Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
YES
The Royal Affair Tour - Live From Las Vegas

30/10/20
NOTHING
The Great Dismal

30/10/20
ARKHERON THODOL
Rituals of the Sovereign Heart

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
EVILDEAD
United $tate$ of Anarchy

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
DAME SILU DE MORDOMOIRE
A World of Shadows

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Falkenbach - …Magni Blandinn Ok Megintiri…
( 2925 letture )
Sebbene venga solitamente ricordato come uno dei nomi più importanti del viking metal, sarebbe veramente riduttivo limitarsi a questa definizione per descrivere un progetto come Falkenbach. Oltre all’unione viking/folk con il black metal, il progetto è responsabile di aver dato un tono ben distinto a quello stile atmosferico ed ipnotico del black metal che fa un grande uso di influenze ambient; lo stesso stile che è stato reso famoso dal progetto norvegese Burzum. Ma se la one man band di Varg Vikernes utilizza l’ambient e il folk nordico come elemento ipnotico inserito in un contesto grezzo e tagliente, il progetto Falkenbach è noto per la stessa formula portata in vita attraverso un suono più epico ed elegante, ottenendo un risultato abbastanza diverso dalla band norvegese citata prima.

Vratyas Vakyas fonda il progetto nel 1989 in Islanda: da sempre mostra uno stile evocativo ed atmosferico, che si rivela davvero singolare nonostante la produzione più sporca dei primi demo. Si sposta poi a Dusseldorf in Germania e dopo il promo album chiamato …En Their Medh Riki Fara… il progetto Falkenbach dà alle stampe nel 1998 questo full-lenght, che è probabilmente il migliore della sua discografia, nonché uno dei più importanti di quel periodo.
L’atmosfera nordica si nota da subito, le primissime note di When Gjallarhorn Will Sound fanno immergere subito l’ascoltatore nello scenario freddo delle antiche terre del nord e lo farà restare lì per tutta l’intera durata del disco che si articola senza un solo momento di cedimento. Tutti e sei i lunghi brani presentano una struttura fortemente lineare, dettata da una batteria dinamica e dai riff di chitarra particolarmente trascinanti. Le vere protagoniste sono però le tastiere che durante lo scorrere del disco svolgono il ruolo di elemento evocativo per eccellenza, si passa da strumenti folk come flauti ed arpe fino a tappeti sinfonici di grande impatto. Anche le parti vocali rappresentano uno dei punti fondamentali dell’album e dello stile generale del marchio Falkenbach. Si passa da cori epici in stile viking indubbiamente debitori ai Bathory di Quorthon (basta ascoltare l’inizio di Towards the Hall of Brozen Shields per sentire gli echi della band svedese) sino agli screams graffianti tipici del black metal anni ’90, che si perdono a meraviglia in questo contesto così ipnotico e trascendentale.
Ad accompagnare la musica Vratyas Vakyas aggiunge anche dei suoni naturali come pioggia o onde nel mare, che rendono ancora più reale l’atmosfera gelida che questo disco vuole trasmettere e da questo punto di vista è d’obbligo menzionare anche lo splendido layout disegnato dal musicista stesso, assolutamente ideale e perfetto per una musica come quella di …Magni Blandinn Ok Megintiri….

L’influenza di questo disco su tutto il viking, il folk e l’ambient black metal è stata determinante, probabilmente è la band ispirata ai Bathory che è riuscita meglio a dar vita ad un suono originale e singolare e che in qualche modo è arrivata a diventare un punto di riferimento quasi quanto i maestri, e contando l’irraggiungibile status di divinità che giustamente il progetto di Quorthon detiene, direi che non è affatto poco!
La storia del metal passa indubbiamente anche tra le note di questo album!



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
92.75 su 16 voti [ VOTA]
LUCIO 77
Mercoledì 23 Settembre 2020, 21.03.45
12
Unico Album che possiedo... Mi è piaciuto un casino! Copertina inclusa...
Djkelino
Venerdì 26 Luglio 2013, 13.53.48
11
Dei primi tre è quello che mi piace di meno. Comunque un capolavoro imprescindibile.
Villmann
Lunedì 8 Aprile 2013, 20.46.55
10
uno dei dischi che mi ha portato ad amare il metal ancora più del dovuto. davvero evocativo, atmosferico, ti suggestiona in un modo incredibile. mi sento a mio agio ad ogni ascolto
TheRamones-Fan
Venerdì 22 Marzo 2013, 18.09.17
9
Dimenticavo: voto 85 perché il primo album è superiore a questo (secondo me, ovvio).
TheRamones-Fan
Venerdì 22 Marzo 2013, 18.08.04
8
Quanto è bella "Walhall"!!! Album spettacolare!
Luca
Martedì 19 Marzo 2013, 15.57.12
7
Ottimo disco, anche se secondo un mio personale parere le chitarre risultano poco potenti...
vanadis
Sabato 16 Marzo 2013, 17.13.42
6
uno dei più bei dischi di questo immenso artista, che precisando, non è islandese ma tedesco (ha solo vissuto in islanda un periodo da ragazzino)
Ubik
Sabato 16 Marzo 2013, 14.25.21
5
Bellissimo, sotto En Their... ma comunque stupendo.
Arvssynd
Sabato 16 Marzo 2013, 14.05.27
4
Un discone enorme
Undercover
Sabato 16 Marzo 2013, 12.08.01
3
Non si commenta, si ama.
enry
Sabato 16 Marzo 2013, 12.03.42
2
Bellissimo, per me giusto un pelo sotto al clamoroso debut ma son dettagli...Voto giusto.
Sua Eccellenza il Vichingo
Sabato 16 Marzo 2013, 11.30.15
1
Custodisco con estrema gelosia una copia di questo CAPOLAVORO del Viking. 100/100 ed ammirazione.
INFORMAZIONI
1998
Napalm Records
Viking
Tracklist
1. …When Gjallarhorn Will Sound
2. …Where Blood Will Soon Be Shed
3. Towards the Hall of Brozen Shields
4. The Heathenism Foray
5. Walhall
6. Baldurs Tod
Line Up
Vratyas Vakyas (Voce, tutti gli strumenti)
 
RECENSIONI
65
85
90
88
95
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]