classica!! Solo che non la valuto di solito, sai com'è, non essendo nato nel 1700 (a differenza dei grandi critici moderni) non potrei valutarla correttamente!!!
Er Trucido
Domenica 10 Febbraio 2013, 22.01.06
13
Se lo dici te...
LIF
Domenica 10 Febbraio 2013, 21.52.17
12
ah beh, ma questo ascolta epica e rhapsody, scusami non sapevo fossi ritardato!
LIF
Domenica 10 Febbraio 2013, 21.49.47
11
Ridicoli questi recensori pischelli che valutano meno i capisaldi del genere rispetto agli imitatori che arrivano 20 anni dopo... ma come li valutate i dischi?
Sambalzalzal
Sabato 9 Febbraio 2013, 23.21.33
10
Malice@ a me piace moltissimo ma se hai in mente le cose fatte da loro prima non c'entra assolutamente nulla!
Stefano
Sabato 9 Febbraio 2013, 23.16.21
9
è un disco carino belive in nothing sperimentale..prendilo potrebbe piacerti..ma nn spendere più di 10 euri..nn ne varrebbe la pena
malice
Sabato 9 Febbraio 2013, 19.31.15
8
believe in nothing come? sta in offerta che faccio lo prendo? c'è qualcuno che me lo consiglia e un bel disco si o no? grazie anticipatamente.
Undercover
Sabato 9 Febbraio 2013, 17.49.55
7
Concordo in toto con il post di enry e non aggiungo altro.
Doomale
Sabato 9 Febbraio 2013, 14.44.48
6
..Il paradiso perduto procede nella sua operazione di SGREZZAMENTO nella'attesa del prossimo capolavoro Icon....Buon album davvero con brani come Mortals watch the day, As i Die e Pity the sadness afare la voce grossa...Una delle tappe molto importanti del gothic / doom primi anni 90. Voto 78 confermatissimo
enry
Sabato 9 Febbraio 2013, 12.21.54
5
Un disco un po' sottovalutato probabilmente perchè considerato di 'transizione', in realtà parliamo di un discone e per me vale qualcosa di più di 78. Senza polemica, ma trovo i voti ai dischi dei PL un po' sballati, 85 a In Requiem e 83 a Draconian Times è quantomeno bizzarro, anche se i recensori sono diversi. Poco male, tornando al disco posso dire che è uno dei miei preferiti dei PL, transizione o meno.
gianmarco
Sabato 9 Febbraio 2013, 11.52.44
4
a quando one second, host, believe in nothing , symbol of life ?
Sambalzalzal
Sabato 9 Febbraio 2013, 11.45.39
3
Quando si parla di Paradise Lost non credo personalmente si possa parlare di cali di livello qualitativo o mancanza di originalità. Ricordo bene la prima volta che ascoltai questo album e rimasi letteralmente folgorato ed ancora mi vengono i brividi quando ascolto As I Die. Giustamente come ben nota Gianluca@ la produzione potrebbe portare qualche nuovo orecchio cresciuto a pane e Nightwish a chiudersi ma secondo me proprio in quella produzione così ruvida e "cantinesca" risiede uno dei motivi che hanno portato questo album ad essere quello che è. Un capolavoro!
Greatest_Tiz
Sabato 9 Febbraio 2013, 11.27.55
2
Una delle tre perle di questo gruppo! (anche quattro per me considerando Lost Paradise..)
Sorath
Sabato 9 Febbraio 2013, 11.05.45
1
Disco sensazionale.
INFORMAZIONI
1992
Music For Nations
Gothic / Doom
Tracklist
1. Mortals Watch the Day
2. Crying for Eternity
3. Embraced
4. Daylight Torn
5. Pity the Sadness
6. No Forgiveness
7. Your Hand in Mine
8. The Word Made Flesh
9. As I Die
Line Up
Nick Holmes (Voce)
Gregor Mackintosh (Chitarra Solista)
Aaron Aedy (Chitarra Ritmica)
Stephen Edmondson (Basso)
Matthew Archer (Batteria)
 
RECENSIONI
74
90
88
80
85
60
78
78
77
82
83
81
78
79
80
ARTICOLI
06/11/2017
Intervista
PARADISE LOST
47 anni all'anagrafe, 13 sul palco
01/11/2017
Live Report
PARADISE LOST + PALLBEARER + SINISTRO
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 28/10/2017
07/11/2015
Live Report
PARADISE LOST + LUCIFER
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 02/11/2015
13/01/2010
Live Report
PARADISE LOST + SAMAEL
Paradisi perduti, occasioni sprecate
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]