Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
CELESTIAL SEASON
The Secret Teachings

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
SEVENDUST
Blood & Stone

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Maudlin - A Sign of Time
( 1687 letture )
E’ dal 2004 che i belgi Maudlin non danno cenno di voler arrestare il loro iter di ricerca avanguardistica e di multi espessione nell’ambito dello psychedelic rock e dello sludge: il nuovo, atteso lavoro, A Sign of Time, sembra confermare questa impressione, a partire dal significato intrinseco al titolo scelto per il loro secondo album. I Maudlin si pongono, a livello di sonorità, in un limbo capace di racchiudere tutte le principali fonti d’ispirazione del sestetto: Kyuss, Neurosis; Acid Bath, High on Fire, ma anche Kylesa, Mastodon, Red Fang. L’approccio a questa matassa ispirativa è sempre stato portato avanti dalla band in maniera personale, intelligente e decisamente orientata verso un complicato ma efficace incastro tra riff violenti e melodia, tra mid tempo e arpeggi trasognati. Questo approccio deriva certamente dalla loro prima prova, ovvero Ionesco, targato 2008 e interamente basato sulla storia di un caso di lobotomia avvenuto nel 1940; sullo stesso tema principale si pone anche A Sign of Time, all’interno del quale il paziente di Ionesco, ormai prossimo alla morte, ripercorre tutta la sua vita attraverso i ricordi dei luoghi in cui ha vissuto e delle persone che ha conosciuto.

Un lungo e intenso viaggio che la band riesce a interpretare musicalmente in maniera molto forte e nel contempo delicata, seguendo la lezione di Ligeti: le sonorità devono necessariamente andare di pari passo con la potenza espressiva delle immagini e del contenuto della storia che si intende spiegare. Nei nove brani che compongono A Sign of Time non è quindi difficile rintracciare atmosfere allucinate, certamente vicine ai primi lavori dei Pink Floyd dell’era Syd Barrett, verso i quali i Maudlin nutrono rispetto e profonda ammirazione. A conferma di questo abbiamo la opening track, la struggente Hours, che ci conduce attraverso melodie tenui, supportate da un cantato sussurrato, in una dimensione altra, dove, tuttavia, la seconda traccia (She Whispers Treason) irrompe con una scarica di mid tempo claustofobici e violenti, tipici del genere doom, dando bella mostra dell’esperienza e della capacità dei chitarristi Jasper Bullynck e Kris Vannecke e dell’ottimo bassista Yannick Dumarey, che apre in maniera solenne il pezzo. A farsi varco tra melodie e parti furiose c’è l’estroversa voce di Davy De Schrooder, in grado di arricchire i brani senza sembrare mai eccessiva o ridondante: pezzi come Lilith o A Perfect Sky of Black mostrano senza dubbio una certa, innegabile vicinanza ai Type O’ Negative, ma il suono della band dimostra di sapersi liberare dalle catene dei maestri per correre incontro alla psichedelia più genuina (Goddess of the Flame e Chasing Shades ne sono un confortante esempio). A mio avviso, l’unico brano debole risulta essere Turn to Seconds, a tratti troppo macchinoso.

In conclusione, un album come A Sign of Time riesce non solo ad emozionare, ma anche a fornire continua ispirazione.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Svart
Sabato 4 Ottobre 2014, 22.25.51
1
Ma come fa a essere "a tratti troppo macchinoso" un pezzo che dura 35 second?
INFORMAZIONI
2013
Consouling Sound
Sludge
Tracklist
1. Hours
2. She Whispers Treason
3. Lilith
4. A Perfect Sky of Black
5. Become Minutes
6. Ride the Second Wave
7. Goddess of the Flame
8. Chasing Shades
9. Turn to Seconds
Line Up
Jasper Bullynck (chitarra e voce)
Kris Vannecke (chitarra e voce)
Yannick Dumarey (basso)
Davy Vandenbroecke (batteria)
Davy De Schrooder (voce e samples)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]