Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tremonti
A Dying Machine
Demo

Sault
Seeds of Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/06/18
DEMETRA SINE DIE
Post Glacial Rebound

29/06/18
BRUCE DICKINSON
Scream for me Sarajevo

29/06/18
EVERSIN
Armageddon Genesi

29/06/18
BARROS
More Humanity Please...

29/06/18
MUTILATE
Tormentium

29/06/18
TREVOR AND THE WOLVES
We Are Masnada

29/06/18
THRONEUM
The Tight Deathrope Act Over Rubicon

06/07/18
KISSIN DYNAMITE
Ecstasy

06/07/18
RUNESPELL
Order of Vengeance

06/07/18
WE ARE SENTINELS
We Are Sentinels

CONCERTI

24/06/18
PEARL JAM
STADIO EUGANEO - PADOVA

24/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

24/06/18
RHAPSODY OF FIRE + TRICK OR TREAT + TEMPERANCE + FROZEN CROWN
DRUSO - RANICA (BG)

24/06/18
FIRST BLOOD + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

24/06/18
LIGHT NO MORE SHINES FEST
PARCO ALDO MORO - AGRATE BRIANZA (MB)

24/06/18
STORMO + NORTHWOODS + GUESTS
CIRCOLO ACSI SUPERNOVA - TUORO SUL TRASIMENO (PG)

25/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

26/06/18
PARKWAY DRIVE + THY ART IS MURDER + EMMURE
IPPODROMO CAPANNELLE - ROMA

26/06/18
PEARL JAM
STADIO OLIMPICO - ROMA

26/06/18
SHINEDOWN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Mortillery - Origin Of Extinction
( 1823 letture )
I Mortillery provengono da Edmonton in Canada e con il recente Origin Of Extinction sono già giunti al secondo album dopo il discreto Murder Death Kill dell’anno scorso (in realtà si tratta di una ristampa curata dall’attuale casa discografica Napalm Records essendo stato già pubblicato nel 2011 dall’etichetta Horror Pain Gore Death Productions). I due lavori hanno in comune delle cover a dir poco orrende, ma presentano musicalmente parlando delle differenze sostanziali. Se infatti Murder Death Kill era intriso di un devastante sound di matrice thrash che rievocava il periodo ottantiano in cui il genere fu portato in auge da combo quali Anthrax, Overkill, Exodus, Sepultura oltre a naturalmente la sacra triade Metallica, Megadeth e Slayer, quest’ultimo full lenght è decisamente più ragionato, meno istintivo con una maggiore cura nella struttura delle varie canzoni. Questo non significa che ciò costituisca necessariamente un miglioramento perché se da un lato Origin Of Extinction può definirsi un lavoro artisticamente più maturo manca, di fatto, di quel lato istintivo, quasi primitivo che contraddistingueva in positivo Murder Death Kill. Oltre a ciò non posso non rilevare che alcune tracce sono dei meri riempitivi tra le quali le troppo scolastiche Creatrure Possessor, Seen In Death, Feed The Fire, Maniac e direi che anche la conclusiva Sunday Morning Slasher convince poco. Le cose migliori che ho riscontrato sono l’opener strumentale Battle March in cui spicca sia il lavoro della sezione ritmica che quello dei due chitarristi Alex Scott e Alex Gutierrez, la diversificata No Way Out con una prima accattivante parte melodica che si scatena poi in una ritmica sostenuta, la convincente Cease To Exist munita di pregevoli parti alla sei corde sia in sede di riff che di assolo, e le decisamente furiose The Hunter’s Lair -piacevole il refrain- e F.O.A.D..
I Mortillery hanno tra le loro file ben due rappresentanti del gentil sesso, la bassista Miranda Gladeau e la cantante Cara McCutchen che, vi assicuro, rappresenta uno dei punti di forza di questo combo grazie al suo vocalism graffiante ed adeguatamente incisivo (ennesimo esempio di singer donne che come nel caso di Angela Gossow e Sabina Classen nel metal ci sanno davvero fare).

Alla fin fine Origin Of Extinction, del quale mi preme sottolineare l’ottima qualità della registrazione, è un prodotto convenzionale comune a tanti altri sfornati da gruppi che tentano di riportare in auge il tanto amato thrash e lo fanno con la dovuta energia, senza alcuna pretesa di innovazione e nel complesso, come nel caso in esame con una buona tecnica.
Vi basta? Se pensate di si date pure un ascolto a questo platter, altrimenti lasciate perdere e continuate a godervi i capolavori del passato.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
61.5 su 4 voti [ VOTA]
Mitra65
Giovedì 7 Marzo 2013, 11.11.57
2
Niente di che tra un po' non se lo ricorderà nessuno
Mitra65
Giovedì 7 Marzo 2013, 11.11.56
1
Niente di che tra un po' non se lo ricorderà nessuno
INFORMAZIONI
2013
Napalm Records
Thrash
Tracklist
1. Battle March
2. No Way Out
3. Cease To Exist
4. Creatrure Possessor
5. Seen In Death
6. Feed The Fire
7. The Hunter’s Lair
8. F.O.A.D.
9. Maniac
10. Sunday Morning Slasher
Line Up
Cara McCutchen (Voce)
Alex Scott (Chitarra)
Alex Gutierrez (Chitarra)
Miranda Gladeau (Basso)
Kevin Gaudet (Batteria)
 
RECENSIONI
65
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]