Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Helmet - Meantime
( 5912 letture )
Nel 1992 gli statunitensi Helmet pubblicarono con la medesima formazione e per l’etichetta discografica Interscope il successore del promettente debut album Strap It On di due anni prima. Quel disco può essere considerato a tutti gli effetti anticipatorio di un certo tipo di sound portato successivamente in auge da altri gruppi americani quali ad esempio Korn, Deftones, Rage Against The Machine in quanto conteneva embrionalmente, nel suo pur conclamato minimalismo, alcune idee che furono poi mirabilmente sviluppate. Il genere dei newyorkesi Helmet può essere incluso nell’ambito dell’alternative metal anche se in effetti forse la terminologia più esatta sarebbe noise rock (il look dei componenti del gruppo, peraltro, non è propriamente appartenente al mondo metallaro -jeans, scarpe da tennis, t-shirt bianche, capelli corti) e si contraddistingue in canzoni di non eccessiva durata nelle quali a dominare sono i celeberrimi riff stoppati di chitarra, accompagnati dal rugoso basso di Henry Bogdan, dal drumming incalzante e preciso di John Stanier e dall’ugola abrasiva del leader Page Hamilton. Ad analizzare bene Hamilton e compagni non hanno fatto altro che utilizzare dell’hardcore/punk in una versione meno irruenta, ma certamente più potente. Il salto di qualità rispetto al pur ottimo Strap It On è netto perché Meantime, nonostante ci sia ancora qualche sordo che continua assurdamente a denigrarlo, rappresenta di fatto uno dei più bei platter realizzati negli ultimi vent’anni, nonché vera e propria pietra miliare nella storia della musica moderna.

Il proporsi in modo a dir poco essenziale, primitivo, pressoché scevro di melodia, con derivazioni alla sei corde addirittura jazzistiche ha contribuito a fare uscire facilmente la band dal mare magnum dell’underground; con Meantime, disco d’oro negli U.S.A., gli Helmet raggiungeranno l’apice della loro carriera artistica grazie ad un mirabile equilibrio, senza però riuscire a compiere il definitivo salto di qualità per assurgere al pari di altri combi nell’Olimpo del rock. Un songwriting possente, ostico, di grande impatto, senza soverchie concessioni ha, di fatto, impedito agli Helmet una definitiva affermazione relegandoli, a mio parere fortunatamente, a ruolo di band di nicchia. Tuttavia il tempo è un gran signore e se Meantime continua a fare proseliti sia nell’ambiente hardcore/punk che in quello metal (il groove della chitarra richiama alla mente quello dei Pantera) e la sua musica continua ad essere ascoltata anche dalla nuova generazione (Unsung nel 2004 è stata inclusa nella tracklist dell’ultrafamoso videogioco Grand Theft Auto: San Andreas e nel 2006 in Guitar Hero, entrambi per Playstation 2), qualcosa vorrà pur dire. Il full length non ha cali di tensione e si mantiene monolitico per tutta la sua breve durata (poco più di 36 minuti) nei quali si riscontra la vena compositiva al massimo fulgore di Page Hamilton nell’ambito di song ormai passate alla storia quali l’arcinota opener In the Meantime con un vocalism incredibilmente cattivo, Ironhead dominata da un riff strozzato da sballo totale, la già menzionata Unsung, le micidiali conclusive FBLA II, ossessione allo stato puro, e la graffiante Role Model munita di un giro di basso tanto semplice quanto efficace. Alcuni momenti sono da autentico delirio come l’acido assolo di chitarra che chiude He Feels Bad, che avrò gustato un milione di volte!

Peccato che già il successivo platter Betty viri su sperimentalismi che non ho mai del tutto gradito, ma questa è un’altra storia. C'è da aggiungere altro? Chi conosce Meantime sa di cosa parlo, chi ha la sventura di essersi perso questo capolavoro corra immediatamente ai ripari!



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
78.97 su 41 voti [ VOTA]
Demanufattura
Venerdì 20 Ottobre 2017, 2.20.11
22
Disco fantastico. 100/100
VomitSelf
Sabato 23 Aprile 2016, 23.39.48
21
100 è pure poco! Disco che ho consumato. Un uno-due micidiale, assieme al precedente, devastante debut "Strap It On".
Nu Metal Head
Domenica 24 Gennaio 2016, 16.24.57
20
visto che mi trovo correggo il mio post n. 5... questo è 99 secco... 10 canzoni, nessun filler, e tanta tanta violenza per tutti i quasi 37 minuti di durata... loro sono i veri precursori del nu metal.
Rob Fleming
Domenica 24 Gennaio 2016, 16.06.04
19
Mazzata
tpr
Venerdì 18 Settembre 2015, 22.32.04
18
apocalittico 100
J1897
Sabato 23 Maggio 2015, 21.39.42
17
Il primo riff di Chapter Four degli A7X sembra copiato da Turned Out!!!
duncan burke
Sabato 27 Dicembre 2014, 13.37.19
16
In ogni caso questo è alternative metal coi cazzi e controcazzi, altro che three days grace o breaking benjamin
duncan burke
Sabato 27 Dicembre 2014, 13.32.59
15
Se questo album non avesse influenzato così tanto il nu metal, secondo me sarebbe stato più apprezzato dai metallari "tradizionali"
Nu Metal Head
Sabato 27 Aprile 2013, 20.13.37
14
da quando avete pubblicato la recensione non ascolto altro... scommetto che se più album nu metal fossero somigliati a questo capolavoro sarebbe stato un genere meno odiato... qua c'è tutto: potenza, irruenza, voce abrasiva, voce melodica (più un armonia vocale che non un canto vero e proprio...) e gli assoli tanto e troppo spesso sacrificati nel nu metal appena citato... ma poi è per come è strutturato l'album la vera pacchia, un continuo alternarsi tra canzoni con la voce abrasiva e canzoni con la voce melodica, come se fosse stato composto da 2 cantanti diversi... a parte forse la sola unsung, che è la più orecchiabile (ma non per questo meno dura, anzi...), questo per me è un album anti-commerciale in senso assoluto (anche per il discorso che facevo prima, e cioè che anche quando "canta" le atmosfere sono tutt'altro che commerciali...), che raggiunge il massimo del marcio in canzoni come turned out e better, senza dimenticare l'incredibile ironhead e la deragliante title-track... solo tanta fisicità e possanza messa al servizio dell'ignaro ascoltatore... una mazzata.
Arrraya
Sabato 27 Aprile 2013, 13.52.20
13
Grande album, all'epoca era freschissimo e lo è tutt'ora. Da rispolverare.
Nu Metal Head
Venerdì 29 Marzo 2013, 15.38.44
12
il vero sballo di quest'album è "ironhead"... come dice enry, meccanica, ossessiva, ipnotica... e con una voce marcia e isterica a condire il tutto... il riffing poi è qualcosa di mai sentito... DEVASTANTE (come tutto l'album).
enry
Giovedì 21 Marzo 2013, 18.33.24
11
Meccanico, ossessivo, ipnotico...un gran disco che nel suo genere ha fatto scuola. Devo però dire che alla fine me ne piacciono tanto solo due, questo e Betty. Il voto, molto alto, considerata anche l'importanza storica ci può stare (soggettivamente direi 85 o giù di lì).
Andy '71
Giovedì 21 Marzo 2013, 9.46.50
10
Si si Betty,lapsus eheheheh!
freedom
Lunedì 18 Marzo 2013, 19.16.38
9
Belly? Betty!
Andy '71
Lunedì 18 Marzo 2013, 17.28.39
8
Io all'epoca lo chiamavo razor metal,per i riffs chirurgici del mito Page,un disco pazzesco, asettico ,chirurgico,violento!e dal vivo....DEVASTO!Voto 95!Anche Belly mi piaque molto!
Nu Metal Head
Lunedì 18 Marzo 2013, 17.11.29
7
peccato per i soliti CIALTRONI che appena leggono "alternative metal" o "nu metal" abbassano il voto... ignorano che questo è davvero un album seminale...
Hellion
Lunedì 18 Marzo 2013, 16.43.58
6
L'opener è da devasto puro!
Nu Metal Head
Sabato 16 Marzo 2013, 18.00.58
5
album sottovalutato di un gruppo sottovalutato... forse la ragione è proprio quella spiegata ad inizio recensione, e cioè che la band ha puntato zero sull'immagine concentrandosi esclusivamente sulla musica, e che musica ragazzi... le urla lancinanti della titletrack rimbombano ancora oggi dopo 20 anni nelle orecchie di chi non vuol sentire... confermo il 92.
Masterburner
Sabato 16 Marzo 2013, 16.54.25
4
Grande álbum! ricordate l'inizio del video di in the meantime con il bimbo che spingeva un camion giocattolo che sembrava distruggere tutto ? era un'epoca che stava cambiando la musica
Gyroscope
Sabato 16 Marzo 2013, 14.37.33
3
da meantime in poi cambia la storia di tutto quello che verrà chiamato "alternative"
freedom
Sabato 16 Marzo 2013, 12.15.26
2
Grandi Helmet, una di quelle band importantissime ma sottovalutate. Personalmente amo tutti i loro dischi, Betty poi lo trovo fantastico. Voto giusto e bella rece.
Undercover
Sabato 16 Marzo 2013, 12.11.28
1
Disco epocale... peccato che dopo "Aftertaste" non siano più riusciti a ripetersi creando album mediocri.
INFORMAZIONI
1992
Interscope Records
Alternative Metal
Tracklist
1. In the Meantime
2. Ironhead
3. Give It
4. Unsung
5. Turned Out
6. He Feels Bad
7. Better
8. You Borrowed
9. FBLA II
10. Role Model
Line Up
Page Hamilton (Voce, Chitarra)
Peter Mengede (Chitarra)
Henry Bogdan (Basso)
John Stanier (Batteria)
 
RECENSIONI
74
84
87
92
82
ARTICOLI
24/10/2014
Live Report
HELMET
Rock 'N' Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 18/10/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]