Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Expurgate - Dementia Tremens
( 1635 letture )
Abbiate pietà, ridateci i Suffocation!

Questi quattro ragazzi si definiscono "the only slamming brutal band in Denver" e, dopo aver ascoltato tutto il loro album, verrebbe da dire: purtroppo. Se lì ci fossero stati altri gruppi di questo tipo magari avrebbero spiegato ai nostri spurgatori che essere gli unici in una cittadina non significa in automatico che quanto si produca abbia il crisma dell’originalità. Infatti così non è.

Gli Expurgate, un moniker per cui sto tuttora ridendo, suonano brutal death metal infarcito di stoppate qui e lì ed in realtà lo fanno discretamente dal punto di vista meramente esecutivo. Godono pure di una produzione soddisfacente, anche se quanto fuoriesce dalle casse non fa gridare al miracolo, ma mostra tutt’al più dei suoni analoghi -per non dire uguali- a tante altre realtà provenienti in gran parte dagli Stati Uniti e dalle più svariate regioni asiatiche.

Tutti i membri degli Expurgate formalmente non mostrano particolari difetti e riportano fedelmente quanto già fatto in precedenza da tanti, forse troppi altri gruppi. Nella sostanza però Dementia Tremens ha un percorso troppo facilmente interpretabile, nel senso che dopo un paio di tracce iniziali, pur senza essere devoti a Nostradamus, si predice automaticamente il seguito e ciò è tutt’altro che positivo per chi propone la propria indole creativa al giudizio pubblico.

Nello scorrere delle canzoni si assiste ad un rimescolarsi continuo dei medesimi tratti, i quali grossomodo seguono costantemente tale ordine: partenza sparata, stoppata, ripartenza. Amen.
Sempre la stessa formula, in maniera quasi impertinente, al punto che a metà strada comincia a palesarsi la strana sensazione di ascoltare più volte un’unica canzone. La voce, poi, è sì consona al brutal, ma non mostra quasi mai quei picchi che caratterizzano i migliori singer in circolazione, proseguendo invece con quella litania monocorde che non contribuisce alla varietà d’insieme. Tutte queste caratteristiche, malgrado i limiti sovraesposti, avrebbero potuto comunque suggellare un prodotto discreto, se non fosse che non siamo più agli inizi del 2000 e perfino il brutal più marcio ha fatto passi in avanti.

Come si è potuto evincere fin qui, il giudizio su Dementia Tremens non può essere positivo, perché non basta seguire una formuletta abbondantemente usurata per riuscire ad emergere in un marasma di migliaia di band fotocopia. Così come non è sufficiente mettere assieme un mucchio di frasi da obitorio per riprodurre quanto fatto da band del calibro di Devourment, Brodequin e Internal Bleeding (giusto per citarne alcune).

Che altro aggiungere? Se vi piace alla follia il brutal, date una possibilità anche agli Expurgate. Magari non diventeranno i vostri nuovi idoli, ma comunque potrebbero allargare la vostra personale collezione di amenità soniche. Al massimo rischierete di addormentarvi come è capitato al sottoscritto, ma pare che il sonno non produca particolari danni, quindi state sereni.
Se poi questo peculiare stile non vi è mai aggradato, lasciate perdere anche Dementia Tremens. Non ve ne pentirete.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
65 su 1 voti [ VOTA]
brainfucker
Martedì 12 Febbraio 2013, 21.54.43
5
occhio che il chitarrista è fuckin' eh!!sicuramente è fuckin anche la loro musica
LAMBRUSCORE
Martedì 12 Febbraio 2013, 18.26.23
4
"produzione" con una zeta....(che somaro...)
LAMBRUSCORE
Martedì 12 Febbraio 2013, 18.24.50
3
Per me invece sono ascoltabili, uguali a centinaia di altri gruppi, ma validi, per chi ama il brutal, produzzione ottima poi.
Sambalzalzal
Martedì 12 Febbraio 2013, 18.13.56
2
Ahahahahahahahahah, magari questi ed il classico bicchierino d'olio extra vergine di ricino! Io ho ascoltato qualcosa su youtube dopo aver letto anche altre brutte recensioni e, si, che dire, fanno veramente cagare. te li consiglio come purga!
LAMBRUSCORE
Martedì 12 Febbraio 2013, 17.58.50
1
Ne avrei bisogno io di purga....visto che non cago da ormai 2 giorni...ma sono davvero così scarsi? Li sentirò e non si sa mai che mi aiutino in quella cosa là.....
INFORMAZIONI
2013
Comatose Music
Brutal
Tracklist
1. 86
2. Viscera Insuffulation
3. Fermented Concubine Ingurgitation
4. Redemption Through Seppuku
5. Methamphetamine Induced Surrogacy Malformation
6. 40oz. Facefuck
7. Repugnant Torso Defilement
8. Viscous Human Putrilage
9. Disgorging Vomitous Anomalies
Line Up
Jaymes Grundmann (Voce)
Fuckin' Ian (Chitarra)
Devin Tauber (Basso)
Chris Van Cleave (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]