Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Hammered - The Beginning
( 2407 letture )
Nonostante un’immagine abbastanza giovane e giovanilistica, gli Hammered hanno ormai circa dodici anni di attività alle spalle, trascorsi, come quasi sempre avviene, inseguendo una line-up stabile (tanto che ulteriori cambi si sono registrati anche dopo l’incisione del lavoro in esame), registrando durante il loro percorso due demo, fino a giungere adesso all’incisione del primo disco ufficiale.
Anche se all’ascolto mostra alcune influenze thrash, The Beginning è un album da assegnare sostanzialmente al settore heavy, essendo basato su armonizzazioni di chitarra di matrice N.W.O.B.H.M., su una certa ricerca della melodia -pur tra molti passaggi più decisi- e su un cantato pulito che si rivela essere autentica croce e delizia del disco. Entrando nello specifico, va sottolineato che i limiti di questa realizzazione sono piuttosto evidenti. Innanzitutto, si riscontra un deficit dal punto di vista del songwriting, che, pur non sconfinando quasi mai nello scadente vero e proprio, si mantiene costantemente su un livello appena al di sopra della linea di galleggiamento e, a volerla dire tutta, prende anche qualche evidente “bevuta”. In particolare, si può citare a titolo di esempio Money, banale sia musicalmente che dal punto di vista delle liriche. Qualche pezzo relativamente indovinato c’è e mi riferisco in particolare a Space Invaders e The Five Hunters, ma a questo punto subentrano i due limiti veramente importanti di The Beginning: la produzione e le parti vocali.

Dal punto di vista produttivo, infatti, ci troviamo davanti ad una realizzazione 80’s oriented piuttosto piatta e non in grado di esaltare quanto di buono fatto sotto il piano strumentale dagli Hammered. Tuttavia, non andiamo oltre la semplice segnalazione di questo dato di fatto, in quanto non è detto che la colpa sia da ascrivere direttamente al gruppo, visto che spesso e volentieri non è solo la perizia in sede di registrazione (conta anche quella, beninteso) a determinare il risultato finale, ma anche il budget a disposizione, che può o non può consentire di affidarsi a professionisti in grado di tirare fuori il meglio dal sound di una band. La nota più dolente, però, riguarda la voce di Andrea Csàszàr, dotato di un timbro molto pulito, quasi fanciullesco, ma poco adatto ad attaccare pezzi che avrebbero invece bisogno di essere “caricati” da una prova vocale decisa. Il singer in questione pecca evidentemente di personalità, risultando assolutamente poco credibile nelle parti più aggressive (la maggioranza), mentre viene maggiormente fuori in quelle più cantilenate. Non a caso le sue prove migliori si riscontrano in Master of Your Nightmares, il cui ritornello sembra una filastrocca, e nella conclusiva cover di Wait for Sleep dei Dream Theater. L’impressione finale su di lui è quella di un cantante che avrebbe delle potenzialità (non necessariamente nel settore heavy), ma che difetta assolutamente di capacità interpretativa.

Gli Hammered sono un gruppo palesemente acerbo e bisognoso di trovare una dimensione compositiva più propria, cercando quindi di segnalarsi in un ambito in cui si registra un’inflazione di proposte di qualità mediamente superiore. Inoltre, è necessario lavorare sulle parti cantate, in modo da conferire nerbo a canzoni che a causa di un difetto di coinvolgimento emotivo, perdono molto del loro potenziale, qualunque esso sia. Band da risentire più in là, per ora The Beginning non raggiunge la sufficienza.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
72.5 su 2 voti [ VOTA]
tino84
Domenica 31 Marzo 2013, 16.57.12
1
essendo della mia città, li ho visti dal vivo pochi anni fa con un' altra formazione, space invaders e no time for us rendevano bene. certo, quando li ho visti credo fosse nel 2008-2009, i difetti che descrivi erano già riscontrabili. poi so che il progetto era entrato in stasi per via di varie defezioni ed impegni, spero riescano a migliorarsi in futuro, e a trovare una formazione stabile
INFORMAZIONI
2013
Punishment 18 Records
Heavy
Tracklist
1. No Time for Us
2. Space Invaders
3. See You in Hell
4. Master of Your Nightmares
5. Money
6. Bloody Fields
7. From Paradise to Hell
8. The Five Hunters
9. Never Dies
10. Wait for Sleep (Dream Theater cover)
Line Up
Andrea Csàszàr (Voce)
Adriano Crasnich (Chitarra)
Andrea Grasso (Chitarra)
Piero Macuz (Basso)
Alfredo Macuz (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]